BANNER-ALTO2
A+ A A-

La foto è emblematica della situazione dei rifiuti di Lamezia terme.

Una vera e propria emergenza.

Tutti ad attaccare la Multiservizi l’unica azienda sopravvissuta tra quelle nate dalla esperienza amara del Commissario per la emergenza ambientale in Calabria, solo perchè pubblica!

Ed ecco cosa risponde in una nota l’amministratore unico della Lamezia Multiservizi, Eliseo Bevivino: “Non è colpa nostra”

“La Lamezia Multiservizi effettua per il Comune di Lamezia e per altri comuni soci il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani conferendoli agli impianti di trattamento e smaltimento regionali secondo disposizioni che le vengono impartite riguardanti le quantità e la località degli impianti.

I disservizi che si stanno verificando (cumuli di rifiuti e irregolarità nella raccolta) non sono pertanto imputabili alla Multiservizi che in queste situazioni affronta maggiori costi di trasporto e problemi organizzativi nel ripristinare situazioni di normalità nonché anche se impropriamente una perdita di immagine”.

In sostanza la società spera che “vengano risolti velocemente da chi di competenza i problemi riguardanti la disponibilità degli impianti di smaltimento e che possa cessare il grave disagio subito dai cittadini e dalla società stessa”.

Chi sarà mai questo “ chi di competenza?”

Forse il comune o la regione?

E’ però evidente a chiunque perfino agli scemi, che se non si sa dove buttare i rifiuti è difficile sapere dove poi conferirli.

Pochi infatti sanno che tutte le discariche calabresi sono in mano ai privati, che la quasi totalità è ormai esaurita e che la regione Calabria “esporta” centinaia di tonnellate di rifiuti con gravi costi che si riverberano sugli utenti.

Grazie allora alla nostra regione!

Leggi tutto... 0

Riceviamo e pubblichiamo:

"Una città che doveva diventare “la California” della Calabria. Che fosse un sogno o un inganno di chi ha progettato l’unione degli ex tre Comuni che hanno formato Lamezia Terme c’erano pochi dubbi. Ma ormai la realtà ha superato anche le più scettiche previsioni.

Tra i tanti problemi presenti vogliamo soffermarci su alcuni che rendono invivibile la città per i nostri figli, ormai sempre più desiderosi di abbandonarla.

La chiusura di tutte le strutture sportive, che oltre a penalizzare i giovani impedisce di vivere anche a chi ha fatto dello sport la propria professione, fa male soprattutto perché dopo 50 anni di tolleranza dei più efferati abusivismi edilizi ed urbanistici ora vede il Comune impuntarsi su cavilli burocratici che dovrebbero portare alla chiusura di quasi tutte le strutture pubbliche di Lamezia Terme, scuole comprese. Invece l’unica scuola chiusa è la sede lametina del Conservatorio di Nocera Terinese al quale si è negato il rinnovo della sede, costringendo tanti giovani a recarsi a Nocera Terinese o a Catanzaro per frequentare le lezioni. Il servizio pubblico degli autobus ha ormai raggiunto il fondo, con corse che spesso saltano, orari non rispettati, autobus di mattina stracolmi di studenti, pochissime persone che pagano il biglietto. Parchi pubblici poco sicuri o impraticabili a causa della scarsa manutenzione ed infine cumuli di spazzatura in vari punti della città che la rendono poco appetibile per chi dovesse decidere se rimanere o scappare in altri luoghi per vivere una vita più civile.

Ma la colpa è solo dei Commissari, dei Dirigenti comunali e dei politici lametini? Forse è vero il motto che ognuno ha quello che si merita, considerate le varie discariche abusive, le buste di spazzatura disseminate nel territorio, la continua violazione delle più banali regole della convivenza civile, l’elezione puntuale in Consiglio Comunale di esponenti della malavita locale. E allora cosa chiedere a quei giovani che decidono di andare via da questo schifo, di turarsi il naso o di cercare una speranza di vita migliore? Ognuno si dia una risposta, i Commissari burocrati, i dirigenti e gli impiegati comunali, i politici ignavi, i tanti filosofi imperversanti sui media e sui social, gli elettori dei mafiosi, ed i cittadini, primi e veri artefici di tanto diffuso malessere nonché primi a lamentarsi e ad osannare il fantoccio di turno. E nessuno si lamenti per l’immobilismo dei lametini: moltissimi sono contenti così.

MERIDIONALISTI DEMOCRATICI

SEZIONE “FEDERICO II”

Leggi tutto... 0

Locandina-Convegno-70x100Il centro è stato riconosciuto e accreditato dalla equipe del professor Giacomo Stella e unificato alla rete SOS Dislessia.

La prima città in Calabria  accreditata da SOS DISLESSIA sarà quella di Lamezia Terme con l’associazione professionale AttivaMente, società di servizio per la diagnosi clinica specialistica e l’intervento riabilitativo nel campo dei disturbi del linguaggio, disturbi  specifici di apprendimento  e disturbi cognitivi. Deborah Epifania, logopedista, in qualità di Presidente dell’Associazione professionale AttivaMente e responsabile del Servizio Clinico, ha comunicato che il centro è stato riconosciuto e accreditato dalla equipe del professor Giacomo Stella e unificato alla rete SOS Dislessia.

Nuovo centro per nuove possibilità. “Il Centro AttivaMente – è stato dichiarato – in una nota effettua diagnosi specialistiche e interventi riabilitativi e terapeutici nel campo dei Disturbi del linguaggio, Disturbi Specifici di Apprendimento (dislessia, disortografia, disgrazia e discalculia) e Disturbi Cognitivi”. L’equipe multidisciplinare composta da Deborah Epifania, logopedista e responsabile del servizio SOS, da  Giuseppina Ida’  neuropsicomotricista, dall’esperta Paola Gentile psicomotricista, da Maria Rosaria Furgiuele, psicologa e psicoterapeuta, dall’esperta musicoterapista  Alessandra Turano che è formata e specializzata in Disturbi Specifici di Apprendimento e patologie del Neurosviluppo, in costante aggiornamento e sotto la supervisione scientifica di Giacomo Stella, esperto di fama nazionale e internazionale. L’inaugurazione della sede darà luogo anche ad un seminario gratuito che si terrà ad opera di Giacomo Stella nell’istituto L. Einaudi alle ore 15,30 del 22 ottobre.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy