BANNER-ALTO2
A+ A A-

VaccinoFino ad ieri ci siamo spesso occupati dei furbetti del cartellino, di quegli impiegati disonesti che la mattina andavano a lavoro timbrando il cartellino ma poi invece di entrare in ufficio a lavorare come fanno la maggior parte dei lavoratori, ritornavano chi nella propria abitazione a sbrigare faccende personali, chi accompagnava i figli a scuola, chi la moglie al supermercato, chi addirittura andava a pescare e chi andava a divertirsi partecipando a corse e tornei finanche da ballo. Ora, col Covid 19 imperante, ci occupiamo dei furbetti del vaccino, di coloro i quali pur non avendo ancora diritto si fanno vaccinare. E non ci sono soltanto semplici cittadini che non hanno rispettato il proprio turno per essere vaccinati, ma medici, infermieri, prelati, magistrati, sindaci, assessori, consiglieri, politici. Ma andiamo con ordine. Il Sindaco di Corleone si è fatto vaccinare. Non era arrivato il suo turno. Per questo è stato costretto a dimettersi in seguito alle polemiche suscitate. Si è fatto vaccinare contro il Covid 19 pur non rientrando tra le categorie stabilite dalla legge. Fatti analoghi si sono purtroppo verificati in tutta Italia e le Procure stanno indagando e hanno provveduto a sequestrare documenti sulle vaccinazioni effettuate. -Avanzano delle dosi, vieni ti facciamo vaccinare-. Così funziona la truffa. Molte dosi del vaccino avanzano perché ne hanno preparato più del necessario o perché qualcuno non si è presentato e allora il personale sanitario incomincia a telefonare agli amici, ai figli, al marito, alla moglie, al fratello, alla sorella, al cugino, agli amici degli amici, perché, altrimenti, dicono, il vaccino bisogna buttarlo. Io, però, pur avendo un’età molto ma molto avanzata ed essendo stato prenotato da diversi giorni, ancora non sono stato chiamato per essere vaccinato. Alcuni miei parenti e alcuni miei amici sono stati già vaccinati, tutti rigorosamente non in lista. Questa sera, alle ore 21,20 la trasmissione di Italia 1 “Le Iene show” si occuperà dei furbetti del vaccino. Secondo la documentazione fatta dalle Iene molte dosi di vaccino che avanzano vengono poi buttate via nella spazzatura, perché non possono essere ricongelate. Ci lamentiamo che il vaccino in Italia e in Calabria non arriva e poi apprendiamo che molte dosi vengono buttate via. Che peccato! Che spreco! Un medico di un centro vaccinale così ha detto :- Se uno si trova in emergenza, un vaccino prima di buttarlo, è meglio farlo a qualcuno -.Mi sembra uno scandalo se le dosi rimaste vengono buttate nella spazzatura, ma se vengono somministrate anche a chiunque non avrebbe diritto mi sembra una cosa buona e giusta, a patto, però, che questo non venga fatto di proposito altrimenti diventa reato.

Leggi tutto... 0

MENNITI-DANIELE

È durata poco più di anno l’esperienza amministrativa della Giunta di Falerna guidata dal sindaco, Daniele Menniti.

 

Nella giornata di ieri, i consiglieri della maggioranza, Riccardo Floro, Ugo Barletta e Andrea Vecchio, hanno protocollato le dimissioni e con loro anche i consiglieri di minoranza, decretando di fatto la fine della consiliatura.

 

Menniti era stato eletto nel maggio 2019 avendo la meglio su Angelino Renne.

Secondo alcune indiscrezioni, alla base della decisione dei consiglieri di maggioranza, “divergenze di vedute” politiche che perduravano già da alcuni mesi.

 

Il sindaco, interpellato, non ha rilasciato per ora dichiarazioni, confermando quanto avvenuto.

Ora a Falerna si attende il commissario prefettizio che traghetterà il Comune fino alla data delle prossime elezioni previste per la prossima primavera.

 

fonte : lametino.it

http://www.lametino.it/Ultimora/falerna-si-dimettono-i-consiglieri-cade-il-sindaco-menniti.html

Leggi tutto... 0

sequestro frutta 1COSENZA 8 febbraio 2020 - I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Montalto hanno nei giorni scorsi posto sotto sequestro quattro tonnellate di agrumi e ortaggi e 485 litri di olio. Il sequestro è avvenuto a seguito di un controllo finalizzato a verificare l’effettiva presenza dei titolari delle licenze e il rispetto delle normative in ordine ai prodotti ortofrutticoli commercializzati, effettuato all’interno dell’area COMAC di Montalto. In particolare all’interno di alcuni box sono stati rinvenuti prodotti la cui origine non era tracciata e pertanto si è proceduto alla sanzione amministrativa per violazioni di legge in ordine alla mancata tracciabilità per un importo di oltre 3.000 euro. I prodotti posti sotto sequestro con provvedimento dell’autorità sanitaria saranno obbligatoriamente avviati o alla distruzione o se idonei al consumo alla donazione. Si è inoltre effettuato anche un controllo dei lavoratori presenti, e a tal riguardo si è segnalato alla Direzione Provinciale del Lavoro di Cosenza una irregolarità nei confronti di un imprenditore ortofrutticolo il quale aveva impiegato durante la verifica un lavoratore in nero.

Particolare attenzione viene posta dal Gruppo Carabinieri Forestale di Cosenza attraverso le Stazioni radicate sul territorio al fine di contrastare le forme illegali di commercializzazione delle merci agroalimentari importate e spacciate come italiane. Tali controlli tutelano le produzioni nazionali ivi compresi i prodotti in qualità quali

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

I Racconti

Meteo - Catanzaro

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy