BANNER-ALTO2
A+ A A-

Gratteri photo-01Il toto nome sul nuovo presidente della Repubblica italiana anima il dibattito politico e non solo. Tra i vari profili, in questi ultimi giorni, emerge anche il nome del procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri. Nome venuto fuori da una ventina di parlamentari, ma anche tramite una petizione online su Change.org (al link https://chng.it/Z6vT27tGRF) ed intitolata “Nicola Gratteri Presidente della Repubblica”, che ha raccolto in pochi giorni più di 1700 firme. A dimostrazione del fatto che all’opinione pubblica Nicola Gratteri piace e vedrebbe di buon occhio la sua nomina al più alto scranno dello Stato italiano.

A lanciare la petizione è Vincenzo Romano, giovane ricercatore universitario calabrese, in Erasmus in Olanda, nonché presidente dell’associazione “Spegniamo il fuoco, accendiamo il futuro” di Longobucco, in provincia di Cosenza.Romano nella petizione sottolinea: “Solo pochi testimoniano quotidianamente con passione, dedizione ed abnegazione nei fatti, e non a parole,un forte senso di appartenenza allo Stato. Solo pochi mettono a rischio la propria vita e quella dei propri cari per difendere i principi e i valori della nostra Costituzione. Tra questi pochi, Gratteri ha dimostrato di poter riuscire in un’impresa che a tutti gli altri sembrava impossibile: cercare di liberare la Calabria e l’Italia intera dallo strapotere della ‘Ndrangheta”.

“Nessuno più di Gratteri può dare quel senso di riscatto – conclude così la petizione lanciatal’8 gennaio scorso –che permetterebbe a tutti gli italiani di fare di più e meglio. Cosa bisogna aspettare? Che lo uccidano per poi eleggere presidente della Repubblica suo fratello?”. Riferimento questo a Piersanti Mattarella, fratello dell’uscente presidente Sergio Mattarella, ammazzato a Palermo nel 1980 da Cosa Nostra, mentre ricopriva la carica di presidente della Regione Sicilia.

L’auspicio di Vincenzo Romano è che:“molti parlamentari, ed in particolare i leader dei partiti, facciano propria questa candidatura per eleggere un presidente della Repubblica di cui tutti gli italiani possano sentirsi orgogliosi”.

Leggi tutto... 0

Enea 666Siamo in Brasile, nella Foresta Amazzonica, e anche in quel lontano paese, agli estremi confini del mondo, c’è gente che vuole farsi vaccinare contro il Coronavirus 19 che tanto danno sta facendo in tutto il mondo causando migliaia di morti. I giornali di oggi hanno messo in prima pagina una foto che ci ha veramente commosso. Un figlio che si è caricato sulle spalle il padre disabile e camminando nella foresta per 6 ore lo ha portato in un centro dove c’erano gli uomini bianchi per farlo vaccinare contro il coronavirus. Questo gesto ha commosso pure il capo della squadra sanitaria e l’ha voluto immortalare scattando la foto che oggi si trova nelle prime pagine dei giornali nazionali. Lo scatto, però, risale a quasi un anno fa. Solo oggi, infatti, il dottore l’ha voluto diffondere. L’impresa del figlio che porta sulle spalle il padre anziano e invalido ha fatto il giro del mondo, perché è lo scatto più significativo a favore del vaccino anti covid. Postato su Istagram ha raggiunto migliaia di adesioni seguiti da commenti pieni di passione. Questa impresa a voi, cari lettori, ricorda qualcosa? A me vengono alla mente i giorni felici e spensierati quando frequentavo la scuola superiore e il Prof. di latino mi spiegava il secondo libro dell’Eneide di Virgilio. Enea in fuga dall’incendio di Troia che porta con sé il vecchio padre Anchise sulle spalle e, per mano, il giovane figlio Ascanio. Lo scultore Bernini ha immortalato la fuga in una memorabile scultura che ora si trova nella Galleria Borghese in Roma. Si tratta del primo grande gruppo marmoreo eseguito da Bernini per conto di Scipione Borghese. Solo che qui Enea vuole mettere in salvo il padre e il figlio, dall’incendio di Troia, nella foto, invece, il figlio, vuole portare il padre per farlo vaccinare. Nella foresta amazzonica c’è gente che fa enormi sacrifici per farsi vaccinare, invece, qui da noi, che abbiamo gli Hub sotto casa, c’è gente che rifiuta il vaccino procurando gravi danni per sé e per gli altri, intasando prontosoccorsi e ospedali. A voi, carissimi e amatissimi lettori di Tirreno News, la foto, non vi fa venire alla mente i giorni felici quando giovani e belli sedevate sui banchi di scuola?

Leggi tutto... 0

-SuperenalottozOggi, cari amici di Tirreno News, vi voglio raccontare una triste e curiosa avventura capitata ad un uomo di 83 anni che pensava di aver vinto al Super Enalotto centinaia di milioni di Euro, e che gli avrebbero cambiato davvero la vita, invece non ha vinto un bel niente, perché i numeri che lui gioca sempre gli stessi da anni non sono davvero usciti. Colpa del giornale che ha pubblicato i numeri sbagliati. Ora è disperato, aveva già fatto tanti castelli in aria, e chiede i danni al giornale perché ha visto sfumare il sogno milionario. Ma andiamo con ordine. Il sig. Francesco Ventresca di anni 83, ambulante di Vallecorvo di Sulmona, vedovo e padre di sei figli e tanti nipoti, aveva giocato i soliti 6 numeri al Super Enalotto e secondo il giornale che aveva comprato la mattina tutti i sei numeri erano regolarmente usciti. Aveva azzeccato il Jackpot. Aveva vinto la bellezza di 163 milioni di Euro. Mamma mia che bella vincita. Gli avrebbe cambiato la vita. Poteva stare a casa e non alzarsi più alle quattro di mattina per andare al mercato a lavorare. Avrebbe potuto sistemare i sei figli e gli innumerevoli nipoti. Ma il bel sogno dura davvero poco. Quando si reca presso il tabacchino dove aveva giocato i numeri apprende con disappunto e con molta rabbia che i suoi numeri giocati non erano usciti. I numeri che lui aveva letto sul giornale, purtroppo, erano errati. Ha fatto e rifatto controllare la schedina dal tabaccaio e da suo genero e i numeri vincenti riportati dal giornale. Gli hanno confermato che i numeri vincenti erano altri e che nessuno quella settimana aveva azzeccato il Jackpot. C’è rimasto malissimo il sig. Francesco, stava per svenire. Ora non riesce più a dormire. Ha subito un danno e ora vuole essere risarcito. Credeva di essere diventato milionario invece si ritrova peggio di prima con tanta rabbia dentro. Gli è andata davvero male. E non è la prima volta. Infatti alcuni anni fa centrò un bel 13 e tanti 12 al Totocalcio, ma la sua giocata non era stata registrata. Anche allora sfumò la vincita di 150 milioni di lire. Si dovette rassegnare, come dovrà fare anche adesso. Ma che scalogna! Il sogno di essere diventato milionario per ben due volte è durato poco. Il risveglio è stato durissimo. Che vada a farsi benedire da un prete o vada a piedi in pellegrinaggio in qualche santuario, il più vicino e il più famoso mi sembra di essere quello di San Gabriele dell’Addolorata.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy