BANNER-ALTO2
A+ A A-

centroOliverio investe 72 milioni   in beni culturali. Si tratta di finanziamenti di cui amantea ha disperato bisogno

È quindi una occasione importante ed imperdibile

Assolutamente da non perdere

10 o 100 i progetti. Piccoli medi o grandi. Su amantea o Campora sg non importa. Tra i più importanti il museo di temesa

Gli altri scavi dell'area della principessa, il recupero della torre omonima , il recupero della chiesa di San Nicola in catocastro, il recupero della torre civica, il recupero del vecchio mulino e della relativa area. E potremmo continuare a lungo....

Pubblicato in Politica

arresti

Cosenza - E' di 57 misure cautelari il bilancio di una maxi-operazione dei Carabinieri nel Cosentino che ha permesso di smantellare una rete criminale dedita al traffico di droga, all'estorsione, a furti e rapine e alla falsificazione di denaro. Il blitz con numerose perquisizioni è scattato prima dell'alba a Cosenza e in vari comuni della provincia. All'operazione, denominata Alarico, partecipano oltre 500 militari del Comando provinciale dei Carabinieri di Cosenza, supportati dai militari del 14° battaglione carabinieri “Calabria”, dello Squadrone eliportato Cacciatori di Calabria e del Nucleo cinofili di Tito, nel Potentino, con la copertura aerea del velivolo dell’8° Nucleo elicotteri di Vibo Valentia.Le 57 misure cautelari sono state emesse dai Gip presso il Tribunale di Cosenza ed il Tribunale per i minorenni di Catanzaro, nei confronti di persone ritenute responsabili, a vario titolo, di “detenzione e cessione di sostanze stupefacenti”, “estorsione continuata”, “detenzione illegale di armi da fuoco e munizioni”, “ricettazione”, “furto in abitazione”, “spendita ed introduzione nello stato di monete falsificate”, “detenzione e porto in luogo pubblico di arma clandestina”, “rapina aggravata” e “violazione degli obblighi della sorveglianza speciale di p.s. con obbligo di soggiorno”. Numerose le perquisizioni eseguite. I dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso della conferenza stampa in programma alle ore 11.00, presso il comando provinciale dei carabinieri di Cosenza, alla presenza del Procuratore della Repubblica di Cosenza.

Coinvolti minorenni, decisive denunce mamme

"Sottolineiamo l'azione di diverse mamme-coraggio che hanno avuto la forza di denunciare e raccontare cosa facevano i loro figli". Lo ha detto all'AGI il colonnello Piero Sutera, comandante provinciale dei Carabinieri di Cosenza, in relazione all'operazione "Alarico" che ha portato all'esecuzione di 57 misure cautelari per spaccio di droga, fra cui eroina e cocaina, e altri reati. "Sono coinvolti anche molti minori - ha detto Sutera - utilizzati per lo spaccio e abbiamo sequestrato diverse armi, per cui dobbiamo indagare pure su eventuali collegamenti con altre organizzazioni criminali".

Pubblicato in Cosenza

cletol'Amministrazione comunale di Cleto, nella persona del sindaco Giuseppe Longo e dell'assessore Fedele Montuoro, ha partecipato all'incontro promosso dall'assessore Roberto Musmanno nella Cittadella regionale. Nell'incontro è stata evidenziata,per l'ennesima volta, l'importanza vitale di collegare Cleto ( paese dei due castelli) all'autostrada, mediante la costruzione di un ponte sul fiume Savuto, antistante lo svincolo di San Mango d'Aquino. La richiesta è stata accolta, inserendola nel più vasto progetto della Galasso. Sconfinata gratitudine e calorosi ringraziamenti vanno al Presidente della regione Calabria, on. Mario Oliverio per l'impegno preso all 'inaugurazione del Castello Angioino di Savuto e mantenuto dopo decenni di promesse  vane fatte dai suoi predecessori. Un grande ringraziamento va anche all'assessore Musmanno che con pazienza e dedizione mantenuta nelle innumerevoli riunioni ha concretizzato questo impegno. Il presidente Oliverio ha dato  così sostanza a un sogno   durato cinquanta anni e dato finalmente accoglienza alle innumerevoli "petizioni " puntualmente avanzate da tutti i sindaci che si sono alternati alla guida del Comune di Cleto e sistematicamente disattese.Possono rifiorire gli scambi e le frequentazioni che per secoli hanno reso saldi i rapporti tra l'estremo lembo della provincia di Cosenza e  i PAESI del catanzarese, recisi, per strana ironia, dalla costruzione di uno svincolo mutilato che serve solo la riva sinistra del fiume Savuto e ignora la gente, la storia e la florida agricoltura   dei territori della sponda destra del fiume in narrativa.

Pubblicato in Primo Piano

Mario-Pizzino-sindaco-di-Amantea-minLa notizia che il ministero abbia convocato a sorpresa le elezioni per il comune di Lamezia terme, porta a credere che a Roma qualcuno abbia deciso di voler bene ad amantea. E di soprassedere alla bocciatura del bilancio ed al conseguente scioglimento del consiglio ed indizione di elezioni. 

Si prende tempo e giustamente. Bocciare il bilancio oggi sarebbe stato inconcludente. E peraltro avrebbe imposto la nomina di una commissione in gran parte confliggente con lo stesso lavoro degli Ispettori. Un lavoro di cui non si sa nulla, di cui nessuno dice nulla, né la maggioranza, né la minoranza. Una sola certezza che è quella che per ora la giunta pizzino andrà avanti, affronterà la prossima estate e poi si vedrà. Anche se rumori ad oriente e ad occidente sembrano agitarsi

Pubblicato in Politica

furto-ladro-3C'è da ridere in questa vicenda che stiamo per raccontare. Intanto il fatto. Nei locali dell'ex giudice di pace all'esterno stati allocati i mezzi del comune e dentro anche attrezzature minori. Il tutto senza protezione, telecamere ed allarmi, almeno sembra. E così stanotte i ladri si sono introdotti ed hanno asportato due taglia erba. Poi hanno anche cercato di rubare altro, ma senza riuscirci. Sembra infatti che uno dei ladri sia caduto dentro un pozzetto il cui coperchio era mal messo facendosi anche male. La prima giusta punizione terrena?   Gli investigatori sembra sarebbero prossimi alla soluzione del caso o quantomeno su una pista produttiva. Ignote le ragioni

proriceviamo e pubblichiamo

Apprendo dalla stampa locale che nei giorni scorsi sarebbe stato eletto un direttivo della Pro Loco di Amantea. Una notizia che mi lascia perplesso anche in considerazione del fatto che solo pochi giorni fa sono stato costretto a precisare che, ad oggi, la pro loco cittadina è interessata da una istanza di chiusura a causa delle  inadempienze protratte nel tempo come indicato dal regolamento che interessano la stessa, in quanto per un arco di tempo non breve non ha comunicato azioni programmatiche ed iniziative per la promozione e valorizzazione del territorio amanteano agli uffici competenti. 

Preciso che il mio intervento di oggi, come quello fatto alcuni giorni fa, è meramente teso ad affermare il rispetto delle norme e delle regole cui le pro loco sono tenute ad osservare con chiarezza e trasparenza. 

La presentazione dei bilanci e degli altri documenti previsti dal nostro impianto statutario, infatti, rappresentano aspetti sostanziali della vita della nostra organizzazione. E nessun dirigente serio può sorvolare rispetto a mancanze riguardanti tali elementi.

Sono queste le ragioni che hanno portato il Sindaco della città Mario Pizzino a richiederne la cancellazione dall' albo delle pro loco. Una richiesta che  in qualità di Presidente Provinciale UNPLI non posso che suffragare.

Voglio ricordare che L’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia è l’associazione di riferimento, di garanzia e di tutela di tutte le pro loco d'Italia. Le pro loco sono le associazioni di base  che maggiormente coniugano la tutela e la salvaguardia delle specificità locali con la vocazione allo sviluppo della crescita sociale ed al miglioramento del benessere. I servizi studiati e realizzati in esclusiva per le nostre associate e per le persone fisiche, loro socie sono identificabili da marchi unici (le tessere ufficiali) e registrati, frutto di studio e professionalità.

Una vocazione che merita tutela per essere credibile e non essere snaturata.

La prossima settimana incontrerò in una pubblica Assemblea i cittadini di Amantea per presentare il percorso di rilancio della pro loco cittadina, insieme all'amministrazione comunale, per elaborare l'iter di rilancio della Pro loco Amantea che l’UNPLI percorrerà e che sarà caratterizzato dalla partecipazione, dalla tutela del territorio e della nostra realtà associativa.

Firmato. ANTONELLO GROSSO LA VALLE 

Presidente Provinciale e Consigliere Nazionale UNP

Pubblicato in Primo Piano

Domenica con partenza dal lungomare alle ore 20 ed arrivo in piazza commercio alle ore 21 si terrà la via crucis. La parrocchia di San Biagio ne ha dato comunicazione al comune chiedendo la chiusura al traffico di via Margherita. Ed il comune ha emesso la relativa ordinanza

pano esterno

misericordiaUna protesta pacifica per chiedere che si faccia chiarezza sul futuro delle associazioni che si occupano del servizio di supporto al 118. Il responsabile della confraternita della Misericordia di Cosenza Luigi Solbaro “così non possiamo più lavorare”

.COSENZA – Hanno parcheggiato i loro mezzi di soccorsi davanti la sede dell’Asp di Cosenza, in via Alimena, per protestare in modo pacifico ma ottenere risposte certe. La Misericordia di Cosenza, Amantea e Trebisacce, la Nuova Croce Azzurra di Cosenza, la Montalto Soccorso ONLUS, l’Avas Presila, la Croce di Mira di Lungro, Papa Giovanni XIII Spezzano Sila, Life Soccorso Luzzi e l’Avam di Cosenza. Nove asssociazioni che si ritrovano tutte nella stessa situazione: convezioni scadute e mancanza dei rimborsi spesa del 2018 e dei primi 3 mesi del 2019. Eppure, il loro supporto alle operazioni di soccorso è vitale per non mandare all’aria tutto il sistema vista la carenza di mezzi del 118 ed un territorio da gestire vasto come quello della provincia di Cosenza.

 Luigi Solbaro, responsabile della Confraternita della Misericordia di Cosenza, chiarisce i motivi della loro protesta “ci tengo a precisare che la nostra è una protesta pacifica ed educata. Abbiamo chiesto da tempo un incontro per il rinnovo della convezione del 118 scaduto 21 dicembre dello scorso anno. Ad oggi si va avanti solo con rinnovi, perché ad ogni scadenza succede che vengono puntualmente cambiati i vertici dell’Asp provinciale e quindi si riparte sempre daccapo. In più questa volta non è stato nemmeno stabilito l’impegno di spesa per il 2019 e ci ritroviamo a marzo senza aver ricevuto i rimborsi dei mesi precedenti. Abbiamo dovuto sollecitare per prima cosa l’impegno di spesa del 2018 e dei primi 3 mesi del 2019 per il supporto 118. Poi, abbiamo sollecitato il rinnovo della convezione perché così non possiamo lavorare“.

Le risposte avute dall’Asp nell’incontro? “l’impegno di spesa per i rimborsi dei soli primi 3 mesi del 2019, mentre sulla convezione ci è stato ribadito che loro sono di transito e non possono fare nulla finché non verranno nominati i nuovi vertici dell’azienda provinciale. Dunque, rimaniamo ancora una volta senza convezione ma ci hanno comunque chiesto di non bloccare il servizio di supporto, visto che la maggior parte dei soccorsi a Cosenza e in provincia viene fatta proprio da noi considerando che il 118 su Cosenza ha due sole macchine mentre una terza è all’UNICAL. E senza dimenticare che i punti di emergenza territoriale (le cosiddette P.E.T) hanno sempre a supporto un’associazione se pensiamo a comuni come Cassano, Castrovillari, Corigliano, Trebisacce, Cariati e così via, altrimenti non si riuscirebbe assolutamente a soddisfare la richiesta di intervento”.

fonte notizia quicosenza

Pubblicato in Cronaca

condonoMulte auto, Imu, Irap, Tasi. Anche le entrate che spettano a regioni e comuni potranno essere condonate. Nella bozza del decreto legge crescita, visionata dall'Adnkronos, è stato inserito l'articolo 'Estensione della definizione agevolata delle entrate regionali e degli enti locali'. La misura interessa i provvedimenti di ingiunzione o ruoli, notificati negli anni dal 2000 al 2017, e consente di pagare l'importo dovuto senza le sanzioni e gli interessi. I singoli enti potranno decidere se introdurre o meno le sanatorie.Nella bozza, inoltre, la rottamazione delle cartelle viene estesa anche a regioni, province, città metropolitane e comuni. La definizione agevolata delle entrate, già prevista per l'erario, viene quindi estesa anche agli enti territoriali. Sarà possibile condonare sia le somme iscritte a ruolo che quelle chieste tramite decreto ingiuntivo.La norma, si legge nella relazione illustrativa, ''introduce la possibilità per gli enti territoriali di disporre la definizione agevolata delle proprie entrate, anche tributarie, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione fiscale, stabilendo l'esclusione delle sanzioni''. Gli enti potranno definire, entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto legge crescita, ''l'esclusione delle sanzioni'' relative alle entrate. La definizione agevolata riguarda gli anni dal 2000 al 2017.Secondo quanto prevede la bozza, inoltre, gli immobili degli Enti locali rientrano nel piano di dismissioni del governo a beneficio del raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica. Oltre l'80% dei beni immobili della Pa risulta in mano agli Enti locali, da qui l'idea di estendere il perimetro dei soggetti che possono contribuire alle cessioni. I benefici per i conti pubblici dipenderanno dal successo o meno del piano.

fonte notizia adnkronos.com

Pubblicato in Politica

porto amantea

Con determina n 301  del 29 marzo la apposita commissione ha affidato alla cooperativa Gente di mare i servizi portuali per l'importo di euro 161749 Oltre Iva al 10 per cento e quindi per un totale di 177924 euro annui. Dopo una breve pausa quindi il porto ritorna alla cooperativa amanteana

Pagina 6 di 161
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy