BANNER-ALTO2
A+ A A-

E’ il senso della lettera che il Dipartimento Turismo e spettacolo della regione Calabria ha inviato alla dottoressa Maria Elena del Pizzo per la qualità di Presidente della associazione Pro Loco Riviera degli Oleandri ed al sindaco di Amantea.

 

 

L’oggetto della lettera è il seguente “Comunicazione chiusura ispezione art 15 comma 2 lettera E legge regionale (/2008 3d articolo 7 del regolamento provinciale delle associazioni Pro Loco”

Nel mentre arriva in tarda mattinata il seguente comunicato della Pro Loco Amantea .

Comunicato che ribaltiamo sul nostro sito:

“Grande soddisfazione nel direttivo della pro loco di Amantea “Riviera degli Oleandri”, che ha chiuso la vicenda sulla legittimità, a seguito dell’ispezione avviata su richiesta del sindaco Mario Pizzino e su spinta di altri amministratori.

La regione attesta che non ci sono gli elementi per procedere alla cancellazione dell’albo delle Pro Loco.

“Abbiamo sempre creduto in quello che facevamo - dicono i componenti del direttivo - e, insieme, siamo andati avanti caparbiamente, evitando polemiche e lavorando affinchè questa associazione potesse continuare a esistere.

Sicuramente da oggi nessuno potrà sollevare dubbi sull’esistenza della Pro Loco, e questa è sicuramente anche i una vittoria per tutta Amantea.

Un particolare ringraziamento lo vorremmo rivolgere agli iscritti, per aver creduto in noi e averci sostenuto in questi mesi.

La loro fiducia ci ha sicuramente dato una “marcia in più”! 

Invitiamo tutti i cittadini ad avvicinarsi al volontariato; la nostra associazione comprende varie fasce di età e ognuno può entrare per essere propositivo e apportare idee ed energie.

Come gruppo direttivo, paradossalmente, ci sentiamo anche di ringraziare chi è stato contro di noi e ha cercato di screditare la Pro Loco..

Infatti oggi ci sentiamo ancora più coesi e finalmente usciamo da questo periodo difficile guardando al futuro con entusiasmo, consapevoli delle nostre potenzialità..

Il nostro unico rammarico è quello di non aver potuto investire le energie nella realizzazione di una programmazione estiva di cui Amantea avrebbe avuto tanto bisogno; ma abbiamo tante idee e tanti progetti che, con l’aiuto dei nostri soci, realizzeremo.

Infine, ma non per ultimo, anche alla luce del responso dell’organo di controllo, ribadiamo la nostra disponibilità a una sinergica collaborazione con le istituzioni, così come abbiamo sempre dichiarato in questi mesi.”

Ndr. Auguri alla Pro Loco Amantea ed auguri di proficua collaborazione tra la stessa e l’amministrazione comunale.

Leggi tutto... 0

Amantea è una città strana nella quale pochi negano rumorosamente e stupidamente le evidenze come le biciclette che vanno, certo“non da sole”, controsenso, indipendentemente se condotte da amanteani o meno.(vedi foto)

 

 

 

Tanti invece raccontano la verità e segnalano i rischi di questo sciocco e pericoloso comportamento.

Tanti poi segnalano la “puzza” che sui avverte in varie parti della città a cominciare da Via Dogana, da Via Garibaldi, da Via Vittorio Emanuele.

Altri o sono raffreddati ( beati loro) o vivono( ancora più beati) in contesti cittadini che non soffrono di questa problematica.

Ma proprio stamattina ci hanno informato delle ragioni che determinano le cause di questa puzza.

“ Nella città ci sono tubazioni fognarie connesse con tubazioni di scarico delle acque bianche.

Ora tanti sanno ( e tantissimi fanno finta di non sapere) che in alcuni punti del paese le acque bianche e nere arrivano nelle stesse vasche.

Qui la fogna fermenta ed invade sia i tubi delle acque nere che quelli delle acque bianche.

Il risultato è che le griglie delle acque bianche che, ovviamente, sono senza sifone, emanano la nauseabonda puzza fognaria .

Ancora più quando la vasca fognaria è colma ed il suo contenuto, anche grazie al forte caldo, fermenta.

Per ridurre e forse evitare tale grave fenomeno è necessario che nessuna fogna sia collegate alle tubazioni della acque nere, che non siano collegate alle medesime vasche di raccolta.

Poi occorrerebbe potenziare le pompe che spingono la rete fognaria.

C’è molto da rivedere nella rete di smaltimento delle acque bianche e nere.

E prima possibile.

E meno male che non piove.

Se dovesse piovere ( e quando pioverà) anche le acque fognarie arriveranno a mare a saranno dolori”

Leggi tutto... 0

(Nella foto Cmpanaro). Calabria Verde. La sezione giurisdizionale della Corte dei Conti della Calabria ha confermato il sequestro conservativo “ante causam” di beni per quasi 2 milioni di euro della Corte dei Conti della Calabria nei confronti dell’ex dg dell’Afor, Paolo Furgiuele, del responsabile dell’ufficio legale, Giuseppe Campanaro, e dell’ex commissario liquidatore dell’Afor, Federico Postorino, ritenuti responsabili di alcune anomalie nella gestione del Tfr dell’ex azienda forestale regionale.

Nell’ordinanza con la quale viene confermato un analogo provvedimento dello scorso 13 maggio scorso, il giudice contabile ricostruisce la vicenda che coinvolge i tre dirigenti e che risale agli anni 2013-2014, sostenendo che i soldi del trattamento di fine rapporto dei lavoratori dell’ex Afor, per un importo di quasi 2 milioni, sarebbero stati investiti e affidati, «pur trovandosi l’ente in liquidazione», a una società, la Cooperfin, «seguendo una procedura con diverse anomalie e senza le necessarie verifiche sull’affidabilità economico-finanziaria del partner».

La notizia era stata diffusa il 22 dicembre 2018 dalla Dda di Catanzaro ma non era completa dei nomi dei “protagonisti” e non era stata approfondita da nessun media né tantomeno il procuratore Gratteri si era preoccupato di dare altri “indizi”. Parliamo di un sequestro preventivo d’urgenza per peculato e turbata libertà degli incanti effettuato per una delle tante vicende legate a quel gran carrozzone che è Calabria Verde.

Sono queste le ipotesi di reato contestate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro nei confronti di 4 soggetti, all’esito di complesse ed articolate indagini di polizia giudiziaria, condotte dalla Compagnia di Vibo Valentia, finalizzate a delineare i rapporti intercorsi, negli anni 2013 e 2014, tra l’A.FO.R, Azienda Forestale della Regione Calabria (ora “Azienda Calabria Verde”), e la già nota società finanziaria Cooperfin S.p.a.

Le indagini che hanno portato all’operazione denominata “Little John” hanno consentito di disvelare rapporti illeciti tra l’amministratore delegato di Cooperfin e tre dirigenti apicali di AFOR, oggi Calabria Verde, che hanno distratto risorse pubbliche per il tramite del “partner finanziario” Cooperfin.
Le Fiamme Gialle, in esecuzione del provvedimento d’urgenza del pm, hanno sequestrato immobili, auto di lusso e somme di denaro nella disponibilità delle persone coinvolte sino a quasi due milioni di euro, in Calabria e in Campania.

Questo era il comunicato diffuso dalla Dda ai media. Abbiamo “indagato” a lungo per capire chi potessero essere i soggetti indicati e ai quali è stato sequestrato un così ingente patrimonio e poi tutto è emerso con certezza ovvero sono usciti fuori i nomi dei papponi ai quali Gratteri è andato a rompere le uova nel paniere.

Ebbene, i beni per quasi due milioni di euro sequestrati il 22 dicembre scorso appartenevano allo stesso Paolo Furgiuele, all’ex commissario Afor Postorino, al deus ex machina di Cooperfin Ortensio Marano ma soprattutto a Giuseppe Campanaro, finora soltanto lambito dalle inchieste su Calabria Verde, al quale sono stati sequestrati immobili, conti correnti e persino il celeberrimo “bolide” alla guida del quale si è pavoneggiato per anni. Non solo: Campanaro è stato interdetto dai pubblici uffici per un anno ed è stato proprio questo “particolare” che ha fatto scattare la lampadina a tutti. Infatti, dopo le vacanze di Natale e fine anno, non vedendo più la sua faccia di bronzo a Catanzaro, molti si sono insospettiti e hanno fatto finalmente 2+2: stavolta il prode Peppuccio è andato grasso, come si dice dalle sue parti, in Sila. 

Ci sembra opportuno, a questo punto, riepilogare un po’ la situazione puntando i riflettori proprio sui due personaggi fondamentali per capire le dinamiche di questo immenso carrozzone: tutti gli incarichi e le funzioni svolte dai nostri amici, O’Principale Paolo Furgiuele e San Giuseppe Campanaro, al secolo Peppuccio.

O’Principale, anche se ha ancora un fastidiosissimo accento napoletano, è da tempo calabrese d’adozione, da quando si trasferisce nella ridente località turistica di Amantea ed entra ad Afor grazie ai buoni uffici del fratello massone barone Macrì.

Dal suo curriculum vitae possiamo elencare le varie funzioni che in questi anni ha svolto nell’ex Afor ora Calabria Verde: appaltatore (vedi ristrutturazione della sua lussuosa villa con parquet di Amantea), ristoratore (vedi utilizzo scientifico dei buoni pasti), benzinaio (vedi l’utilizzo delle carte carburante); parquettista (vedi il parquet di villa Furgiuele); arredatore (vedi arredamento completo dello chalet a Siano); agente di viaggio (vedi viaggi a Roma dal Papa); gommista (vedi pneumatici per Smart); ed altre varie attività che sono parte integrante dell’ordinanza di custodia emessa a suo tempo dalla magistratura di Catanzaro.

Anche il suo sergente di ferro, il buon Giuseppe Campanaro ha un curriculum impressionante. Nativo di Spezzano Piccolo, giunge ad Afor grazie all’interesse del braccio destro di Scopelliti nelle sembianze di Fausto Orsomarso e anche lui si impegna a svolgere tante funzioni per il bene dell’ente.

Ci pare opportuno elencarne alcune di queste: pilota di elicotteri (vedi appalto Elimediterranea); collaudatore (vedi collaudi a favore di Matacena); politico (esponente della politica cosentina sia di destra che di sinistra: da Orsomarso a Nicola Adamo, una specie di Madame Fifì travestita…); intermediario (vedi affidamento diretto Misura mercato per il camerata Vigna e l’affaire Feliciano per Madame Fifì e Capu i liuni); dirigente dell’Avvocatura e della trasparenza ed anticorruzione (tralasciando le funzioni della trasparenza e dell ‘anticorruzione – che ci viene solo da ridere -, ci sembra giusto rimarcare che secondo tanti si è AUTONOMINATO dirigente, invece secondo indagini della magistratura e testimonianze di colleghi dirigenti è un semplice funzionario).

Però – secondo voi – si sono fermati solo a questo? No di certo. Oggi i nostri cari clienti Furgiuele e Campanaro possono anche annoverare persino la funzione di promoter finanziari. Per la quale Gratteri gli ha sequestrato tutti i beni.

Eh sì, perché questi incalliti truffatori e predatori delle risorse pubbliche si sono premurati di effettuare un versamento di un milione e mezzo di euro a favore di una società di intermediazione finanziaria che risponde al nome di Cooperfin.

Vediamo come sono riusciti a fare tutto ciò. La prassi è sempre quella (vedi Matacena e Elimediterranea): manifestazione d’interesse per individuare un partner finanziario dell’ente Afor (perché chiaramente non ci si fida dell’ex Carime).

Secondo Voi, assidui lettori delle vicende di Calabria Verde, quante sono le domande presentate? Ma guarda un po’ il caso, una sola. Chi vince è la Cooperfin di Modena.

Tutto normale, ma c’è sempre un ma a Calabria Verde. La società in questione ha sede legale a Modena e chiaramente una sede operativa allocata a Napoli, nelle vicinanze dell’ex abitazione di O ‘Principale, ma scorrendo sulle sedi operative ne troviamo una anche a Belmonte (anche qui un caso fortuito visto che è il paese di residenza di Magnone).

Successivamente l’asinello Postorino, ex commissario Afor completamente nella mani del gatto e la volpe (che sembra più una vittima che un delinquente) a due mesi dalla chiusura di Afor stipula la convenzione con Cooperfin e liquida 1 milione e mezzo a favore della società finanziaria che dovrà rimborsare l’ente con versamenti annui di 60 mila euro in virtù di interessi maturati.

Poi Furgiuele con un atto trasferisce la convenzione a Calabria Verde e diventa lui il gestore della procedura coadiuvato sempre dall’ottimo Campanaro.

E voi credete che in questi anni Cooperfin abbia liquidato gli interessi? Cazzi, cucuzziedri e ova, si dice dalle nostre parti…

Ma perché scegliere la Cooperfin? I maligni sostengono che sia molto vicina all’amico di Campanaro ovvero l’ex consigliere regionale Nazzareno Salerno. Certamente, se qualcuno si prendesse la briga di leggere le carte dell’indagine Robin Hood qualche similitudine l’avrà riscontrata. Ma siccome siamo garantisti noi non pensiamo a male anche perché conosciamo la rettitudine morale dei soggetti coinvolti (applausi e risate a crepapelle).

A questo punto vogliamo fare incazzare un po’ i nostri lettori più assidui, ovvero i bistrattati operai ex Afor.

Cari amici, sapete di chi è il milione e mezzo trasferito alla Cooperfin? Ma sono i vostri soldi o meglio i vostri Tfr (trattamenti di fine rapporto) che ancora ad oggi non state ricevendo. Ma la cosa ancora più simpatica è che San Giuseppe Campanaro, nel compiere il miracolo in oggetto, si era giustificato ammettendo che così non sarebbero stati pignorati!!!

Allora, caro San Giuseppe, visto che sicuramente nel tuo percorso di studi non avrai mai sentito parlare di distrazione di fondi, ti comunichiamo che forse questo rientra in uno di questi casi. Poi, caro Peppuccio (come avvocato devi essere proprio una pippa come ormai dicono in molti, anche dalle parti della movida tirrenica), il Tfr per legge è impignorabile, ma sicuramente questo non lo potevi sapere. Andava al di sopra delle tue capacità…

Comunque, sembra proprio che alla Regione si siano accorti del giochino e il tutto è stato trasmesso alla Dda di Catanzaro, che finalmente ha preso provvedimenti. Ora vedremo a quale politico verrà data la colpa per potersi giustificare e giustificare i propri traffici.

Intanto, buon Tfr a tutti e alla prossima… Comunità Montane permettendo.

Da Iacchite 1 Luglio 2019

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy