BANNER-ALTO2
A+ A A-

Lettera aperta a Minnacchio Tacchio.

Vota questo articolo
(4 Voti)

Esiste un popolo di “eroi” che si nascondono dietro uno pseudonimo e commentano gli articoli sul web con interventi che mostrano la acredine con la quale vivono la loro esistenza.

 

Gente che ha paura di esporsi, gente pavida, senza coraggio.

E’ il tuo caso Minnacchio.

Il problema è che talvolta la penna ti scivola ed esprime tutta la tua rabbia, contro tutti e tutto.

Una rabbia che è figlia della arroganza di giudizi che sono figli della tua pochezza culturale e di animo.

La fregatura è che poi qualcuno si arrabbia e sporge querela.

Una querela che muove un procedimento tecnico amministrativo per noi fastidioso .

Sai bene a cosa ci riferiamo.

I tuoi commenti colpiscono molti, noi compresi, verso i quali hai usato parole ingiustificate che noi abbiamo letto soltanto quando ci è stato segnalato un tuo commento al nostro articolo “Giuseppe Sabatino e Francesca Menichino in tribunale”.

Dal tuo commento è derivato il procedimento penale 876/16 aperto presso la Procura della repubblica di Paola.

 

Gli altri tuoi commenti( sul nostro e su altri siti web) non li abbiamo nemmeno letti.

Qualcuno lo abbiano trovato solo adesso per inviarlo alla Polizia Postale nella speranza che riesca a sapere chi tu sia.

Sapessi quanto gradiremmo sapere chi sei per dirtene altre quattro quando ti incontreremo, magari davanti ad una tazza di caffè che inconsapevolmente avremmo potuto offrirti supponendoti una persona moralmente per bene.

Ma tu sai che non è così. Tu non sei una persona per bene, tu sei un ipocrita, un falso, come è quella persona che volontariamente pretende di possedere virtù, ideali, sentimenti, emozioni che in pratica non possiede.

Una persona ( non suoni offesa per le vere persone) che non avendo il coraggio di dire a se stessa tutte le proprie deficienze le ascrive ad altri.

Sai che carabinieri e Polizia Postale ti stanno inseguendo e noi speriamo ti raggiungano e ti fermino, tanto che ormai non ti fai più sentire con i tuoi beceri commenti su tutti e tutto.

Così vorremmo suggerirti di valutare la opportunità di chiedere scusa a tutte le persone che hai offese, nella speranza che rimettano le querele.

Valuta con attenzione il nostro suggerimento.

Forse è l’unico modo per evitare di essere portato nella sala udienze del tribunale di Paola, dove arriveresti con gli occhi bassi, magari sostenendo che si è trattato di uno scherzo politico e goliardico, di un equivoco.

Sai ai pavidi come te basta poco per perdere la faccia!

Ed una volta che sarai stato scoperto ognuno potrà capire la tua matrice “fascista” ( senza offesa per i fasci stima tu intendi, vero?) e l’uso reiterato del temine “sodale” di cui abusi ogni volta che scrivi.

Ti ricordi?

  1. “C’è la garanzia di zio………sodale occulto di ar- “
  2. “Grande……….., pochi gliene hai dato a questi sodali,( che) sono soldatini di….)
  3. “..non sono state riportate all’attenzione dei giudici rimarcando una sorta di complicità sodalica……”

Permettici di omettere i nomi perché forse non hanno avuto il piacere di leggere i tuoi insulti, ma stai certo che se sarai scoperto ci pregeremo di avvertirli.

Certo che la tua malattia è grave se passi dalla affermazione “Stupenda”, apposta il 2014-06-01 20:57 su Webiamo al titolo “ La lista Mazzei nel rispetto dello sloganelettorale hanno riaperto la mitica cantina...così possono fare.......na mbrishcula, na quarta e na gazzosa, luppini, pinozzi..
a quella di cui al punto 1)

minnacchio tacchio 2014-06-01 20:57 stupenda..

Perchè ce l’hai, a turno, con tutti i politici? Se forse un politico mancato?

 

Giuseppe Marchese

Ultima modifica il Venerdì, 27 Maggio 2016 13:35

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy