BANNER-ALTO2
A+ A A-

Riceviamo e pubblichiamo il testo delle interrogazione a risposta scritta inviata dal consigliere comunale di minoranza( Noi Liberi) del PD:

Lo scrivente Antonio Rubino, interroga la SV per avere contezza della situazione dei servizi RSU ed in particolare chiede di conoscere:

  1. a)La tempistica e le modalità attuative delle prove di selezione del personale per la informazione sulla raccolta Porta a Porta dei rifiuti;
  2. b)Il debito per mese verso il commissario per l’emergenza ambientale, la eventuale presenza o meno nei relativi bilanci previsionali di ogni singolo anno e le ragioni del mancato pagamento;
  3. c)Eventuali altri debiti per mese del servizio RSU
  4. d)Quando sarà attivata l’isola ecologica e le relative modalità di gestione

Distintamente Amantea 11.4.2013 Noi Liberi Il Consigliere Comunale Antonio Rubino”

Abbiamo sentito in via breve il consigliere il quale ci ha riferito quanto segue: “ Amantea vive gravi momenti di sofferenza . L’edilizia è ferma, il commercio è fermo, anche le grandi imprese locali mettono in cassa integrazione i propri operai se non addirittura li licenziano, la pesca è vietata anche per le piccole imbarcazioni da una legislazione europea incapace di capire perfino l’autoconsumo. Ci resta il turismo per il quale l’amministrazione fa poco o nulla. Un turismo che muore ancora prima di sbocciare se il mare è sporco, le spiagge abbandonate a se stesse ed il piano spiaggia non operativo. Ma se la città ( e la regione!) non è perfettamente pulita e manutenzionata ( verde, taglio dell’erba , riparazione delle buche, eccetera). Sotto questo aspetto si impone da parte dell’AC la massima attenzione al servizio RSUI. Da qui la nostra interrogazione per capire meglio questa situazione che ci sembra gravissima e per sapere cosa intende fare la Giunta Tonnara”

Leggi tutto... 0

Parliamo di quella Amantea che nel 1991 vantava 11.913 abitanti e che nel decennio dal 1991 al 2011 ebbe una crescita di ben 1355 abitanti ( una delle più alte crescite in Calabria) passando a ben 13268 cittadini.

Quella Amantea che poi nel decennio successivo non ebbe un’altra similare performance, affatto; contenne la crescita a sole passando a 13754 abitanti, con un aumento di “soli” 486 cittadini.

Comunque sia una crescita, pensando che la Calabria è passata dai 2.011.466 abitanti del 2001 a 1.954.810 del 2011, con una flessione di 56656 unità.

Certo “ beati monocoli in terra caecorum” dice il vecchio proverbio latino.

Ma è anche vero che Amantea è passata da meno di 100 stranieri residenti ( nel 2004 erano 110) agli attuali 393 e cioè che dal 2001 al 2011 ci sono più di 300 residenti in più.

E purtroppo questo significa che gli italiani residenti ad Amantea sono cresciti nel decennio soltanto di 186 unità. Cioè 18 abitanti all’anno . Meno della differenza tra nati e morti.

E questo significa una sola cosa. Che è ripresa la emigrazione verso altri comuni ed altre nazioni.

Ma vediamo i dati del censimento.

I residenti europei sono 283 di cui 75 uomini e 208 donne ( parliamo di badanti).

La maggiore presenza è di Rumeni , ben 159 di cui 59 maschi e 100 donne

I residente asiatici sono 45 di cui 23 uomini e 22 donne

La maggiore presenza è di Cinesi : 39 di cui 18 uomini e 21 donne

I residenti africani sono 43 di cui 25 uomini e 18 donne

La maggiore presenza è di marocchini : 41 di cui 23 uomini e 18 donne

I residente americani sono 22 di cui 6 uomini e 16 donne

Le maggiori presenze sono. Brasiliani ( 5), Argentini( 5),venezuelani (4)

Segue il dettaglio dei paesi di provenienza dei cittadini stranieri residenti divisi per continente di appartenenza ed ordinato per numero di residenti.

EUROPA

Area

Maschi

Femmine

Totale

%

Romania

Unione Europea

59

100

159

40,46%

Ucraina

Europa centro orientale

1

41

42

10,69%

Bulgaria

Unione Europea

4

30

34

8,65%

Polonia

Unione Europea

2

7

9

2,29%

Francia

Unione Europea

2

4

6

1,53%

Regno Unito

Unione Europea

2

2

4

1,02%

Germania

Unione Europea

1

3

4

1,02%

Bielorussia

Europa centro orientale

0

3

3

0,76%

Albania

Europa centro orientale

1

2

3

0,76%

Belgio

Unione Europea

1

2

3

0,76%

Federazione Russa

Europa centro orientale

0

3

3

0,76%

Repubblica di Serbia

Europa centro orientale

0

2

2

0,51%

Repubblica Ceca

Unione Europea

0

2

2

0,51%

Repubblica Moldova

Europa centro orientale

0

2

2

0,51%

Austria

Unione Europea

0

1

1

0,25%

Paesi Bassi

Unione Europea

1

0

1

0,25%

Portogallo

Unione Europea

0

1

1

0,25%

Spagna

Unione Europea

1

0

1

0,25%

Slovacchia

Unione Europea

0

1

1

0,25%

Slovenia

Unione Europea

0

1

1

0,25%

Croazia

Europa centro orientale

0

1

1

0,25%

Totale Europa

75

208

283

72,01%

 

ASIA

Area

Maschi

Femmine

Totale

%

Repubblica Popolare   Cinese

Asia orientale

18

21

39

9,92%

India

Asia centro meridionale

3

0

3

0,76%

Filippine

Asia orientale

1

1

2

0,51%

Bangladesh

Asia centro meridionale

1

0

1

0,25%

Totale Asia

23

22

45

11,45%

 

AFRICA

Area

Maschi

Femmine

Totale

%

Marocco

Africa settentrionale

23

18

41

10,43%

Tanzania

Africa orientale

1

0

1

0,25%

Algeria

Africa settentrionale

1

0

1

0,25%

Totale Africa

25

18

43

10,94%

 

AMERICA

Area

Maschi

Femmine

Totale

%

Brasile

America centro meridionale

0

5

5

1,27%

Argentina

America centro meridionale

2

3

5

1,27%

Venezuela

America centro meridionale

2

2

4

1,02%

Stati Uniti d'America

America settentrionale

1

1

2

0,51%

Colombia

America centro meridionale

1

1

2

0,51%

Canada

America settentrionale

0

2

2

0,51%

Repubblica Dominicana

America centro meridionale

0

1

1

0,25%

Cuba

America centro meridionale

0

1

1

0,25%

Totale America

6

16

22

5,60%

Leggi tutto... 0

Un miracolo è sempre un miracolo. Chiunque lo faccia, comunque lo faccia, dovunque lo faccia. Ed è ancora più grande se questo miracolo è invocato ed atteso.

Come chiamarlo se non un miracolo quello di questi giorni di S Pasqua nella cui occasione è stata riaperta dopo anni di silenziosa chiusura la chiesetta rupestre di san Giuseppe, la chiesetta dei Catocastresi ed un tempo dei Camolesi che avevano questa unica via rupestre per giungere a piedi o col l’asino alla città? Come non ritenere un miracolo il fatto che la chiesetta sia stata riaperta in occasione dei riti pasquali e sia diventata una delle chiese della cerimonia del giovedì sera?

Ma come è successo? A Cosa è dovuto? Sicuramente a quel “lenzuolo” che è stato steso sul

versante in frana immediatamente a nord della chiesetta medesima.

Niente altro, infatti, è stato fatto per ridare sicurezza alla chiesetta ed alla zona se non la apposizione di questo “lenzuolo” sorretto da corde acciaiose legate a pioli di ferro infissi nel terreno.

Con il tempo, come sta avvenendo nel costone dietro la Chiesa del Carmine, crescerà l’erba e poi le piante autoctone della flora mediterranea che si ritiene permettano lo scorrimento dell’acqua piovana e la stabilizzazione del costone.

Insomma un vero e proprio miracolo della tecnica od ingegneria che dir si voglia!?.

Ma noi preferiamo ascriverlo a san Giuseppe che certamente avrà suggerito ai tecnici come fare per aprire di nuovo la chiesetta che tanto sta a cuore a noi amanteani.

Peccato, se vero questo miracolo, che ci sia voluto tanto tempo e che si sia preferito altro a questo intervento.

A San Giuseppe il compito di integrare il miracolo della tecnica con la sua potente fede per evitare ulteriori crolli del versante ed il pregiudizio della sua e nostra chiesetta.

E visto che c’è , non è male se dà un occhio anche al costone dietro la chiesa del Carmine.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy