BANNER-ALTO2
A+ A A-

CARABINIERIEra prevista nella giornata di ieri, l'inaugurazione della nuova Caserma dell'Arma dei Carabinieri ad Amantea.

La stessa doveva avvenire ieri in pompa magna, con l'intitolazione al fu compianto Maresciallo Mazza, morto in attività lavorativa, nel nostro comune, molti anni fa.

Non troviamo sul sito dell'Arma dei Carabinieri una nuova data a cui fare riferimento, ma sappiamo, comunque, che i lavori all'interno della nuova caserma sono terminati già da diverso tempo, e rimane tutto pronto in attesa dell'inaugurazione.

Anche se non inaugurata di fatto, la Caserma risulta essere attiva già da mesi, per coloro che non lo sapessero l'ubicazione della nuova Caserma dei Carabinieri si è spostata su via strada vecchia, lato sud, in prossimità del Polo Scolastico di Amantea.

ElisoccorsoCosenza- Non ce l’ha fatta a sopravvivere Giovanni, il neonato venuto alla luce alla 26esima settimana martedì promeriggio a bordo dell’elisoccorso di Cosenza, nel corso di un’operazione disperata di salvataggio.
Le sue condizioni erano apparse da subito molto critiche e, nonostante l’impegno costante e amorevole dei sanitari, il piccolo è deceduto nel reparto di tereapia intensiva dell’Annunziata dove era stato prontamente ricoverato.
Come si ricorderà l’intervento di soccorso, nel pomeriggio di ieri, ha riguardato una donna al sesto mese di gravidanza soccorsa da un’eliambulanza di Elitaliana (che lavora in supporto al Dipartimento Salute della Regione Calabria).
Il velivolo ha caricato la paziente vicino al porto di Corigliano per trasportarla all’ospedale di Cosenza, ma durante il volo (17 minuti) il bambino è voluto nascere, più o meno sui cieli di Acri. Quando l’eliambulanza è arrivata all’Annunziata di Cosenza i pazienti erano in due. La mamma sta bene, il bambino prematuro pesava meno di un chilogrammo, è stato intubato e portato in reparto dove, purtroppo, è morto oggi.

Clicca fonte notizia

Pubblicato in Cosenza

massimoOperazione di salvataggio da parte degli uomini dell'equipaggio dell'elicottero Pegaso 50 che questo pomeriggio alle 14.30 sono intervenuti a Cosenza, in Calabria, salvando un bimbo nato prematuro e la sua mamma. La chiamata e' arrivata intorno alle 14 e il comandante, Massimo Lazzaroli,di Amantea e' decollato dalla base di Cosenza alla volta di Porto Corigliano per una chiamata di intervento primario: una giovane donna aveva iniziato il travaglio e stava partorendo il bambino prematuro e in posizione podalica. All'atterraggio dell'elicottero della Elitaliana, il bambino aveva un piedino fuori ed era in fin di vita, ma grazie all'intervento del personale sanitario presente, il bambino e' venuto alla luce all'altezza di Acri, meta' strada tra Corigliano e Cosenza. All'arrivo all'ospedale Annunziata di Cosenza, il piccolo, e' stato immediatamente intubato. Successivamente, con una termoculla, e' stato portato nel reparto di pediatria del nosocomio per il controllo degli organi vitali e dell'attivita' cerebrale. Secondo quanto si apprende, il bimbo non sembra aver sofferto danni di alcun genere. (AGI)Rmc/Sim

MARTEDÌ 17 MARZO 2020 17.52.07

Pubblicato in Cosenza

incidente coopVi informiamo che oggi pomeriggio sul tratto della costa tirrenica inferiore, nei pressi del supermercato coop di Amantea, è avvenuto in grave incidente stradale, tra un motociclista ed una autovettura Renault Clio.

La dinamica di chi era presente ci informa che entrambe provenivano da Nord in direzione sud, pare dalla prima ricostruzione delle autorità intervenute sul posto, che l'autovettura Clio si apprestava ad entrare nel parcheggio del supermercato, posizionandosi al centro della carreggiata, e la moto proveniente sempre da nord si apprestava ad effettuare un sorpasso.

Ricordiamo che quel tratto di strada ha la striscia continua, quindi sembrerebbe che entrambe siano sanzionabili in tal senso.

Ad entrambi i conducenti va tutta la nostra solidarietà e l'augurio che si possano riprendere presto, ma dal nostro inviato sul territorio, che ringraziamo per le foto, pare che ad avere subito i danni maggiori si è stato il motociclista, si parla di frattura scomposta della caviglia.

Concludiamo l'articolo di cronaca ricordando l'imperativo di non muoverci dalle proprie abitazioni, se non sia strettamente necessario, perché purtroppo anche in questi momenti, tra apprensione e panico abbiamo tutti perso un po' di lucidità.

Pubblicato in Primo Piano

polo scolastico-AMANTEALa giornata tra gli studenti del polo scolastico di Amantea è passata oggi in maniera abbastanza intensa, a causa di una di una studentessa, pare che abbia avuto problemi gastrointestinali.

Il momento abbastanza difficile che sta attraversando l'Italia si riflette anche sul comportamento quotidiano nostro e dei nostri figli.

Ne è prova il fatto che una semplice gastroenterite sia passata nei corridoi e nelle varie aule bella scuola come un'influenza da coronavirus, all'occhio di studenti, docenti e personale scolastico.

Molti familiari allertati dai ragazzi sono corsi a prendere i propri figli a scuola, creando solamente ulteriore panico e incertezza tra tutti coloro che erano presenti.

Abbiamo contattato la scuola ed abbiamo avuto rassicurazioni dai dirigenti scolastici e dal personale medico che in Calabria, fatta eccezione per quel caso sporadico a Cetraro, non è presente il virus dell'anno.

Siamo sicuri che domani il personale scolastico e gli alunni tutti saranno presenti a scuola ognuno a fare il proprio dovere, per fare si di ritornare nella normalità delle cose.

Pubblicato in Primo Piano

INCIDENTE OGGISolo ieri vi avevamo raccontato del secondo incidente in meno di 24 ore sulla statale tirrenica inferiore, a distanza di 48 ore dal primo incidente siamo a raccontarvi il terzo incidente sulla statale tirrenica inferiore nei pressi del Ponte Oliva.

Questa volta a scontrarsi sono stati un furgone ed un autovettura, non abbiamo le competenze per esaminare la dinamica, ma ad una prima occhiata sembrerebbe chiara che in concomitanza della eccessiva velocità e del mancato rispetto della distanza di sicurezza è venuto a crearsi un tamponamento.

Nei due precedenti incidenti avevamo chiesto un maggiore controllo delle forze di sicurezza sulla statale tirrenica inferiore.

Oggi siamo più che mai convinti che si debba affrontare un piano strategico di sicurezza per questa statale a scorrimento veloce.

È stato solo per fortuna, che per nessuno di questi incidenti, ci sia stato bisogno dell'intervento del 118, ma questo, non ci consola del fatto che nessuno, nonostante i ripetuti accadimenti, prenda a cuore il grave problema della statale 18

Per le foto si ringrazia il nostro collaboratore Sig. Franco

Pubblicato in Primo Piano

inci 01Ignote le ragioni dell'incidente L'auto condotta da una giovane signora Amanteana è sbandata andando a sbattere sulla parete della galleria dal lato opposto al senso di marcia. Sul posto il collaboratore Luca Guzzo. Si diceva immediati i soccorsi. Tra essi i.vigili del fuoco per estrarre dall'auto la giovane infortunata, il 118 e l'ANAS. Da pochi minuti sul posto anche la eliambulanza. Totalmente bloccato il traffico nord,-,sud. Seguono aggiornamenti

Pubblicato in Belmonte Calabro

Sembra siano stati inutili tutti i percorsi di legge svolti per liberare un alloggio sito in Via Dogana, nel Palazzo Osso, e nel quale erano ospiti due sorelle.

E così la proprietaria ha chiesto l’uso della forza pubblica.

Le 2 sorelle hanno opposto forte reazione ed almeno una di esse ha accusato malessere, al punto che è stato chiamato il 118.

 

 

La sirena dell’autoambulanza ha fatto uscire mezzo quartiere dai balconi e molti altri incuriositi sono scesi in strada.

Ancora maggiore l’allarme quando sono giunti i Vigili del Fuoco.

Nel mentre è stato fatto giungere l’elisoccorso che è atterrato nella piazzola antistante il Poliambulatorio di Amantea

Davanti allo stesso elicottero un numeroso gruppo di curiosi.

Poi lo sfratto ha avuto un esito felice per la proprietaria .

E così l’autoambulanza è riuscita a portare la signora fino all’elisoccorso.

Ma stranamente la stessa è stata poi trasportata all’ospedale di Cosenza con l’autoambulanza e non con l’eliambulanza.

Ci è stato detto che si è trattato di una condizione imposta dall’eccezionale peso della signora appena sfrattata.

Pubblicato in Cronaca

Un collasso pressorio ha impedito d una anziana signora napoletana in partenza dalla stazione ferroviaria di Amantea di salire sul treno per ritornare a casa

Qualcuno preoccupato chiama il 118 che interviene immediatamente

Il treno intanto parte.

La anziana turista resta su una delle panchine del terzo binario

I medici del 118 si affannano intorno alla signora napoletana che piano, piano si riprende.

 

 

Tentano anche di portarla nel bar della stazione fortunatamente sempre aperto ma la signora si rifiuta.

Mancano 2 ore per il prossimo treno ed appare fortemente opportuno che la signora stia al fresco.

La convince la ragazza del bar

Lo stesso bar che ha immediatamente offerto alla donna napoletana una bottiglia di acque fresca.

Come dire:tutto è bene quel che finisce bene

A noi muti testimoni dellevento non resta che segnalare la totale disponibilità del bar della stazione , la tempestività dei soccorsi e la professionalità degli addetti.

Pubblicato in Cronaca

misericordiaUna protesta pacifica per chiedere che si faccia chiarezza sul futuro delle associazioni che si occupano del servizio di supporto al 118. Il responsabile della confraternita della Misericordia di Cosenza Luigi Solbaro “così non possiamo più lavorare”

.COSENZA – Hanno parcheggiato i loro mezzi di soccorsi davanti la sede dell’Asp di Cosenza, in via Alimena, per protestare in modo pacifico ma ottenere risposte certe. La Misericordia di Cosenza, Amantea e Trebisacce, la Nuova Croce Azzurra di Cosenza, la Montalto Soccorso ONLUS, l’Avas Presila, la Croce di Mira di Lungro, Papa Giovanni XIII Spezzano Sila, Life Soccorso Luzzi e l’Avam di Cosenza. Nove asssociazioni che si ritrovano tutte nella stessa situazione: convezioni scadute e mancanza dei rimborsi spesa del 2018 e dei primi 3 mesi del 2019. Eppure, il loro supporto alle operazioni di soccorso è vitale per non mandare all’aria tutto il sistema vista la carenza di mezzi del 118 ed un territorio da gestire vasto come quello della provincia di Cosenza.

 Luigi Solbaro, responsabile della Confraternita della Misericordia di Cosenza, chiarisce i motivi della loro protesta “ci tengo a precisare che la nostra è una protesta pacifica ed educata. Abbiamo chiesto da tempo un incontro per il rinnovo della convezione del 118 scaduto 21 dicembre dello scorso anno. Ad oggi si va avanti solo con rinnovi, perché ad ogni scadenza succede che vengono puntualmente cambiati i vertici dell’Asp provinciale e quindi si riparte sempre daccapo. In più questa volta non è stato nemmeno stabilito l’impegno di spesa per il 2019 e ci ritroviamo a marzo senza aver ricevuto i rimborsi dei mesi precedenti. Abbiamo dovuto sollecitare per prima cosa l’impegno di spesa del 2018 e dei primi 3 mesi del 2019 per il supporto 118. Poi, abbiamo sollecitato il rinnovo della convezione perché così non possiamo lavorare“.

Le risposte avute dall’Asp nell’incontro? “l’impegno di spesa per i rimborsi dei soli primi 3 mesi del 2019, mentre sulla convezione ci è stato ribadito che loro sono di transito e non possono fare nulla finché non verranno nominati i nuovi vertici dell’azienda provinciale. Dunque, rimaniamo ancora una volta senza convezione ma ci hanno comunque chiesto di non bloccare il servizio di supporto, visto che la maggior parte dei soccorsi a Cosenza e in provincia viene fatta proprio da noi considerando che il 118 su Cosenza ha due sole macchine mentre una terza è all’UNICAL. E senza dimenticare che i punti di emergenza territoriale (le cosiddette P.E.T) hanno sempre a supporto un’associazione se pensiamo a comuni come Cassano, Castrovillari, Corigliano, Trebisacce, Cariati e così via, altrimenti non si riuscirebbe assolutamente a soddisfare la richiesta di intervento”.

fonte notizia quicosenza

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 5
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy