BANNER-ALTO2
A+ A A-

Tortora e Santa Maria del Cedro: sequestrate ville e appartamenti

Vota questo articolo
(0 Voti)

gdfSANTA MARIA DEL CEDRO – 20 apr. - Avevano investito nel “mattone” anche nella zona dell'alto Tirreno cosentino i fratelli Pellini, imprenditori di Acerra condannati negli anni scorsi in via definitiva per disastro ambientale, per aver inquinato terreni tra l'agro casertano e partenopeo. 

Un consistente gruppo di case e ville fra Santa Maria del Cedro e Tortora, inserito in un ampio elenco di beni mobili ed immobili, fino a raggiungere la stratosferica cifra di 220 milioni di euro che dovrebbero essere confiscati. Il tribunale di Napoli avrebbe infatti disposto la confisca dei beni, fra i quali risultano 250 fabbricati, 68 terreni, 50 tra auto e mezzi industriali, 3 elicotteri e 49 conti correnti bancari.

E' questa la conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, che l'area dell'alto Tirreno cosentino è stata sempre nel mirino di imprenditori, più o meno onesti, alcuni dei quali provenienti dalla Campania. La stessa area che, come i fatti negli anni hanno confermato, è diventata zona da sfruttare per lo spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto nei mesi estivi e nei periodi festivi, quando le seconde case, di cui è disseminato il territorio, si animano.

Nel caso del gruppo imprenditoriale “Pellini”, invece, si tratta di milioni di euro provenienti dall'attività delle società, facenti capo ai fratelli Giovanni, Cuono e Salvatore Pellini condannati, il 29 gennaio del 2015, dalla IV sezione della Corte d'Appello del Tribunale di Napoli, nel processo denominato “Ultimo atto-carosello”, a sette anni di reclusione con l'accusa di disastro ambientale colposo.

Sentenza confermata il 17 maggio 2017 dalla Corte di Cassazione.

Milioni di euro quasi tutti reinvestiti nel mattone, con case, ville, palazzi, anche nelle località turistiche tra le più rinomate con 8 appartamenti a San Felice Circeo, 10 ville a Santa Maria del Cedro, 10 case a Tortora e poi altri investimenti in città come Roma.

Nei due centri dell'alto Tirreno cosentino, gli immobili acquistati si trovano nei villaggi estivi delle due località balneari.

Case che in qualche modo venivano anche cedute in affitto per i periodi di vacanza. La confisca, da quanto si è appreso, sarebbe la conseguenza dell'attività della Guardia di finanza di Napoli che, su disposizione della sezione Misure di prevenzione del Tribunale partenopeo, il 14 febbraio 2017 aveva portato al sequestro preventivo di circa 222 milioni di euro.

Ultima modifica il Sabato, 20 Aprile 2019 17:20
Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Paola

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy