BANNER-ALTO2
A+ A A-

palestraRiceviamo e pubblichiamo

Due anni fa abbiamo trovato la palestra ed i locali annessi delle scuole Mameli in condizioni pietose a causa di atti vandalici. Praticamente inagibile. Ma non ci siamo arresi. Ci siamo armati di pazienza ed abbiamo proceduto, a nostre spese e quasi tutto a mano, al ripristino delle condizioni minime di agibilità. Nel corso dei mesi e fino a qualche giorno fa abbiamo continuato a garantire l’ordinaria manutenzione della struttura ed a fare qualche miglioria per renderla accogliente. Lo abbiamo fatto con passione perché questa piccola palestra degli anni ’70 è come la nostra seconda casa (la prima è la spiaggia J) ed è un bene comune che va tutelato in quanto rappresenta l’unica struttura del comune di Amantea dove poter praticare la pallavolo. Non abbiamo altre soluzioni. Oggi siamo ancora più contenti di resistere e garantire uno spazio di aggregazione sociale all’interno di una zona, quella del plesso scolastico Mameli, che è divenuta terra di nessuno, simbolo di inciviltà ed incuria.

Per questo desideriamo ringraziare i nostri volontari che in questi due anni si sono silenziosamente prodigati per preservare non solo un bene materiale, ma anche un presidio di aggregazione ed inclusione.

Sicuramente, non possiamo negare che un minimo di sensibilità in più verso la realtà che rappresentiamo non guasterebbe. Semplici gesti, attenzioni. E magari prodigarsi concretamente per l’apertura del Palazzetto dello Sport. Una struttura sognata da intere generazioni, ma che dopo trent’anni dal suo concepimento, purtroppo, fa ancora solo sognare.

Ma questa è un’altra “storia”. Per oggi soffermiamoci a dire grazie ai nostri volontari. Siamo certi che, al di là delle tante amarezze, il loro impegno è ripagato quotidianamente dal sorriso dei ragazzi, felici di poter schiacciare un pallone ed abbracciarsi con i compagni di squadra.

CONSIGLIO DIRETTIVO ASD BEACH&VOLLEY AMANTEA

Leggi tutto... 0

Tutti sappiamo che ad Amantea sta operando da circa sei mesi la commissione di accesso.

Quella nominata dal Prefetto Galeone e composta dal Dott. Samuele De Lucia, Viceprefetto con incarico ex art.12, comma 2 bis, D. Lgs. 139/2000, dal Ten. Col. Michele Borrelli, Comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza, dal Magg. Alfredo Ferrentino, Capo Ufficio Comando del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza.

 

Detto Organismo, ai sensi dei commi 1 e 2 dell'art. 143 del D. Lgs. n.267/2000, avrebbe dovuto porre in essere approfonditi accertamenti per verificare la sussistenza di elementi di collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori e/o dipendenti di detto Ente.

I termini sono quasi scaduti e non sono più prorogabili

Ora due sono le ipotesi.

La prima che la commissione di accesso chiuda il proprio lavoro dichiarando di non aver trovato niente.

La seconda che la commissione proponga scioglimento del consiglio comunale.

Noi pensiamo che si determini la prima delle due ipotesi.

Una ragione pratica ci spinge verso questa direzione.

Se fosse stato ipotizzabile lo scioglimento del consiglio comunale, infatti, la giunta Pizzino, fortemente in rapporto con la prefettura ed il ministero, si sarebbe probabilmente dimessa in blocco per evitare la nomina della commissione ministeriale che avrebbe retto il comune per 18 mesi prorogabili di altri 6.

Ancora pochi giorni e sapremo .

Ma riteniamo di non sbagliare.

Leggi tutto... 0

salvinoAl Commissario Regionale Cristian Invernizzi

Al Segretario Nazionale Matteo Salvini

Gentilissimi,

con la presente comunico il mio addio alla Lega. Non posso sentirmi rappresentato da un leader che tenta di annullare con l’uso costante dei social, disertando le sedi istituzionali, i presidi di democrazia che rendono l’Italia forte, unica e coesa. C’è un momento in cui la campagna elettorale deve conoscere la parola fine e lasciare il passo al confronto e alla discussione. Nella mia seppur breve permanenza non ho riscontrato nella Lega nessuno di questi elementi. Ci sono già stati esempi di “uomini soli al comando” e la storia insegna che non sono di certo questi i modelli da seguire”.

La Politica, quella autentica non può basarsi su slogan ad effetto, su post sulle reti sociali o su aperitivi consumati in spiaggia. Esiste una liturgia democratica che merita rispetto e considerazione ed esiste anche un rapporto analisi – proposta che non può essere ignorato o calato dall’alto.

Non si possono invocare “pieni poteri”: perché ciò colliderebbe frontalmente con l’egregio lavoro svolto dai nostri padri costituzionalisti che hanno espresso i desideri e la volontà di una popolazione ferita che guardava alla rinascita e allo sviluppo. Non si possono chiedere “pieni poteri”, evocando un decreto adottato dal parlamentotedesco nel 1933, che determinò l’avvio della dittatura nazista. Ciò che Papa Giovanni Paolo II definì, a ragione, il “male assoluto”. Ma nel mio addio non c’è solo una valutazione ideologica. Anche i contenuti, pochi per la verità, offerti al dibattito penalizzano le regioni del Sud e, di conseguenza, coloro che vivono queste realtà. Il regionalismo differenziato, così come concepito dalla Lega, va a toccare le fasce più povere: chi ha di più avrà sempre di più e chi ha di meno avrà sempre meno. È innegabile che questo provvedimento, basato sulla (il)legittima richiesta di autonomia da parte di tre delle più ricche regioni del Paese, penalizza i territori più poveri. Non dobbiamo dimenticare, e lo ricordiamo ogni giorno sulla nostra pelle, il divario che esiste tra l’area settentrionale e quella meridionale dello Stivale. Un divario che si evince nella sanità, nei trasporti, nella scuola, nelle politiche sociali. Per la Calabria in particolare, al danno del minore sviluppo si aggiungerà anche la beffa di vedersi ridurre i diritti di cittadinanza già precari, per via delle minori entrate fiscali dovute agli alti tassi di disoccupazione e alla fragilità del tessuto produttivo. Una prospettiva inaccettabile, come quella che negli anni 60/70, divise il mondo del lavoro in lavoratori di serie A e di serie B, che finirebbe per allargare il solco fra la parte ricca e quella meno ricca del Paese. Senza lo sviluppo del Sud per l’Italia non c’è un futuro.

Ed è proprio sulla Calabria che Matteo Salvini e la Lega hanno dimostrato una totale assenza di considerazione. Siamo alla vigilia di una competizione elettorale importante e le uniche dichiarazioni fatte su tale tema riportano testualmente: “stiamo lavorando al progetto Calabria, prima che ai nomi”. Come si può dare forma e sostanza ad un progetto senza i “nomi” di chi lo dovrà realizzare. Prima si devono individuare le persone e poi fare un programma. Se fosse vero il contrario è come costruire una casa senza un ingegnere che ne curi il progetto. Tutto verrebbe confezionato a monte: una sorta di prefabbricato strutturale di incarichi e funzioni. Andando nel merito: come si può edificare una “casa” se, ad oggi, non esiste una struttura di partito, nonostante il commissario Cristian Invernizzi sia stato nominato il 15 aprile. In quasi sei mesi le cose sono peggiorate e le divisioni sono evidenti. Ci sono persone in Calabria che avrebbero fatto molto meglio di lui. Ma le scelte dell’alto nella Lega sono quelle preferite: salvo poi chiedere a chi opera sul territorio voti e consensi che non possono essere più espressi per alimentare una macchina, ma per risolvere problemi.

                                         Il Sindaco di San Pietro in Amantea

Gioacchino Lorelli

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy