BANNER-ALTO2
A+ A A-

Sono 17 gli avvisi di conclusione indagini firmati dal pm, Santi Cutroneo – nell’ambito di un’attività investigativa condotta sul campo dai carabinieri della stazione di Vibo guidati dal luogotenente Nazzareno Lopreiato – nei confronti di medici veterinari ed impiegati dell’Asp.

Truffa e falso ideologico i reati, a vario titolo, ipotizzati con contestazioni che coprono un arco temporale ricompreso fra il 2009 ed il 2011.

Questi gli indagati: Isabella Campisi, 55 anni, di Soriano; Domenico Cocciolo, 47 anni di Vibo; Domenico Piraino, 61 anni, di San Costantino Calabro; Stefania Mazzeo, 48 anni, di Vibo; Enzo Carnovale, 56 anni, di Piscopio; Chiarina Cristelli, 49 anni, di Sant’Onofrio; Giuseppe Loiacono, 63 anni, di Montalto (Cs); Mario Mazzeo, 63 anni, di Vibo; Domenico Mazzitelli, 56 anni, di Briatico; Saverio Paglianiti, 64 anni, di San Calogero; Giuseppe Parisi, 58 anni, di Polia; Maria Parisi, 56 anni, di Vibo; Domenico Pisani, 60 anni, di Vibo; Giuseppe Pugliese, 57 anni, di Vibo; Damiano Romano, 53 anni, di Simbario; Antonio Teti, 55 anni, nativo di Filogaso, residente a Vena di Ionadi; Salvatore Fiorillo, 58 anni, di Vibo.

L’inchiesta nasce da una delega di indagine ai carabinieri da parte del pm Santi Cutroneo e del procuratore Mario Spagnuolo, al fine di accertare la compatibilità degli itinerari effettuati da alcuni veterinari.


Gli investigatori hanno quindi acquisito i fogli di marcia delle auto nel parco macchine dell’Asp e nell’ufficio veterinario ed accertato così come diversi medici veterinari, pur utilizzando i veicoli dell’Azienda sanitaria di appartenenza avrebbero avanzato, ottenendole, richieste di rimborso per indennità chilometriche come se avessero invece utilizzato il mezzo


Tra indagati anche capogruppo pdl comune Vibo


C'e' anche l'attuale capogruppo del Pdl nel Consiglio comunale di Vibo Valentia fra i 17 indagati nell'inchiesta sull'assenteismo nel reparto di veterinaria dell'Azienda sanitaria provinciale.


Si tratta di Mario Mazzeo, 63 anni, di Vibo Valentia, nei cui confronti il pm Santi Cutroneo, sulla scorta di un'informativa dei carabinieri della Stazione di Vibo, contesta i reati di truffa e falsita' ideologica in atti pubblici. Nei confronti di Mazzeo l'accusa parla di "corresponsione da parte dell'Asp di Vibo di benefici economici a fronte di prestazioni in realtà non effettuate".


Il cartellino di entrata o uscita del veterinario Mario Mazzeo, secondo i carabinieri, sarebbe stato timbrato in18 giorni diversi dall'impiegata Maria Parisi, 56 anni, di Vibo, pure lei indagata.

Mazzeo e' inoltre accusato di aver partecipato fra il maggio 2010 ed il febbraio 2011 per oltre 60 volte ai lavori delle Commissioni consiliari del Comune di Vibo in giorni ed orari in cui sarebbe risultato contemporaneamente in servizio quale veterinario dell'Asp.

 

Leggi tutto... 0

L’accusa è di falso e peculato per avere distribuito 100 mila euro non dovuti ai gruppi sottraendoli da altre poste di bilancio compresa quella delle spese antiracket. Tra gli indagati, l'ex presidente De Nisi, la giunta e i componenti del Consiglio che è stato sciolto nei giorni scorsi Ormai la Procura di Vibo ci ha abituato agli tsunami. E questo lo è! Stamattina, infatti, il personale del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza, su disposizione del sostituto procuratore Michele Sirgiovanni, ha provveduto a notificare una pioggia di avvisi a comparire, che di fatto equivalgono ad avvisi di garanzia, 33 in tutto, all’ex presidente della giunta, a quasi tutta la sua squadra di governo, ai componenti di maggioranza ed opposizione del consesso nonché a due funzionari. La somma, secondo l’ipotesi investigativa della procura vibonese, rasottratta da altre poste di bilancio compresa quella delle spese antiracket. Il dato temporale dei fatti contestati va dal luglio del 2010 al febbraio del 2012. Gli avvisi sono stati notificati contestualmente ad un’attività di perquisizione avvenuta nei locali di palazzo ex Enel, sede dell’ente, da parte dei finanzieri agli ordini del tenente colonnello Michele Di Nunno. GLI INDAGATI. 1) Francesco De Nisi, 44 anni, in qualità di presidente della Provincia 2) Giuseppe Barilaro, 33 anni, in qualità di presidente della conferenza di capigruppo del Consiglio provinciale. 3) Domenico Antonio Crupi, 63 anni, consigliere 4) Giuseppe Raffele, 44 anni, consigliere 5) Francesco Fillippis, 60 anni, consigliere 6) Giuseppe Condello, 38 anni. 7) Bruno Rosi, 50 anni, consigliere 8) Barbara Citton, 66 anni, consigliere 9) Carlo Salvatore Brosio, 68 anni consigliere 10) Renato Savio Arone, 58 anni, consigliere 11) Aurelio Maccarone, 46 anni, consigliere 12) Gianluca Callipo, 30 anni, assessore 13) Martino Porcelli, 39 anni, ex assessore 14) Paolo Barbieri, 54 anni, ex assessore 15) Pasquale Fera, 52 anni, assessore 16) Giuseppe Barbuto, 54 anni, assessore e vicepresidente della Provincia 17) Rosa Olimpia Valenzisi, 50 anni, assessore 18) Carmine Mangiardi, 45 anni, consigliere 19) Nicola Altieri, 58 anni, consigliere 20) Sergio Francesco Rizzo, 42 anni, consigliere 21) Stefano Soriano, 36 anni, consigliere 22) Salvatore Di Sì, 62 anni, consigliere 23) Giuseppe Grillone, 43 anni, consigliere 24) Domenico Fraone, 41 anni, consigliere 25) Francesco Pititto, 35 anni, consigliere 26) Giovanni Macrì, 42 anni, consigliere 27) Rocco Pistininzi, 41 anni, consigliere 28) Giuseppe Rodolico, 58 anni, consigliere 29) Francesco Antonio Bilotta, 55 anni, consigliere 30) Francesco Miceli, 70 anni, vicepresidente del consiglio provinciale 31) Antonio Vinci, 60 anni, dirigente del settore organi istituzionali 32) Armanda De Sossi, 59 anni, dirigente del settore affari finanziari 33) Nicola Crupi, 49 anni, consigliere
Leggi tutto... 0

La situazione finanziaria di Vibo Valentia è talmente grave e piena di ombre che il consiglio provinciale non è riuscito ad approvare, nonostante gli ultimi disperati tentativi della Giunta, il Bilancio di previsione dopo la bocciatura di ottobre. In arrivo, quindi, il commissario Forte è il rischio del dissesto. Una eventualità che aprirebbe le porte della mobilità ai dipendenti in esubero. Intanto la maxi-inchiesta che riguarda la Provincia di Vibo, non si è fermata al “buco” dei fondi alluvionali del 2002 ma si è allargata all’intero “sistema Provincia“. Nell’occhio del ciclone l’ex Presidente dell’ente, Ottavio Bruni, anche lui di centro/sinistra e molto vicino all’ex governatore Agazio Loiero, che aveva guidato la Provincia dal 1999 al 2008. Al momento sono “solo” 7 le persone indagate per peculato in concorso, a diverso titolo, e falso: - l’ex impiegata Mirella Currò, che in settimana ha lasciato il carcere per passare ai domiciliari; - il marito della donna, Baldassarre Bruzzano; - le nipoti dei coniugi Bruzzano-Currò, Maria Menna e Valentina Macrì; - la dirigente degli Affari finanziari della Provincia Armanda De Sossi; - il segretario generale Francesco Marziali e - il dirigente degli Affari generali Antonio Vinci. Ma (ci sono indiscrezioni provenienti dagli ambienti investigativi) non si esclude ( anzi è molto probabile) che dal Palazzo di Giustizia possano partire nuove informazioni di garanzia. Una inchiesta che non cesserebbe nemmeno se nel frattempo la provincia di Vibo venisse sciolta per essere accorpata a Catanzaro.
Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2

I Racconti

Meteo - Vibo Valentia

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy