BANNER-ALTO2
A+ A A-

Sono anni che i giovani amanteani non hanno tante opportunità di prestare servizio civile.

 

Ecco i 48 posti disponibili tutti nel comune di Amantea:

 

A cura dell’ Associazione FUTURA centro di Studi politici, culturali, economici, sociali e giuridici:

-          Progetto Antonio Ammaturo                                    posti 6

-          Progetto Giuseppe Saragat                                       posti 6

-          Progetto io Mi ricordo                                              posti 6

-          Progetto San Francesco d’Assisi                              posti 6

 

A cura della Project Cooperativa sociale- Onlus

-          Progetto Uniti per il nostro ambiente                       posti 20

Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti Onlus

-          Volontari in App 2.0- Cosenza                                 posti 3

 

Avis in Calabria

-          Un anno con Avis in Calabria                                  posti 1

 

Per tutti i progetti la scadenza per la partecipazione è fissata al 26 giugno ore 14.00

Pubblicato in Primo Piano

grillo amnateaRiceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa

Quasi ogni giorno piovono puntuali i comunicati stampa dell’amministrazione comunale.

 

E quasi ogni giorno ci domandiamo a chi e a che cosa servano questi comunicati, che più che informare disinformano, più che chiarire confondono le idee, e poi promuovono o tentano di promuovere in una passerella infinita questo o quel personaggio dell’apparato di governo cittadino.

Tutto è utile: la fiera, i cantanti, i concerti, le grispelle, e persino una cosa seria come i proiettili viene utilizzata per trasformare la realtà, la triste realtà della ‘ndrangheta in occasione pubblicitaria.

Ma quando poi si utilizza il lavoro, offrendo notizie false e tendenziose si commette qualcosa di gravissimo perché si abusa della disperazione della gente: da ieri sera ho già ricevuto diverse telefonate, una persino da Monza, per sapere quali fossero le assunzioni che sta effettuando il Comune di Amantea.

Sia detto a chiare lettere: il comune non assume nessuno e non ha “varato nessun provvedimento legislativo per facilitare l’occupazione”, come titola Pastore, nemmeno fossimo in Parlamento!! Semplicemente la Regione Calabria ha emesso un decreto al fine di approvare gli elenchi delle istanze ammissibili, quella del comune di Amantea è solo una tra le 223 ammesse e finanziabili.

Ma cosa vuol dire concretamente? Dice il comunicato: “saranno più di centoventi le persone che, a vario titolo, inizieranno a collaborare e a lavorare nei prossimi giorni per il comune di Amantea”.

Falso: il comune dovrà sottoscrivere il protocollo d’intesa con il Centro per l’impiego, poi elaborare i bandi relativi, ai quali potranno partecipare solo i percettori di mobilità in deroga, in un numero che presuntivamente sarà di 80 , tra cui preferibilmente soggetti che non abbiano partecipato in precedenza.

Ma la cosa fondamentale e nuova che il comunicato non spiega è che l’indennità di 400 euro che i soggetti utilizzati percepiranno , come chiaramente prescritto, non si cumulerà con l’indennità già percepita, ma la sostituirà, per cui si dovrà rinunciare a quanto già corrisposto dall’INPS, e questo ovviamente ridurrà l’interesse alla partecipazione.

Bisogna sottolineare pure che la domanda obbliga poi alla partecipazione, ponendo come sanzione la perdita della mobilità per cui sarà necessario valutare in anticipo l’effettivo interesse alla partecipazione a queste politiche attive che dovrebbero favorire il reinserimento nel mondo del lavoro, almeno nelle logiche dell’U.E.

In realtà non fanno null’altro che dare un misero contentino , solo in un’ottica clientelare, umiliando ancor di più la categoria degli “esclusi” dal mondo del lavoro e senza valorizzare in alcun modo la loro “utilizzazione”, né per i lavoratori né per gli enti utilizzatori.

Per di più gli ultimi soggetti utilizzati non hanno ancora ricevuto tutte le indennità spettanti per l’ultimo periodo: si impegni il sindaco in questo senso per capire dove siano questi soldi che rimbalzano senza chiarezza tra la regione e il “carrozzone” Calabria Lavoro, ente pagatore con il quale non si riesce nemmeno a comunicare telefonicamente.

Si impegni piuttosto il sindaco nella programmazione e nella creazione di sviluppo, nel settore del turismo o in quello della raccolta differenziata dei rifiuti che finalmente dovrebbe iniziare (questa l’unica notizia che speriamo sia attendibile) : una politica efficiente dovrebbe trasformare in una risorsa ed in un nuovo settore industriale soprattutto in un contesto vergine come la Calabria.

Concludiamo dicendo che la partecipazione ad una manifestazione di interesse per l’utilizzazione quasi gratuita di lavoratori fuori dal mercato del lavoro è un impegno davvero minimale: un’amministrazione seria dovrebbe fare altro, come incentivare la partecipazione di soggetti privati, dovrebbe informare e formare le aziende del comprensorio che potrebbero ad esito del percorso formativo prospettare seriamente nuove assunzioni, anche offrendo loro una riduzione del carico tributario comunale.

Mentre scriviamo sfogliamo velocemente la Gazzetta e ritroviamo, a firma di M.F. Calvano (moglie di Pastore) gli stessi comunicati stampa del comune di Amantea: cominciamo a comprendere. Non tanto a cosa servano questi comunicati ma senz’altro a chi.

-- www.amantea5stelle.it


SONDAGGIO:

Calabria Maran 4 Years ago
Elezione Calabria 2014: Andrai a votare? Se SI per chi?

Nella nostra regione si va al voto per le Elezioni Regionali.
Una buona occasione per fare una riflessione e votare per la tua terra.
Tra i politici, partiti e movimenti chi ti rappresenta di più in questo momento.
(Risultati OnLine solo a sfoglio aperto)

1
17

Voti

Voto
Cono Cantelmi - MoVimento 5 Stelle

4 Years ago

2
11

Voti

Voto
Mario Oliverio - Partito Democratico

4 Years ago

3
8

Voti

Voto
NON ANDRO' A VOTARE

4 Years ago

4
7

Voti

Voto
Wanda Ferro - Forza Italia

4 Years ago

5
3

Voti

Voto
Domenico Gattuso - L’Altra Calabria

4 Years ago

1 Voti rimanenti

jVoteSystem developed and designed by www.joomess.de.

Pubblicato in Cronaca

lavori-socialmente-utiliEcco il recente comunicato stampa del comune di Amantea: “Amantea, varati una serie di provvedimenti legislativi per facilitare l’occupazione.

 

Saranno più di centoventi le persone che, a vario titolo, inizieranno a collaborare e a lavorare nei prossimi giorni per il comune di Amantea.
«La Regione Calabria – evidenzia il sindaco Monica Sabatino – con l’emissione di un apposito decreto, ha acconsentito alla pubblicazione di un bando di selezione che permetterà di utilizzare ottanta soggetti collocati attualmente nelle liste dei lavoratori in mobilità.
La selezione consentirà d’individuare persone con competenze specifiche, come educatori professionali, operai e impiegati che andranno ad integrare nelle singole funzioni gli attuali dipendenti dell’ente.
Con l’adozione di questo provvedimento non solo riusciamo ad andare incontro a tante persone che per cause indipendenti dalla loro volontà si sono trovati di colpo senza occupazione, ma rispondiamo anche alle richieste della cittadinanza che esige e pretende, giustamente, un apparato comunale al massimo della propria efficienza».
La pubblicazione del bando sarà rapidissima, allo scopo di velocizzare l’intero iter burocratico e consentire l’immediata entrata in servizio dei lavoratori.

 

Ma sul fronte occupazionale sono in arrivo altre importanti novità.
L’esecutivo, infatti, ha deciso di prolungare l’utilizzo dei lavoratori retribuiti con i voucher emessi dalla Regione Calabria.
Secondo una prima stima fornita dagli uffici comunali di pertinenza la graduatoria dovrebbe scorrere di una trentina di unità. Una circostanza, quest’ultima, che farà tirare un sospiro di sollievo a tante famiglie, in vista soprattutto delle prossime festività natalizie.
Un’altra dozzina di persone, inoltre, con l’incarico di informatore ambientale inizieranno nei prossimi giorni la distribuzione dei mastelli per la raccolta differenziata che diventerà realtà anche ad Amantea capoluogo.

A Campora San Giovanni, infatti, il servizio è attivo da tempo e con ottimi risultati. «Finalmente – sottolinea il primo cittadino – possiamo procedere con questa importante fase del passaggio tra il metodo di raccolta attualmente utilizzato e la differenziata.
Un traguardo atteso da tutta la cittadinanza che porterà ad un radicale cambiamento delle abitudini».


La giunta ha varato anche una delibera che consente l’istituzione di un ufficio di staff alle dirette dipendenze del sindaco.
La struttura in questione sarà composta da un gruppo di quattro persone di comprovata esperienza in settori nevralgici dell’ente che diventeranno un supporto nell’espletamento delle funzioni d’ufficio erogato dallo stesso comune.
È uno strumento presente in molti uffici pubblici che consente di ridurre i tempi di lavorazione delle pratiche più complesse e di supportare al meglio le azioni dei vari settori dell’ente.
È stato già pubblicato, infine, un avviso per la formazione di una graduatoria da cui attingere per l’attivazione di cinque tirocini formativi e di orientamento da svolgere presso l’ente pubblico nepetino.
Il progetto in questione è finalizzato a creare momenti di alternanza tra studio e lavoro e a promuovere opportunità di aggiornamento professionale tecnico e pratico.
I beneficiari della selezione sono giovani neo – laureati da non più di sei mesi con un età compresa tra i 23 e i 29 anni.
La selezione è aperta ai possessori di laurea specialistica in ingegneria, architettura, scienze economiche e sociali, economia e commercio (o equipollenti) e giurisprudenza.

Anche questa fortuna per chi abita nel nord Italia.

“Ci sono morosità incolpevoli. Il fenomeno comincia ad assumere proporzioni rilevanti, così abbiamo deciso di reagire in maniera non punitiva per chi dimostra buona volontà.

Parliamo di quelli che hanno perso il lavoro e non riescono a trovarne un altro.

Per queste persone, se dimostrano buona volontà , invece di interrompere il servizio abbiamo deciso di permettere di pagare l’equivalente in lavori socialmente utili”

E’ questo il senso delle dichiarazioni di Alessandro Lanfranchi, presidente di Padania Acque spa, l'azienda pubblica che gestisce il servizio idrico nel cremonese.

Ma occorre subito precisare che a Cremona "I soldi non incassati a causa della morosità per noi rappresentano un buco da 300-400 mila euro all'anno su un bilancio di 40 milioni”

Parliamo cioè dell’ 1 per cento.

Ben diversa è la evasione dalle nostre parti e comunque qui si ha la supposizione che trattandosi dell’acqua non sia possibile interrompere la fornitura

Un tempo quando si andava al ristorante e si mangiava a sbafo o non si poteva pagare si finiva a lavare i piatti o si veniva denunciati, se non peggio.

Ed è per questo che ancora adesso nessuno va al ristorante od in pizzeria senza pagare.

Il problema è quello che l’acqua di chi non paga viene addebitata a chi invece la paga, così che si paga di più proprio perché ci sono le morosità incolpevoli ma anche quelle colpevoli , le perdite di rete e gli allacci abusivi.

Ben diversa sarebbe la situazione se il comune facesse pulire le strade od i fossi o magari le spiagge d’estate o fare qualsiasi altro lavoro di utilità pubblica per compensare le morosità incolpevoli.

Ognuno pagherebbe di meno.

Ma bisognerebbe abitare a Cremona, non ad Amantea.

Oppure bisognerebbe avere amministratori illuminati.

Difficile dite?

Basta sceglierli bene!|

Pubblicato in Italia
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy