BANNER-ALTO2
A+ A A-

Benedetto Giro d’Italia se porta maggiore pulizia del territorio e la riscoperta della nostra storia, dei nostri monumenti , delle nostre bellezze, e l’orgoglio di mostrarli

Stamattina presto è stato installato il secondo striscione, quello che parla di Temesa.

 

 

La Temesa omerica, la Temesa romana, quella che viene fuori in tante parti del nostro territorio, ma che deve ancora essere scoperta e posta in evidenza

Un valore che è impossibile nascondere e che è stupido nascondere.

Anzi un valore tutto da scoprire.

Ed è certamente questo il senso dello striscione che sarà visto dalle televisioni , da tutti i ciclisti e da tutta la carovana del Giro d’Italia .( l’assessore Veltri ieri ha telefonato a chi può segnalare gli striscioni perchè abbiano visibilità!)

Uno striscione , anche questo, fortemente voluto dall’assessore al turismo ed all’archeologia Concetta Veltri che ha portato avanti questa bella idea.

Anzi stamattina presto ad aiutarla ( vedi foto) anche il Vicesindaco Andrea Ianni Palarchio che sicuramente ora lavorerà per trovare il micro finanziamento per acquisire al patrimonio comunale i terreni sotto i quali giace la Temesa romana.

Una condizione per portare alla luce la nostra storia.

E forse anche i terreni sotto i quali giace il resto della Temesa omerica.

La prova di quanto dico è nel fatto che stamattina il primo a telefonarci è stato il “papà putativo” della Temesa romana , il vice sindaco emerito Michele Vadacchino.

Non sappiamo quanto lui abbia insistito su Concetta Veltri, che non è un caso ha voluto ed avuto anche l’archeologia che fu inventata” da Vadacchino”, o se la giovane assessora autonomamente ha inteso con questa bella iniziativa porre in luce anche la storia omerica del nostro territorio.

Un assessore sui generis che non ha voluto postata nemmeno una sua foto, che sarebbe stata ben meritata.

Ora che intorno a lei ed al suo primo compagno di questa avventura –ci riferiamo ad Andrea Ianni Palarchio- si pongano quanti altri amano i nostri valori, il nostro territorio, il nostro sviluppo.

Bene. La strada è quella giusta.

Pubblicato in Campora San Giovanni

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato dell’amministrazione comunale che chiarisce come non ci sia bisogno di tempi biblici e di come non esista nessun ostacolo burocratico per il campetto di tennis di Colongi.

“In relazione alle preoccupazioni - manifestate nei giorni scorsi sulla stampa e sui siti web locali - relative a ipotizzati “tempi biblici e ostacoli burocratici per l’ampliamento del campo da tennis comunale sito in località Colongi” il sindaco f.f. Michele Vadacchino precisa quanto segue:

L’amministrazione comunale è al fianco delle associazioni sportive e del tempo libero per il raggiungimento di obiettivi comuni, quali l’aggregazione dei giovani e la diffusione dell’attività sportiva nel più generale processo educativo. E’ in questo contesto che si inserisce l’affidamento in concessione al circolo Tennis “Antonio Monaco” (lo scorso mese di novembre) della gestione del campo da tennis comunale, e l’autorizzazione all’utilizzo di un’area comunale e del gabbiotto adiacenti l’impianto (per la realizzazione dei servizi igienici) deliberata ieri dalla giunta comunale. Quest’ultima richiesta era stata formulata a fine febbraio, e in poco più di un mese abbiamo soddisfatto l’esigenza del circolo tennistico che ringraziamo pubblicamente per l’impegno a rendere funzionante e perciò fruibile, una struttura da tempo inutilizzata e riqualificare l’area. Pur nelle note ristrettezze economiche, l’amministrazione comunale continuerà a supportare tali pregevoli iniziative che dimostrano lo straordinario protagonismo attivo del mondo dell’associazionismo cittadino e del volontariato “

NdR Non possiamo non notare la sincerità del sindaco Vadacchino quando dichiara che la struttura era da tempo inutilizzata e l’area da riqualificare e che essa funzionerà grazie allo straordinario protagonismo attivo del mondo dell’associazionismo cittadino e del volontariato. Mah!

Pubblicato in Primo Piano

È tempo di elezioni regionali. Ed allora ritornano i vecchi politici ed i vecchi progetti. La prova? Eccola.

A nord di Amantea c’è Paola che è collegata alla A3. A sud di Amantea c’è Falerna con la A3 che scende fin sulla costa.

Amantea baricentrica rispetto a Paola ed a Falerna ed unico centro di medie dimensioni potrebbe essere facilmente collegata con la A3, ed insieme con Cosenza ed i servizi Ospedalieri , la Sila, l’area di Rende-Montalto Uffugo e quella di Mendicino, con la strada che risale il fiume Catocastro , in parte esistente fino a Lago, e che passi, poi, sotto il Cocuzzo fino a Mendicino, oppure con la strada che risale il fiume Oliva , in parte esistente fino ad Aiello Calabro, e poi passando per il valico di Potame, entrare nella valle del fiume Busento, e così collegarsi in pochissimi minuti alla A3, a Cosenza e servendo sia Domanico che Carolei.

Peraltro, come ben noto, soprattutto all’ormai ex presidente della Provincia di Cosenza, la strada Amantea-Potame versa in condizioni critiche e tali da indurre la ricerca di una soluzione terza per evitare l’ isolamento di Amantea.

Invece si riscopre il vecchio tracciato del fiume Savuto.

Si tira fuori un progetto del 2002 mai attuato.

Artefice dell’incontro Leopoldo Chieffallo, sindaco del Comune di San Mango d'Aquino.

Sponsor il presidente della Provincia di Cosenza Mario Oliverio

Presenti i Sindaci di, Grimaldi, Malito e Altilia, per la provincia di Cosenza, e Nocera Terinese, San Mango d'Aquino, Motta Santa Lucia, Martirano Lombardo e Conflenti), per la provincia di Catanzaro.

Meno male che non c’erano Falerna e Gizzeria.

Incomprensibile la presenza dei sindaci di Amantea, Aiello Calabro, Serra d'Aiello, Cleto i cui interessi viaggiano in direzione diversa.

Peraltro, si tratta di un progetto di massima al cui capezzale è stato chiamato l'Ing. Battista Jacino dirigente dell’Anas in pensione.

Sul sito della provincia si trova una nota nella quale si legge che sono intervenuti i sindaci di Nocera Terinese, Conflenti, Amantea e Cleto, ribadendo l'urgenza dell'opera.

Spiace dover notare che il sindaco di Amantea ha dimenticato gli interessi della città.

Prendiamo atto invece che ha scelto il Savuto invece dell’Oliva e del Catocastro.Ne prendiamo atto.

Non sorprende, invece, la parte della nota nella quale si legge :” Oliverio, inoltre, ha evidenziato che lo svincolo di San Mango D'Aquino deve essere completato in direzione del collegamento con la SS 18 e la viabilità del Tirreno Cosentino e che la Valle del Savuto nella quale insistono comuni come Amantea, Cleto, Aiello e Serra D'Aiello e sulla sponda sinistra Nocera, Martirano ecc, può essere servita, da investimento finanziario sostenibile, con una infrastruttura che già in parte è realizzata e che consentirà non solo di rompere l'isolamento di numerose comunità ma anche un collegamento con la costa, rappresentando perciò una via di fuga per eventuali momenti critici causati da possibili interruzioni autostradali”

Attestare che Amantea e a dx del Savuto è come dire che Cosenza è a nord di Tripoli.

Non ci piace la soluzione. Non ci piace affatto!non è quella che interessa la città! Ma nessuno ne sa niente e nessuno ne parla. Dove è finita la politica( posto che ci sia stata, mai)?

Calabria Maran 8 Years ago
La Calabria è invasa dai nostri rifiuti ed urge trovare le soluzioni

Sei d'accordo che la soluzione è incrementare la raccolta differenziata porta a porta eliminando i cassonetti nella città?


63

Voti

Voto
Si

Maran - 8 Years ago

25

Voti

Voto
No

Maran - 8 Years ago

1 Voti rimanenti

jVoteSystem developed and designed by www.joomess.de.

 

Riceviamo e pubblichiamo la nota inviataci dal sindaco Vadacchino in merito alla vicenda dei rifiuti 

“La città da oltre due settimane è coperta da cumuli incredibili di spazzatura, ma la Regione continua a rimanere sorda ai nostri appelli disperati.

Quella di stamattina è la terza segnalazione che nel giro di dieci giorni inoltriamo all’Assessore Regionale all’Ambiente e ai Prefetti di Cosenza e Catanzaro, ma senza ricevere alcuna risposta.

Anzi una risposta, seppur indiretta, l’abbiamo ricevuta dal Dipartimento Politiche dell’Ambiente che inspiegabilmente ci esclude dall’elenco dei comuni autorizzati a conferire nei giorni 25 e 26 presso l’impianto di Lamezia.

E ciò avviene senza tener conto del fatto che il nostro Comune ne ha diritto in quanto, relativamente ai servizi tecnologici (acqua potabile pozzi di Nocera Terinese, consorzio bonifica tirreno catanzarese - Lamezia Terme, depurazione Nocera Terinese, spazzatura) era aggregato all’ex ATO 2 di Catanzaro; per la raccolta dei rifiuti solidi urbani, infatti, è socio della Società Lamezia Multiservizi - con sede a Lamezia Terme e di cui fanno parte altri diciannove comuni - e la stessa è abilitata ad oggi allo sversamento presso la società Daneco di San Pietro Lametino.

Nonostante si stia attuando il sistema “porta a porta”, con fondi propri, per il 40% del territorio comunale, la situazione resta molto grave e al limite del collasso e le vie cittadine risultano occupate da circa 400 tonnellate di rifiuti. (Nella foto i rifiuti lungo la SS18)

E questo avviene a ridosso del noto Carnevale “Città di Amantea” (dal 02 al 9marzo) che registra almeno 50 mila presenze annue anche da fuori regione. Chiediamo perciò l’immediata inclusione del nostro Comune tra quelli che da domani potranno conferire presso l’impianto di Lamezia Terme.

Se ciò non dovesse avvenire saremo costretti a porre in essere misure anche drastiche (chiusura delle scuole, degli uffici, ecc) a tutela del diritto alla salute dei cittadini.

Non si esclude, inoltre, l’eventualità che i cittadini possano ricorrere a forme di protesta eclatanti”.

 

Una sola domanda: a chi altri se non ai Pianopolesi possiamo mandare i nostri rifiuti?

 

Pubblicato in Cronaca

Stasera nella sala conferenze dell’Hotel Mediterraneo è andato in scena il PISL, cioè il progetto integrato di sviluppo locale, uno strumento di cui si è fatto un gran parlare( finora soltanto) fin da quando il 17 agosto 2011 con un comunicato della giunta regionale si annunciava l’arrivo di 400 milioni di euro e Scopelliti e Mancini esprimevano la propria soddisfazione ripartendo la ingente disponibilità tra le varie province calabresi (alla provincia di Cosenza 144 milioni di Euro, a quella di Catanzaro 63 milioni , per quella di Reggio Calabria 96 milioni , per quella di Crotone 41 milioni e per quella di Vibo Valentia 47 milioni).

I progetti dovevano essere presentati al Dipartimento Regionale per la Programmazione Nazionale e Comunitaria entro il 12 dicembre 2011.

Sono passati più di due anni ( troppi) per la valutazione e la determinazione delle somme assegnabili.

E stasera la presentazione pubblica.

Ecco chi c’era.

Al tavolo della presidenza, Antonio Chiappetta, Sante Mazzei, Michele Vadacchino, Giacomino Mancini, e due tecnici della regione

Tra il pubblico, il sindaco di san Pietro in Amantea Gioacchino Lorelli , sindaco di Lago Vittorio Cupelli e l’assessore Giovanni Barone, il sindaco di San Lucido Roberto Pizzuti, il sindaco di Fiumefreddo Bruzio Vincenzo Aloisio, il sindaco di Aiello Calabro Franco Iacucci ed il vicesindaco Gaspare Perri, il vice sindaco del Comune di Belmonte Calabro Giuseppe Bruno.

Per l’amministrazione comunale di Amantea oltre al sindaco Vadacchino ed all’assessore Mazzei visti anche la presidente del consiglio Monica Sabatino, l’assessore Marcello Socievole, il consigliere Mario Pizzino , l’ex assessore Antonio Carratelli.

Nel pubblico anche candidabili al prossimo consiglio comunale, Tullio Lupi, Fabio Garritano, Franco Filice, Mario Bruni, Raffaele Romano, Pino Veltri , Vincenzo Lazzaroli, Gianluca Cannata Ottaviano di Puglia, Davide Viola ed Amedeo Muoio del Consiglio di Frazione di Campora San Giovanni.

Numerosi anche gli albergatori dei 5 paesi che costituiscono il Pisl “Antica Temesa”, (scelto sembra per non confonderlo con altre Temesa, magari più recenti se non moderne) cioè Amantea, Lago, Aiello Calabro, Serra di Aiello, Belmonte Calabro.

Numeroso anche il pubblico presente tra cui commercialisti e tecnici.

Pubblicato in Politica

Venerdì 21 febbraio 2014 ore 18

Sala convegni Mediterraneo Palace Hotel

Presentazione del PISL Antica Temesa

Interverranno

Michele Vadacchino sindaco del comune di Amantea e capofila del pisl

Sante Mazzei assessore ai lavori pubblici del comune di Amantea

Luigi Zinno dirigente del settore programmazione della regione Calabria

Giacomo Mancini assessore al bilancio ed alla programmazione nazionale e comunitaria della regione Calabria

Parteciperanno i sindaci dei comuni di Aiello Calabro, Serra di Aiello, Belmonte Calabro, Lago aderenti al Pisl

Pubblicato in Politica

Calabria Maran 8 Years ago
La Calabria è invasa dai nostri rifiuti ed urge trovare le soluzioni

Sei d'accordo che la soluzione è incrementare la raccolta differenziata porta a porta eliminando i cassonetti nella città?


63

Voti

Voto
Si

Maran - 8 Years ago

25

Voti

Voto
No

Maran - 8 Years ago

1 Voti rimanenti

jVoteSystem developed and designed by www.joomess.de.

Amantea è invasa dai rifiuti

Al sindaco il difficile( forse impossibile) compito di trovare una soluzione

Il pericolo:

  1. L’amministrazione nella presunzione che il problema dei rifiuti si sarebbe ( come sempre) risolto in pochi giorni fece emanare l’avviso di tenere i rifiuti a casa. Tante lo hanno fatto per diversi giorni, poi….
  2. I rifiuti hanno invaso la carreggiata con i rischio di essere calpestata dalla auto od anche di bloccare il traffico!
  3. Il percolato scende, la puzza sale.
  4. Il percolato finirà a mare( tutti lo sanno e nessuno fa finta di saperlo)
  5. Il rischio che gli imbecilli diano fuoco( speriamo di no!) è alto( le mamme dei cretini sono sempre incinte)
  6. La gente va a teatro ed ai convegni sperando che qualcuno risolva il problema

Insomma il sindaco Vadacchino è solo in questo compito arduo ed è circondato da forze ostili

Il comune non ha grandi cassoni per depositarvi i rifiuti. Ne se ne trovano visto che il problema è serio in tutta la Calabria( sono circa 30 mila le tonnellate in strada)

Amantea non ha nemmeno una isola ecologica attrezzata e sufficiente

Il porta a porta nel centro abitato non è cominciata

Belmonte Calabro ha scoperto che da altri comuni ( ?) vanno a sversare i rifiuti nei suoi cassonetti!

La Puglia non accetta i rifiuti calabresi

I sindaci del catanzarese non vogliono i rifiuti cosentini a Pianopoli .Abramo propone una protesta permanente dei sindaci e l'occupazione della discarica di Pianopoli per impedire che i mezzi delle altre province scarichino nell'impianto e dice «Solamente in questo modo il territorio faremo capire alla provincia di Cosenza cosa vuol dire avere i rifiuti per strada».

Amantea ed Aiello calabro non vogliono la discarica di Ciani.

Ci si avvia a momenti estremamente difficili ed a scelte difficili

L’assessore regionale all’ambiente Pugliano si preoccupa di revocare al comune di Amantea il finanziamento per il porta a porta ma sembra incapace di risolvere la gravissima situazione e propone la soluzione folle di trasferire i rifiuti via nave in olanda con evidente duplicazione delle tariffe già altissime

La minoranza politica amanteana continua ad essere coerente con la propria storica posizione.

Ne dà annuncio il sindaco ff Michele Vadacchino il quale partecipa, tramite l’ufficio stampa del comune , la adozione di due importantissime delibere di giunta , la n 1 e la n 2 del 7 gennaio 2014, con le quali si dà corso alla formazione dell’esercito dei vigili urbani di Amantea:

“Con le prime due delibere del nuovo anno l’amministrazione comunale affronta e trova soluzione alla questione degli agenti di Polizia Municipale.

Con la Delibera n. 1 del 7 gennaio 2014 la Giunta autorizza lo scorrimento della graduatoria del concorso (approvata con Determinazione n. 291 del 13/10/2013) e provvede all’assunzione a tempo indeterminato di tre agenti di Polizia Municipale (con contratto di lavoro per 18 ore settimanali).

Con la Delibera n. 2 del 7 Gennaio 2014 la Giunta ribadisce la volontà di portare a compimento le procedure di stabilizzazione previste nella Delibera n. 246 del 30 dicembre 2013 - che restano ancorate per la loro esecutività al parere favorevole della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica - e contestualmente autorizza la proroga dei contratti in scadenza al 31 dicembre 2013 a sette agenti di Polizia Municipale per altri sei mesi (fino al 30 giugno 2014).

Ed il sindaco Vadacchino esprime la sua soddisfazione dichiarando:

“Il rafforzamento in termini di dotazione organica e mezzi e la valorizzazione del Corpo di Polizia Municipale rappresentano una priorità dell’amministrazione comunale nella sua interezza. Le delibere adottate – spiega soddisfatto il sindaco Michele Vadacchino - vanno in questa direzione, intervenendo in un settore strategico e nevralgico della vita dell’ente.”

Ma non si limita ai Vigili il sindaco Vadacchino, anzi insiste dichiarando che

“In un momento di crisi generalizzata restiamo uno dei pochi comuni, in Calabria, che progetta e porta a compimento importanti opere pubbliche, che investe in cultura e nel sociale e che è capace soprattutto di creare nuove e stabili opportunità di lavoro”

Ndr.

Noi non comprendiamo come si possa essere soddisfatti ad avere un esercito di MEZZI e TERZI.

Già !

10 agenti lavorano a 18 ore settimanali invece di 36: praticamente è come se fossero solo 5 unità!

7 agenti, invece, lavorano a 12 ore settimanali su 36: praticamente è come se fossero 2,33 unità!

Insomma . Nominalmente se ne dichiarano 17 mentre in realtà sono solo sette ed un terzo.

Ci viene difficile cogliere la soddisfazione che si sarebbe avuta se si fossero fatte assunzioni quasi 30 assunzioni a 9 ore settimanali .

Roba da cambiare le statistiche italiane dei disoccupati!.

E per carità senza parlare ………

Pubblicato in Cronaca

Riceviamo e pubblichiamo

“AMANTEA. Venerdì 3 gennaio PEPPA MARRITA BAND al CAMPUS TEMESA

Penultimo appuntamento con gli eventi di scena al Campus “dalla fiera d’ottobre all’epifania”. Sara' la PEPPA MARRITA BAND, venerdì 3 gennaio, ad animare la serata (si comincia alle 18.30) con una ESIBIZIONE IN ACUSTICA che seguirà alla presentazione del libro “Rockarbëresh - Peppa Marriti Band tra arcaismo e modernità" scritto dal bassista del gruppo Demetrio Corino. La PEPPA MARRITI BAND nasce a Santa Sofia d’Epiro, paese di origine albanese in provincia di Cosenza, con l’obiettivo dichiarato di coniugare le radici del rock con la tradizione e la cultura “arbëresh”. Il fine è quello di tutelare, attraverso la musica, la lingua e la cultura delle minoranze italo-albanesi presenti nel sud della penisola da più di cinque secoli. Su una base musicale tipicamente rock, la produzione della band si apre a sonorità balcaniche (accentuate dall’uso del violino), con riferimento ai canti tradizionali (vjersh) e prosegue nel mondo della musica popolare e contemporanea. L’iniziativa rientra nel cartellone - allestito dall'amministrazione comunale insieme alle associazioni della città e del comprensorio - che ha animato la città con ventisette eventi tutti gratuiti dal 27 ottobre al 6 gennaio.

                                                                                                 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Politica

Scrive Carratelli:

Finalmente il Sindaco f.f. in data 23.12.2013 ha fornito le motivazioni ufficiali della revoca delle deleghe assessorili a me assegnate. Ciò accade ad un mese da una mia richiesta ufficiale, dopo che, neanche nel Consiglio Comunale del 21.11.2013, era stata fornita alcuna spiegazione pur essendo previsto nell'ordine del giorno.

Premesso che la nota del Sindaco è pubblica e chiunque può prenderne visione, constato che dietro la revoca non ci sono motivazioni sulla correttezza del mio operato di assessore bensì di non essere parte di una squadra compatta. Mi si dice "Una Giunta Comunale dovrebbe operare all'unanimità negli atti amministrativi e, nel caso non si trovi un punto d'incontro, si ha facoltà di astenersi dal votare un provvedimento nel pieno rispetto della maggioranza". Se cosi è, sono numerosi i deliberati di giunta che mi hanno visto non condividerli. Anche questi sono atti pubblici e chiunque può prenderne visione. Il mio impegno è stato sempre proteso a sostenere deliberazioni che andassero nell'interesse di tutta la collettività.

Mi si accusa: " La sua presa di posizione in merito alla deliberazione giuntale n.144 del 07.09.2013 sulla stampa e sui siti locali". Per intenderci si tratta della sosta veicolare su via Margherita durante l'isola pedonale.

Quante volte pubblici amministratori hanno esternato pubblicamente le loro posizioni? Tantissime. Ritengo invece che, visto i miei distinguo in Giunta, sia stata utilizzata la circostanza per eliminare una presenza scomoda. L'imbarazzo per la decisione assunta lo si deduce dal fatto che neanche in sede di Consiglio Comunale e solo dopo mesi, peraltro su mia reiterata richiesta, sia stata fornita la specifica motivazione.

La cosa che però più mi allarma, in un momento storico dove si chiede trasparenza al "palazzo", è quando mi si dice:" l'ho invitata a ristabilire un clima di collaborazione con una presa di posizione pubblica mai avvenuta". I miei distinguo sono stati su decisioni importati per il comune. Il clima di collaborazione non poteva e non può avvenire se non vengono rimosse le cause. O forse per clima di collaborazione si intende riposizionamenti in vista delle prossime elezioni ?.

Con coerenza ho dimostrato di non essere interessato a carica di assessore, nè a promesse di riposizionamenti futuri. Si assiste invece ad operazioni di spudorato potere con una ipotetica ricomposizione della lista Margherita che passa dal ritrovamento di pecorelle smarrite alla spartizione della preda.

Da cittadino sono preoccupato da chi ci amministra come l'assessore Suriano che nel dare le dimissioni in data 17.12.2013 le motiva: "dopo un'attenta valutazione e riflessione" ed ancora "tale decisione nasce dalla consapevolezza piena di aver constatato che non esistono più le condizioni politiche amministrative".

Lo stesso Suriano in data 20.12.2013 (dopo solo 3 giorni) ritira le dimissioni affermando "che quanto accaduto è stato solo frutto di un equivoco".

Il mio operato, pur con gli errori che fanno parte della vita di un uomo, è stato e sarà sempre improntato a trasparenza, correttezza e coerenza.

                                                                                                             Antonio Carratelli

                                                                                                          Consigliere Comunale

Pubblicato in Primo Piano
Pagina 1 di 2
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy