BANNER-ALTO2
A+ A A-

Nell’operazione “Bada bene” della Guarda di Finanza scoperti 230 collaboratori domestici evasori totali.

Badanti sconosciuti al fisco che hanno omesso di dichiarare i redditi ma chiedevano Naspi e sussidi sanitari.

Una colf ha omesso di dichiarare oltre 100.000 euro di reddito in soli 5 anni

 

 

 

 

L’utilizzo sempre più frequente nelle famiglie italiane di bandati e collaboratori domestici, sopratutto per accudire anziani, malati e persone con gravi handicap, rappresenta una vera e propria manna da cielo.

Un aiuto indispensabile ma non si tratta di un’attività di volontariato ma di un vero e proprio rapporto di lavoro e come tale soggetto a tutti gli obblighi di legge.

Succede troppo spesso però che i collaboratori, spesso stranieri, siano invisibili al fisco ed omettano di dichiarare le somme percepite con tute le conseguenze del caso.

E la Finanza ha iniziato a vederci chiaro. Nell’ambito di un’operazione denominata “BADA BENE”, effettuata in Liguria le fiamme gialle di La Spezia hanno individuato, al momento, 230 collaboratori domestici, risultati evasori totali poiché, pur avendo percepito redditi superiori alla soglia di esenzione, non hanno provveduto alla presentazione della prevista dichiarazione dei redditi.

Omettevano sistematicamente il reddito percepito

Il servizio è scaturito nell’ambito dei controlli sulla percezione di prestazioni sociali agevolate, laddove emergeva che le richieste provenienti da lavoratori/lavoratrici, per lo più stranieri, in prevalenza provenienti dall’est Europa o dal Sud-America, operanti nell’ambito del lavoro domestico quali “colf” e badanti, omettevano sistematicamente di indicare il reddito percepito dall’attività lavorativa allatto della richiesta dell’agevolazione.

Per questa particolare categoria di lavoratori, va ricordato che il datore di lavoro non rientra tra i sostituti d’imposta e che lo stesso ha quindi solo l’obbligo di rilasciare una dichiarazione dalla quale risulti l’ammontare delle somme erogate nell’anno e di dare comunicazione all’INPS dell’assunzione del lavoratore.

Permane, invece, l’obbligo dichiarativo in capo al collaboratore domestico.

Invisibili al fisco ma richiedevano NASpI e agevolazioni

L’attività ispettiva ha consentito di sottoporre a controllo 230 collaboratori familiari che, per gli anni d’imposta dal 2014 al 2017, non hanno presentato la dichiarazione di redditi derivanti da lavoro dipendente, omettendo di dichiarare redditi per un importo complessivo superiore agli 11 milioni di euro e sottraendosi, così, al pagamento di imposte per circa 3 milioni di euro.

Inoltre, taluni soggetti controllati, maturavano una posizione contributiva che gli consentiva a fine rapporto di richiedere il sussidio di disoccupazione (c.d. NASpI) che in molti casi superava i 5.000 euro, oltre che naturalmente l’assistenza sanitaria e tutto ciò, senza versare alcuna imposta allo Stato.

In un caso, una sola colf ha omesso di dichiarare oltre 100.000 euro di reddito in soli 5 anni.

Tutti i lavoratori interessati hanno, comunque, ammesso la “dimenticanza” ed hanno manifestato la volontà di voler sanare al più presto la propria posizione con il Fisco: emblematico il caso di una lavoratrice che si è presentata mostrando la propria carta di credito, poiché voleva saldare immediatamente quanto dovuto.

Alcuni dei lavoratori domestici controllati non solo avevano “nascosto” al fisco i propri redditi, ma avevano anche fatto richiesta di agevolazioni per la fruizione di prestazioni o servizi sociali e assistenziali, come, ad esempio, l’iscrizione a scuola dei figli o all’università, il servizio mensa o l’esenzione del ticket sanitario, in realtà non spettanti per effetto dei redditi conseguiti.

Leggi tutto... 0

Bologna – rapina in Piazza Re Enzo: l’anziana vittima si sente male.

E’ stato necessario l’intervento del 118 per soccorrere una 80enne bolognese che ieri pomeriggio poco prima delle 16 si è sentita male dopo essere stata rapinata.

Il furto con strappo si è svolto con un’azione fulminea nel centro storico pedonale, gremito anche per gli eventi natalizi in programma.

 

La donna, a passeggio con un’amica, è stata raggiunta alle spalle e strattonata mentre stava salendo i gradini del bar “La Torinese” in Piazza Re Enzo.

Ha iniziato a urlare, attirando così l’attenzione dei passanti che hanno chiamato il 113 e di un Carabiniere libero dal servizio, in compagnia della moglie, e che ha rincorso lo scippatore, bloccandolo all’incrocio tra via Rizzoli e via Fossalta.

Poi è stata colta da malore.

La Polizia arrivata sul posto ha subito ammanettato un cittadino tunisino di 29 anni, irregolare, volto noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti per rapina e lesioni.

Aveva già trascorso un periodo in carcere nel 2019 e ci è tornato ieri con l’accusa di rapina impropria e ora è in attesa della convalida dell’arresto.

L’anziana è stata trasportata in codice di media gravità all’Ospedale Maggiore, dove è ancora sotto osservazione. .

1 dicembre www.bolognatoday.it

Leggi tutto... 0

Brandico (Brescia) – 1 dicembre 2019 – Mara è stata uccisa mentre l’ex fidanzato era sotto l’effetto della droga.

Una notizia che ieri ha raggiunto l’intero paese di Azzano Mella sotto choc

El Chani, marocchino noto per reati legati allo spaccio, secondo i primi rilievi effettuati ha ucciso la ex fidanzata 46enne prendendola a pugni e bastonate, in particolare al volto e alla parte superiore del corpo.

 

La donna qualche settimana fa aveva deciso di troncare una relazione durata un po’ più di un anno e che sullo sfondo aveva lo spaccio e il consumo di cocaina.

Non si sa per quale motivo Mara Facchetti ha deciso di trascorrere almeno parte della serata o nottata di giovedì con lo straniero, che non ha mai accettato la sua decisione di lasciarlo.

Nel rendersi conto di cosa ha fatto El Chani prima ha cercato di strangolarsi con la sua cintura, poi ha vagato alcune ore fino a quando si è appeso con un cappio all’altalena del parco comunale di via Niga sempre ad Azzano Mella.

Il primo corpo ad essere trovato è stato il suo.

Poi è stata la volta dell’auto con le tracce di sangue e del corpo della donna.

I carabinieri, conoscendo la coppia, hanno immediatamente ricostruito i fatti.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy