BANNER-ALTO2
A+ A A-

giulio vita 1Cara Concetta Veltri Assessore al Turismo della Città di Amantea,

Ho letto la tua dichiarazione dopo che i commercianti di Amantea hanno alzato la voce davanti le condizioni terribili in cui versa Amantea, motivati dalla mancanza delle luci natalizie a carico del Comune (come promesso l’anno scorso).

A questa maggioranza piace troppo il melodramma e non capisce la differenza tra la persona e l’incarico. Tu non sei l’eccezione e tra le cose che argomenti, mi ha sorpreso la teoria secondo la quale gli amanteani ti vorrebbero fuori perché sei di Campora, una frazione di Amantea. Forse così volevi strizzare l’occhio all’elettorato più campanilista che ancora crede di vivere in due città diverse e non si rende conto dell’immensità del mondo e l’importanza della unione. Questo è un vizio in gran parte motivato per il nostro Sindaco, che ha paura di riferirsi a Campora come parte di Amantea. Io, che non sono un ipocrita né un vigliacco, preferisco dire le cose in modo chiaro.

Come tante volte che mi sono confrontato con te, vorrei capirti e ti concedo che nessuno è felice di sentirsi screditato dal proprio ruolo. Però ti invito a riflettere un po’ più approfonditamente sul tuo operato, e parlerò solo di cose che hanno a che fare con il tuo ruolo:

1.-La tassa di soggiorno non è stata usata per il decoro urbano né per il cartellone estivo, come avevi promesso

2.-Quest’anno il famoso Carnevale di Amantea non si è realizzato

3.-Il cartellone estivo è uscito in ritardo, disorganizzato, senza fondi e per niente diffuso in giro

4.-A giugno hai speso 18.000 euro per il concerto di Fabio Concato che non ha portato Turismo

5.-Non hai progettato o vinto nessun bando per il Turismo

6.-Quest’anno ha chiuso l’Ufficio del Turismo di Amantea

7.-Si sono spesi quasi 5.000 euro per pagare programmi regionali con zero impatto e alcuni sono andati a fare trasmissioni promuovendo il negozio di amministratori attualmente nella maggioranza

8.-La Fiera è stata un disastro organizzativo

9.-Non c’è un piano per il Natale

Invece di trovare colpevoli per ciascuno di questi punti, dovresti accettare le sconfitte e capire perché hai sbagliato in modo di migliorare. Ma purtroppo tu ti chiudi nelle tue verità e non ascolti, rendendo impossibile l’eccellenza.

Ogni punto di questa lista, l’avete venduto nei giornali come l’opposto, senza basarvi su numeri né report di affluenza o impatto mediatico. Ed è qui che ti parlo come gestore culturale: i numeri li puoi inventare fino ad un certo punto. Soprattutto oggi con Google e i diversi social media è difficile ingannare la realtà. E voi non avete fatto nulla che abbia migliorato l’affluenza del Turismo. Semmai, tutto il contrario.

Io non ti conosco se non come Assessore e non ho niente contro la tua persona. Lo stesso con il Sindaco e con gli altri tuoi colleghi della maggioranza. Sono certo che non siete all’altezza dell’incarico e che questa lista non ha un progetto di città perché è nata da un giorno all’altro, unendo diverse famiglie che portano voti, e questa forma di fare politica è perfetta per fallire.

È arrivato il momento di assumersi le proprie responsabilità.

--

Giulio Vita

Director of La Guarimba

Cultural Manager

Pubblicato in Primo Piano

giuliovitaTutto inizia con l’annuncio del Sindaco di Amantea Mario Pizzino della convenzione con l’Associazione “Opera Sociale Charitas –Lux Mundo. Un affidamento senza bando che scadeva il 31 dicembre 2018 , salvo la possibilità, di proroga annuale.

Stranamente, a maggio 2018 il Comune pubblica una manifestazione d’interesse per l’affidamento dei servizi della biblioteca. Insomma, durante l’anno in corso di un affidamento già fatto.
Uno potrebbe argomentare “hanno tolto l’incarico perché i servizi non sono partiti”. Va bene. Però non è stato annunciato il ritiro dell’incarico e c’è altro da dire:
La nuova convenzione, con l'Associazione Culturale Mediterranea (composta da Enrico Baldacchino ed Eugenio Bruni), inizia il primo febbraio 2019, con un grande annuncio (con foto).
Nove mesi dopo, anche questa convenzione è rimasta congelata nel nulla. Ma non per questo si è fatta una nuova manifestazione d’interesse.

La cosa strana è che questa Associazione Mediterranea non si è mai vista attiva operare in paese. Il Comune ha chiesto pochissimi requisiti e non si capisce in base a cosa abbia scelto.
Tra le giustificazioni ingiustificabili del Sindaco c'è che il padre Enrico Baldacchino, sostenitore del PD locale, è stato funzionario bibliotecario dell'Ente locale. Se questo non è ragionare in base a nepotismo, non so cosa sia.

E rimangono altre perplessità in questa Biblioteca annunciata cinque volte dalla stessa amministrazione: da dove vengono i €20.000 che si stanno promettendo?

Spero non vengano dai fondi per l’integrazione dei rifugiati né dalla tassa di soggiorno. Perché la prima ipotesi sarebbe contraria alle regole el Ministero dell’Interno benché immorale visto l’indifferenza con cui questa Amministrazione tratta i rifugiati (la mia associazione ha regalato una piccola biblioteca ai ragazzi del centro senza fuffa); e la seconda sarebbe uno schiaffo ai commercianti e le associazioni che hanno chiesto supporto sia per il decoro urbano che per l’organizzazione di un calendario estivo in condizioni.

Settimana scorsa, hanno annunciato ancora una volta che la Biblioteca riaprirà a breve e il comitato scientifico di questo progetto non include nessun ventenne né trentenne e nessuna donna. Insomma, nessun giovane con un ruolo decisionale per questo comitato. Hanno deciso i nomi al chiuso, senza cercare una partecipazione collettiva e senza guardare le forze giovani dell'associazionismo locale.

Io spero di sbagliarmi ma in questi due anni ho solo visto proclami e pochi fatti, e mi sembra azzardato promettere una biblioteca aperta ogni giorno affidata ad una associazione che non ha il CV per gestirla.

Sperando che le forze politiche di opposizione si sveglino ed esigano chiarezza su questa storia piena di false speranze, io continuo ad informare sui fatti. Sperando che il Partito Democratico di Amantea trovi il coraggio per incontrare la cittadinanza in piazza, con un dialogo dove chiarisca senza tanti giri di parole questa situazione bizarra.

 

Giulio Vita

Director of La Guarimba

Cultural Manage

lux charitas

 

mediterranea

Pubblicato in Primo Piano

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa dell’Amministrazione comunale:

”Sono gravissime le dichiarazioni rilasciate stamani – sulla sua pagina facebook - dal Signor Giulio Vita.

Dichiarazioni che sembrerebbero far riferimento ad informazioni in possesso proprio di Vita sugli esiti dei lavori della Commissione d’accesso.

 

Lo stesso, infatti, annuncia “brutte notizie” in arrivo per il Comune di Amantea proprio con riferimento alla relazione della Commissione.

Mi domando dove e come il Signor Vita abbia attinto tali informazioni riservate che possono essere in possesso esclusivamente degli organi preposti.

Com’è possibile che con spavalderia il Signor Vita preannunci, persino motivandolo, lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del Comune di Amantea.

È evidente che qui le cose sono due.

O Vita volutamente vuole indurre l’Amministrazione Comunale alle dimissioni, creando confusione nell'apparato comunale e nella comunità inventando notizie.

Oppure – e sarebbe di una gravità inaudita – il Signor Vita è a conoscenza di informazioni non pubbliche ed in tal caso bisognerebbe comprendere come e perché ne sia venuto in possesso.

Stranezze che sfuggono alla mia comprensione ed a quella dell’Amministrazione Comunale, ma che evidentemente avranno una sua ratio.

Per tali ragioni, e per difendere un operato improntato alla massima trasparenza, alla legalità ed alla lotta al malaffare, unici vanti di questa Amministrazione, mi sto accingendo a dare mandato ad un avvocato per affrontare nelle sedi opportune gli affondi perpetrati a danno della città e del Comune di Amantea, che ormai stanno assumendo, come nel caso del post del Signor Vita di stamani, contorni assai inquietanti.

Provvederò, inoltre, ad informare di ciò S.E. il Prefetto di Cosenza e la competente Procura della Repubblica.

L'Amministrazione Comunale Mario Pizzino Sindaco di Amantea”

Pubblicato in Amantea Futura

siringaUna ragazza che girava un corto ad Amantea per Kino Guarimba si è ferita con una siringa a mare. Ma io dico: in un periodo senza turismo vi porto ottanta persone con voglia di vivere il nostro paesino e i nostri amministratori non solo ignorano completamente il progetto (ho invitato al sindaco a salutare i partecipanti e manco mi ha risposto), non solo non hanno pubblicato un programma estivo (ho chiesto all’assessore di darmi delle copie per portarlo in giro per la Calabria visto che sto girando tutte le province), non solo sono riusciti a chiudere l’ufficio del Turismo ma non riescono a mantenere pulito il nostro mare, le nostre strade, e pure si permettono di insultarmi se denuncio queste cose. Io dimostro con i fatti che il mio lavoro lo so fare. Voi, sempre con i fatti, dimostrate un livello di incompetenza mai visto negli ultimi dieci anni.
Vergognatevi. E pensate a quella ragazza.

NB foto presa dal web

43635147-EAED-4561-87D2-C51E99259B22 2Per la residenza cinematografica Kino Guarimba sono confermati 51 partecipanti. Professionisti del cinema che verranno ad Amantea dal Canada, Stati Uniti, Australia, Egitto, Romania, Spagna, Cina, Russia, Inghilterra, Israele, Scozia, Irlanda, Germania, Polonia, Francia, Cipro, Costa Rica.
 
Una Residenza Cinematografica che dal 10 al 21 Giugno saranno in Calabria per ideare, girare, montare e proiettare cortometraggi che abbiano come sfondo i paesi del tirreno. 
In questo periodo in cui Amantea ancora è in dissesto economico, questo progetto è particolarmente importante per promuovere il turismo internazionale e l'economia locale, provando ad allungare la stagione estiva. 
 
La Guarimba è una associazione che investe sul territorio durante tutto l'anno. 
"Invio un messaggio al sindaco del mio paese, che continua ad escluderci e ancora non ci ha dato il permesso per realizzare la settima edizione del festival di cinema internazionale La Guarimba al Parco La Grotta: le parole non servono a nulla se non vengono accompagnate con i fatti. Noi stiamo facendo per questo paese e lo dimostriamo con ogni nostra azione. Non vogliamo altro che un permesso per fare il nostro lavoro, non vogliamo altro che attenzione su quello che stiamo facendo. Insomma, se riusciamo a portare persone da più di 9000KM sarebbe bello che il sindaco si faccia vivo"
 
Kino Guarimba è parte di Cinemambulante, un festival di integrazione in Calabria organizzato da La Guarimba. La quarta edizione si svolgerà ad Amantea (Cs) dal 10 al 21 giugno 2019 tra cinema, incontri, musica calafricana e street art.
Il progetto diffonde valori calabresi come l’importanza della comunità e le tradizioni attraverso concerti multiculturali e pranzi sociali tra registi invitati, squadra organizzativa e gente locale di origine italiana e straniera.
 

--

Giulio Vita
Director of La Guarimba
Cultural Manage
Pubblicato in Primo Piano

consiglio-comunale-aperto-sulla-legalitaUna comunità per costruire futuro necessita di quella fiducia che si alimenta attraverso il dialogo, il confronto civile, i sani processi democratici.

Leggendo i social, i siti, la stampa, appare chiaro che qualcosa non va!

Non è il dissenso che ci preoccupa, ma le strumentalizzazioni, le menzogne, la continua ricerca dello scontro!

E non per il destino della nostra Amministrazione, che ha le spalle larghe e sa come andare avanti, ma perché così non si fa comunità.

Il Presidente del Consiglio Enzo Giacco è persona perbene e leale, chi ha avuto l’opportunità di lavorare con lui conosce bene le sue qualità, le sue competenze e la sua sensibilità. Ha forse dalla sua il “torto” di dire ciò che pensa.

Proprio per questo troviamo ingenerose, volgari e gravi le dichiarazioni del Consigliere Aloisio a lui rivolte.

In democrazia si possono fortunatamente avere idee differenti, proprio come avvenuto sulla Proloco. Ma senza che ciò comporti la mancanza di reciproca lealtà. D’altronde, la proposta del Consigliere Giacco di indire una pubblica assemblea quale metodo da seguire per costituire una Proloco ampiamente rappresentativa non è fuori contesto e, certamente, non rappresenta la difesa di “interessi personali”, come maldestramente ha scritto il Consigliere Aloisio.

Allo stesso modo valutiamo davvero bizzarra la polemica del Signor Giulio Vita in merito al mancato invito personale alla manifestazione del 25 aprile; polemica che continua ancora in queste ore sui social. Da una parte, perché l’iniziativa è stata ampiamente pubblicizzata invitando tutta la cittadinanza a partecipare; dall’altra, perché il funzionario Eugenio Mannarino - al quale va la nostra solidarietà - aveva già chiarito pubblicamente l’arcano! Una provocazione, quella del Signor Vita, sgradevole e inopportuna fatta nel giorno in cui si festeggiava la Liberazione!

Troviamo davvero singolare come il Presidente del Consiglio Enzo Giacco venga, da troppo tempo, sistematicamente e strumentalmente attaccato senza motivo. A Giacco va la nostra solidarietà, la nostra stima e l’indiscussa fiducia.

A chi pensa di utilizzare la polemica per fare breccia nell’Amministrazione, chiariamo che la Maggioranza è unita, compatta e dialoga per migliorare la sua azione. A chi, infine, vive di conflitto dobbiamo ricordare che in tal modo si finisce solo per ferire il senso comunitario, dividendo e disorientando la nostra collettività.

L’Amministrazione Comunale ha, invece, il compito di lavorare per avvicinare i cittadini e non di allontanarli. E per questo sarà sempre in antitesi rispetto a chi persegue obiettivi differenti.

L’Amministrazione Comunale

Pubblicato in Politica

Amantea Attiva LogoI ragazzi di Amantea, non avendo prospettive di futuro in una città in dissesto economico, si ritrovano nel vico della via principale del paese, conosciuto anche come Vico Pizzino perchè la famiglia del sindaco ha da sempre vissuto lì. È infatti ai piedi della proprietà di famiglia dove i ragazzi si riuniscono e fanno tutto quello che una generazione senza strutture fa. I vicini abbiamo tante volte denunciato la situazione facendo proposte.

Il sindaco Pizzino però la pensa diversamente. La sua soluzione, dopo un anno e mezzo, è stata quella di installare una telecamera non funzionante nel vicolo. Questa soluzione ridicola, non solo non funziona perché la telecamera non fa il suo lavoro ma perché l'approccio è sbagliato: una telecamera funzionante semmai servirebbe ad attacare le cause del problema, ma non il problema. Questo è un errore tipico delle amministrazioni di destra, più preoccupate alle apparenze che ai contenuti. Il problema non sono i ragazzi ma il loro disagio che non andrà via con soluzioni punitive ma con proposte di impatto sociale.

Ad Amantea non esiste uno spazio pubblico che offra a giovani e anziani attività socio-culturali.

Nel 2012 si è inaugurato il Campus Temesa, una casa della cultura senza direttore, senza programma e come era previsto, condannato a diventare uno dei tanti edifici in degrado.

Il consigliere Enzo Giacco (segretario del PD Amantea in una lista con soggetti di destra) che ha Delega Speciale per il Campus e il rapporto con le associazioni, è stato due anni a fare commissioni, di fatto facendo lo stesso che hanno fatto in passato le giunte in paese: chiedere alle associazioni di fare un registro (anche se i dati sono già negli uffici del Comune), non fare bandi e proporre un regolamento della casa delle culture più vicino a una politica neoliberale: privatizzandolo. 

La nostra proposta quindi è aprire la casa della cultura usando le forze dell’associazionismo amanteano, permettendo ai ragazzi di avvicinarsi al teatro, alla musica, al cinema, a una possibile biblioteca e insomma, a una idea di comunità che possa creare possibilità di futuro.

Da queste e altre riflessioni è nato il laboratorio Amantea Attiva per riunire gli amanteani per bene e proattivi che vogliano proporre progetti e aiutare a costruire una proposta di paese possibile fondata sui valori de democrazia partecipativa e meritocrazia. Per chi ha voglia di partecipare, il sito www.amanteaattiva.com è attivo per ricevere proposte e segnalare problematiche. La prima Assemblea Popolare si svolgerà il 7 Gennaio alle 18:30 presso Via della Libertà, 14B.

Giulio Vita

Amantea Attiva
www.amanteaattiva.com

Pubblicato in Politica

Riceviamo e pubblichiamo, da Giulio Vita, direttore de La Guarimba Film Festival, la seguente nota contenete il nuovo bando per cortometraggi , la locandina ufficiale ed una foto delle proiezioni.

 

La Guarimba International Film Festivalpresenta la locandina realizzata dall'artista spagnolo Mikel Murillo per la VII edizione e apre il bando per cortometraggi.

Sono aperte le iscrizioni per film nazionali ed internazionali nelle categorie di: Fiction, Animazione, Documentario, INSOMNIA - Sperimentale, Videoclip e La Grotta dei Piccoli - Animazione per Bambini.

Il bando è disponibile da oggi su:http://www.laguarimba.com/it/bando/

La VII edizione de La Guarimba si svolgerà al Parco La Grotta di Amantea (CS) dal 7 all'11 agosto 2019 e l'ingresso sarà libero.

Saranno proiettati 68 cortometraggi in competizione ufficiale, 60 per la competizione La Grotta dei Piccoli in collaborazione con UNICEF ITALIA e 20 cortometraggi fuori concorso nelle sezioni per l'ambiente, cinema africano e Vimeo Staff Pick Video.

Durante il festival ci saranno laboratori per adulti e per bambini e la mostra di locandine Artists For La Guarimba 2019 con 15 artisti internazionali.

I PREMI

Premio al Miglior Cortometraggio di Fiction (€800 + trofeo)

Premio al Miglior Corto Documentario (€800 + trofeo)

Premio al Miglior Cortometraggio di Animazione (€800 + trofeo)

Premio al Miglior Cortometraggio La Grotta dei Piccoli (€300 + trofeo)

Premio al Miglior Cortometraggio Sperimentale INSOMNIA (€300 + trofeo)

Premio al Miglior Videoclip (300 euro+trofeo)

Premio Del Pubblico (Trofeo)

Guarimberos Award (Trofeo) – *I programmatori del festival consegneranno un premio al loro film preferito.

Nonnina Award (Trofeo) – *Un premio consegnato da Nonna Saveria a fine festival

La Guarimba è una associazione culturale con sede legale in Calabria, la terra dove tutto è possibile, che si occupa principalmente di cinema ed illustrazione e usa la cultura come un veicolo per promuovere valori di democrazia partecipativa, integrazione e accessibilità.

Fondata da Giulio Vita, calabro-venezuelano tornato alle sue radici nel 2012 per creare il festival di cinema; Sara Fratini, illustratrice venezuelana laureata in Belle Arti a Madrid e El Tornillo De Klaus, collettivo spagnolo di artisti audiovisivi e critici cinematografici.

Guarimba è una parola che per gli indios venezuelani significa “posto sicuro”.

Giulio Vita Artistic Director of La Guarimba International Film Festival.

Ecco cosa si legge su il corrieredella calabria:

«La politica di Amantea ha “boicottato” la Guarimba»

La parola magica dell’estate calabrese ormai da diversi anni è: festival.

 

 

Ce ne sono di tutti i tipi: finanziati dagli enti pubblici, autofinanziati; intellettualmente impegnati, accalappia-turisti.

Nord e sud della regione, Jonio o Tirreno; non c’è città, borgo o angolo che rinunci alla nuova “industria culturale”.

E finita l’estate arriva poi il momento di fare i conti con il pallottoliere.

Ma, tirate le somme, gli “obiettivi” (raggiunti o meno) di fine stagione arrivano puntuali.

Ad Amantea, Giulio Vita, ideatore de La Guarimba film festival non le manda a dire agli amministratori della sua città. «Abbiamo reperito fondi per realizzare un festival internazionale a ingresso libero con una proposta per adulti e per bambini, abbiamo portato turismo da tutta l’Italia e da fuori.

E l’amministrazione intanto ci ha solo messo bastoni tra le ruote, insultandoci, invitandoci ad andarcene a Belmonte, “perdendo” le nostre richieste, mettendo in discussione l’impatto culturale ed economico del festival, non facendo manutenzione in uno dei parchi più belli del mondo.

Non solo non sono venuti manco un giorno ma neanche ci hanno fatto i complimenti per essere riusciti a fare il pienone ogni sera con una proposta di cinema indipendente».

«Fino al 29 luglio non sapevamo se avevamo o meno il permesso di poter realizzare l’evento – dice Giulio Vita –. Il protocollo che avevamo firmato per fare in modo che tutta la parte burocratica fosse completa risultava essere smarrito.

Ho chiamato il sindaco per chiedergli come fosse possibile una cosa del genere e mi ha invitato a “trasferire” il mio festival a Belmonte».

La Guarimba Film Festival, propone agli spettatori dei cortometraggi scelti nel corso dell’anno, ma non solo: nei giorni della manifestazione si svolgono anche incontri e workshop apprezzati soprattutto dagli stranieri che raggiungono la città tirrenica.

Con il passare del tempo il festival del cinema è entrato nella rete degli eventi patrocinati dal ministero dei Beni culturali e proprio il bollino del ministero è stato utile per fare in modo che tutto venisse realizzato secondo programma.

«Il sindaco – continua Vita – si è rimangiato quello che mi aveva detto solo quando è stato contattato da Roma.

Noi nel frattempo abbiamo pulito il “parco della Grotta” (dove avvengono le proiezioni, ndr) con i nostri volontari e anche per questo siamo stati “contestati”.

Siamo andati aventi autonomamente riuscendo a fare lo stesso il festival».

Concetta Veltri, assessore al turismo di Amantea, sul trattamento riservato agli organizzatori de La Guarimba replica senza troppi giri di parole.

«Tutti gli organizzatori sono stati trattati allo stesso modo.

Avevamo come amministrazione un obiettivo: risparmiare, e su questa linea abbiamo lavorato affinché si riuscisse a svolgere un cartellone estivo andando incontro alle esigenze di tutti».

E l’ideatore de La Guarimba scocca una frecciatina anche sul consistente numero di eventi svolti a Campora San Giovanni con le relative spese per il palco e le sedie.

«Se ci accusano che tutte le attività culturali si sono spostate nella zona di Campora San Giovanni posso dire tranquillamente – continua l’assessore – che non è vero.

Il calendario degli eventi lo testimonia, come Comune abbiamo fornito il supporto logistico e se c’è stata una sorta di ridimensionamento degli eventi siamo cresciuti in qualità».

In principio fu Albertino, poi Malgioglio, infine nessuno dei due.

Alla notte bianca di Amantea, (evento storico della città) Dj Albertino e Cristiano Malgioglio dovevano fare da animatori, ma non si sono presentati.

A dire il vero il primo ad essere contattato è stato il disc jokey che però dopo aver letto del suo ingaggio il giorno di Ferragosto scrive sul suo profilo: «È una notizia falsa, starò a casa mia».

L’assessore alla cultura spiega l’accaduto come ci sia stato un disguido tra i manager.

«Non organizziamo la Notte bianca con soldi dell’ente ma attraverso i fondi regionali della legge 13 e del bando cultura.

Del secondo bando –continua l’assessore Veltri – non abbiamo ancora notizia.

Si tratta comunque di accordi che prendono i manager e ci siamo ritrovati a pochi giorni dall’evento a dover rinunciare a Dj Albertino per delle incomprensioni».

Ma a saltare è stato anche il “rincalzo” Cristiano Malgioglio; a frenare l’arrivo del “ciuffo bianco” più in voga del momento è stato un mal di gola.

Nessuno dei due arriva ad Amantea e i cittadini mugugnano.

Un malessere che Giulio Vita riassume in poche battute. «Quando si dà colpa ai cittadini invece di ammettere le proprie colpe, mi sale una risata amara perché questa terra sì che può cambiare ma per farlo voi ve ne dovete andare e chiedere scusa di questa estate oscena.

Noi guarimberos siamo qui per lavorare seriamente. Speriamo non avere gli stessi problemi l’anno prossimo»

Michele Presta

Perviene e pubblichiamo la nota de La Guarimba.

 

“Vorrei invitarvi dal 23 al 29 maggio alla rassegna di cinema italiano sull'integrazione che organizzeremo al Campus Temesa di Amantea. È un progetto organizzato da La Guarimba in collaborazione con Emergency e Comunità Progetto Sud, vincitore del bando Migrarti, del Ministero dei Beni Culturali.

 

La lista dei film:

Il Sangue Verde di Andrea Segre

Una Scuola Italiana di Angelo Loy e Giulio Cederna

La Bàs - Educazione Criminale di Giulio Lombardi

Terraferma di Emanuele Crialese.

Articolo 32 di Antonio di Peppo (documentario di Emergency).

Mediterranea di Jonas Carpignano (girato a Rosarno dal regista calabrese-americano).

 

L'ultima giornata presenteremo i lavori che saranno realizzati durante questa settimana nel laboratorio "Ponti Di Vista" per giovani italiani e rifugiati, dove l'uno racconterà l'altro.

Tutte le proiezioni inizieranno alle 21:00

Per chi è fuori Amantea e vorrebbe rimanere per farsi di giorno un po' di mare e di sera un po' di cinema, abbiamo fatto una convenzione con gli alberghi del paese durante quei giorni.

Si ringrazia la diffusione.                   Giulio Vita”

Qui potete vedere l'evento su Facebook e invitare i vostri amici: https://goo.gl/Bt14NL

Pubblicato in Primo Piano
Pagina 1 di 3
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy