BANNER-ALTO2
A+ A A-

prostitute-3Il Caso della settimana. Il progetto «L’Aquilone Lilla» gestito dalla coop Punto d’Approdo è sostenuto dalla Provincia. Fenomeno stabile Il direttore Andrea Gentilini: «Attenti al fenomeno internet che non è controllabile. Le case chiuse? Hanno già fallito in molti altri paesi»

Trento. Il fenomeno della prostituzione a Trento viene monitorato anche dalla Provincia, attraverso il Servizio Politiche sociali che sostiene il progetto «L’Aquilone Lilla» gestito dalla cooperativa Punto d’Approdo. L’iniziativa vede impegnata una unità mobile che si rivolge a prostitute di strada o in appartamento ed è finalizzata a stabilire un contatto con le donne offrendo loro aiuto e supporto, sia sanitario che informativo.

Il bilancio 2018

Il bilancio di un semestre del 2018 vede 23 uscite effettuate e 90 persone incontrate: 25 nigeriane, 22 sudamericane, 38 dell’Est Europa, 4 italiane e 1 cinese. In termini generali, il Servizio Politiche sociali ritiene che il fenomeno della prostituzione a Trento sia stabile o tendenzialmente in diminuzione. Per quanto riguarda le donne dell’Est si tratta di ragazze molto giovani che si trovano in condizioni di vulnerabilità per la tutela della loro salute e per le condizioni di vita. Viene confermata una certa stabilità nel numero delle nigeriane, forse le più sfruttate. Sono presenti (soprattutto nelle fasce diurne) anche donne Rom molto giovani e con minore visibilità da parte dei servizi. Secondo la Provincia esiste una «diffusa condizione di fragilità, connessa ad analfabetismo, difficoltà di comprensione della lingua italiana che determinano possibili dipendenze da altri soggetti».

Il direttore del Punto d’Approdo di Rovereto - Andrea Gentilini - spiega che sulla strada il fenomeno della prostituzione è tutto sommato sotto controllo: «Tutti i dati che ci provengono dalle uscite delle nostre unità mobili ci riportano ad una situazione stabile. Il vero problema al quale assistiamo oggi è invece la prostituzione sommersa, una punta dell’iceberg, che avviene prevalentemente in appartamenti dove è difficile arrivare anche per noi».

I rischi dentro casa

Gentilini conferma una realtà già descritta (Trentino di ieri) da Fernanda Alfieri, responsabile dell’altra associazione che si occupa del fenomeno (L’Altra Strada di Villa Sant’Ignazio) secondo la quale lo sfruttamento delle donne che si prostituiscono dentro casa può arrivare a livelli anche superiori rispetto a quanto non avvenga lungo le strade, dove comunque una qualche forma di controllo è possibile. «E oggi per gli appuntamenti in appartamenti a farla da padrone è internet, il che rende il fenomeno ancora più incontrollabile e nebuloso: chi può sapere, infatti, chi si nasconde dietro ad un numero di telefono che troviamo in rete? Quando leggiamo cinque annunci sul web possiamo sapere se sono riconducibili a 1 o 5 ragazze? È molto difficile».

Case chiuse? Non funzionano

Il dibattito di questa settimana trae origine dalla discussione andata in scena la scorsa settimana in consiglio comunale a Trento sulla riapertura delle case chiuse. Ipotesi alla quale guarda con forte perplessità il direttore Gentilini: «Io non la considero una soluzione del problema. E non lo dico solo io, ma le tante altre esperienze in giro per l’Europa dove, nonostante le case chiuse, il fenomeno non è stato nè controllato nè contrastato. L’unico modo che noi abbiamo per tentare di ridurre lo sfruttamento della donna è quello di lavorare dal punto di vista culturale rafforzando l’idea del rispetto della donna».

 fonte notizia giornaletrentino.it

Pubblicato in Italia

Preservativi SottiliI preservativi sottili sono caratterizzati da uno spessore minore rispetto ai condom tradizionali, per garantire una migliore sensazione di contatto (quasi pelle su pelle) e una migliore trasmissione del calore, fattore importantissimo nell'eccitazione.

Spesso, a causa del loro spessore ridotto (a volte ridottissimo!), si dubita della loro sicurezza. Lo diciamo senza paura di smentite: i preservativi sottili sono sicuri e si rompono esattamente nella stessa percentuale dei preservativi classici, ovvero in meno dello 0,4% dei casi (e quasi sempre per un errato utilizzo).

Preservativi sottili ma non solo: ce n'è per tutti

All'interno della categoria dei preservativi sottili, poi, c'è un vasto mondo.

Innanzitutto molti preservativi sottili sono realizzati in materiali anallergici diversi dal lattice, in quanto si prestano meglio a lavorazioni di fogli più sottili, mantenendo se non superando la resistenza che il lattice ha con spessori maggiori. Un esempio di preservativi anallergici sottili sono gli Skyn Elite.

Si trovano inoltre sul mercato preservativi sottili XL: chi ha il "problema" delle dimensioni sa di non potersi adattare a un condom tradizionale, e se non vuole rinunciare alla sensazione di contatto può scegliere un preservativo sottile XL come il Control Finissimo XL.

Una problematica comune, alla quale si può rispondere efficacemente un preservativo specifico, è l'eiaculazione precoce. Hai voglia di allungare le tue performance a letto e al contempo vuoi limitare la sensazione "plasticosa" del preservativo? I preservativi ritardanti sottili fanno al caso vostro.

Quali sono i migliori Preservativi sottili?

E' sempre difficile rispondere a domande come questa: cerchiamo di vederci meglio.

Se per vincere la nostra competizione sui profilattici sottili bisogna avere lo spessore minore, il vincitore è il brand giapponese Sagami, con l'Original 0,02. Per cosa sta 0,02? Per i millimetri di spessore!
Seguono a ruota i brand più famosi come Durex con l'Invisible, Skyn con l'Elite e Control con il Finissimo. Tutti e tre a parimerito con uno spessore 0,05 mm.

Ci sentiamo di dire, in ogni caso, che lo spessore non è tutto e, in fondo, questi preservativi sono tutti davvero ultra sottili. In compenso hanno delle caratteristiche che li fanno differire gli uni dagli altri. Provare per credere: il preservativo migliore è quello che "calza meglio"!

Pubblicato in Salute e Benessere
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy