BANNER-ALTO2
A+ A A-

Amantea Incidente 15.02.20Le due auto con a bordo due cittadini residenti ad Amantea hanno avuto una collisione per circostanze ancora da chiarire.

 

La notizia ę delle prime ore del pomeriggio, da quanto segnalato e raccolto dal nostro inviato Luca Guzzo e attraverso  ontile chef siamo riusciti a raggiungere nelle ultime ore, saremmo di fronte all’ennesimo incidente nel tratto della Strada Statale 18, ormai parterre di numerosi casi di tamponamenti e disavventure automobilistiche.

 

Da quanto documentato a mezzo foto l’incidente è avvenuto nei pressi del fiume Oliva e come sempre a distanza di poco tempo dall’accaduto le dinamiche sono ancora poco chiare e da verificare.

 

Da quanto sembra le auto coinvolte sarebbero due una Ford Focus che procedeva da Campora San Giovanni in direzione Amantea ed una Fiat, non meglio identificata, che proveniva da uno dei mille bivi di imbocco alla statale, la dinamica ancora poco chiara ci lascia presumere che l’eccessiva velocità e qualche distrazione abbiano causato il tamponamento dei due veicoli.

 

Non sembra vi siano problemi per i due malcapitati automobilisti, entrambi Amanteani, ma segnaliamo il disagio dovuto all’intenso traffico sul tratto interessato dopo l’accaduto.

Amantea Incidente-15.02.20

Pubblicato in Primo Piano

Sono quasi le dodici del mattino.

Una autoambulanza del 118 sta viaggiando in direzione Paola.

Proprio in prossimità del semaforo di Via Baldacchino il tamponamento.

 

La punto è stata scaraventata avanti di diversi metri.

L’anziana conducente continuava a ripetere “Ma io ero ferma al semaforo!”

Immediato l’intervento della Polizia Municipale che ha provveduto agli adempimenti di competenza.

La donna investita non si è fatta male e la macchina funzionava ancora ma sembra che non fosse in regola.

Per questo sono stati chiamati i congiunti che hanno provveduto a ritirare l’auto ed a portare a casa l’anziana conducente.

Altra versione quella dell’autoambulanza.

Sembra che, infatti, l’auto della signora anziana si sia fermata con il verde traendo in errore il conducente dell’autoambulanza che al contrario ha supposto che la punto continuasse la sua corsa.

Difficile avere la piena verità.

A meno che non si fruisca delle telecamere dei negozi vicini.

Certo che sarebbe ben strano che l’incidente sia avvenuto perché l’auto si è fermata davanti al semaforo quando aveva il verde!

L’autoambulanza è rimasta ferma al semaforo in attesa dei soccorsi.

Foto dal web

Pubblicato in Primo Piano

Prima che la città si svegli gli automezzi della Multiservizi sono in strada a raccogliere, via dopo via, la spazzatura della città ed a trasferirla alle isole Ecologiche di Amantea.

E ieri, poco dopo le 0530 del mattino, uno dei mezzi piccoli ci accingeva a procedere verso l’Isola ecologica di Campora San Giovanni

Viaggiava sulla SS18, nei pressi dell’Eurospin, quando un’auto che proveniva da nord, per ragioni sconosciute, lo tamponava violentemente.

Per fortuna il personale a bordo dell’automezzo della Multiservizi non subiva danni fisici rilevanti

Il mezzo, però, non poteva continuare la sua attività e la raccolta della RSU ed RD subiva qualche ritardo .

Ben diversa la situazione del conducente dell’auto tamponatrice, anche lui lavoratore di un pubblico esercizio cittadino, che, al contrario, sbatteva violentemente con la testa contro il vetro anteriore dell’auto frantumandolo.

Contestualmente si procurava una forte contusione alla testa e veniva trasportato dal 118 al vicino ospedale di Paola.

Pubblicato in Politica

Il 35enne che ieri sera, sul tratto catanzarese dell'autostrada, ha violentemente tamponato la vettura che lo precedeva, provocando la morte di una 67enne vibonese, guidava sotto l'effetto dell'alcool.

La donna deceduta si chiamava Rita Ramondino, ed era residente a Vibo Valentia

L’uomo si chiama, I.R., ed è un marocchino.

Viaggiava sull’autostrada A3 Salerno Reggio Calabria all’altezza del Comune di Martirano Lombardoha tamponato con la sua Opel Vectra l’auto sulla quale viaggiava la donna vibonese

Quando è scattato l’allarme per il doppio incidente avvenuto ieri sera sull’autostrada del Mediterraneo A2, nel tratto del Catanzarese, con la morte anche dell’autista di un autobus, la polizia stradale ha effettuato tutti i rilievi del caso, notando che l’uomo coinvolto mostrava i segni di uno stato di alterazione psicofisico.

I ripetuti controlli hanno permesso di accertare l’alta presenza di alcol nel corpo dell’automobilista e l’alta velocita’ al momento dell’incidente, mentre gli accertamenti sulla persona hanno dimostrato che anche in passato l’uomo era stato coinvolto in incidenti stradali per la sua guida e per l’assunzione di alcol.

Ora è stato tratto in arresto in flagranza per il reato di omicidio stradale e guida sotto l’effetto di alcool.

Già in passato aveva commesso gli stessi reati

Oltre alla morte della donna, l’uomo ha anche provocato il ferimento delle altre persone presenti nella macchina che ha tamponato

Dalla ricostruzione della dinamica dell’accaduto, si è appurata l’elevata velocità di marcia della Vectra e il mancato controllo del mezzo da parte di I.R., anche come conseguenza della guida in stato di ebbrezza.

Al termine degli accertamenti, i veicoli direttamente coinvolti nel sinistro sono stati sottoposti a sequestro penale ed affidati in custodia giudiziale ad una ditta di soccorso stradale.

Pubblicato in Cosenza

Siamo sulla A3 nel tratto tra Pizzo e Lamezia nelle prime ore di oggi 22 dicembre.

Un mezzo pesante che viaggiava in direzione Sa lerno avrebbe tamponato un camioncino che trasportava legna.

Il camioncino era guidato dal settantaseienne Bruno Ciconte che è morto sul colpo.

Il conducente del mezzo pesante ,invece, ha riportato lievi ferite.

Sul posto è giunto personale dell’Anas, quello della polizia stradale per la ricostruzione della dinamica, i Vigili del Fuoco ed il 118 per constatare il decesso ed ha prestato i primi soccorsi all’autista del mezzo pesante.

L’incidente non ha procurato ripercussioni alla circolazione

Nessuna chiarezza sulla dinamica dell’incidente tanto che il magistrato di turno, la dottoressa Agostino, ha disposto l’autopsia per accertare se la vittima sia morta a casa dell’impatto o per un malore.

Pubblicato in Lamezia Terme

Potete anche non crederci, ma è così. Non passa giorno che non ci siano incidenti in Amantea ed in particolare sulla SS18. L’ultimo è di stamattina 12 dicembre.

 

Il luogo è l’incrocio della SS18 con Via Lava Gaenza proprio sotto il semaforo che avrebbe, nelle pie intenzioni degli amministratori che lo hanno voluto, garantire la sicurezza degli automobilisti in transito nella cittadina. 
Ma questa volta, almeno, i photored non c’entrano
Il semaforo infatti segnava verde e quindi chi li ha visti pensava di poter tranquillamente transitare. 
Ed invece non era così. 
La fila delle auto, infatti, era ferma perché il semaforo di via Baldacchini era rosso e tutto lo spazio tra via Baldacchini e via Lava Gaenza era pieno di auto in attesa del verde.
Una prima auto , una lancia era ferma proprio sotto il semaforo in attesa che si determinasse lo spazio utile per infilarsi.
L’auto successiva una Renault non riesce a fermarsi del tutto e la urta lievemente spingendola in avanti.
La mercedes che veniva ancora dietro non riesce a fermarsi e tampona fortemente la Renault.
Intano il semaforo che viaggia sempre facendosi gli affari suoi diventava rosso e formava la colonna della auto da sud.

Nel contempo diventava verde il semaforo di Via Baldacchini e le auto defluivano tranquillamente. Ignari dell’incidente i due semafori continuavano ad alternarsi nella loro colorazione indifferenti ai danni delle auto e dei loro passeggeri. 
Poi arrivano i Vigili Urbani, scattano le foto, invitano i passeggeri al comando della Polizia Municipale per la redazione dell’apposito verbale ed il traffico riprende liberamente governato da semafori indifferenti alle vicende umane. Salvo che a quelle di chi li gestisce ne trae utilità economiche che si nascondono dietro l’aura della giustizia che si intende somministrare al popolo bue che continua a distrarsi, preso da tanti problemi di vita quotidiani , ed a passare con il rosso, ignari del fatto che solo i peccati possono essere rimessi, ma non le sanzioni da photored.

Nella immediatezza nessuna necessità dell’intervento del 118 ma non si esclude che qualcuno degli incidentati abbia raggiunto il vicino ospedale per accertamenti sanitari.

Pubblicato in Primo Piano

Siamo sulla SS18 in località Coreca. Un’auto proveniente da sud fa una manovra irregolare.

 

Intende svoltare a sinistra dove esiste un divieto di accesso installato proprio per evitare similari incidenti stradali

Per svoltare deve rallentare per dare precedenza ad un auto che viene dal senso opposto.

Si ferma così in mezzo alla strada statale e peraltro in curva.
Un camion che seguiva l’auto è costretto anche lui a rallentare quasi fino a fermarsi.
La Fiat Punto che arriva sempre da sud riesce a rallentare ed a fermarsi.
Non così riesce alla seconda auto una Fiat Multipla che fa una forte frenata ma insufficiente ad evitare il tamponamento della Punto.
Le auto restano in mezzo alla strada e bloccano il transito sulla statale 18. Intanto l’ auto che ha indotto l’ incidente ed il camion vanno via : hai visto mai!
Per fortuna che passa un carabiniere di Amantea che pur senza essere stato chiamato per l’incidente e pur essendo solo nell’ auto di servizio si presta alla bisogna.
Si assicura che i conducenti non abbiano subito danni fisici da necessitare del 118. Registra la volontà di addivenire alla conciliazione.
Fotografa il tutto, documenti compresi, fa spostare le auto nella piazzola privata prossima al luogo dell’impatto garantendo così il ripristino della viabilità sull’importante arteria stradale. 
Poi il conducente della Punto raggiunge il vicino nosocomio di Paola per gli opportuni controlli.
Inviamo il presente articolo sulla stampa perché il conducente della prima auto abbia la possibilità di sapere che cosa ha indotto con la sua manovra irregolare.
E perché insieme lo sappiano tutti coloro cha abitano a Coreca e siano portati a fare le stesse infelici scelte..
Al Carabiniere i complimenti per la pragmatica efficienza

Pubblicato in Cronaca

Ci scrive l’attento amico Nuvoletta :

Ieri l'ennesimo tamponamento di auto sulla S.S. 18 in prossimità della concessionaria tutto moto. No, non è colpa dei photored.

C'è chi si ferma sulla carreggiata per buttare il sacchetto della spazzatura nei bidoni.

C'è chi si ferma dai venditori ambulanti abusivi che nessuno vede, soprattutto la Domenica.

C'è chi parcheggia davanti alla banca con le 4 frecce di emergenza (sarà la crisi).

C'è chi usa la S.S. 18 come parcheggio 24h.  

C'è chi parcheggia sui marciapiedi zona Ragioneria, zona Eurospar ecc.

Poi ci sono i mega tabelloni pubblicitari che posso distrarre gli automobilisti.  

Insomma, tanti cittadini utilizzano il territorio comunale come se fosse di loro proprietà.

Pochi però conoscono l'art. 23 del c.d.s.

Lungo le strade o in vista di esse è vietato collocare insegne, cartelli, manifesti, impianti di pubblicità o propaganda, segni orizzontali reclamistici, sorgenti luminose, visibili dai veicoli transitanti sulle strade, che per dimensioni, forma, colori, disegno e ubicazione possono ingenerare confusione con la segnaletica stradale, ovvero possono renderne difficile la comprensione o ridurne la visibilità o l'efficacia, ovvero arrecare disturbo visivo agli utenti della strada o distrarne l'attenzione con conseguente pericolo per la sicurezza della circolazione

Ndr. Nuvoletta è sempre attento a quanto avviene ad Amantea e segnala con costanza le cose che non vanno.

A lui aggiungiamo noi:

-che le auto che viaggiano verso sud( dopo il semaforo di via Lava Gaenza) per svoltare nelle traverse ad est ( Via Ferrara, Via Vulcano, Via Etna, Via Staccia, ecc), se non nelle aree a parcheggio dei negozi, si fermano in mezzo alla strada come se si trattasse di una strada interna e non della più lunga Statale italiana ( collega Salerno con Reggio Calabria). Eppure c’è la striscia continua! Basterebbe vietare la sosta su Via Dogana e lasciare questa strada( l’unica che collega il nord ed il sud del paese) a doppio senso di circolazione per ridurre la fruizione della Statale. Ma questo riteniamo sarà molto difficile con questi amministratori.

-che i semafori bloccano il traffico che riparte da fermo e molto spesso con estrema lentezza, così che le auto no bloccate dai semafori arrivando a maggiore velocità è facile determinino i tamponamenti;

Certo che i cassonetti sulla Statale sono una prerogativa tutta amanteana e si preferisce questa ubicazione a quelle interna all’abitato proprio perché lontana dalle abitazioni ( così i cittadini non sentono la puzza)

Certo ancora che sulla statale il commercio ambulante può essere esercitato per una sola ora mentre nella nostra cittadina viene svolto per l’intera giornata

Se Nuvoletta voleva dire che siamo proprio a terra non si può contestare ,anzi forse siamo “sottoterra”

Pubblicato in Cronaca
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy