BANNER-ALTO2
A+ A A-

ulisseE da allora io mi sono bagnato nel Poema

del Mare, infuso d’astri e lattescente,

divorando gli azzurri-verdi: dove, ondeggiamento pallido

e rapito, un perduto pensiero talvolta discende. Arthur Rimbaud

Forse la nuova tecnologia renderà più facile avere figli, oppure renderà averli meno costosi, anche se è difficile immaginare la tecnologia rendere più facile allevare tre bambini. O forse c'è una pressione sociale per la conservazione della specie o lo status sociale nell'avere molti figli. Forse le tate robotiche cambieranno tutto e avere più di due bambini diventerà di moda. Non è impossibile speculare sui modi per mantenere lo status quo. Ma anche se la popolazione globale si stabilizzasse e mantenesse un numero costante, l’umanità non sembrerebbe avere una tale esperienza che suggerisca grandi progressi provenienti da una popolazione stagnante come quella attuale. In termini retorici è sempre stato detto a tutti noi sessantottardi che attraverso il dialogo le persone sarebbero state in grado di rafforzare la resilienza dell'intera comunità a far fronte ai “poteri forti”. Quello dei poteri forti sono stati, per la generazione di chi scrive, quasi dei nemici invisibili, e subito si correva a leggere personaggi come Amedeo Bordiga fondatore e primo segretario del Partito Comunista d’Italia (sezione dell’Internazionale Comunista), oppositore intransigente dello stalinismo. A leggerlo oggi fa una certa impressione: “Se è vero che il potenziale industriale ed economico del mondo capitalistico è in aumento e non in deflessione, è altrettanto vero che maggiore è la sua virulenza, peggiori sono le condizioni di vita della massa umana di fronte ai cataclismi materiali e storici. A differenza della piena periodica dei fiumi, la piena dell’accumulazione frenetica del capitalismo non ha come prospettiva la decrescenza di una curva discendente delle letture dell’idrometro, ma la catastrofe della rotta”. E qui ricicciano i “poteri forti” e il loro grande salto avvenuto con la globalizzazione dell’economia, con la moltiplicazione delle grandi multinazionali e con la nascita di strutture sempre più importanti come le agenzie di rating di cui sentiamo parlare continuamente in televisione, che con le loro valutazioni possono determinare terremoti politici e finanziari e, soprattutto in Italia, valutare la disponibilità economica di un Paese e dunque condizionare i tassi di interesse sul debito pubblico. E, per non farci riflettere, ecco apparire Virus, spauracchio dell’intera umanità!

Gigino A Pellegrini & G el Tarik

Leggi tutto... 0

crollo-roccia-amantea-1080x671Se vedi il nostro riflesso

sulla storica collina ricoperta di massi,

beh, la frana ci porterà giù!

Oh, la frana lo farà!

La deformazione e l'instabilità del suolo rappresentano globalmente uno dei pericoli “naturali” (si fa per dire) più notevoli e diffusi in Calabria. Le frane, in particolare, sono riconosciute come uno dei rischi geologici più dannosi, per entità, impatto su infrastrutture e impianti, interventi di trasformazione dell'ambiente naturale da parte degli uomini e numero di vittime, registrando ogni anno gravi danni, in termini di costi diretti e indiretti.

Negli ultimi 50 anni, i sogni ricorrenti degli amministratori di una cittadina storica, come Amantea sulla costa tirrenica, avrebbero dovuto consigliare lor signori che, una frana in un sogno suggerisce che si dovrebbe lavorare sulla propria stabilità mentale ed emotiva e sulla propria paura del cambiamento. Hanno certamente sognato di essere sporchi, eufemisticamente, di terra, questo avrebbe dovuto indicare loro che non stavano e non stanno operando secondo principi morali. Essere ricoperti di “terra” durante una frana potrebbe significare povertà in tutti i suoi significati. Rigirarsi nella sporcizia di una frana dovrebbe essere allertante per la popolazione che ci sono intrighi e complotti contro di essa. Se poi qualche residente dovesse trovarsi lo sporco della frana entrare nella propria casa, i significati potrebbero essere due: affari sicuri o situazione disastrosa. Se poi la popolazione avverte di essere bloccata nella sporcizia proveniente da una frana, questo dovrebbe suggerire che la salute e il benessere sociale potrebbe essere in pericolo. Annegare nella sporcizia, viene lasciata alla libera interpretazione della stessa popolazione. Tornando alla realtà di questi giorni. Il potenziale del danno da frana ad un sistema viario, ad esempio, può essere valutato considerando l'esposizione delle strade a diversi livelli di pericolo di frana e la vulnerabilità delle strade, non solo, ai conseguenti danni.

Gigino A Pellegrini & G el Tarik

Leggi tutto... 0

Screenshot

Vi avevamo promesso un aggiornamento se avessimo avuto delle novità.

 

Ecco le novità, purtroppo, il furto ad Acquicella, non è stato un caso isolato, nella stessa giornata di Venerdì scorso almeno altre quattro case sono state prese di mira dai “ladri acrobati”.

In via Lava Gaenza, quindi in pieno centro città, i ladri acrobati si sono arrampicati forzando un balcone e rompendo gli infissi, arraffando tutto quello presente all’interno della cassaforte del povero malcapitato.

 

In via Monte Rosa si sono arrampicati da una canaletta sfondando il vetro di un infisso ed introducendosi nell’abitazione, solo le urla della proprietaria e della figlia, in quel momento presenti in casa, hanno messo in fuga il giovane acrobata.

 

L’ultimo furto in ordine di tempo è stato a noi raccontato nella zona di Santa Maria ad Amantea dove i ladri, che ci raccontano essere almeno in tre, si sono arrampicati come “Spiderman” passando da un balcone ad un altro introducendosi nell’abitazione del malcapitato ed arraffando preziosi ed orologi.

 

Complessivamento il valore dei furti nelle abitazioni ad Amantea, di Venerdi scorso, pare sia stimato sulle diecimila euro tra valori e contanti.

Inutile informarvi che i militari della Caserma dei Carabinieri di Amantea stanno indagando sull’accaduto, avendo anche accesso, a telecamere di sorveglianza in citta sia di privati e sia del Comune di Amantea.

 

È chiara la matrice del gesto dei furfanti, ma è chiaro anche, secondo noi, la presenza di un basista in città, che ha fornito le indicazioni necessarie su dove perpetrare i furti, di fatti ogni colpo va quasi sempre a segno.

 

E quindi è di nuovo tornata la paura ad Amantea, quello che abbiamo appreso dai denuncianti e che sembra che siano almeno in tre, tutti di giovane età, pare che comunque non siano di nazionalità italiana, almeno pare che abbiano accento straniero, dell’est europa, hanno un auto di colore scuro, pare una mercedes classe A e comunque sono presenti su tutta la costa tirrenica almeno da Paola a Gizzeria.

 

Rimane l’appello ad avere gli occhi aperti, ed a lasciare le luci accese in casa anche quando siete assenti, in modo tale da scongiurare i ladri, vi invitiamo, inoltre, con immediatezza, nel caso vediate persone sospette a contattare le forze dell’ordine, si raccomanda, infine, di non intervenire personalmente, poiché i ladri potrebbero essere armati.

 

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy