BANNER-ALTO2
A+ A A-

SSD

Le unità NVMe M.2 vengono assegnate alla maggior parte delle schede madri. Queste unità possono connettersi su Gen 3.0 x4 in grado di gestire una larghezza di banda totale di 8 GB al secondo (bi­direzionale) in PCIe modalità Gen 3.0. Il vecchio Gen 1.0 x16 sarebbe in grado di offrire 2GB al secondo sempre in bidirezionale.

 

SATA 3 vs NVMe M.2

La larghezza di banda in combinazione con la veloce memoria NAND e un controller di prim'ordine sono in grado di consentire velocità di memorizzazione di massa. Possono essere utilizzate con i nuovi dispositivi basati su NVMe all'interno del vostro PC. E 'necessario avere un driver correttamente installato, questo può essere scaricata dal sito Web del produttore dell'hardware. Ciò consente ai dispositivi NVMe di funzionare all'interno del sistema operativo esistente.

SATA 3 (6Gbps) e TRIM

SATA 6G (SATA 3) è l'ultima revisione dei connettori delle unità di storage SATA. Aumenta la larghezza di banda del controller SATA da 3 Gbit al secondo a 6 Gbit al secondo. Windows supporta la funzione TRIM, che utilizza il sistema operativo quando rileva che un file è stato eliminato da un SSD. Quando il sistema operativo elimina un file su un SSD, aggiorna il file system e l'SSD tramite il comando TRIM. Al momento della cancellazione, l'SSD è in grado di leggere il blocco in memoria, cancellare il blocco, e scrivere di nuovo i dati in essi contenuti. La cancellazione è più lenta, ma non si ottiene alcun degrado delle prestazioni in scrittura, perché le pagine sono già vuote, e le prestazioni di scrittura sono generalmente quelle che ci interessano di più. Il firmware in un SSD deve sostenere TRIM. TRIM migliora le prestazioni solo quando si eliminano i file. Se si sovrascrive un file esistente, TRIM non aiuta e si otterrà lo stesso degrado delle prestazioni in scrittura come se TRIM non ci fosse. In AHCI, la modalità TRIM viene attivata automaticamente.

 

Gli SSD influiscono sulle prestazioni delle applicazioni è appurato, ma influiscono anche sui giochi? Assolutamente si.
Alcune unità di memorizzazione odiano i file di piccole dimensioni, altri, invece, funzionano bene con questi file.
L'incubo di qualsiasi unità di memorizzazione come HDD e SSD, è la memorizzazione di piccoli file il più velocemente possibile.
Per quanto riguarda i giochi, un SSD veloce può diminuire il tempo di caricamento complessivo dei vostri giochi e dei livelli. Il vostro SSD carica file eseguibili, file binari, shader e texture durante un gioco.

Articolo di: PC­-Mobile

Pubblicato in Informatica e Tecnologia

hp-150-primo-touchscreen

L'evoluzione dei personal computer nella nostra storia

Nei primi anni sessanta, i computer erano veramente molto differenti da quelli che conosciamo oggi. Erano giganteschi. Occupavano un intero locale ed erano in grado di fare solo calcoli matematici dandoci dei risultati. Eravamo ancora lontani dalla tecnologia tech di oggi. A quei tempi, i computer erano praticamente la stessa cosa delle nostre calcolatrici tascabili. Solo verso la fine degli anni '60 si era riusciti a far diventare questi computer di dimensioni accettabili e la IBM, fu la prima commercializzare i primi e veri personal computer. Però, i primi personal computer della IBM avevano a quei tempi un prezzo davvero esoso. Si parla di circa 8 milioni delle vecchie lire qui in Italia che in quel periodo, erano veramente tanti. Pochi se lo potevano permettere e chi lo comprava era solitamente per uso amministrativo e di magazzino per la propria impresa.

Solo negli anni '80 con l'uscita di nuove marche competitive di nuovi personal computer che i prezzi cominciarono ad abbassarsi. I personal computer cominciarono a diventare di uso comune in molte case anche per scopi personali come pura curiosità e per i giochi. Ma quello che spinse i personal computer a diventare sempre più diffusi nelle case non fu solo per il fatto dei prezzi che cominciarono a scendere ma anche per la facilità di utilizzo. Infatti, negli anni '90 i sistemi operativi dei PC cominciarono a diventare molto più semplici da usare. Non si doveva essere più degli esperti di programmazione. Bastava un mouse e saper le basi per l'utilizzo di un sistema operativo Windows.

 

I personal computer: I PC Gaming

Dopo gli anni '90, i PC cominciarono ad essere molto diffusi anche solo per scopo viedeoludico, cioè per la grafica e per i giochi. In realtà, questa salita dei PC non è stata sempre stabile. I personal computer a metà degli anni 90 cominciarono ad andare un po 'in crisi per via della facilità d'uso delle console. Chi utilizzava un PC per i giochi, cominciava a pensare se ne poteva valere la pena dato che le console erano estremamente facili da utilizzare e non c'era bisogno di un continuo aggiornamento di hardware. Dopo il 2000 però, i personal computer cominciarono a riprendersi nelle vendite e sopratutto quelli assemblati. Le continue richieste si hardware sempre più potente per far girare sul proprio sistema operativo giochi e programmi è stato ed è ancora oggi sempre in rialzo.

I PC da Gaming sono l'evoluzione dei primi personal computer. Possono far girare sul loro sistema opearativo videogiochi ad altissima risoluzione e riescono ad utilizzare le applicazioni ad altissime prestazioni. Se in passato i PC hanno avuto una crisi, anche se durata poco, per via delle console, nessuno ora pensa ad eventuali cali di domande sull'hardware. I giochi per PC sono in continua evoluzione e la domanda di hardware più potente non cesserà mai di esistere.

Pubblicato in Mondo
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy