BANNER-ALTO2
A+ A A-

La sanità in calabria : quali le bugie, quali le verità?

Vota questo articolo
(0 Voti)

Pietro Bellan toni su “Il Corriere della Calabria” pubblica il seguente articolo dal titolo “ La Calabria è la regione più malata d'Italia

Nell’articolo sostiene che “La Calabria è la regione più malata d'Italia.

Oltre 200mila tra i suoi abitanti hanno rinunciato a curarsi. Rassegnati, quasi fatalisti.

La Calabria è ultima in fatto di efficienza sanitaria.

La Calabria, come detto, è il fanalino di coda.

Lo dice l'ultimo rapporto di Demoskopika secondo il quale

mette in evidenza dati allarmanti e una classifica che, in fondo, non stupisce affatto l’ Indice di performance sanitaria (Ips) non lascia scampo, anche perché muove i suoi passi da criteri oggettivi, come:

1. la soddisfazione sui servizi sanitari;

2. la mobilità attiva;

3. quella passiva;

4. le liste d'attesa:

5. la spesa sanitaria; le famiglie impoverite a causa dei costi sanitari.

Nel 2013, in Calabria oltre 50mila famiglie sono state costrette ad affrontare spese socio-sanitarie «catastrofiche», pari al 6,3% delle famiglie residenti, a fronte di una media italiana del 3,2%.

Sono stati invece circa 15mila i nuclei familiari che sono piombati al di sotto della soglia di povertà a causa delle spese sanitarie out of pocket.

Ma il dato più preoccupante riguarda forse i 227mila calabresi che hanno rinunciato a curarsi: 170mila per motivi economici, 37mila a causa delle lunghe liste d'attesa per l'accesso alle prestazioni, 6mila per l'impossibilità di assentarsi dal lavoro, 4mila per paura delle cure, 6mila in attesa di risoluzione spontanea del problema e 4mila per altri motivi.

La Calabria ottiene il punteggio più basso (5,3) per le liste di attesa: sono stati 37mila i residenti "rinunciatari".

A seguire la Puglia (5,8) e Sardegna (7,4).

Tempi d'attesa significativamente più bassi per Trentino (100 punti), Lombardia (69 punti), Umbria (54,8 punti) e Liguria (45,6 punti).

Nel 2014 la spesa sanitaria corrente in tutta Italia, calcolata al netto della mobilità passiva, è stata di circa 113 miliardi di euro, pari a 1.854 euro pro-capite.

La spesa più performante si è verificata in numerose regioni del Sud:

in testa la Campania, con una spesa sanitaria per residente di 1.655 euro (100 punti),

la Sicilia con 1.684 euro (98,3 punti) e

la Calabria con 1.697 euro (97,6 punti).

L'altra faccia della medaglia ha visto primeggiare negativamente il Trentino Alto Adige con una spesa sanitaria per cittadino pari a 2.182 euro (75,9 punti), il Molise con 2.101 euro (78,8) e la Liguria con 2.028 euro (81,6 punti).

La Calabria è il "caso-limite", le realtà regionali "sane" sono in tutto sette. Cinque, invece, sono "influenzate", otto proprio "malate".

In testa alla classifica, con il più alto indice di performance, si collocano il Trentino Alto Adige (462,2 punti), seguito dalla Lombardia (445,1 punti) e dal Lazio (443,1 punti).

In coda la Calabria (197,8 punti), preceduta da Puglia (233,6 punti) e Sicilia (242,2 punti).

Le migliori perfomance al Nord, con ben cinque regioni, due per il Centro. Sul versante opposto, i peggiori piazzamenti si registrano nell'intero Mezzogiorno.

Sui risultati hanno pesato in chiave positiva per il Trentino Alto Adige i due primi posti ottenuti nelle classifiche parziali della soddisfazione dei servizi sanitari e della rinuncia a curarsi a causa delle lunghe liste d'attesa.

È il Molise (100 punti) a guadagnarsi la prima posizione della graduatoria parziale relativa alla mobilità attiva. L'indice di "attrazione", infatti, è pari al 26,7%.

Situazione opposta per la Sardegna (5,4 punti) con un rapporto tra i ricoveri in regione dei non residenti sul totale dei ricoveri erogati pari all'1,4%.

In valori assoluti – ma anche questa non è una novità – sono principalmente le regioni del Nord a ricevere il maggior numero di pazienti non residenti.

In questa direzione le realtà più attrattive sono la Lombardia (144mila ricoveri extraregionali), l'Emilia Romagna (109mila), il Lazio (83mila), la Toscana (67mila) e il Veneto (55mila).

Sono i lucani a optare, in maniera più rilevante rispetto agli altri, di curarsi in strutture sanitarie fuori dai confini regionali. La Lombardia, con il 4,6%, registra invece il rapporto minore di ricoveri fuori regione.”

Suggeriamo a Pietro Bellantoni di parlare con i dirigenti della sanità calabrese i quali ci dicono che le cose vanno bene e che noi detrattori raccontiamo bugie .Un po’ come succedeva durante la seconda guerra mondiale quando la propaganda fascista raccontava la sua verità negando la verità.

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy