BANNER-ALTO2
A+ A A-

Nessuna connessione tra i due incendi, per amore del cielo, ma per un paesino di poche migliaia di abitanti due incendi a poca distanza di tempo lasciano sorpresi.

2 aziende, 2 incendi.

Ma questa volta è diverso.

Questa volta c’è di mezzo un morto.

La fabbrica è una fabbrica di calze andata completamente distrutta da un incendio divampato martedì notte nella cittadina del Tirreno cosentino.

Immediati gli interventi dei carabinieri.

Rapido l’intervento dei Vigili del Fuoco

Le indagini sono svolte dai Carabinieri di Paola e di Belmonte Calabro e sono coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica Maria Camodeca e dal procuratore capo Bruno Giordano
All’interno della fabbrica è stato trovato un cadavere completamente carbonizzato.

Si tratta di Francesco Cervino, 27enne, genero del titolare della fabbrica.

La Procura di Paola non esclude alcuna pista, nemmeno quella di un delitto.

Per questo gli inquirenti sono in attesa che i medici legali compiano l'autopsia sul cadavere.

In particolare i medici legali dovranno chiarire se il decesso del giovane sia precedente o meno al rogo che ha coinvolto la fabbrica.

I risultati dell'esame sono attesi anche per oggi.

Si parla di danni ammontanti a circa 500mila euro

Pubblicato in Belmonte Calabro

Gli investigatori intervenuti la notte scorsa in una delle villette poste sul lungomare di Belmonte Calabro sono sulle tracce dei ladri che sono entrati per rubare.

 

Si tratta di villette che in questo periodo non sono abitate e che quindi sono apparse un ghiotto boccone.

 

Nessuna notizia è trapelata su eventuali altre effrazioni nelle altre case della stessa zona.

L’unica notizia certa è che ad un certo punto è scattato l’allarme e che vigilanti e Forze dell’ordine sono intervenuti.

 

Ma i ladri erano già andati via.

 

Non si esclude che le telecamere della zona possano aver registrato qualcosa che possa condurre agli autori della effrazione.

Se la informazione dovesse risultare attendibile non si può essere escludere che se i ladri fossero della zona potrebbero anche essere riconosciuti con le conseguenze del caso.

 

Sembra, invece, certo che questa volta non possa trattarsi dei 4 extra comunitari che hanno imperversato anche nelle nostre zone fino a quando sono stati arrestati.

Restiamo in attesa di eventi, successivamente ai quali potremo avere anche maggiori informazioni sui proprietari della villa.

Pubblicato in Belmonte Calabro

In una data compresa tra il 15 aprile e il 15 giugno in 1.343 comuni saranno chiamati alle elezioni amministrative.

Dimentichiamo di precisare che si tratta di un elenco ancora provvisorio perché a questi si aggiungeranno altri eventuali comuni i cui consigli comunali saranno sciolti con DPR entro il 24 febbraio 2016.

Si tratta comunque del 16,8% di tutti i comuni , cioè di un comune su 6.

Tra tutti il comune di Belmonte Calabro dove si prefigurano almeno due liste.

In una di queste, sicuramente, l’attuale consigliere di minoranza Giancarlo Pellegrino che oggi scrive una lettera ai belmontesi.

 

Ecco il testo:

“Cari belmontesi, avevo promesso a me stesso di non scrivere più articoli sul nostro martoriato paese ma,fortemente sollecitato , lo faccio ben volentieri e con la convinzione che quanto scritto in cinque anni di opposizione era solo e pura sacrosanta verità. E scrivo direttamente a voi amici cittadini, anche perché scrivere al Sig.Sindaco è come se scrivessi al vento. In ben cinque anni non ho ricevuto la ben che minima risposta ai tanti problemi sollevati.  

 

SILENZIO ASSENSO?

Purtroppo il nostro primo cittadino è fortemente impegnato a studiare tante alchimie politiche –clientelari e, ad ogni circostanza ,ne estrae una dal suo cilindro magico. Conclusasi brillantemente la riedizione del volontariato-retribuito ,senza pubblicazione del bando pubblico con la data della relativa scadenza dei termini,ma con telefonate direttamente a casa,quasi ,anzi a giustificare una chiamata diretta con relativo favore elargito ,da Sindaco,consiglieri ed assessori, afflitti solo dalla paura di non essere rieletti, ora è impegnato a spendere all’incirca 10.000(diecimila) euro per l’acquisto di lampioni e materiale elettrico per il posizionamento di punti luce alle abitazioni di tanti amici che ne hanno fatto richiesta e per l’altruistico amore di soddisfare le loro sacrosante richieste. E se, per caso, gli stessi amici dovessero avere difficoltà al pagamento delle bollette in genere, (luce,gas, tasse varie) lui è pronto con soluzioni tampone che vanno verso la risoluzione dei problemi e delle esigenze del Cittadino –Elettore . In parole povere una politica vecchia e clientelare ormai in disuso ,basata solo sul principio del BISOGNO !

 

Do ut des.

Intanto Belmonte muore. Quanti rioni abbandonati al proprio destino!!!! Che tristezza. Vogliamo citarne qualcuno? Facciamolo. Via Vincenzo Padula alla Frazione Marina : la gente è fortemente avvilita e scoraggiata,la strada e piena di grossolane   buche che potrete notare nelle allegate foto, senza illuminazione , senza marciapiedi, in conclusione allo stato di degrado .Ma questi cittadini non pagano le tasse? E le vostre promesse di cinque anni fa che fine hanno fatto? Nel dimenticatoio!!! E tutto questo sperpero di denaro pubblico che con solerzia vi vede protagonisti giorno dopo giorno , a che serve? Che brutta storia ,questi anni di buio totale ,di Belmonte.Ma è la gente che fa la storia .A Voi Cittadini –Elettori spetta il supremo compito di decidere per il vostro-nostro futuro. Me lo auguro per noi ma soprattutto per i nostri figli.

Belmonte Cal . Li 13/02/2016                                          Dott. Giancarlo Pellegrino”

Pubblicato in Belmonte Calabro

Si è conclusa questa sera la 23esima edizione del Carnevale di Amantea, un’edizione ridotta, una mini edizione.

 

In estrema sintesi 2 carri, figli dello sforzo di due gruppi di giovani ragazzi che ci hanno provato.

I Bravi ragazzi con il carro Emoticons WhatsApp.

I Senza na lira con il carro Ralph Spaccatutto.

Due carri che, comunque, per i temi trattati, hanno fatto felici i bambini.

 

Tre invece le scuole di ballo:

La Dance Accademy di Lago.

La New Harmony Dance di Antonietta ed Olindo Munno.

La Società Sportiva Aurora di Dalila Aloe, Anna Marigliano, Rossana Ferro e Wanda Abate.

Non poche, anzi tante, forse tardive, le polemiche su un evento dal destino già scritto che si andava delineando man mano che le notizie si susseguivano nei mesi scorsi.

 

Un declino nato anche per il forfait dei gruppi storici di Belmonte Calabro, da sempre presenti al Carnevale Amantea ed vittoriosi numerose volte, ma che stavolta hanno preferito organizzare diversi pullman per partecipare al Carnevale di Putignano.

 

Per il forfait del gruppo di Longobardi, ideatore lo scorso anno di un valido carro allegorico (vincitore del premio TirrenoNews.it in base ai voti dei nostri lettori), che quest’anno ha preferito organizzare eventi nel proprio paese ed partecipare ad altre sfilate.

 

Ma anche la scomparsa dei carristi di Campora San Giovanni, anche se non si può parlare di scomparsa visto che sono stati in grado di realizzare delle bellissime opere di cartapesta distribuite su tutto il corso cittadino, così come documentato in questo articolo.

 

Da segnalare il silenzio assordante della stessa amministrazione di Amantea che non ha proferito parola (leggi comunicato) circa il serio ridimensionamento (leggi fallimento) di uno degli eventi cittadini, più sentiti e partecipati dell’intero hinterland amanteano.

 

Da segnalare, invece eventi carnevaleschi nei paesi limitrofi, da Belmonte a Longobardi passando a Fiumefreddo per Torremezzo, senza dimenticare Nocera terinese, concludendo infine al Carnevale della città di Paola, quest’anno attraversata  da ben 13  carri Allegorici.

(Il groufie Paolano a conclusione della manifestazione allegorica).

CarnevalePaola

 

Ad Amantea un ritorno all’antico. Via i carri ed i loro meravigliosi gruppi brilla il funerale.

FuneraleCarnevaleAmantea5

 

Un funerale non annunciato e dallo strano simbolismo, tanto più perché gli autori sono stati gli stessi dello splendido carro vincitore dello scorso anno e le cui maschere hanno fatto bella figura di se nel lontano carnevale di Belvedere Marittimo. Parliamo de Il paese dei Balocchi e de I Giovinotti.

FuneraleCarnevaleAmantea1

 

Un funerale in piena regola al quale ha partecipato anche il pubblico presente porgendo le condoglianze al gruppo e stringendo loro le mani.

FuneraleCarnevaleAmantea2

 

 

Ad Majora, ne abbiamo un disperato bisogno.

A domani.

 

GALLERIA FOTOGRAFICA - Carnevale di Amantea - Edizione 2016

(a fondo pagina il link alla galleria completa)

 

N.b. per vedere tutta la galleria foto clicca qui e collegati alla nostra pagina Facebook.

Pubblicato in Primo Piano

Giancarlo Pellegrino, capogruppo del gruppo consiliare belmontese “Uniti per cambiare”, scrive:

 

“Premetto che mi trovo pienamente d’accordo e disponibile a contribuire per lo sviluppo e l’incentivazione del nobile esercizio del VOLONTARIATO nel nostro paese .Ma una riflessione a VOCE ALTA ,è necessaria e doverosa.

Siamo alla vigilia di una campagna elettorale, a cui seguirà la chiamata alle urne dei belmontesi per eleggere chi dovrà guidare l’amministrazione per il prossimo quinquennio.

Agli occhi di chiunque , se non di tutti, discutere di volontariato,con conseguente chiamata nominativa , anche se di nomi inseriti in apposite graduatorie , con conseguente riconoscimento di gettoni di presenza o di quant’altro, e quindi camuffando la chiamata come donazione o privilegio individuale, presterebbe il fianco ad interpretazioni prezzolate , quasi a voler ricattare la libera volontà del cittadino , come espresso ricatto elettorale.

 

Mancano pochi ,anzi pochissimi, mesi alla tornata elettorale . Lasciamo che la nuova amministrazione ,anche la stessa se la volontà popolare lo vorrà, affronti con tranquillità questo problema.

La sottile linea che demarca il proprio dovere dal favoritismo e dal voto di scambio è molto labile.

Non credo che noi tutti ,qui presenti , vogliamo mostrare il fianco alle innumerevoli critiche per ipotetici ricatti o favoritismi a questo o quell’elettore. Perché in fondo di questo si tratta: io ti chiamo a prestare servizio di volontariato remunerato e tu magari mi “VOTI”, o no?

 

Fermo restando il mio ed il nostro impegno e disponibilità a consentite che il volontariato occupi il giusto ruolo e peso , progredendo e “SERVENDO” la nostra piccola comunità, comunico la mia indisponibilità acchè la commissione odierna , regolarmente convocata , continui la seduta e completi il suo lavoro.

Dopo la tornata elettorale, saremo pronti per ripartire con più slancio e con nuovi criteri .

La presente sarà inoltrata, per competenza a S.E. il Sig. Prefetto di Cosenza, Al Sig. Procuratore della Repubblica di Paola ed alle Forze dell’Ordine.

 

Belmonte Cal . Li 27/01/2016                                   Dott. Giancarlo Pellegrino

Pubblicato in Belmonte Calabro

Leggiamo che una dipendente del comune di Belmonte Calabro, la dottoressa Bruno Ida, con delibera di giunta n 90 del 28 dicembre 2015, è stata confermata in comando presso l’ufficio del giudice di pace di Paola.

 

Nella delibera si legge che il presidente del tribunale di Paola con nota n 1849 del 27.11.2015 ha chiesto di prorogare l’impiego della nominata presso l’ufficio del giudice di Paola.

E così la giunta di Belmonte Calabro ha prorogato il comando della sunnominata.

Si legge, poi, nella delibera che l’onere per la utilizzazione del personale in comando grava per intero sull’amministrazione utilizzatrice e nella fattispecie il ministero di giustizia

 

Non solo ma la delibera dispone che l’amministrazione di destinazione dovrà assumere formale atto di assunzione degli oneri economici dandone formale comunicazione al comune di Belmonte Calabro.

In sostanza l’immobile era di proprietà dello stato e quindi non costava nulla ai comuni

Il personale era in parte dipendente del ministero di Giustizia e quindi non costava nulla ai comuni Il personale a comando come la dottoressa Bruno grava sul ministero di Giustizia

 

Ma allora ai comuni (a tutti i comuni) sarebbe gravato solo l’onere della pulizia e di un po’ di energia elettrica?

E per questi oneri Amantea ha perso l’ultimo ufficio pubblico? Ci sembra inverosimile, per non dire di più!

Pubblicato in Cronaca

Il comune di Belmonte Calabro aveva bandito un concorso per esami interamente riservato alle categorie protette di cui all’art 1 della legge 12 marzo 1999 n 68 con iscrizione gli elenchi di cui al successivo articolo 8 per la copertura di un collaboratore part time( 18 ore settimanali) archivista protocollista.

La selezione era intesa senza possibilità di elevazione del numero di assunzioni a seguito di eventuali successive vacanze (art. 2 e 6 Reg. 0rd. Uff. e Serv).

 

Le prove di selezione consistevano in una prova scritta con test a risposta multipla nel numero di 20 (venti) vertenti sulle materie di cui alla due successive prove d'esame. Tempo massimo assentito: 25 minuti netti nel senso che il tempo comincia a decorrere dal momento in cui tutti i concorrenti hanno sul tavolo i o il foglio con i quiz.

 

Alla prima prova sarebbe seguita una prova a contenuto teorico/pratico sull'uso dei più comuni sistemi operativi necessari per svolgere la mansione

La selezione infine si sarebbe chiusa con un colloquio orale.

Con 4 o più errori: la prova scritta non si intende superata e il candidato non sarebbe stato ammesso alle prove successive.

Notevole è stata la partecipazione.

 

Stando alle informazioni avute purtroppo nessuno ha superato la prova scritta.

Pubblicato in Belmonte Calabro

Nella giornata di ieri 7 gennaio è stata presentata da parte della amministrazione comunale una denuncia contro ignoti per gli imbrattamenti di vernice rossa e le scritte apposte sui marmi del Monumento a Michele Bianchi nella giornata del 5 gennaio.

 

Si tratta di scritte contro il fascismo e contro il potere

Fa seguito la richiesta del dr Giancarlo Pellegrino del gruppo consiliare di minoranza Uniti per cambiare di convocazione di un Consiglio Comunale Straordinario Aperto

La nota è indirizzata al sindaco e per conocenza al Prefetto, al Comando Stazione CC ed al Comando VVUU. Questo il testo:

Il sottoscritto Dott. Giancarlo Pellegrino Consigliere Comunale di Minoranza del Comune di Belmonte Calabro pregresso che:

  • in data 05/01/2016 presso il Monumento Nazionale di Michele Bianchi, nel Comune di Belmonte Calabro, si sono verificati atti vandalici con scritte che deturpano il sacro luogo oltre a dimostrare inciviltà e poco rispetto del bene pubblico e del libero pensiero collettivo;
  • episodi similari   si sono già verificati negli anni passati   con       conseguente distruzione selvaggia dell’impianto di illuminazione       e della stabilità dello stesso mausoleo ;
  • la presenza di cancelli in ferro battuto,       utili alla messa in sicurezza dell’intera area del monumento, non sortiscono l’effetto sperato causa la negligenza nel chiuderli ,consentendo liberamente il traffico a mezzi privati, senza nessun controllo ;
  • l’intera area di pertinenza è       sprovvista di dispositivi di       videosorveglianza ;
  • la necessità e l’urgenza, considerato il delicato periodo in cui le nostre piccole comunità si dibattono       quotidianamente nel garantire       l’ordine pubblico locale, di una più attenta e scrupolosa vigilanza   dei luoghi di cui sopra;
  • la salvaguardia e la tutela del Monumento a Michele Bianchi       rappresenta per tutti noi belmontesi,   il primo fondamentale obiettivo   di       recupero ,rispetto e mantenimento   del patrimonio storico -ambientale - turistico ;

 

tanto premesso , chiedo alla S.V.I. di convocare, urgentemente, un Consiglio Comunale Aperto per discutere ed intraprendere utili iniziative atte a salvaguardare quanto esposto in premessa, nel supremo interesse dell’intera comunità amministrata, fortemente colpita ed arrabbiata per simili atti incresciosi , incivili , ingiustificabili e deprecabili.

Nel mentre resto in attesa di una pronta ed immediata risposta alla presente,porgo distinti saluti.

Pubblicato in Belmonte Calabro

Per quest’ anno, ovvia mente. Ed ecco il docu mento inviato dal dr Gian carlo Pelle grino del G.C. “Uniti per cambiare” sul consiglio Comunale del 29/12/2015

“I punto . Armonizzazione contabile – rinvio

L’armonizzazione contabile è una gestione moderna a tutela degli equilibri finanziari. Rinviare la sua applicazione è solo un maldestro modo di dilazionare i tempi di applicazione della nuova legge .E’ giusto ed opportuno affrontare e risolvere i problemi. Ma il rinvio è una vostra specifica caratteristica e ,purtroppo, vedi il problema della differenziata, non sanabile .Tutti gli Amministratori si sono affrettati ad adeguarsi alle nuove leggi e noi, di contro, facciamo il contrario.

Vedete, due possibilità mi sovvengono alla testa;

1)         Adeguarsi vuol dire dimostrare l’efficienza della Amministrazione ,da voi sbandierata ma ,ahime , solo a parole.

2)         Con l’applicazione della nuova legge contabile si giustificherebbero le tante consulenze acquisite in questo settore nell’intendo di rendere i conti pubblici ancora più trasparenti a tutti i cittadini.

Amministrazione = trasparenza e leggibilità dei dati contabili da parte dei cittadini. Noi ci battiamo perché il cittadino sia consapevole e non tenuto allo scuro della gestione e delle finanze comunali.

Il rinvio è anacronistico.

Il mio voto al rinvio è CONTRARIO.

II - punto ratifica delibera di G.C. 84 Variazione di bilancio.

Per quanto riguarda la delibera in questione devo solo evidenziare   che:

F.P.V. (fondo pluriennale vincolato ). Non mi è chiaro il motivo della variazione ne tale spiegazione viene espressa dal revisore .

In ragione di quanto sopra detto il mio voto è Contrario

III Punto Ratifica di G.C. 86 Variazione di bilancio.

La variazione è,a mio modesto parere, anomala con aumento del fondo di riserva di ben 12.200 euro

Il fondo di riserva dovrebbe servire ,il condizionale è d’obbligo, per delle spese impreviste negli ultimi giorni dell’anno corrente. La cifra mi inquieta molto se ragioniamo in dodicesimi. Se negli ultimi giorni dell’anno ci sono imprevisti per 12.000 euro circa ,ulteriormente al fondo già stanziato; non vorrei sbagliare ,una quota di euro da 30 a 50 mila euro, che cifra necessita calcolare nel fondo?

Il fondo nel suo complesso per cosa è stato utilizzato? Altri sprechi di fine d’anno? Altri amici elettori da favorire?

In ultimo ,ulteriore anomalia, manca il parere del Revisore dei Conti .(Questo oramai è prassi consolidata)

Vorrei chiedere al Sig. Segretario : Vogliamo leggere l’Articolo 37 del regolamento Comunale per il funzionamento dei lavori del Consiglio Comunale?

Altro che un 1 giorno prima.

Il mio voto è contrario.

IV punto Approvazione D.U.P. Documento Unico Di Programmazione.

Il poco tempo a disposizione per studiare gli atti non mi consentono di partecipare con una informazione più particolareggiata ai lavori del Consiglio odierno.

Sono certo dello studio che sta dietro il presente documento ma proprio la vostra analisi e la vostra conoscenza del territorio e dei suoi abitanti, mi preoccupa tanto. Non solamente mi preoccupa ma,in questi anni, abbiamo assistito ad una gestione scellerata con spreco di denaro pubblico e tasse alle stelle , con cui sono stati chiamati a contribuire i cittadini con le proprie tasche e con le esangui finanze familiari.

L’errore di fondo delle vostre analisi sta proprio nel non capire la realtà locare e io aggiungerei Regionale.

Dimostrazione di quanto affermato è che nella sezione operativa 1/1 descrivete le condizioni socio-economiche delle famiglie belmontesi ,udite ,udite

MEDIO-ALTE. Ma dico Siamo impazziti?

Vogliamo continuare a prendere in giro i cittadini o vogliamo continuare a “SPOLPARE” i cittadini con aumento delle tasse così si potrà portare a completamento opere pubbliche di indubbia utilità ,come per esempio la così detta casetta di Barbie?

SITUAZIONE FINANZIARIA DELL’ENTE.

La mia rudimentale conoscenze di contabilità mi porterebbe a dire che un fondo cassa non può essere negativo. Ma queste mie poche certezze vengono smentite dal documento in discussione nella sezione operativa 2.2 dove si scorge un fondo cassa negativo per ben 729.461,75.

Eravamo abituati ,almeno sulla carta, ad approvare bilanci di previsione in equilibrio. Ma in questo documento non esiste(vedi sezione 2.2) ne l’equilibrio di parte corrente ne di conto capitale . Si constata un asterisco ma non sono riuscito a capire se ci sono eccezioni

Come dicevo prima, non ho avuto tempo per approfondire appieno il documento di circa una cinquantina di pagine ,scritta con caratteri non facili alla mia vista e zeppo di tabelle .

Dulcis in fundo :

anche su questo documento manca il parere del Revisore dei Conti( negli atti a me presentati).Ma tanto garantisce il Segretario.

Volevate concludere l’anno con i botti? Ebbene, ci siete riusciti egregiamente.

Il mio voto è contrario”

Pubblicato in Belmonte Calabro

gigino nuovaMi sono spesso azzardato ad avanzare ipotesi delle quali non ero sicuro, ma tutto quello che ho scritto qui è da poco nella mia testa ed è nel mio interesse non sbagliarmi perché mi si sospetti di aver enunciato dei teoremi di vita dei quali non avrei la dimostrazione completa.

Vi prego di darmi un parere, non sulla verità, ma sull'importanza dei teoremi. Ci sarà, certamente, qualcuno che troverà da ridire nel decifrare tutto questo guazzabuglio.

A mezzanotte un uomo mi spiava maldestramente da dietro una macchina parcheggiata sulla piazzetta. Per un breve istante, con tristezza ed imbarazzo, lo ho osservato. Sono uscito di casa per fare una passeggiata per le antiche strade di questa città con la speranza che la bellezza delle facciate dei palazzi portasse un po’ di oblio sulle misere e umilianti vicende umane. Mi sono inerpicato per una scala e su per una stradina! Una lunga strada moderna, stretta fra due muri, fatta proprio apposta per le rapine. Ma la strada saliva solo ad una chiesa dove non avevo nulla da fare. Percorsi un'altra strada. Vidi un giardino di peschi in fiore e una panchina.

 Ho chiuso gli occhi e mi è sembrato di sentire un gigante che russava. Respiri regolari, sordi, che di tanto in tanto salivano di tono e terminavano in un affanno. Era il Mare di Ulisse, che si muoveva con il vento da sud-ovest. Lo scirocco. Era una vista meravigliosa. Il mare sotto di me, così vicino che avrei quasi potuto gettarci dentro la cenere della mia sigaretta. La luna ardeva sopra l'orizzonte a sud. A nord-ovest si vedeva una piccola luce lontana che lampeggiava con lo stesso ritmo regolare del respiro delle acque. Poi giacevo di nuovo, vidi la costa agitata, simile ad un fiume di argento liquido venirmi incontro…. e mi lasciavo portar via.

Il vento cresceva e le onde salivano; diventavano altissime e si coprivano a vicenda, tanto che come mostri neri con il vello d'argento sulla schiena si inseguivano l'un l'altra, si inghiottivano e tornavano a salire; venivano a schiere, sempre nuove, in una serie infinita che non terminava mai. Il respiro si trasformava in un rantolo e i singhiozzi diventavano lacrime.

Poi ad oriente iniziava ad albeggiare! Un debole colore arancio che poco a poco diventava giallo limone. Le luci si spegnevano. Le onde si facevano azzurre e infine ecco il sole.  Ero solo di fronte all’Ulisse, qualcosa si frapponeva alla vista, non permetteva più al mio sguardo di spaziare e illuminare i miei pensieri. Per l'occhio che stava per alzarsi da queste parole è diventato solo il fondo del mio piano-doccia.

Ero stanco. Stanco di guardare nel vuoto, nel nulla, e allora l'immaginazione gettò qua e là nell'azzurro qualche isola verdeggiante. Sentivo un terribile vuoto nel guardare fuori. Tutti i tentativi di raggiungerla, di distendermi sulla sua collina, finirono nel nulla.  Ovunque muri, muri di sabbia senza fine che spingevano avanti questo viandante come attraverso un tubo pneumatico per poi metterlo di fronte ad una parete oppure ad una porta chiusa e presidiata da un cane rabbioso. Come un monaco confuciano decidevo di sedermi sulla sponda di un fiume e aspettare che lei ripassasse.  “Sono le dieci, papà”. La voce di Lorenza mi riporta nella mia attuale camera da letto in Calgary. È il mio penultimo giorno in Canada e Laurel ha deciso di farci conoscere un posticino niente male nel cuore della citta’: il “1886 Cafè”. Una tarda colazione fatta da due uova, del prosciutto cotto canadese e delle patate fritte a tocchetti. Il tutto sotto lo sguardo fisso di un bisonte e la neve che veniva giù.

Gigino A Pellegrini & G el Tarik

BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy