BANNER-ALTO2
A+ A A-

tempoRiceviamo e pubblichiamo la nota di Giusy Perna che contesta il ritardo dell'amministrazione nella redazione del bando   convenuto con la associazione commercianti e con gli albergatori.

Un ritardo oggettivamente inaccettabile, un ritardo dovuto ad un apparato in insufficiente ma anche ad una giunta distratta e che non è in grado di avere le necessarie risposte per essere rispettata dai cittadini.

Nel pomeriggio di ieri abbiamo partecipato alla riunione indetta dall’assessore Veltri con le associazioni del territorio. Abbiamo ancora una volta chiesto delle risposte sull’imposta di soggiorno. L’assessore ha motivato il ritardo e la mancata preparazione del bando con l’impegno profuso dei competenti uffici nella presentazione del bilancio pareggiato. A dire il vero, a dicembre, quando l’assessore assunse questo impegno, sapeva già che sarebbero stati impegnati con il bilancio ma disse che avrebbero agito subito e che la realizzazione dei progetti sarebbe stata immediata. Inoltre crediamo che, con una delibera già uscita, il 24 dicembre, per preparare questo relativo bando occorrano 2, forse 3, ore di lavoro, non di più. Tempo che, nonostante gli impegni presi, non è stato evidentemente trovato. Sempre ieri però, l’Assessore VELTRI, coadiuvata dall’Assessore Ferraro, ha assunto un nuovo impegno, ci ha fatto una nuova promessa, davanti al Sindaco, il vice Sindaco e tutti i presenti. Entro la metà di aprile il bando sarà pronto! Ci sono ancora 528 ore a disposizione, ora più ora meno. Siamo sicuri che stavolta queste 3 ore di lavoro necessarie alla creazione di questo bando ancora più necessario, verranno finalmente trovate.

camposportivo“Il Bando per l’affidamento di gestione dell'impianto sportivo F.Ciaccio è stato pubblicato” . Ad annunciarlo è stato direttamente l’assessore allo sport e al turismo del comune di Scalea, Eugenio Orrico, che ha specificato le motivazioni per cui l’amministrazione comunale ha scelto di concedere la struttura a società sportive specializzate nel settore, capaci di valorizzare e riprendere la struttura ferma da anni. “ La scelta di concedere a società comprovate nell’ambito dello sport, il Francesco Ciaccio, - ha detto l’assessore Orrico,- è dettata dalla necessità di riprendere la struttura attraverso investimenti privati, essendo il comune, in qualità di Ente proprietario, sprovvisto di risorse finanziare proprie per tentare ristrutturazioni a breve periodo. La concessione prevista per 10 anni, - ha continuato Orrico,- permette alle società private interessate di investire in settori chiave per lo sviluppo di discipline sportive che abbracciano, non solo il calcio, ma anche federazioni CONI di atletica e aggregazioni di promozione sociale, anche amatoriali, di natura culturale e integrativo. Auspico perciò, - ha detto Orrico, che a partecipare al bando visibile su www.comune.scalea.cs.it , cosi come previsto dalle finalità dell’avviso reso noto alla cittadinanza, siano più società di professionisti dello sport, di qualsiasi tipo di disciplina CONI, in modo che si possa lavorare in sinergia per puntare alla immediata valorizzazione e ristrutturazione della struttura in tempi brevi. Come già detto, l’Ente apre e spera che le iniziative private, opportunamente guidate, possano raggiungere obiettivi di crescita, cosi come già di esempio sono altre strutture e realtà sportive presenti nel panorama nazionale. Abbiamo la necessità, - ha concluso l’assessore allo sport,Eugenio Orrico,- di rilanciare il territorio. Sono convinto che una volta raggiunto un accordo per recuperare la piscina comunale adiacente e affidato lo stadio comunale “Ciaccio”, spero che quell’area diventi il polo sportivo di eccellenza di Scalea e della nostra Regione”.

Scalea lì 28/12/2016

Per la stampa

Antonio Pappaterra

Pubblicato in Alto Tirreno

5stelleL’assessore ammette il pasticcio burocratico, ma non intende concedere proroghe. Perché?

 

Rende (CS) – Sul bando del Centro Anziani avevamo espresso un giudizio preciso: la gestione è stata un “pasticciaccio” di quelli che non dovrebbero mai accadere. Soprattutto quando si conosceva “bene il livello di polemica politica che questo argomento avrebbe suscitato a Rende”, come ha precisato l’assessore Bozzo in risposta alla nostra nota. E non poteva essere altrimenti, dopo lo scontro in Consiglio su un argomento così delicato, che vede la completa privatizzazione di servizi socio-assistenziali importantissimi.

 

Ma che si è trattato di un pasticciaccio lo precisa anche l’assessore quando spiega che “per un errore di procedura da parte di un operatore gli uffici competenti hanno ritenuto necessaria la ripubblicazione in evidenza”.

Non dice il vero l’assessore quando afferma che il bando “è stato sempre visibile nella sezione “Bandi” e in quella “Archivio” dell’Albo pretorio”. Ripercorrendo all’indietro questa vicenda abbiamo ricostruito i fatti e sappiamo per certo che dal 18 al 27 dicembre l’avviso del bando è letteralmente sparito dalla sezione “Bandi” dell’Albo Pretorio, venendo confidato nella sezione “Archivio”.

E già qua si nota un prima irregolarità, evidentemente causata da errore umano, che pone un primo dubbio sulla legittimità del bando che non ha ricevuto quella pubblicità sul sito dell’ente che avrebbe invece meritato.

 

E poi l’altro pasticcio, cioè l’avviso pubblico datato 4 gennaio, con cui si rende noto che la PEC comunicata, unico e solo strumento da utilizzare per prenotare il sopralluogo, era sbagliata.

Questi sono i fatti incontrovertibili, e se uno o più sbagli potevano essere giustificati tramite la revoca del bando con successiva ripubblicazione o semplicemente allungano i termini di scadenza per dare la giusta opportunità di partecipazione a più ditte, non è accettabile perseverare nell’errore e cercare di difendere l’indifendibile come fa l’assessore.

Nessuna dietrologia, da parte nostra. Abbiamo soltanto evidenziato palesi errori procedurali chiedendo al sindaco Manna di porre rimedio. Una proroga dei termini di scadenza, unica soluzione che avrebbe evitato, questo sì, facili dietrologie e soprattutto non avrebbe favorito nessuno, se non l’ente che dirige per conto dei cittadini rendesi.

Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Rende

Pubblicato in Comunicati
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy