BANNER-ALTO2
A+ A A-

vigili2020All’attore Carlo Verdone in un noto film prima di buttarsi in piscina la compagna gli chiese:- Come lo famo?- E lui rispose:- Lo famo strano -. E strano l’hanno fatto pure due vigili urbani romani. Strano è che erano in servizio notturno, erano in divisa e l’hanno fatto nell’auto di servizio. Scandalo in divisa hanno scritto vari giornali. Poveri fessi, si sono appartati ma hanno dimenticato di chiudere la radio. Con la radio di servizio accesa tutti i colleghi hanno potuto ascoltare gli inequivocabili cinguettii. La notizia si è sparsa in un baleno ed è finita sulla scrivania del loro Comandante generale il quale sarà costretto a prendere severi provvedimenti. Per avere fatto sesso? No. Per averlo fatto nell’auto di servizio e per giunta durante un pattugliamento notturno. Ma si sa che la notte è lunga, la carne è debole, si scambiano quattro chiacchere, via la mascherina e poi e poi e poi. Ma la radio era accesa e in poche ore i loro nomi erano sulla bocca di tutti gli agenti della capitale. C’è imbarazzo in caserma, ma molti vigili ci scherzano sopra e davanti ad un caffè bollente intonano una canzoncina:- Nelle pause faremo l’amore e se nasce una bambina poi la chiameremo Romaaaa-. La notizia, come al solito, ha scatenato la fantasia degli utenti del Web.- A qualcuno piace l’audio”, “Il vigile cerca voglie”, “Attrazione stradale”-

Leggi tutto... 0

domenica2020Dalla prossima settimana e cioè dal 29 novembre, prima Domenica d’Avvento, nella chiesa cattolica italiana entrerà in vigore il Nuovo Messale che sostituirà quello introdotto nel lontano 1983. Sarà obbligatorio in tutte le Parrocchie a partire dalla Santa Pasqua del prossimo anno. Ci saranno tanti cambiamenti nelle recite di alcune preghiere che riguardano i fedeli. I cambiamenti maggiori, però, riguardano le preghiere che recita il sacerdote. Vediamone alcune. Nel recitare il Padre Nostro anziché dire “Non ci indurre in tentazione” si dovrà dire “Non abbandonarci alla tentazione”. Nel Confiteor il Sacerdote diceva soltanto :- Confesso a Dio onnipotente e a voi fratelli….- Da Domenica prossima il sacerdote dirà “Fratelli e sorelle”, perché la chiesa è frequentata non da soli uomini ma anche da donne. E nell’atto penitenziale: “Supplico la beata Vergine Maria……….. i Santi e voi, fratelli e sorelle”. Altre piccole variazioni riguardano il Gloria. Nella parte in cui si è detto finora: “E pace in terra agli uomini di buona volontà” si dirà: “E pace in terra agli uomini amati dal Signore”. Sempre per fedeltà al testo evangelico non si dirà più: “ Signore pietà, Cristo pietà” ma la forma greca :” Kyrie eleison, Christe eleison”. Molte altre cose sono cambiate ma riguardano il celebrante e noi ci dobbiamo fare abitudine. Il celebrante non dirà più : “Scambiatevi un segno di pace”, anche se causa Coronavirus questo invito per il momento è stato omesso, ma :”Scambiatevi il dono della pace”. E infine la formula al termine della Santa Messa. Non sarà più: “La Messa è finita, andate in pace” ma “Andate e annunciate il Vangelo del Signore”. Ho voluto soddisfare alcune curiosità, alcune piccole modifiche del nuovo Messale che entrerà in vigore domenica prossima perché possiamo incominciare ad impararle. Come avete notato la maggior parte delle variazioni riguarda le formule proprie del sacerdote. I ritocchi che riguardano i fedeli sono pochi e sono quelli che ho elencato e mi auguro che non creino eccessive difficoltà. Basteranno poche settimane per impararli e un pizzico di buona volontà. Buona domenica a tutti voi, fratelli e sorelle. Anche io userò la nuova formuletta

Leggi tutto... 0

money-euroQualcuno non conosce ancora la Lotteria Italia? È un ossimoro, non esiste persona che almeno una volta non abbia provato a vincere un premio acquistando uno dei colorati biglietti con l'icona del concorso, per poi veder frustata questa aspirazione senza perdere però la speranza di poterlo rifare in futuro. Il biglietto della Lotteria Italia è una sfida alla sorte avversa e alla ricerca di un futuro più agevole, ma è soprattutto una tradizione radicata nelle nostre famiglie, per nulla intaccata dal passare del tempo e da altri concorsi a premi, anzi crediamo possa trovare ulteriore impulso da questo periodo particolare che stiamo vivendo. - Il biglietto cambia pelle - la tradizione la fa da padrone.

 

Il biglietto cambia pelle

Sono molti a pensare che anche nel 2020 il successo della lotteria per antonomasia in Italia possa non essere intaccata, anzi, forse potrebbe unire ancor di più le persone in questa tradizione collettiva. Con l'avvento delle piattaforme digitali, la lotteria ha anche mutato pelle, insieme al cartaceo e colorato ticket natalizio gli italiani possono giocare pure online. Per queste ragioni stanno proliferando le piattaforme nate per il gioco online che dedicano una sezione riservata alla lotteria un tempo chiamata di Capodanno. Ci sono due diverse tipologie di biglietti, il cartaceo ha quella variabile romantica ma anche angosciante di variabilità legata alla possibilità di essere disperso, cosa accaduta più volte se pensiamo che nel 2016 il secondo premio di 2.000.000 di euro non venne mai incassato. Il biglietto digitale è tracciato e ogni acquirente può recuperare il titolo nel cassetto utente con il quale si è registrato e ha comprato il ticket.

 

La tradizione la fa da padrone

Il digitale da garanzie di sicurezza, ma forse ha tolto un po' di fascino che risiede nell'essenza nel gioco e in una esperienza sensoriale non modificabile. Pensiamo che il distanziamento sociale possa favorire ulteriormente il ricorso all'acquisto di un valore digitale. Nessuno potrà soppiantare però l'esperienza tattile del biglietto cartonato da manipolare, custodire e nascondere dopo l'acquisito, per non parlare del fascino e del gusto di poter grattare immediatamente una parte per verificare nell'immediato la vincita. Sono esperienze che non possono essere nemmeno lontanamente replicate dal biglietto digitale e nemmeno da avveniristiche e futuribili sperimentazioni con avatar e nuove applicazioni. Una canzone diceva che la televisione aveva ucciso i divi del cinema e della radio, così non era e crediamo che come accadde anche per il vinile nella musica, il tatto di un biglietto non può essere soppiantato da un codice a barre di un ticket digitale, nonostante sia più pratico e sicuro.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy