BANNER-ALTO2
A+ A A-

sanitàConsiderando le varie emergenze registrate al pronto soccorso, per quanto riguarda il fattore tempo di registrazione e visita, prima di tutto voglio esprimere la mia solidarietà alla categoria dei medici, degli infermieri e dei medici specialisti, visto che purtroppo sono le persone che pagano le conseguenze di una cattiva gestione sanitaria.

 

Calcolando il fattore umano e dei cali fisiologici, tali operatori socio assistenziali sono soggetti a sollecitare la propria salute psico-fisica, il più delle volte in maniera costante sono soggetti a stress, non solo per adempiere al proprio dovere lavorativo, ma soprattutto a rispondere alle pressioni fatte dai degenti, sicuramente presi da una emergenza naturale, che è esigenza a tutelarsi la propria salute e la vita, dall’altra parte vediamo un lavoratore preso anch’esso dalla sua salute, dall’affaticamento dovuto al lavoro e allo svolgimento della propria vita.

 

Per tutelare la salute degli operatori ospedalieri, anch’essi vittima come i degenti o tutti coloro che hanno bisogno di cure, il problema non è l’operatore ma il circolo vizioso gestionale sanitario, che si estende a livello Nazionale.

Si potrebbe ricorrere all’uso della voce dei fondi europei “inclusione sociale”, dove tale voce ha il compito della promozione dell’uguaglianza di genere, di potenziare l’occupazione giovanile, e di fare interventi per ottenere dei risultati per il miglioramento globale della popolazione. Cito alcuni esempi, potenziamento dei servizi a domicilio, e strutture private per avere accesso ad un primo soccorso, e corsi di formazione per un corretto svolgimento della vita a livello salutare, sia dal punto di vista fisico, mentale ed emotivo.

 

Considerando il fatto che tra 10 anni, i  2/3 del comprensorio lametino saranno quarantenni e cinquantenni, emerge a gran voce la necessità di creare una realtà fatta di prevenzione e di servizi alla persona. Un fattore a nostro favore è che tanti giovani hanno investito il loro percorso di studio per diventare operatori socio-sanitari.

Concludo infine chiamando all’appello tutti i sindaci del comprensorio, forze politiche, comitati, associazione, ordini di categoria, corpo studentesco, popolazione, per discutere l’andamento dell’azienda sanitaria dei prossimi 10 anni.

Francesco Mendicino “Rinascita di Lamezia”

Pubblicato in Comunicati

La sezione Penale del Tribunale di Cosenza ha emesso la sentenza relativa al Processo Gutenberg.

Parliamo del processo relativo agli infermieri imputati di aver lavorato senza alcun titolo avente validità legale.

La vicenda risale al dicembre del 2008 e fu accertata dai carabinieri del Nas di Napoli e del comando provinciale di Cosenza.

Si scoprì un giro di titoli falsi esibiti all’atto dell’assunzione presso ospedali e cliniche di Cosenza e provincia (e in particolare dell’Alto Tirreno cosentino). 

Originariamente furono indagate 70 persone. In 26 furono poi prosciolte dal gup, che ne rinviò a giudizio 44..

Secondo l’accusa gli indagati avrebbero messo in piedi una rete di compravendita che consentiva di acquistare ad un prezzo che variava dagli ottomila ai diecimila euro il titolo di studio falso, per essere assunti nelle strutture ospedaliere ed esercitare la professione sanitaria.

La sentenza è stata firmata dal giudice Claudia Pingitone.

Il giudice ha disposto la confisca e la distruzione dei diplomi di infermiere professionale e dei certificati di iscrizione all'IPASVI.

Ad alcuni condannati sono stati confiscati beni sino al raggiungimento del valore delle retribuzioni maturate dopo il 29 Settembre del 2000.

La confisca è finalizzata al risarcimento dei danni causati all’ASP di Cosenza.

8 di loro dovranno restituire 13 anni di stipendio

E’ decaduta l'accusa di truffa aggravata per i cinquanta dipendenti delle cliniche private in quanto quest'ultime non avrebbero mai presentato denuncia e in più avrebbero direttamente versato gli stipendi ai propri lavoratori non attingendo, formalmente, a denaro pubblico(?).

Di seguito tutti i nomi delle persone condannati e degli assolti

I CONDANNATI:

Vincenzo Marino pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Francesco De Luca pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Vincenzo Bosco pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Antonello Bencardino pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Raffaele Maria Giorno pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Francesco Castiglione pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Lorenzo Oriolo pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Attilio Caruso pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Francesco Pesce pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Dora Pistorino pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Francesco Arena pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa detenzione carceraria

Teresa Liparoto pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Giovanna Trentinella pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Francesca Sorrentino pena di cinque mesi di reclusione pena sospesa

Raffaella Quartarolo pena di un anno e due mesi di reclusione e 700 euro di multa pena sospesa

Anna Liberata Vetere pena di un anno e sette mesi di reclusione e 400 euro di multa detenzione carceraria

Antonietta Ardifuoco pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Vincenzo Barbieri pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Antonio Russo pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Carlo Caruso pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Raffaele Consoli pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Assunta Piragine pena di un anno e sette mesi di reclusione e 500 euro di multa pena sospesa

Sonia Aloia pena di un anno e otto mesi di reclusione e 600 euro di multa pena sospesa

Maria Aloia pena di un anno e otto mesi di reclusione e 600 euro di multa pena sospesa

Carmela Greco pena di un anno e otto mesi di reclusione e 600 euro di multa pena sospesa

Marco Foggia pena di un anno e dieci mesi di reclusione e 700 euro di multa pena sospesa

GLI ASSOLTI:

Damiano Taraso

Eduardo Conte

Ornella Maria Pia Tirone

Gianfranco De Marco

Ferdinando Oriolo

Arina Casella

Kattia Grosso La Valle

Salvatore Ponto

Francesco Esaltato

Paola Trentinella

Ada Benvenuto

Giovanni Magurno

Maria Francesca Ambroisi

Franca Pastore

Marisa De Vuono

Maria Carolina Barbieri

Francesco Marsico

Vincenzo Luci

Pubblicato in Cosenza
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy