BANNER-ALTO2
A+ A A-

scaricoViste le perduranti difficoltà che si riscontrano a causa dei continui blocchi presso l'impianto di conferimento e che non ci consentono di effettuare scarichi superiori alle quantità stabilite, ci troviamo in difficoltà a smaltire il quantitativo di rifiuti che si sta accumulando davanti al punto di raccolta.

Pertanto, ricordando ai cittadini che è assolutamente vietato conferire presso il punto di raccolta rifiuti indifferenziati ed al fine di garantire l'igiene pubblica ed il decoro urbano, si avvisa che è assolutamente VIETATO abbandonare sul marciapiede antistante l'ex mattatoio comunale,  qualsiasi tipo di rifiuto e si invita a rispettare il calendario del servizio di raccolta porta a porta, fino a nuove comunicazioni.

Nell'attesa di restituire alla cittadinanza un utile servizio, si chiede la massima collaborazione.

mezzi multiservizi-640x468Un primo incontro per comprendere quale sia lo stato attuale delle cose, ma soprattutto per dare seguito a tutte le soluzioni possibili per migliorare non solo i livelli di raccolta differenziata, ma l’aspetto generale della città. Il sindaco Mario Pizzino ha tenuto nelle scorse ore una riunione con i vertici della Lamezia Multiservizi, l’azienda che per conto del comune di Amantea si occupa del ritiro e dello smistamento del pattume.

Il confronto, che si è svolto in un clima cordiale e collaborativo, vuole essere il primo passo per quel processo di riqualificazione urbana che, secondo il primo cittadino, “l’esecutivo è in grado di sostenere in pieno accordo con le direttive finanziarie” derivanti dal dissesto finanziario varato dal commissario straordinario.

«Non solo – spiega Pizzino – abbiamo ascoltato le esigenze di un’azienda che, è bene sottolinearlo, ha consentito di raggiungere un traguardo quanto mai significativo per gli aspetti legati al livello di riciclo che si è oramai attestato al 65 percento, ma abbiamo posto le basi per il futuro. Si può e si deve migliorare. Ecco perché ritengo ci siano i presupposti per adottare degli accorgimenti che produrranno, soprattutto nell’immediato, effetti positivi. Quanto prima mi recherò presso gli uffici competenti della Regione Calabria per chiedere un aumento della capacità di conferimento in discarica: un provvedimento che, abbinato alla possibilità che gli operai comunali possano utilizzare i mezzi della Lamezia Multiservizi, consentirebbe di raccogliere un quantitativo maggiore di spazzatura, velocizzando i tempi di smistamento della stessa. Ho chiesto, inoltre, alla ditta di occuparsi della gestione diretta dell’isola ecologica, allo scopo di generare una sorta di “filiera corta” tra produzione del rifiuto, stoccaggio dello stesso e differenziazione. L’applicazione di queste misure, pensate sulla base della situazione attuale e soprattutto su quello che potrebbe accadere nei mesi estivi, con il naturale incremento di residenti e turisti, dovrebbe fornire risposte quanto mai significative. Si punterà, inoltre, sui controlli, cercando di rafforzare il monitoraggio sul territorio da parte della Polizia Municipale: l’abbandono illecito dell’immondizia è una piaga sociale, un’offesa verso la comunità, che dovrà essere debellata. Su questo particolare aspetto già molto è stato fatto. L’analisi, chiaramente, è ancora agli inizi. La nomina della giunta, che sarà ufficializzata nelle prossime ore, farà in modo di distribuire compiti e competenze, migliorando ulteriormente il livello di condivisione di un progetto politico che intende fornire risposte, rendendo chiara e trasparente l’amministrazione della casa comunale».

I risultati della raccolta da parte della Multiservizi sfuggono agli amministratori comunali che non hanno pagato i servizi ma anche ai commissari prefettizi e straordinari che non pagano nemmeno quelli del 2017.

 

Chi ringrazierà la Multiservizi che ha raggiunto la altissima percentuale del 65% di differenziata?

Nessuno, purtroppo, anche se qualcuno che non paga nemmeno i servizi se ne vanterà!

Ridicolo, vergognoso!

Non solo, questo! C’è anche altro.

 

Chi ringrazierà la Multiservizi se Comieco che è il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica ha inserito Amantea tra gli otto i comuni calabresi che hanno i requisiti di accesso al Club dei Comuni EcoCampioni della Calabria (I comuni sono Amantea, Catanzaro, Cosenza, Mongiana, Palmi, Soveria Mannelli, Taurianova e Vazzano) che riunisce i Comuni calabresi che si sono distinti per i loro risultati di eccellenza nella raccolta differenziata di carta e cartone.

Nessuno probabilmente.

 

Tantomeno chi dovrebbe, non dico ringraziare la società ed il suo personale, ma almeno, pagare i servizi che ha chiesto e che hanno permesso questi brillanti risultati.

Al Club possono aderire tutti i Comuni in convenzione con Comieco che rispettano i requisiti di ammissione concordati con la Regione, in particolare: una raccolta differenziata superiore al 45%, un procapite di raccolta di carta e cartone pari almeno a 40 kg/abitante annui, e il raggiungimento della 1° fascia in termini di qualità.

Il Club dei Comuni EcoCampioni si pone l’obiettivo di stimolare la comunicazione e la condivisione di best practices nella gestione della raccolta di carta e cartone che possano diventare l’esempio virtuoso da seguire per tutti i comuni della Regione e così mettere in campo tutte le sinergie utili ad attuare un percorso unico di sviluppo e miglioramento delle performance di raccolta.

 

Ovviamente il merito va in concorso anche ai cittadini amanteani.

Ma non certamente agli amministratori che non pagano e mettono la società nelle condizioni di dover lasciare il servizio con chissà quali negativi risultati per l’immagine della città.

Siamo giunti al dissesto finanziario per errori , sottovalutazioni e chissà quant’altro da parte di coloro che hanno (s)governato la città

Ma che almeno oggi ed in futuro vengano garantiti acqua , fogna, depurazione e servizi RSU.

Almeno.

Pubblicato in Cronaca

Raccolta differenziataSono anni che cerchiamo di raccontare la verità; tutta la verità. Quella positiva e quella negativa.

 

Oggi siamo felici di raccontare una verità che incomprensibilmente la giunta Sabatino ha tenuto tutta per sé, senza diffonderla e quindi senza vantarsi di un risultato che le porta onore.

Un risultato del quale avrebbe potuto vantarsi a tutti i livelli, non solo regionali.

Oggi, grazie alla presenza dei commissari prefettizi, la verità è venuta a galla; tutta intera

Parliamo del servizio di Raccolta urbana gestito dalla Multiservizi spa.

 

Eccovi i dati della RSU del 2016 partecipati dalla Multiservizi.

Amantea ha prodotto:

- 2.577.800 kg di Organico;

- 41.420 kg di cartoni;

- 736.620 kg di carta;

- 972.840 kg di multi materiale ;

- 348.280 kg di Ingombranti

 

Parliamo quindi di un totale di 4.676.760 kg di rifiuti differenziati

Inoltre ad Amantea sono stati raccolti

- 2.486.760 kg i rifiuti indifferenziati.

 

I rifiuti totali raccolti ad Amantea sono stati 7.163.520 kg all’anno.

Amantea produce 19.626 kg di spazzatura per ogni giorno dell’anno

La produzione per abitante residente al giorno è quindi di 1,40 kg di spazzatura

Parliamo di 511 kg annui per abitante residente.

 

I Rifiuti differenziati hanno raggiunto la percentuale altissima del 65,29 % nell’anno, con punte del 71,31 %

Un vanto per gli amante ani, un vanto per la Multiservizi ed un vanto per l’amministrazione comunale.

E non basta . Se si sommano gli sfalci, gli oli, le scarpe ed i vestiti la percentuale sale ancora.

I dati sono meglio apprezzabili se li rapportiamo a quelli generali riportati sul report pubblicato dall’Arpacal il 28 novembre 216:

 

Tra le province più virtuose, continua a rimanere:

- in testa Cosenza con il 35,61% ( 24,95% nel 2014),

- seguita da Catanzaro con 22,24% (16,17% nel 2014) e

- Vibo Valentia con 18,54% (15,18% nell’anno precedente);

- seguono ancora la provincia di Reggio Calabria con 11,51% (11,34% nel 2014) e

- Crotone con il 11,90% ( 9,97% nel 2014).

 

La Calabria, nel suo complesso, segna un +7,08 % di raccolta differenziata, passando dal 17,26 % del 2014 al 24,34% del 2015.

Il dato migliore della Calabria nel 2015 è quello della provincia di Cosenza con il 35%.

E non è il massimo che Amantea può fare.

 

Basta volerlo! Tutti insieme.

Pubblicato in Primo Piano

Riceviamo e pubblichiamo la nota della minoranza consiliare "Progetto Longobardi" che contesta la insostenibile pressione fiscale.

Scrivono Bruno e Cicerelli:

“La battaglia del gruppo consiliare "Progetto Longobardi"

 

contro l'insostenibile pressione fiscale e le criticità del servizio di raccolta differenziata ha indotto l'amministrazione comunale a prevedere riduzioni per la raccolta differenziata applicabili alle sole utenze domestiche.

"Non molliamo -afferma il capogruppo di minoranza Nicola Bruno- di fronte all'elevata tassazione locale e al disservizio della raccolta differenziata.

Né riteniamo sufficiente la riduzione prevista dall'amministrazione comunale per il mancato conferimento alla raccolta differenziata dei rifiuti organici".

La giunta guidata dal sindaco Giacinto Mannarino "prevede con la delibera n° 78 del 01/09/2016 la riduzione del 20% -dichiara Bruno- di ogni utenza, ma ad una serie di condizioni.

In primo luogo, la misura premiale viene limitata solo a coloro che "ne abbiano fatto preventiva richiesta", a cui, peraltro, la maggioranza aveva già promesso galline o compostiera, in cambio di uno sconto in bolletta, cosa mai avvenuta, il che esclude nuove richieste;

-vengono, inoltre, esclusi "tutti i contribuenti che non risultano in regola con gli adempimenti tributari";

-l'incentivo viene, poi, determinato "nella misura del 20% sulla parte variabile di ogni utenza", quindi non sull'intera bolletta.

Infine, in luogo di benefici monetari, l'amministrazione prevede "buoni spesa che il cittadino può utilizzare presso esercizi convenzionati".

La nostra proposta consiste nel prevedere benefici monetari in bolletta oppure determinare un premio superiore al 20%, in caso di buoni spesa, da utilizzare, beninteso, presso tutti gli esercizi locali".

Alla fine il premio "riguarderà pochi e si riduce a poca cosa: come al solito la maggioranza getta fumo negli occhi dei cittadini vessati da una tassazione esasperata e senza servizi".

Pubblicato in Longobardi

Il miracolo della differenziata. Anche in Calabria ci sono buoni cittadini e buone amministrazioni.

La prova nella seguente nota emessa dall’amministrazione comunale di Longobardi.

 

Con questa delibera, l'amministrazione comunale di Longobardi intende "premiare" gli utenti che, non conferendo l'umido, ma smaltendolo in proprio con gli animali domestici e di cortile, nonche utilizzandolo come concime per i numerosi orti familiari, hanno contribuito in maniera decisiva a far diminuire il totale dei rifiuti conferiti, appunto, in discarica.

 

Nel 2014, infatti, Longobardi produceva 830.260 kg. di rifiuti (830 tonnellate), mentre nel 2015, con la "formula" facoltativa dello smaltimento in proprio dell'umido, si è passati 679.670 (679 tonnellate), con un risparmio secco di 150 tonnellate.

Questo risparmio si è, ovviamente, tradotto anche in un risparmio economico per l'Ente, che ha così deciso (dopo i dovuti controlli), di consegnare a questi utenti "virtuosi", dei buoni spesa.

 

Queste famiglie, quindi, a breve potranno andare a fare la spesa nei negozi convenzionati, utilizzando i "buoni spesa" elargiti dal Comune.

L'ennesima dimostrazione che, se si collabora tutti assieme, cittadini e comune, i risultati positivi arrivano per tutti : risparmio per il Comune, buoni spesa per i cittadini, meno rifiuti in discarica.”

Pubblicato in Longobardi

Schermata 2016-09-16 alle 20.05.23Il Video mostra comportamenti che questa Amministrazione sta cercando di contrastare. Aiutaci a mantenere la città più pulita, NON COMPORTARTI COME LORO.

 

Questo il messaggio che appare alla fine del video realizzato dall’Amministrazione comunale di Amantea e pubblicato oggi sul sito istituzionale.

Un titolo e poche righe “Abbandono illecito di rifiuti sul territorio comunale”.

Poche semplici parole che rappresentano tutta la voglia di riscatto che questa Amministrazione sta cercando di scatenare nei cittadini di Amantea.

Tanti i problemi presenti nel paese e tanti i dubbi sull’operato dell’amministrazione comunale, ma al momento e’ innegabile che questa amministrazione guidata dal Sindaco, Monica Sabatino sta cercando di ripulire la città’, ripulirla dalle cattive abitudini, dai comportamenti incivili, dalla noncuranza dell’ambiente e di conseguenza della città in cui si vive.

 

E’ per questo che abbiamo deciso di diffondere e dare risonanza a questa iniziativa pubblicando a nostra volta le immagini presenti nel video, perché siamo convinti che questa battaglia di civiltà, di senso civico e di maturazione di un’intera comunità debba avvenire nel più breve tempo possibile.

Amantea e gli amanteani devono crescere come comunità, come città, come popolo. 

Solo cosi’ riusciremo ad ottenere quel cambio di passo che può portare a dei risultati migliori, come amministrazione, come turismo, come economia e come immagine che in tanti, invocano, sperano e inseguono.

 

Ricordando che la Civiltà è intesa come “complesso delle strutture sociali, economiche e culturali di una società in un determinato periodo storico”, adesso speriamo che amantea possa mutare la propria civiltà’ ed inseguire cosi’ il sogno di una Amantea funzionale, funzionante ed attrattiva.

Buon lavoro Amministrazione Comunale, questa battaglia la combattiamo insieme.

Pubblicato in Primo Piano

TANTO TUONO’ CHE PIOVVE.

 

Da sempre, è risaputo, madre natura si sveglia dal lungo sonno letargico in primavera .A Belmonte,dopo lunga e stancante disamministrazione trentennale Bruno si assiste, increduli,al risveglio dei nostri amministratori in dicembre,ovvero in pieno inverno. Si apre il balcone del palazzo Comunale ed il Camerlengo,ciò a dire l’assessore decano, annuncia a tutti noi la lieta notizia:

 

Sta arrivando sul primo binario la “ RACCOLTA DIFFERENZIATA”. Si, proprio così !

Un semplice foglietto colorato con il quale si avvisa la cittadinanza che ,niente poco di meno , il 1° dicembre 2015 ,siamo al 27/novembre c.a.,dividiamo i rifiuti.

 

Non una particolareggiata informativa,non una sensibilizzazione del mondo scolastico e della popolazione tutta. Ci arriverà, tra domani e lunedì , tra testa e collo, direttamente a casa, il materiale informativo ed i contenitori da utilizzare nelle mura domestiche . E pensare che fino alla data odierna nemmeno a parlarne, anzi il Sig. Sindaco si ostinava ad affermare che la raccolta differenziata, per Belmonte ed i belmontesi, non era ne utile ne economicamente condivisibile anzi dispendiosa, (ma del dispendio del denaro pubblico il Sindaco si riferiva alle multe pagate per il non rispetto delle direttive Comunitarie), esponendo e riducendo il nostro adorato borgo ad assumere la più vergognosa delle figure barbine:

diventare la pattumiera comprensoriale del basso tirreno cosentino

Fatti documentati, non semplici parole e per giunta scritte malamente e sotto dettatura, come qualche sciocco sodale suole ripetere ad ogni piè sospinto. Di chi? Bhoooooooooooooooooo?

Gradirei essere smentito in merito !

La domanda che mi sorge spontanea per l’occasione è: ma la raccolta differenziata con quale personale verrà espletata? Dipendenti Comunale oppure altre soluzioni? A pensar male, a volte, ci si azzecca sempre. Forse, io maligno nell’animo, dico a me stesso: l’appalto verrà assegnato a qualche cooperativa amica per un ritorno propagandistico ed elettorale (facili assunzioni e segnalazione di personale votante, necessario all’espletamento del servizio e……………………….

 

Chi vivrà vedrà.

Intanto ci prepariamo al lieto evento, convinti che la sfida è ardua ed in salita, considerato che per bocca del nostro Sig.Sindaco presso una radio locale, la raccolta differenziata a Belmonte dovrebbe partire nei primi giorni del novello anno, ciò a dire gennaio 2016, smentendo di fatto lo sterile volantino distribuito ed affisso pubblicamente ma frettolosamente, con in bella mostra la data di inizio del servizio per il 1° dicembre 2015, augurandoci che tutto proceda per il verso giusto.

Al peggio oramai siamo assuefatti !!!!

Belmonte Calabro li 30/11/2015   Dott. Giancarlo Pellegrino Consigliere Comunale di Minoranza

Pubblicato in Belmonte Calabro

raccolta-differenziataChi ben comincia è a metà dell’opera. L’esecutivo del comune di Lago, guidato dal sindaco Vittorio Cupelli, ha fatto proprio l’antico detto, valutando in maniera estremamente positiva i primi dati relativi alla raccolta differenziata che pongono il centro collinare ai primi posti in Calabria.

«Il sistema porta a porta – spiega il primo cittadino – è stato avviato lo scorso 13 luglio e le cifre relative al primo bimestre dimostrano non soltanto la buona volontà dei laghitani, ma anche l’efficacia del modello di gestione che abbiamo adottato, applicando al meglio l’esperienza della Esasud, l’azienda che cura il servizio. Nel primo bimestre la percentuale di raccolta differenziata è stata del 79,72 percento su oltre ottanta tonnellate di rifiuti prodotti. Un dato che comunica la nostra soddisfazione non soltanto dal punto di vista quantitativo, ma anche qualitativo. Un traguardo raggiunto, ed è bene sottolinearlo, garantendo la raccolta su tutto il territorio di competenza comunale, finanche nelle contrade più lontane in prossimità del confine con Altilia Grimaldi. Troppe volte, infatti, l’analisi da parte degli esperti viene incentrata sugli aspetti demografici, tralasciando la competenza territoriale. Lago è un comune molto esteso e ciò, chiaramente, incide sia sui costi, sia sulla funzionalità del servizio. Ma anche questo problema è stato affrontato e superato come meglio non si poteva. Oggi siamo una delle cittadine calabresi più virtuosi. Ed è questo ciò che conta».

«Il contemporaneo affidamento della gestione dell’isola ecologica e del servizio di raccolta – spiega Nicola Provenzano, referente della Esasud – ci ha permesso di operare in piena sinergia con l’amministrazione comunale, intervenendo con immediatezza al presentarsi di ogni singola criticità. Abbiamo posto il cittadino al centro della nostra azione, potenziando soprattutto nel periodo estivo, i cicli di raccolta e attuando servizi che in molti altri comuni non vengono neanche presi in considerazione, come ad esempio la differenziazione dei pannolini. Di concerto con l’ente municipale ci siamo occupati anche del territorio, bonificando le zone sottoposte a stoccaggio illecito di rifiuti. Un lavoro compiuto a trecentosessanta gradi che ci consente di avere un paese certamente più pulito e attento alle problematiche ambientali».

L’assessore all’Ambiente della Regione Calabria in un intervento al Piana Eco Festival di Cittanova ha così dichiarato:”la gestione ambientale e dei rifiuti dopo il periodo di commissariamento deve ritornare alla normalità. Questo percorso prevede un'unica strada che guarda ad una rapida normalizzazione del settore,partendo dal potenziamento della raccolta differenziata sui territori e dal lavoro sinergico tra pubblico e privato” .

 

A Belmonte di raccolta differenziata manco a parlarne! Forse il termine è sconosciuto o poco simpatico al nostro Sindaco che, ancora una volta, dimostrando la sua poca lungimiranza e soprattutto sensibilità nei confronti del mondo ambientale ,(potremmo definirlo il Sindaco dal pollice NERO, per la vergogna!!) tartassa i cittadini vessandoli e costringendoli a pagare enormi e maggiorate tasse comunali.

 

Non possiamo neanche tralasciare il fatto che il nostro territorio comunale è diventato terra di conquista dei rifiuti dei cittadini dei paesi viciniori che ,nottetempo, scaricano enormi quantità di rifiuti nei nostri cassonetti ,soprattutto nella Frazione Marina, le cui spese di smaltimento dei molteplici quintali di rifiuti verranno a gravare sulle nostre tasche, ed anche il doppio.

 

Ma al danno anche la beffa;
L’Assessore Regionale all’ambiente ha anche affermato che “ stiamo lavorando molto sulle criticità del comparto ambientale e sulla modifica del corpo normativo in favore delle PREMIALITA!

 

Altro termine sconosciuto al nostro Sindaco. Per premialità si vuole intendere l’incentivazione dei Comuni virtuosi ed in linea con le direttive ambientali Regionali,Nazionali e Comunitarie.

Anche in questo ci distinguiamo. Il nostro paese,Belmonte Calabro , è in mora,e quindi costretto a pagare una penale , non avendo rispettato le direttive comunitarie in ordine alla gestione ambientale dei rifiuti! Belmontesi, e noi Paghiamoooooooooooooo!

 

L’Assessore Rizzo ha concluso il suo intervento dicendo:”Questa terra ci è stata data in prestito ,in attesa di restituirla ai nostri figli”.Noi ,quanto affermato dall’Assessore Regionale all’Ambiente, lo facciamo nostro e lo portiamo all’attenzione ed alla sensibilità(poca, direi )del nostro Sindaco che ha distrutto il nostro paese irrimediabilmente ,dicendogli che la partita che ci siamo giocati era decisiva e forse ultima spiaggia per poter garantire soluzioni adeguate ma sempre e comunque a salvaguardia e tutela del grave problema Ambientale.

Avremmo voluto più attenzione ed impegno. Abbiamo visto solo superficialità,prese di posizioni testarde ed inutili(Jnnari docet), costringendo la gente a pagare di più e relegando il nostro bel paesello ad essere l’ultimo della classe .

Riusciremo ad invertire la tendenza e fare di Belmonte il Comune sempre più verde e sempre più bello? Chi vivrà vedrà.

 

Belmonte Calabro li 16/09/2015     Dott. Giancarlo Pellegrino Consigliere Comunale di Minoranza

Pubblicato in Belmonte Calabro
Pagina 1 di 2
BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy