BANNER-ALTO2
A+ A A-

Si riscatta l’AC Amantea dopo la cocente sconfitta del 7 settembre a Praia dove la squadra nepetina ha perso per 2 ad 1.

Oggi 15 settembre è andata diversamente.

La squadra di Maurizio Motolese ha vinto per 2 ad 1 con l’Acri calcio.

Per Amantea hanno segnato Veltri Emanuele( Longo ) e Borrelli Antonio Francesco( Poltero ).

 

 

 L’Ac Amantea ora è settima.

E’ preceduta dal Belvedere 1963,dal Praia Tortora, dalla Juvenilia Roseto, dal Cassano Sybaris, dalla Rossanese e dal calcio Acri.

Dietro il Marina di Schiavonea, la Garibaldina, il Real Sant’Agata, il Cutro, il San Fili 1926, la Currurese, la San Marco, la Nuova Rogliano 2016 e la Promosport.

3 i gol subiti, 3 i gol fatti.

Bene ed avanti così.

Leggi tutto... 0

E’ noto a tutti che molte delle case ad ovest di Corso Umberto Primo rischiano di crollare.

Basta guardare le loro mura per scoprire profonde fenditure.

Si tratta di un grave problema di instabilità dei terreni sui quali poggiano le relative fondamenta, come emerso dalle indagini geologiche condotte anche recentemente.

 

 

 

Un problema ,invero, nato da tempo, che perdura e si aggrava sempre più.

Dopo sei anni dalla data di approvazione del progetto di consolidamento approvato con delibera n 6 del 15.1.2014 ecco finalmente la richiesta di finanziamento di 500 mila euro a valere sulla finanziaria del 2018.

La regione non ha mai risposto alle richieste analoghe avanzate dal comune.

L’amministrazione comunale, ora, intende approfittare delle disposizioni di cui al Decreto 2 agosto 2019 in base al quale i comuni da 5.000 a 25.000 abitanti possono chiedere contributi di importo non superiore ad euro 2.500.000 per opere pubbliche di messa in sicurezza di edifici e del territorio.

Quale opportunità migliore per intervenire per un problema che incide drammaticamente sulla stabilità delle abitazioni di Corso Umberto Primo e per la sicurezza dei loro abitanti?.

E, quindi, ecco la richiesta di finanziamento del progetto di consolidamento dei terreni ad ovest di Corso Umberto primo.

Tornano a sperare così gli abitanti ed i proprietari di dette abitazioni.

La speranza di una sicurezza che manca loro da troppo tempo.

Leggi tutto... 0

Sono almeno una decina di anni che il muro della sottostazione pende e rischia di cadere.

Chiunque lo avrebbe demolito e ricostruito.

Le Ferrovie, invece, lo hanno imbracato con tubi per tentare di evitare che cada.

Avranno, forse, copiato dalla Chiesa dei Gesuiti, cioè dalle ex carceri che da dieci anni sono imbracati da una fittissima intelaiatura metallica che non si sa se davvero abbia una qualche utilità visto che alcune parti orizzontali e verticali della struttura crollano miseramente.

Sembra un uomo ( o donna) che si è rotta una gamba e che dovrà essere operato ma che, nel mentre, viene ingessato.

Non è che la ingessatura basti od abbia una qualsiasi utilità.

Comunque occorrerà l’intervento chirurgico.

Non solo ma visto che comunque occorrerà ricostruirlo sembra che siano stati buttati i soldi per la cosiddetta messa in sicurezza.

Non sappiamo nemmeno se questa imbracatura sia stata assentita dal comune.

Né sappiamo se sia da considerare sicura.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy