BANNER-ALTO2
A+ A A-

Il virus della fame

Vota questo articolo
(3 Voti)

cartelloIl 15 marzo ultimo scorso scrissi un articolo invitando i miei amici vicini e lontani, quelli che giornalmente mi leggono su Tirreno News di restare a casa, perché lo chiedevano a gran voce medici e istituzioni per non essere contagiati, per non contagiare altre persone e per evitare il diffondersi del corona virus. E’ giusto restare a casa, sono le regole, rispettiamole. Restate a casa, uscite solamente per fare la spesa, per andare in farmacia, per cose necessarie ed impellenti. Io sto rimanendo a casa, gli altri lo stanno facendo? Hanno capito la gravità del momento? Io sto rimanendo a casa facendo dei sacrifici enormi. Io sto rimanendo a casa perché me lo posso permettere. Sono un pensionato ed ogni mese percepisco la pensione. E gli altri? E quelli che non sono pensionati? E i meccanici, i gommisti, i barbieri, i parrucchieri, gli estetisti, le donne delle pulizie, i commessi, gli agenti di viaggio, i baristi, i pizzaioli, i commercianti, i disoccupati, i precari, i lavoratori in nero come faranno se non lavoreranno e se non avranno più soldi per mangiare? Certo, certo, le misure prese dal Governo sono necessarie, ci mancherebbe. Ma se le disposizioni dovessero protrarsi a lungo non lo so a cosa andremo incontro. La prima avvisaglia l’abbiamo avuta con la rivolta dei carcerati. Ora se ci sono tante famiglie che non hanno più soldi per fare la spesa quello che è accaduto nelle carceri potrebbe accadere nelle città, nei paesi, nelle strade, nei negozi, nei supermercati. Quando la gente è disperata, che non ha nulla da mangiare e da perdere, può fare di tutto, possiamo aspettarci di tutto: rivolte, incendi, scontri, saccheggi. La gente sarà costretta a delinquere per sopravvivere. Ora protestiamo perché mancano le mascherine. E se domani dovesse mancare il pane? La rabbia si espanderebbe a macchia d’olio e la gente incomincerebbe a protestare e a razziare i supermercati. Questo avevo scritto e purtroppo i fatti che si sono verificati a Palermo, a Bari, a Napoli mi hanno dato ragione, ma nessuno mi ha dato ascolto. L’esasperazione è alle stelle. E intanto v’è chi comincia a trasgredire la legge, scendono in piazza, assaltano i supermercati perché non sono più in grado di sopravvivere: i loro frigoriferi sono vuoti, i loro risparmi dilapidati, i loro figli chiedono pane. Chi non ha niente in casa dovrebbe morire di fame per rispettare l’hashtag lanciato dal governo e dai tanti nostri artisti strapagati? E nei prossimi giorni scene come quelle di Palermo, Bari e Napoli diverranno sempre più frequenti. Si fa facile a dire”State a casa”, “Restiamo a casa”, “Andrà tutto bene”.Ma come fa chi non ha da mangiare? Al momento il disagio e la protesta sono in una fase embrionale, ma il pericolo che possa esplodere una bomba sociale è altissimo. Forze dell’Ordine fuori dai supermercati. Sorvegliati speciali come fossero i caveau della Banca d’Italia, non per proteggere i lingotti d’oro, bensì gli scaffali della pasta, del riso, del pane, del latte, dell’olio. Gente che entra nei supermercati e mette qualcosa nei carrelli della spesa. Quando arriva alla cassa dice alla cassiera che non ha i soldi. Non potendo pagare non può passare. Quindi non può mangiare. Eppure non aveva comprato caviale e champagne, aveva comprato l’essenziale per vivere alcuni giorni. Passata l’allegra atmosfera che si era creata nei primissimi giorni ora non si vedono più persone che ballano, cantano e suonano dai balconi. Sono diventati più seri, si sono accorti che hanno finito i soldi e che i frigoriferi sono completamente vuoti. Ora non hanno più la voglia e la forza di cantare l’Inno di Mameli, ora vogliono mangiare e subito. C’è davvero il pericolo di rivolte, ribellioni e disordini, forse anche organizzati e preparati dalla criminalità organizzata. Amici oltre al coronavirus che sta facendo danni incalcolabili all’economia italiana e mondiale e che sta uccidendo migliaia di persone, c’è un altro virus più pericoloso e micidiale che potrebbe colpire tutti ed è il virus della fame. Meditate gente, meditate.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy