BANNER-ALTO2
A+ A A-

Il primo gennaio prossimo uscirà nelle sale cinematografiche italiane il nuovo e tanto atteso film del comico Checco Zalone intitolato “Tolo Tolo”.

Ancora, quindi, non abbiamo avuto l’opportunità di vedere il film, ma abbiamo già capito di cosa il film tratta ascoltando la canzone “L’immigrato” che Checco ha lanciato per propagandare il suo nuovo film che avrà, senza dubbio, un successo strepitoso e un incasso da favola.

 

E già infuriano le polemiche sui social network, perché Checco viene accusato di razzista, fascista, non per il film ma per il video clip che ha lanciato. Alcune scene non sono piaciute al pubblico della rete. Per alcuni è razzista, per altri è antisalviniano. E intanto milioni di persone hanno visto il video e ora attendono con impazienza di vedere il film. L’obiettivo è stato raggiunto. Il successo assicurato. La canzone non è originale, è una parodia della canzone di Toto Cutugno “L’Italiano”. Protagonista è un uomo di colore, un immigrato che Checco ha utilizzato per mettere in scena la grave questione che vive oggi il popolo italiano: l’immigrazione. Tutto messo in scena con quella solita ironia bonaria che il comico solo lui sa fare. Ecco perché il pubblico lo ama e corre in massa ai botteghini per vedere i suoi film. Ci sono alcuni incontri che il comico fa con un immigrato, incontri che anche noi durante il giorno facciamo spesso nelle nostre città. Il primo incontro lo fa all’uscita di un supermercato mentre Checco spinge il carrello della spesa. Si avvicina l’immigrato e si offre di spingere lui il carrello pieno. Il secondo lo fa presso un distributore di benzina e l’immigrato si offre lui a mettere la benzina nel serbatoio. Il terzo incontro lo fa alla fermata della macchina ad un semaforo. Sempre lui, l’immigrato, si offre a pulire con uno straccio il parabrezza pretendendo in cambio qualche soldino:- Mi dai due euro per un panino?-. Ma la vera sorpresa è quando Checco alla fine della giornata ritorna a casa. E qui Checco al suo rientro trova l’immigrato che è diventato l’amante della moglie. Commenta sbalordito:-Sembra proprio che ti sei integrato-. Il video continua con Checco che si affaccia dal balcone di casa in stile Mussoliniano con posizione eretta, mani appoggiate sui fianchi, il petto in fuori, le gambe divaricate, la mascella protesa in avanti , testa in alto e attorniato da immigranti. Alla fine tutti e tre, Checco, la moglie e l’immigrato, si ritrovano coricati nello stesso letto.

Leggi tutto... 0

Nel pomeriggio riunione in Prefettura

Una donna per salvare dai rifiuti.

Una donna per mortificare la politica provinciale e la intera regione Calabria

Quando la politica e la regione dimostrano , ed è ben facile, la loro totale incapacità a fare le scelte di programma è d’obbligo ricorrere alla qualità.

 

 

 

Nel caso parliamo della nomina di Ida Cozza, 49 anni, quale commissario ad acta che dovrà individuare il sito nel quale realizzare l’ecodistretto e i due punti strategici dove dovranno sorgere le discariche di servizio.

A farla il dipartimento Ambiente della Regione

Una nomina invocata dallo stesso ATO a fronte dell’emergenza rifiuti a Cosenza e in molti centri della provincia.

Emergenza che è diventato un grande problema da risolvere, vista anche la presenza di spazzatura per strada in ogni angolo della città e in moltissimi centri della provincia

Intanto, nel pomeriggio di oggi, dalle 15.30 è iniziata una riunione in prefettura a Cosenza, per tentare quantomeno di superare e tamponare la crisi in atto che vede centinaia se non migliaia di sacchetti di spazzatura campeggiare per le strade.

Secondo i primi riscontri si punta all’ampliamento della discarica in contrada “Silva” a Cassano allo Jonio con la realizzazione di una nuova buca.

Poi si passerà alla discussione sui debiti dei Comuni morosi tra cui Cosenza, che deve versare più di 1 milione di euro e che però si trova in stato di dissesto.

Anche i comuni in regola però, potrebbe pagare il prezzo della mancata raccolta così come annunciato nei giorni scorsi da Calabra Maceri.

Ma la situazione si fa difficile se si pensa che dal 1° gennaio 2020, l’assemblea dei sindaci riuniti nell’Ato 1 sarà un organismo indipendente dalla Regione Calabria che non sarà più chiamata all’anticipazione di cassa.

Ndr: DA RIDERE! E pensare che la soluzione è di una semplicità incredibile!

Leggi tutto... 0

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa del sindaco Albi:

“Continua la polemica sul dimensionamento scolastico che metterebbe a rischio l’autonomia dell’istituto comprensivo di Nocera Terinese a favore di un costituendo aggregato di comuni composto da Martirano, Martirano Lombardo, Conflenti e Motta Santa Lucia.

L’autonomia dell’istituto scolastico nocerese salterebbe soprattutto a causa della volontà del comune di San Mango d’Aquino, il quale, attraverso una delibera ha manifestato la volontà di aggregarsi a Martirano, una decisione che dopo oltre 50 anni minerebbe l’unità dell’istituzione scolastica tra Nocera e San Mango.

Scelta duramente contestata dal Sindaco di Nocera, il quale, ha dichiarato che si opporrà in ogni sede verso una scelta irragionevole anche dal punto di vista tecnico, che causa calo demografico rischierebbe di naufragare già l’anno prossimo.

 

 

 

 

Una scelta quella dell’amministrazione di San Mango d’Aquino fortemente contestata dai genitori degli studenti sanmanghesi, i quali, nelle ore scorse hanno indirizzato ai due sindaci interessati e alla Provincia di Catanzaro la loro contrarietà alla proposta formulata dall’amministrazione comunale di San Mango d’Aquino.

“Una decisione del genere strappa inevitabilmente il plesso di didattico di San mango dal comprensivo di Nocera al quale è legato da oltre un ventennio –scrivono i genitori sanmanghesi ai responsabili politici degli enti-

Tale decisione, infatti, interromperà la continuità didattica dilapidandone il lavoro portato avanti per anni –affermano preoccupati i sottoscrittori della missiva-.

Il paradosso è che si smembra un istituto numericamente forte per crearne uno molto più debole con la conseguenza di danni oltre che didattici anche di tipo amministrativo e organizzativo”.

Alla luce di tutto ciò, la lettera-petizione dei genitori del plesso di San Mango d’Aquino si chiude con una richiesta al Sindaco del medesimo centro, l’avv. Luca Marrelli, affinché si adoperi a revocare la delibera n. 53 del 24 settembre 2019 della Giunta Comunale con la quale è stato deciso l’accorpamento con il plesso di Martirano.

Ufficio Stampa

Si allega la prima pagina del documento originale

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy