BANNER-ALTO2
A+ A A-

ale5stelleCatanzaro – “Non siamo ancora usciti dell’emergenza, in Italia, nonostante siamo sulla strada giusta. Bisogna fare ancora molta attenzione ad inopportuni passi falsi, ma bisogna anche ascoltare la voce di quei calabresi che con senso di responsabilità sono rimasti al nord per aiutare tutti a superare questa emergenza, comprendendone le ragioni e pensando a soluzioni che possano soddisfare le loro giuste esigenze ma nel contempo difendendo la Calabria da possibili nuovi contagi.” Così il deputato calabrese del MoVimento 5 Stelle Alessandro Melicchio sul rientro dei calabresi, argomento che ha sollevato diverse discussioni nella nostra regione. “La Presidente Santelli, di cui capisco la necessità di pensare alla sicurezza della nostra regione, faccia uno sforzo di dialogo e di programmazione, coinvolgendo anche il Governo e i suoi esperti, nel caso, evitando chiusure totali che possono esser ancor più dannose, qualora spingano verso un rientro incontrollato e non gestibile in tutta sicurezza. Tutti insieme - continua il pentastellato - possiamo iniziare a pensare a rientri contingentati e con trasporti ferroviari ad hoc, nel rispetto del distanziamento sociale e degli accorgimenti necessari per la sicurezza di tutti, isolando e tamponando questi nostri corregionali al loro arrivo. All’esito del tampone si può provvedere ad una quarantena obbligatoria per i positivi, magari in qualche struttura organizzata appositamente per questo, lasciando gli altri in perfetta salute liberi di poter tornare all’affetto dei propri cari. Dall’altro lato il rischio - conclude Melicchio - è che i rientri ci siano comunque ma di nascosto e senza alcun controllo, generando pericoli per la salute di tutta la regione. Affrontiamo degnamente e con intelligenza questo delicato tema.”

Alessandro Melicchio

portavoce M5S alla Camera dei Deputati

Leggi tutto... 0

laz2020Vittorio Feltri - ospite della trasmissione di Rete 4 Fuori dal Coro condotta da Mario Giordano - ha detto: "Io non credo ai complessi di inferiorità, io credo che i meridionali in molti casi siano inferiori".

Francamente non mi meravigliano più di tanto le discriminazioni di Feltri, abituato a sparare odio con le sue solite uscite da fenomeno mediatico.

La gravità però la riscontro nell’atteggiamento accomodante del conduttore Mario Giordano, che con un sorrisetto da “ebetino” e senza minimamente dissentire, lascia campo libero a Vittorio Feltri e alle sue gravi e vergognose affermazioni lanciate nei confronti del Sud.

Feltri andrebbe immediatamente radiato dall’ordine dei giornalisti e bandito da tutte le TV; me lo auguro con tutto il profondo del cuore, da orgoglioso Calabrese e da italiano convinto.

Non ci sono scuse che tengano, gli italiani devono essere un popolo unito, maggiormente ora che stiamo combattendo tutti con responsabilità un nemico invisibile, che non fa certamente discriminazioni sociali.

Il meridione e tutti i calabresi NON si sentono certamente inferiori a nessuno, piuttosto, noi meridionali, ci siamo sempre prestati con grandi sacrifici a portare ricchezza e professionalità al Nord. 

Probabilmente da noi meridionali si potrebbe imparare il significato della solidarietà e dell’accoglienza, che anche in questo periodo drammatico abbiamo offerto,senza se e senza ma, al Nord.

Dalla Calabria sono andati in soccorso al Nord tanti medici e molti infermieri, e senza esitazione hanno prestato il loro servizio per salvare tante vite umane proprio al Nord.

Il Sud e in particolare la Calabria, ha accolto alcuni pazienti provenienti dal Nord in gravissime condizioni, e con grandissima professionalità li ha curati strappandoli dalla morte.

Ecco perché caro Feltri, il tuo atteggiamento è riprovevole, dovresti portare grande rispetto a quelli che chiami meridionali, anche perché tu non avrai mai l’onore di essere un uomo del Sud, per nostra fortuna!!

L’Italia non ha bisogno di gente come Vittorio Feltri, ora più che mai stiamo uniti

Leggi tutto... 0

SCUOLACoronavirus, il ministro Lucia Azzolina ha firmato ieri sera l’ordinanza attuativa del decreto legge del 6 aprile su Esami e valutazione

Cambia la composizione della commissione dell’Esame di Stato del secondo ciclo. Il ministro Lucia Azzolina ha firmato ieri sera l’ordinanza, attuativa del decreto legge del 6 aprile su Esami e valutazione, che, in ragione dell’emergenza coronavirus e dell’impatto che ha avuto sulla scuola, prevede, per quest’anno, una commissione formata da 6 commissari interni e dal presidente esterno. “In questo modo – ha spiegato il ministro – gli studenti saranno valutati da docenti che conoscono il loro percorso e quanto realmente fatto durante questo particolare anno scolastico. Vogliamo un Esame di Stato vero, serio, ma che tenga conto anche delle difficolta’ affrontate a causa dell’emergenza ancora in atto”. I presidenti saranno nominati dagli Uffici scolastici regionali, i commissari dai consigli di classe. Nella composizione della commissione si terra’ conto dell’equilibrio fra le varie discipline di ciascun indirizzo. In ogni caso, sara’ assicurata la presenza del commissario di Italiano e di uno o piu’ commissari che insegnano le discipline di indirizzo.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy