BANNER-ALTO2
A+ A A-

I Farmaci per la Prostatite Cronica Sono Efficaci?

Vota questo articolo
(1 Vota)

medicinaSecondo un’analisi scientifica esistono pochissime prove che possano confermare l’efficacia dei farmaci comunemente usati per la cura della prostatite cronica e della sindrome del dolore pelvico cronico.

L'analisi ha incluso 99 studi e 16 diversi approcci farmacologici nel trattamento di 9119 uomini con prostatite ed è stata pubblicata dalla libreria di dati di Cochrane che è una raccolta di banche dati che contengono milioni di studi indipendenti di alta qualità per aiutare i professionisti della salute nel processo decisionale sanitario. (Qui lo studio.)

Gli autori hanno trovato prove di qualità da bassa a molto bassa che alfa-bloccanti, antibiotici, finasteride, antinfiammatori, fitoterapia, iniezione di botulino intraprostatico e medicina tradizionale cinese possono causare una riduzione dei sintomi della prostatite.

Al contrario, è risultato evidente in altre pubblicazioni, che l’alimentazione, l’esercizio fisico e alcuni rimedi naturali per la prostata abbiano un significativo impatto nel miglioramento dei sintomi della prostatite.

Sono presenti comunque relativamente pochi studi per gli approcci farmacologici. Il numero più alto è quello per gli alfa-bloccanti con 24 studi. Ci sono poche prove degli effetti collaterali dei farmaci sulla disfunzione sessuale, sulla qualità della vita o sull'ansia e sulla depressione, ma sono comunque evidenziati da questa analisi esaustiva.

Sebbene di scarsa efficacia, la maggior parte delle cure farmacologiche attuate è stata ben tollerata, ad eccezione degli alfa-bloccanti associati ad un aumento più evidente degli effetti collaterali.

La prostatite cronica è un disturbo relativamente comune negli uomini in cui le due principali caratteristiche cliniche sono il dolore pelvico e i sintomi del tratto urinario inferiore. In pratica può essere debilitante e difficile da gestire.

I due autori della revisione analitica e scientifica hanno valutato indipendentemente l'idoneità degli studi analizzati dei dati estratti e hanno valutato i rischi di bias statistici solitamente presenti.

Efficacia degli approcci usati per la prostatite cronica

Ecco i risultati dettagliati di ogni tipo di approccio utilizzato comunemente nella cura della prostatite cronica.

Alfa bloccanti

farmaci alfabloccanti, detti simpaticolitici, sono farmaci che agiscono da antagonisti del sistema simpatico, cioè vanno ad inibire la sua azione eccitante. 

(24 studi, 2061 partecipanti). Non siamo sicuri degli effetti di questi farmaci sui sintomi della prostatite rispetto a farmaci placebo. Gli alfa-bloccanti possono essere associati ad una maggiore incidenza di effetti collaterali, come vertigini e ipotensione posturale.

Secondo le analisi questi farmaci probabilmente causano poca o nessuna differenza nella disfunzione sessuale, nella qualità della vita, nell'ansia e nella depressione (QoE da moderata a bassa).

Inibitori della 5-alfa reduttasi (5-ARI):

Finasteride e Dutasteride inibiscono la crescita dell'adenoma prostatico e sono utilizzati quando c'è un aumento delle dimensioni della prostata. In alcuni casi hanno dimostrato avere un'azione sinergica coi farmaci alfa-bloccanti.

(2 studi, 177 partecipanti). La finasteride probabilmente riduce i sintomi della prostatite rispetto al placebo e non può essere associato a una maggiore incidenza di effetti collaterali. In questa analisi non ci informazioni sulla disfunzione sessuale, sulla qualità della vita o sull'ansia e sulla depressione, ma un altro studio ne evidenzia gli effetti sulla sessualità. (Qui lo studio).

Antibiotici

Gli antibiotici sono farmaci utilizzati per curare le infezioni batteriche. Solitamente sono in grado di uccidere i batteri stessi e di prevenire la diffusione all’interno dell’organismo. Purtroppo difficilmente questi antibiotici arrivano agli acini ghiandolari della prostata.

(6 studi, 693 partecipanti). Gli antibiotici possono ridurre i sintomi della prostatite rispetto al placebo e probabilmente non sono associati ad una maggiore incidenza di effetti collaterali. Gli antibiotici probabilmente causano poca o nessuna differenza nella disfunzione sessuale e nella qualità della vita (QoE moderata). Non ci sono informazioni sull'ansia o sulla depressione.

Antinfiammatori:

Gli antinfiammatori sono farmaci che agiscono riducendo l’infiammazione in atto in una particolare area del corpo. Spesso sono prescritti per la prostatite quando i dolori sono forti.

(7 studi, 585 partecipanti). Gli antinfiammatori possono ridurre i sintomi della prostatite rispetto al placebo e non possono essere associati a una maggiore incidenza di effetti collaterali ( QoE basso). Non c'erano informazioni sulla disfunzione sessuale, sulla qualità della vita o sull'ansia e sulla depressione.

Fitoterapia:

Sebbene l'efficacia di questi estratti vegetali non sia mai stata dimostrata ufficialmente dalla medicina ufficiale, in alcuni paesi come la Germania, la Francia e l'Italia, le ricerche suggeriscono che alcune sostanze possano avere effetti benefici. Tra queste la Serenoa repens è il più utilizzato.

(7 studi, 551 partecipanti) La fitoterapia può ridurre i sintomi della prostatite rispetto al placebo (punteggi NIH ‐ CPSI MD -5,02, IC 95% da -6,81 a -3,23) e non può essere associato a una maggiore incidenza di effetti collaterali (bassa QoE ). La fitoterapia potrebbe non migliorare la disfunzione sessuale (bassa QoE). Non ci sono informazioni sulla qualità della vita o sull'ansia e sulla depressione.

Tossina botulinica A (BTA) e iniezione intraprostatica di BTA

La tossina botulinica viene utilizzata ampiamente dai chirurghi estetici per togliere le rughe e dallo specialista neurologo per combattere le paralisi ipertoniche. E’ utilizzata anche in campo urologico nei casi di iperplasia prostatica.

(1 studio, 60 partecipanti) può causare una forte riduzione del sintomo della prostatite (punteggi NIH ‐ CPSI MD −25.80, IC al 95% da −30.15 a −21.45), mentre i muscoli del pavimento pelvico L'iniezione di BTA (1 studio, 29 partecipanti) potrebbe non ridurre i sintomi della prostatite (bassa QoE). Entrambi i confronti hanno utilizzato un'iniezione di placebo. Questi interventi potrebbero non essere associati ad una maggiore incidenza di effetti collaterali (bassa QoE). Non ci sono informazioni sulla disfunzione sessuale, sulla qualità della vita o sull'ansia e sulla depressione.

Medicina tradizionale cinese (MTC):

La medicina cinese utilizza tradizionalmente formule contenenti miscele di erbe per il trattamento di vari problemi di salute.

(7 studi, 835 partecipanti); La MTC può ridurre i sintomi della prostatite e non può essere associata a una maggiore incidenza di eventi avversi (QoE basso). La MTC probabilmente non migliora la disfunzione sessuale (QoE moderata) e potrebbe non migliorare i sintomi di ansia e depressione (QoE bassa). Non ci sono informazioni sulla qualità della vita.

Conclusioni degli autori sull’Analisi Scientifica

Abbiamo trovato prove di qualità da bassa a molto bassa che alfa-bloccanti, antibiotici, 5-ARI, anti-infiammatori, fitoterapia, iniezione intraprostatica di BTA e medicina tradizionale cinese possono causare una riduzione dei sintomi della prostatite senza una maggiore incidenza di effetti collaterali nel breve termine, ad eccezione degli alfa-bloccanti che possono essere associati ad un aumento di questi ultimi.

Abbiamo trovato pochi studi con comparatori attivi e poche prove degli effetti di questi farmaci sulla disfunzione sessuale, sulla qualità della vita o sull'ansia e sulla depressione.

I futuri studi clinici dovrebbero includere un rapporto completo dei metodi utilizzati, inclusa una valutazione coerente di tutti i risultati importanti per il paziente, inclusi potenziali rischi correlati al trattamento e dimensioni dei campioni appropriati.

Clicca qui per ricevere maggiori informazioni su come risolvere o alleviare i sintomi della prostata.

Ultima modifica il Domenica, 02 Agosto 2020 18:31

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy