BANNER-ALTO2
A+ A A-

Ci risiamo amici, sempre la solito storia e sempre alla vigilia del Santo Natale.

Il presepe si deve o non si deve fare nelle scuole, nelle chiese, nelle case, nelle piazze?

E come dovrebbe essere il presepe quest’anno?

 

 

E il Bambinello dovrà nascere in una grotta, in una stalla, su un gommone, su una zattera in mezzo al mare, nel deserto tra fili spinati?

Se fosse ancora vivo il Serafico San Francesco d’Assisi che ideò il pri

mo presepe della storia chissà cosa direbbe, lui che aveva immaginato la natività in una grotta. Per l’allestimento del primo presepe Lui diede precise indicazioni:- Una grotta dove farai costruire una mangiatoia ed ivi condurrai un bove e un asino, e cercherai di riprodurre, per quanto è possibile la grotta di Betlemme-.

E cosi c’è scritto nel Vangelo di Luca:- Maria diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia-.

Ora, invece, il Bambinello lo fanno nascere dappertutto, in mezzo al mare, nel deserto, sui barconi, al confine con fili spinati, su un grande gommone e dalle onde del mare in burrasca spuntano le mani nere dei migranti che affondano nel mare perché respinti e perché non c’è posto per loro nelle case, negli alberghi della nostra Italia, come non c’era posto due mila anni fa per Maria e Giuseppe. Ma Maria e Giuseppe non erano profughi.

Si trovarono in quel posto perché c’era il censimento e Giuseppe della famiglia di Davide doveva essere censito nel suo paese di nascita.

Non c’era posto negli alberghi perché erano tutti occupati.

Non furono allontanati perché migranti.

Ma per i politically correct Maria e Giuseppe erano migranti e per questo furono cacciati dagli alberghi e dovettero rifugiarsi in una grotta, come del resto fanno ora i migranti provenienti dall’Africa che fatti sgomberare dai centri di accoglienza sono costretti a dormire sotto i ponti, nelle baracche, nelle fabbriche abbandonate e fatiscenti, in luoghi di fortuna al freddo e al gelo come il Bambinello.

Ecco perché qualcuno quest’anno per celebrare il Natale ha voluto costruire un presepe galleggiante realizzato su una zattera.

Su una zattera e non sulla terra ferma come simbolo della precarietà della vita non solo dei migranti. Il guaio è che anche quest’anno la costruzione del presepe viene usata per le battaglie politiche.

Danno sfogo alla loro immaginazione per violare e desacralizzare il simbolo più semplice della Natività di Gesù che è il presepe.

Ma per noi che abbiamo sempre costruito il presepe nelle nostre case dovrebbe essere come ai vecchi tempi:

Una capanna con Giuseppe, Maria, il bue e l’asinello e il Bambinello adagiato nella mangiatoia e gli zampognari che suonano la ninna a Gesù Bambino.

E poi le montagne coperte di neve fatta con la farina bianca, i tre Re Magi, i pastorelli che portano i doni al Bambinello che per arrivare alla grotta sono costretti a percorrere impervi sentieri, gli artigiani che rappresentano tutte le professioni e poi lui, il più simpatico dei pastorelli che collocato su una collinetta dorme tranquillo con la testa poggiata su una pietra e sogna attorniato dalle sue pecorelle: è Benino che nel mio paese chiamiamo “ ‘U ncantatu de stille”.

Guai a svegliarlo. Ora ognuno fa ciò che vuole e noi rispettiamo le idee degli altri, per carità. Ma il presepe che noi amiamo e che da sempre abbiamo costruito è quello che aveva immaginato San Francesco d’Assisi.

Può avere delle varianti regionali, per lo più per i diversi materiali utilizzati, come il sughero, la carta, il cartone, i tronchi d’albero, e per l’ambientazione urbana o di campagna, spesso ispirata al paesaggio locale.

Nessun barcone, nessuna zattera, nessun filo spinato, nessun migrante. Perché trasformandolo troppo si rischia di delegittimarlo a tal punto che ben presto perderà ogni senso di sacro.

E così uccidiamo la tradizione e il presepe verrebbe usato per le battaglie politiche.

E’ di ieri la notizia che in un presepe di Napoli a San Gregorio Armeno è spuntato un pastorello con le sembianze di Adolfo Hitler. Subito è stato fatto scomparire.

Leggi tutto... 0

 Saltano i nervi nel processo Calabria Verde, l’ente in house della Regione Calabria che si occupa di forestazione e difesa del suolo.

Tra gli accusati a vario titolo di abuso d’ufficio appaiono il governatore della Regione Calabria Mario Oliverio, Paolo Furgiuele e Franca Arlia ex manager ed ex dirigente Calabria Verde, l’ex assessore della giunta regionale di centrodestra Michele Trematerra e il presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci (ex capo struttura).

Secondo le accuse mosse dal pm Alessandro Prontera avrebbero nominato a capo del distretto territoriale di Serra San Bruno Giuseppe Barilaro sindaco di Acquaro solo per ottenere un ritorno elettorale in quel circondario.

Ad infuocare gli animi l’esternazione di soddisfazione per la scelta del gup di scegliere un giorno prima delle festività espressa dal presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci.

Quest’ultimo è stato ieri invitato ad allontanarsi dal Tribunale di Catanzaro dal sostituto procuratore Alessandro Prontera dopo un battibecco avuto con un avvocato che ha scaturito una raffica di urla ed insulti prima in aula e poi nei corridoi.

L’udienza preliminare davanti al gup Ciriaco avrebbe dovuto sancire l’inizio di uno stralcio del processo in cui si ipotizza che Calabria Verde sia stata usata dagli imputati per barattare voti in cambio di posti di lavoro.

Il processo è stato rinviato al prossimo 20 dicembre dal gup di Catanzaro Paola Ciriaco dopo un’accesa discussione con gli avvocati difensori che lamentavano di non poter partecipare alle udienze a causa di impegni già calendarizzati.

Se l’udienza si terrà Iacucci intende essere ascoltato per chiarire la propria posizione, ma non è da escludere che l”astensionismo’ dei legali o altri cavilli possano far saltare nuovamente l’avvio del procedimento contro lo stipendificio di Calabria Verde.

Leggi tutto... 0

E’ un Giuseppe Ruperto felice quello che ci telefona stasera nella sua qualità di Presidente per la ricostruzione del ponte sul Savuto per informarci della notizia appena avuta a Enzo Bruno, già presidente della provincia di Catanzaro, e relativa all’appalto dei lavori di costruzione del Ponte su Savuto.

 

 

Ecco quanto gli ha scritto Enzo bruno:

Con grande soddisfazione comunico che sono stati appaltati i lavori per la ricostruzione del ponte sul fiume Savuto a Nocera Terinese.

Il ponte e’ stato spazzato via dalla furia del fiume durante un alluvione nel 2006 e ci sono voluti 12 anni per avere la certezza del finanziamento.

Lo stanziamento iniziale di cinque milioni di euro, la regione ( Giunta Scopelliti)lo ha dimezzato a tre milioni, compresi cinquecento mila euro stanziati dalla protezione civile, somme non sufficienti per la ricostruzione dell’infrastruttura.

La Provincia di Catanzaro guidata dal sottoscritto pur nelle difficolta’ economiche causate dalle legge 56, ha coofinanziato l’opera con una somma pari a quattrocentocinquantamila euro.

Il 29 novembre 2018 la commissione di gara presieduta dall’architetto Pantaleone Narciso ha aggiudicato l’opera all’impresa “Valori” con un ribasso del 15%.

Voglio ringraziare il Presidente Oliverio, la Giunta regionale, tutti i miei collaboratori , i consiglieri provinciali che mi hanno affiancato, la Coldiretti i Sindaci che mi sono stati vicini in questa vicenda.”

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy