BANNER-ALTO2
A+ A A-

Rapporti sessuali con minorenni comprati a Mileto, Zungri, Briatico e Parghelia. Con l’ex parroco di Zungri coinvolti un pensionato ed un bulgaro, mentre altri vibonesi si trovano sotto processo

Ecco il giro che ha coinvolto don La Rosa

Coprono un arco temporale che va dal gennaio al febbraio 2016, con specifici episodi di corruzione di minore e prostituzione minorile che sarebbero avvenuti a Zungri, Briatico, Mileto, Parghelia e Vibo, le contestazioni mosse nell’inchiesta “Settimo cerchio” che ha portato oggi in carcere don Felice La Rosa, 43 anni, di Calimera (frazione di San Calogero), ex parroco di Zungri. La pena complessiva e definitiva per l’ex sacerdote ammonta a due anni e quattro mesi, ma il residuo da scontare è pari ad un anno ed un mese di reclusione. L’inchiesta della Squadra Mobile di Vibo Valentia ha permesso di fare luce su un giro di prostituzione minorile e corruzione di minore aggravata, portando alla luce uno spaccato del Vibonese ai più sconosciuto. Insieme all’ex sacerdote, infatti, nella medesima vicenda giudiziaria sono rimasti coinvolti e condannati in via definitiva anche il pensionato Francesco Pugliese, 66 anni, di Zungri (2 anni e 8 mesi) e Miroslaev Iliev, cittadino bulgaro di 31 anni, (5 anni e 6 mesi di reclusione e già detenuto). Quali pene accessorie, don Felice La Rosa e Francesco Pugliese sono stati interdetti in perpetuo da qualsiasi ufficio attinente la tutela e la curatela e da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché da ogni ufficio o servizio in istituzioni o strutture pubbliche o private frequentate abitualmente da minori. I tre condannati dovranno altresì risarcire le parti civili. Il parroco ed il pensionato avrebbero avuto rapporti sessuali con minorenni – reclutati dal bulgaro Miroslaev Iliev – dietro pagamento di 50 euro a prestazione. Venti euro sarebbero state trattenute dal bulgaro e 30 dal ragazzo minorenne. [Continua dopo la pubblicità]

L’inchiesta che ha portato stamane in carcere l’ex parroco non è però la sola che lo vede coinvolto insieme ad altri soggetti del Vibonese. La sua posizione rimane infatti stralciata per altra vicenda giudiziaria per la quale la Procura di Catanzaro ha già da tempo avanzato richiesta di rinvio a giudizio, ottenendola in ordine ad altre tre posizioni. In questo caso, per don Felice La Rosa la nuova accusa è quella di detenzione di materiale pedopornografico in ingente quantità, realizzato utilizzando minori di 18 anni. Sul suo telefonino, sequestrato il 16 novembre 2016, gli investigatori hanno infatti trovato 132 immagini pedopornografiche.

A giudizio è invece nuovamente finito Miroslaev Iliev con l’accusa di prostituzione minorile aggravata per aver reclutato, favorito, sfruttato ed organizzato la prostituzione di un 16enne dietro la corresponsione di somme di denaro o altra utilità. Con tali condotte avrebbe avviato il ragazzo minorenne al meretricio consentendo a Mariano Mamone, 56 anni, di Parghelia (anche lui rinviato a giudizio) di consumare con il minore rapporti sessuali in cambio di denaro dai 25 sino a 50 euro. Le condotte sarebbero avvenute dall’estate del 2015 sino all’estate del 2016 a Zungri ed a Parghelia. Stessa accusa di aver compiuto atti sessuali con il medesimo straniero minorenne, dietro somme di denaro sino a 50 euro, anche quella mossa dalla Procura di Catanzaro nei confronti di Luciano Restuccia, 54 anni, nativo di San Calogero ma residente a Mileto, pure lui rinviato a giudizio. La contestazione riporta quale luogo di commissione Mileto, dall’ottobre del 2015 all’ottobre del 2016. Mariano Mamone è anche accusato di aver tentato di compiere atti sessuali su altri due ragazzi stranieri minorenni che però avrebbero opposto un rifiuto alle avances. I fatti al centro delle contestazioni si sarebbero verificati in questo caso a Zungri nei mesi di giugno e settembre del 2016.

Sospeso “a divinis” dal vescovo Luigi Renzo, don Felice La Rosa è stato ordinato sacerdote nel 2002. E’ stato parroco di Zungri per 11 anni ottenendo l’elevazione a “Santuario mariano” della locale chiesa dedicata alla Madonna della Neve, istituendo poi il “Premio mariano” e dando ospitalità alla missione dei padri francescani minimi. Sua la decisione di fondere l’oro della Madonna della Neve per far realizzare una corona, decisione contrastata da una parte della popolazione che si è costituita persino in un comitato. Nel dicembre del 2008, Vincenzo Grasso, dopo aver ucciso due cugini e sparato contro uno scuolabus a Briatico, si consegnò proprio a don La Rosa prima che arrivassero i carabinieri.

Da il Vibonese Di G. B. -

Pubblicato in Basso Tirreno

Ennesima presa in giro dei parrocchiani di San Pietro in Amantea.

Il Padre cappuccino del Convento di San Bernardino, Padre Giuseppe Montesanto, nominato Parroco della Parrocchia di San Bartolomeo Apostolo non verrà più a San Pietro in Amantea perché è stato trasferito altrove.

 

 

 

Quindi il suo trasferimento in vigore dal 15 settembre è stato revocato.

In una lettera pastorale datata 26 luglio scorso Mons. Nolè, Arcivescovo della Diocesi di Cosenza – Bisignano, aveva invitato tutti i sacerdoti che erano stati trasferiti a voler curare con fedeltà e verità il passaggio delle consegne che avrebbe dovuto avvenire alla presenza di un Vicario o di un incaricato del Vescovo.

Nel comunicare le nuove nomine e i trasferimenti Mons. Nolè aveva invocato su tutti copiose benedizioni e l’assistenza materna di Maria nostra Madre e Regina.

Don Giovanni Paterno, l’attuale Parroco, è stato trasferito in Argentina, suo paese d’origine, per un’esperienza pastorale.

Però devo sottolineare con vivo rammarico che fino ad oggi non c’è stata alcuna consegna.

Il Parroco di San Pietro in Amantea è ancora Don Giovanni Paterno.

Tanto è vero che sabato prossimo celebrerà nella chiesa della Madonna delle Grazie un matrimonio e il 29 settembre celebrerà nella Contrada Gallo la Santa Messa in onore di San Michele Arcangelo.

Al suo posto sarebbe dovuto arrivare Padre Giuseppe Montesanto, OFM Conv. Amministratore. Nel borgo già fervevano i preparativi per dare un addio al caro e simpaticissimo Don Giovanni che aveva portato nella nostra chiesa una ventata di novità, tra le quali lunghe e appassionate prediche, e un caloroso benvenuto, come sempre i miei paesani hanno fatto, al nuovo Parroco Padre Giuseppe, che nuovo non era, perché varie volte si è recato nella chiesa della Madonna delle Grazie e ha celebrato le sacre funzioni quando era Parroco un altro frate cappuccino, lo scorso anno trasferito nella Parrocchia di Amantea Santa Maria La Pinta.

Tutti ora ci domandiamo:- Dove è stato trasferito Padre Giuseppe? Mistero.

Perché Mons. Nolè lo ha nominato parroco di San Pietro in Amantea appena due mesi fa e ora apprendiamo la notizia che il frate è stato trasferito altrove?

Chi verrà a San Pietro in Amantea?

Per il momento tutto tace.

A pensare male si fa peccato, ma a volte ci si azzecca.

Vuoi vedere che Don Giovanni, che proprio oggi si è recato dal Vescovo, resterà ancora per un po’ in mezzo a noi e che il suo trasferimento in Argentina è stata una farsa?

Oggi 19 settembre si è recato a Cosenza e ha presentato formali dimissioni dalla Parrocchia facendo un dettagliato resoconto all’Arcivescovo dell’appena un anno trascorso in mezzo a noi.

Domenica scorsa, alla fine della Santa Messa, ha avvisato tutti i parrocchiani presenti che avrebbe celebrato la sua ultima Santa Messa il 30 settembre e ha invitato tutti, ma proprio tutti, anche quelli dei paesi confinanti che gli sono stati vicino in questo breve periodo ad essere presenti nell’ultimo commiato.

Molti parrocchiani hanno saputo apprezzare la sua umiltà, la sua devozione alla Madonna, la sua preparazione teologica, la sua responsabile e generosa collaborazione alla vita della Parrocchia e della Diocesi.

Se andrà via ci mancherà per davvero, come del resto ci sono mancati tutti quei santi sacerdoti che lo hanno preceduto.

Voglio ricordare Don Gianpiero Fiore, Padre Salvatore Sulla e perché no? Padre Pio Marotti.

Pubblicato in Belmonte Calabro
BANNER-ALTO2

I Racconti

Meteo - Tirreno Cosentino

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy