BANNER-ALTO2
A+ A A-

camion00Amazon non fa sconti a nessuno e, dopo le farmacie, si prepara a mettere sottosopra il mondo delle consegne. FedEx e UPS, tra tutti, guardano con attenzione alle nuove mosse che il colosso dell’e-commerce di Jeff Bezos di prepara a muovere sulla scacchiere delle consegne a domicilio.

La consegna è Amazon al 100%

Dopo la frenesia da shopping compulsivo on line, segue sempre il piacere dell’attesa del ben noto pacco Amazon. Tutti alla finestra o a chiedere ripetutamente al portiere se si è visto il furgone di questo o quel corriere internazionale. A tutto questo, Amazon sta per porre la parola fine. Come? Con una nuova rivoluzione. Presto, infatti, saranno a disposizione dei rivenditori Amazon furgoni brandizzati con il logo della piattaforma di e-commerce e sarà anche possibile procedere all’acquisto di divise per conducenti e dipendenti al 100 per cento Amazon. Un’idea destinata a portare scompiglio nel mondo delle consegne. E chissà che, per il mercato italiano, Amazon non si rivolga a uno specialista del noleggio furgoni come Giffi Noleggi.

I vantaggi

Perché Amazon ha scelto di investire in questa direzione? I vantaggi che derivano da questa scelta, in realtà, sono numerosi e diversi. La prima opportunità offerta dal servizio di internalizzazione della consegna è proprio la possibilità di gestire al meglio il servizio, con una maggiore consapevolezza delle diverse fasi. In questo modo, infatti, i rivenditori avranno la possibilità di controllare meglio lo stato delle consegne e dei luoghi di deposito dei pacchi stessi. In questo modo, Amazon offre ai suoi partner un’importante leva competitiva nei confronti dei colossi della consegna che, soprattutto negli Stati Uniti, prendono il logo e le vesti di UPS e FedEx.

Gli elementi di riflessione

Per i rivenditori non è obbligatorio aderire. La partnership con Amazon può arrivare ad avere un costo fino a 10 mila dollari. Nel momento in cui l’accordo è firmato, i rivenditori dovranno consegnare esclusivamente merci Amazon con i furgoni brandizzati. Ai rivenditori-partner spetterà il compito di gestire e pagare i dipendenti e di gestire il processo di consegna. Per Amazon, invece, i costi da affrontare saranno quelli relativi al ritiro dal deposito e alla consegna. I dettagli dell’accordo economico, per una precisa volontà espressa dal colosso dell’e-commerce, sono stati mantenuti riservati. Quel che prende forma, in ogni caso, è sempre più la trasformazione del rivenditore in un vero e proprio vettore e servizio di consegna.

Dai furgoni agli aerei

Ma Amazon non lascia nulla al caso. Nella sede principale, infatti, si lavora alacremente per mettere su un servizio consegne capace di coprire tutte le fasi del processo. Non solo furgoni ma anche una flotta aerea targata Amazon. Al momento, infatti, il colosso statunitense dell’e-commerce ha acquistato 100 van Mercedes elettrici, un segnale importante anche nella direzione del rispetto per l’ambiente. Cento nuovi furgoni destinati ad ampliare la flotta Amazon per un servizio sempre più efficace ed efficiente. Ma non basta, il gruppo di Bezos, infatti, si prepara a realizzare una propria una flotta aerea con Amazon Prime Air. Gli investimenti vanno anche nella direzione del potenziamento del servizio Amazon Flex, quello delle consegne in auto, che costa fino a 25 dollari all’ora.

 

Pubblicato in Mondo
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy