BANNER-ALTO2
A+ A A-

calabria geoCatanzaro – “Le forze di opposizione continuano nella loro opera di sciacallaggio sulle misure che stiamo approntando in questa emergenza, invece di collaborare con il governo. Anche in Calabria, e sappiamo quanto la situazione della sanità calabrese sia allarmante, la Presidente di regione dalle sue pagine social si permette di criticare una misura sacrosanta concordata con l'Anci, quindi con i comuni italiani, dunque anche con quelli calabresi. Se ne potrebbe tranquillamente fare a meno di certe polemiche dato che alle persone che ne hanno bisogno interessa che questi aiuti arrivino, più che il modo con il quale il governo trova i fondi”. Così afferma il deputato calabrese del MoVimento 5 Stelle Alessandro Melicchio, che ricorda tutti i provvedimenti approvati. “Per fare chiarezza sui 400 milioni destinati alle famiglie tramite i servizi sociali dei comuni, sono stati previsti bonus spesa di 300 euro a famiglia. Saranno così raggiunte 1 milione e 333 mila famiglie. Altre 2,5 milioni di persone sono aiutate dal Reddito di Cittadinanza, mentre altri saranno aiutati con i 600 euro per partite Iva, collaboratori, artigiani, commercianti, agricoli, lavoratori dello spettacolo, stagionali e per i professionisti grazie al fondo di ultima istanza. I dipendenti pubblici vengono pagati normalmente come i pensionati prenderanno ancora la pensione, mentre abbiamo previsto la cassa integrazione per i dipendenti privati delle ditte in difficoltà. Stiamo pensando al reddito di emergenza per tutti gli altri, per chi non ha altri fonti di reddito ed è ancora fuori dai 600 euro, quelli del lavoro grigio, precario, irregolare, intermittente. Tutte persone etichettate come furbetti del reddito di cittadinanza o fannulloni dal centrodestra fino a poco prima dell’emergenza.” Il parlamentare 5 stelle rimarca i disastri del centrodestra per quanto riguarda la gestione della sanità in Calabria. “La Santelli farebbe bene a preoccuparsi del tanto che c’è da fare nella nostra regione e delle faide interne alla sua stessa maggioranza, che non si fermano neanche in questi tempi di emergenze, sperando non emuli l’ultimo Presidente di centrodestra della nostra Regione che ricordiamo per aver tagliato 18 ospedali su 60 in Calabria. Dio solo sa - conclude Melicchio - quanto sarebbero venuti utili in questa difficilissima situazione”.

Alessandro Melicchio

portavoce M5S alla Camera dei Deputati

Pubblicato in Calabria

ITALIARoma – “Il Sud deve diventare sinonimo di eccellenza ma per farlo bisogna iniziare dall’Università e dalla Ricerca. Non è un caso se oggi il 26,4% dei diplomati del Sud e delle Isole ha conseguito la laurea in università del Centro e del Nord, e anche il 90% dei laureati provenienti dall'estero, ha scelto un ateneo del Centro-Nord: al contrario, è il risultato di un lungo processo che ha portato i governi precedenti a tagliare gli stanziamenti per il fondo ordinario e a redistribuirlo in parti diseguali tra gli atenei”. Così Alessandro Melicchio, deputato del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura, durante l’audizione del ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, sui divari territoriali per l’istruzione.
“Occorre ragionare su come far aumentare il numero di studenti iscritti nelle università del Sud e, di conseguenza, aumentare il numero di docenti, rivedendo, ad esempio, i parametri su cui si determina la ‘virtuosità’ o meno degli atenei. Oggi, la ‘virtù’ di un’università significa semplicemente avere studenti più benestanti e tassarli il più possibile”, prosegue il deputato.
“Con le ultime due leggi di bilancio si è cercato di invertire la tendenza per quanto riguarda il finanziamento; tra le varie misure adottate, sono stati anche stanziati 16 milioni in più per ridurre il numero degli studenti cosiddetti ‘idonei senza borsa’ e nel decreto Milleproroghe è stato presentato un piano straordinario per l’assunzione di 1600 ricercatori e per la progressione di circa 1000 aspiranti al ruolo di professori di II fascia. In Parlamento, inoltre, lavoriamo alla proposta di legge per modificare il sistema di reclutamento dei nostri ricercatori all’insegna di trasparenza e meritocrazia”.
“Ormai è noto a tutti che investire in formazione e ricerca ha un impatto positivo anche in termini di Pil, oltre che per lo sviluppo sociale del Paese: dobbiamo dunque procedere con ancora più convinzione nella direzione intrapresa, individuando anche diversi criteri di ripartizione delle risorse economiche e di personale. Il perdurare di questo squilibrio tra Nord e Sud fa male all’Italia intera”, conclude Melicchio.

Nella sua risposta il Ministro per il Sud ha ricordato l'importanza dell'Università della Calabria nel suo ruolo di attivatore di processi di sviluppo.
https://www.facebook.com/alexmelicchio/videos/188752109098772

Alessandro Melicchio

portavoce M5S alla Camera dei Deputati

Pubblicato in Italia

sportCatanzaro – “Vogliamo potenziare il rilancio dei territori e garantire impianti e spazi per i giovani, assicurando vitalità e benessere ai cittadini. È stata pubblicata da poco la graduatoria degli assegnatari del bando ‘Sport e Periferie’ e per la Calabria verranno destinati 3 milioni e 613 mila euro per realizzare interventi edilizi per l’impiantistica sportiva.” Questo è l’annuncio del deputato calabrese del M5S Alessandro Melicchio, componente della Commissione Cultura. “I comuni calabresi interessati sono quelli di Belsito, Bonifati, Longobardi, Lungro, Mottafollone, San Vincenzo La Costa e Santa Maria del Cedro in provincia di Cosenza, Cortale in provincia di Catanzaro, Crucoli in provincia di Crotone e Zambrone in provincia di Vibo Valentia. Questi fondi - continua il parlamentare pentastellato - saranno destinati, in particolare, al recupero e alla riqualificazione degli impianti esistenti. Il bando, infatti, individua come finalità il potenziamento dell’agonismo, lo sviluppo della relativa cultura, la rimozione degli squilibri economico-sociali e l’incremento della sicurezza urbana. Avevamo la necessità di dare un segnale immediato sul territorio, in particolar modo in quelle zone particolarmente periferiche e abbandonate finora. È non è finita qui - conclude Melicchio - perché a breve verrà pubblicato il nuovo bando in cui saranno messi a disposizione somme per un importo superiore a 150 milioni di euro. Rigenerare e completare gli impianti sportivi situati in aree svantaggiate e zone periferiche riveste un’importanza particolare per aiutare i giovani, grazie alla cultura dello sport, a superare il senso di abbandono e a sentirsi partecipi di progetti di vita collettivi. Interventi come questo possono ridurre le differenze di opportunità sociali ed è nostra intenzione continuare a puntare sulla straordinaria valenza educativa dello sport, per dare la possibilità ai nostri giovani di poter fare scelte alternative a stili di vita malsani e comportamenti devianti.”

Alessandro Melicchio

portavoce M5S alla Camera dei Deputati

Pubblicato in Calabria

fotoMelicchioCOSENZA – “Come avevamo purtroppo previsto siamo arrivati a maggio e l’amministrazione Occhiuto non è stata ancora capace di organizzare alcuna rappresentazione lirica al Rendano. Avevamo cercato di spronare il Sindaco e l’assessore alla Cultura Santelli per far mantenere il teatro cittadino come quel punto di riferimento fondamentale per la provincia cosentina e per l'intera regione sulle attività culturali, con una specifica vocazione operistica, come è sempre stato in passato. Ma a nulla è servito anche il contributo governativo destinato all’avvio della stagione lirica al Rendano, con la cifra destinata a Cosenza innalzata a 89mila euro dai 78mila previsti inizialmente.” Così il deputato M5S della Commissione Cultura Alessandro Melicchio, che torna sull’utilizzo dei fondi stanziati dal Mibac e sulla mancanza, ad oggi, della stagione lirica a Cosenza, questione da lui sollevata già qualche mese fa. “Il Rendano è un teatro di tradizione fin dal 1976, con gran vanto per la città di Cosenza, ma per l’inefficienza dell’amministrazione Occhiuto è stato inserito nelle liste dei teatri lirici ordinari, per quanto riguarda i finanziamenti statali, proprio a causa della mancanza di una programmazione decente, con una conseguente e drastica diminuzione sui fondi da richiedere per il futuro. Mi chiedo se l’assessore alla Cultura Santelli non voglia valutare la possibilità di rassegnare le proprie dimissioni, visto l’evidente fallimento. Mi chiedo anche perché il Comune di Cosenza continui a pagare l’inutile figura della delegata alla cultura del primo cittadino, Eva Catizone. Ad ottobre dello scorso anno erano state proprio l’assessore e la delegata alla cultura, ad aver assunto pubblicamente, nei confronti della cittadinanza, l’impegno del lancio della stagione lirica al Rendano, insieme allo stesso Sindaco e al dirigente alla cultura di palazzo dei Bruzi Giampaolo Calabrese. Siamo a maggio e nulla si sa più delle opere che avrebbero dovute essere rappresentate con dei partenariati internazionali e con l’uso delle tecnologie multimediali, per come erano state annunciate. L’amministrazione Occhiuto – conclude Melicchio – dovrebbe dar conto alla città di quanto non è stato fatto e l’assessore Santelli dovrebbe assumere le proprie responsabilità e rassegnare le dimissioni.”

Alessandro Melicchio
portavoce M5S alla Camera dei Deputati

--

Pubblicato in Cosenza

movimento-5-stelle-m5sCOSENZA – “Grazie alla norma fortemente voluta dal Ministro Riccardo Fraccaro nel decreto Crescita è previsto lo stanziamento di 23 milioni e 180 mila euro per i comuni calabresi destinati a finanziare opere per il risparmio energetico negli edifici pubblici e per consentire l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Inoltre i Comuni potranno utilizzare i fondi anche per la messa in sicurezza degli edifici pubblici. Infine, si potranno finanziare progetti per la mobilità sostenibile e per l’abbattimento delle barriere architettoniche.” Lo annuncia con soddisfazione il deputato calabrese del M5S Alessandro Melicchio che spiega come verranno ripartiti i fondi. “Gli stanziamenti sono differenziati tra i comuni per fasce di popolazione e si va dai 210mila euro per Reggio Calabria, che supera i 100mila abitanti, ai 170mila di Catanzaro, Cosenza e Crotone e gli altri comuni che superano i 50mila abitanti, ai 130mila di Vibo Valentia e agli altri con più di 20mila residenti, fino ai 90mila per i comuni sotto i 20mila abitanti, ai 70mila sotto i 10mila e 50mila per i comuni sotto i 5mila abitanti. In totale andranno 4 milioni e 380mila euro per la provincia di Catanzaro, 8 milioni 680mila per quella di Cosenza, 5 milioni e 730 per la città metropolitana di Reggio Calabria, 2 milioni e 700mila euro per la provincia di Vibo Valentia e 1 milione 690 per quella di Crotone.” Il parlamentare 5 stelle chiarisce anche le modalità di attuazione del finanziamento “Operativamente ogni singola amministrazione potrà finanziare una o più opere pubbliche a condizione che esse non abbiano già ottenuto finanziamenti e siano aggiuntive rispetto a quelle già programmate. Il contributo sarà corrisposto in due quote di pari importo. La prima sarà a titolo di anticipazione, mentre la seconda sarà erogata come saldo con le procedure previste dal Fondo Sviluppo e Coesione 2014-20, sulla base di specifiche richieste avanzate dal Mise e dopo l’esito positivo dell’istruttoria avanzata dal ministero. Le opere dovranno essere avviate dai comuni entro il 15 ottobre 2019. Con il Movimento 5 Stelle il Governo è tornato ad investire sugli enti locali dopo anni di tagli e politiche di austerity che li ha messi in ginocchio. Ripartire dai comuni – conclude Melicchio – significa ripartire dalle esigenze dei cittadini e dare un nuovo impulso alla crescita della nostra Regione.”
 
Alessandro Melicchio
portavoce M5S alla Camera dei Deputati
Pubblicato in Calabria

redditoCOSENZA – “I numeri della nostra regione ci confermano un’ottima partenza per quanto riguarda il reddito di cittadinanza e quota 100. Secondo le stime Inps sono 144 mila i cittadini calabresi in difficoltà, potenziali beneficiari di quell’aiuto essenziale per recuperare un po' di dignità e ricostruire il proprio futuro con la formazione e il lavoro: 50.000 nella provincia di Cosenza, 37.000 in provincia di Reggio Calabria, 27.300 in quella di Catanzaro, 19.500 in provincia di Crotone e 10.000 nel Vibonese. Sono 3.336 invece i calabresi che hanno già fatto domanda per andare in pensione con Quota 100, nella nostra regione, secondo i dati aggiornati al 5 marzo.” Così il deputato del Movimento 5 Stelle Alessandro Melicchio che esprime soddisfazione per i numeri registrati in Calabria. “Per quota 100 abbiamo 1.274 domande nella provincia di Cosenza, 731 in provincia di Catanzaro, 827 in quella di Reggio Calabria, 270 in provincia di Crotone e 234 in quella di Vibo Valentia. Sono contento di queste cifre perché produrranno effettivi positivi non soltanto per i lavoratori che potranno finalmente andare in pensione a 62 anni con 38 di contributi ma anche per tutti i giovani che si avvicinano al mondo del lavoro. Troppo a lungo validi professionisti sono rimasti ai margini per assenza di turnover, nella nostra regione. Ricordo che il Governo ha previsto anche un’Opzione Donna che permetterà già nel 2019 di andare in pensione alle lavoratrici dipendenti nate entro fine 1960 e alle autonome classe 1959.” Il parlamentare pentastellato passa poi ad elencare i dati del Reddito di Cittadinanza. “Già il primo giorno ci sono state 1.810 richieste in Calabria e sono 114.286 le domande pervenute a Poste italiane nei primi tre giorni di avvio del reddito di cittadinanza per quanto riguarda tutto il nostro Paese, di cui 95.994 presso gli uffici postali e 18.292 online. Dal 15 aprile l'Inps provvederà a rendere disponibili i primi esiti istruttori delle domande e dal 19 inizierà a consegnare le rdc card. Entro la fine del mese saranno pagate le rate del primo mese. La legge cardine del programma del Movimento 5 Stelle oggi è realtà e milioni di poveri e disoccupati non saranno più soli, lo Stato tende loro la mano. La soddisfazione è enorme e ogni italiano dovrebbe gioire di questo provvedimento che è una misura di civiltà e di giustizia sociale e magari, riconoscendone la complessità, tifare affinché incontri meno ostacoli possibili. Ancora una volta sono stati sbugiardati i catastrofisti – conclude Melicchio – quelli che puntavano al caos. Le operazioni invece si sono svolte senza intoppi e noi siamo sempre più orgogliosi di questi altri tasselli che miglioreranno la qualità della vita delle persone“.
 
Alessandro Melicchio
portavoce M5S alla Camera dei Deputati
Pubblicato in Calabria
wifiCOSENZA – “Da oggi parte il progetto ‘Piazza Wifi Italia’ del Ministero dello Sviluppo Economico: un’occasione unica per tutti i piccoli Comuni italiani, con popolazione inferiore a 2.000 abitanti, per superare l’isolamento digitale e fermare lo spopolamento.” Così il deputato calabrese del Movimento 5 Stelle Alessandro Melicchio presentando la nuova iniziativa del Governo. “Per il progetto sono stati stanziati 45 milioni di euro che permetteranno di realizzare aree wi-fi gratuite su tutto il territorio nazionale. In particolare, in Calabria, saranno 186 i piccoli comuni che potranno fare richiesta di punti wifi direttamente online, registrandosi sulla nuova piattaforma web accessibile dal sito wifi.italia.it.  Mettiamo a disposizione connettività gratuita per tutti i cittadini, per i turisti e per le imprese. Questo significa più informazioni, più libertà, più democrazia. E significa dare la possibilità a territori in difficoltà, come i piccoli comuni della nostra regione, di rinascere.” Il parlamentare 5 stelle spiega poi come i lavori di sviluppo della rete su tutto il territorio nazionale siano stati già affidati con un decreto del Mnistro Luigi Di Maio. “Saranno 70 i piccoli comuni della provincia di Cosenza ad essere interessati da questa opportunità, 38 in provincia di Catanzaro, 45 nell’area metropolitana di Reggio Calabria, 24 in provincia di Vibo Valentia e 9 in provincia di Crotone. Continuiamo a sostenere la crescita e lo sviluppo tecnologico in ogni area del Paese, - conclude Melicchio - nell’ottica della creazione di una vera Smart Nation”
 
 
Alessandro Melicchio
portavoce M5S alla Camera dei Deputati
 
Elenco dei primi comuni calabresi interessati dal progetto “Piazza Wifi Italia”:
 
Provincia di Cosenza: Acquaformosa, Acquappesa, Aiello Calabro, Aieta, Albidona, Alessandria del Carretto, Altilia, Belsito, Bianchi, Bocchigliero, Calopezzati, Caloveto, Campana, Canna, Carpanzano, Castroregio, Cellara, Cervicati, Cerzeto, Civita, Cleto, Colosimi, Cropalati, Domanico, Falconara Albanese, Figline Vegliaturo, Grimaldi, Guardia Piemontese, Laino Castello, Lappano, Maierà, Malito, Malvito, Mangone, Marzi, Mongrassano, Montegiordano, Mottafollone, Nocara, Orsomarso, Paludi, Panettieri, Papasidero, Paterno Calabro, Pedivigliano, Piane Crati, Pietrafitta, Pietrapaola, Plataci, Roseto Capo Spulico, Rota Greca, San Basile, San Benedetto Ullano, San Cosmo Albanese, San Donato di Ninea, San Giorgio Albanese, San Lorenzo Bellizzi, San Martino di Finita, San Nicola Arcella, San Pietro in Amantea, Sangineto, Santa Caterina Albanese, Santa Domenica Talao, Sant'Agata di Esaro, Santo Stefano di Rogliano, Scala Coeli, Scigliano, Serra d'Aiello, Terravecchia, Vaccarizzo Albanese.
 
Provincia di Catanzaro: Albi, Amaroni, Amato, Andali, Argusto, Belcastro, Caraffa di Catanzaro, Carlopoli, Cenadi, Centrache, Cerva, Cicala, Conflenti, Fossato Serralta, Gagliato, Isca sullo Ionio, Jacurso, Magisano, Marcedusa, Martirano, Martirano Lombardo, Miglierina, Montauro, Motta Santa Lucia, Olivadi, Palermiti, Petrizzi, San Floro, San Mango d'Aquino, San Pietro Apostolo, San Sostene, San Vito sullo Ionio, Sellia, Sorbo San Basile, Soveria Simeri, Torre di Ruggiero, Vallefiorita, Zagarise.
 
Città metropolitana di Reggio Calabria: Agnana Calabra, Antonimina, Bagaladi, Bivongi, Bova, Bruzzano Zeffirio, Calanna, Camini, Candidoni, Canolo, Caraffa del Bianco, Cardeto, Casignana, Ciminà, Cosoleto, Feroleto della Chiesa, Ferruzzano, Fiumara, Galatro, Giffone, Laganadi, Maropati, Martone, Melicuccà, Pazzano, Placanica, Portigliola, Riace, Roccaforte del Greco, Roghudi, Samo, San Giovanni di Gerace, San Pietro di Caridà, San Procopio, San Roberto, Santa Cristina d'Aspromonte, Sant'Agata del Bianco, Sant'Alessio in Aspromonte, Sant'Ilario dello Ionio, Santo Stefano in Aspromonte, Scido, Serrata, Staiti, Stignano, Terranova Sappo Minulio.
 
Provincia di Vibo Valentia: Arena, Brognaturo, Capistrano, Dasà, Filandari, Filogaso, Francavilla Angitola, Francica, Mongiana, Monterosso Calabro, Nardodipace, Parghelia, Pizzoni, Polia, San Nicola da Crissa, Simbario, Sorianello, Spadola, Spilinga, Vallelonga, Vazzano, Zaccanopoli, Zambrone, Zungri.
 

Provincia di Crotone: Caccuri, Carfizzi, Castelsilano, Cerenzia, Pallagorio, San Nicola dell'Alto, Savelli, Umbriatico, Verzino.

Pubblicato in Calabria
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy