BANNER-ALTO2
A+ A A-

I CADUTI DI AMANTEA NELLA GRANDE GUERRA ANNO 1915

Vota questo articolo
(2 Voti)

Tommaso Osso 19L’esercito portava con sé anche una tenda funzionante da«Ufficio di Stato Civile in Guerra». Era retto da un ufficiale, per lo più un tenente, responsabile della tenuta dei registri presso il corpo che stilavai certificati di morte per inoltrarli al Ministero della Guerra presso la Direzione Generale di Leva e Truppa. Da qui venivano inviati a ciascun Sindaco competente per la relativa trascrizione nel registrodel Comune con la raccomandazione: […] «Prima però di procedere alla trascrizione, la S.V. vorrà confrontare l’atto di morte con gli altri documenti di Stato Civile esistenti in ufficio e qualora le generalità del defunto risultassero errate o incomplete vorrà restituirlo con i documenti occorrenti per eseguire la rettificazione affidata a questo Ministero […]. Dell’avvenuta trascrizione vorrà a suo tempo la S.V. dar notizia a questo Ministero.»

Com’è noto, la brutalità della guerra non consentì di compilare l’atto di ciascun caduto. Molti rimasero insepolti, dispersi osenza possibilità di essere identificati; da qui la figura del Milite Ignoto di cui quest’anno ricorre il centenario della sua traslazione a Roma al Vittoriano (4.11.1921–4.11.2021). Poteva anche accadere che la tenda funzionante daUfficio di Stato Civile venisse travolta dagli eventi ed in questi casi, come nei precedenti, si ricorreva alla morte presunta che doveva essere dichiarata dal tribunale competente, se reclamata, sulla base dell’ultima corrispondenza esibita dai familiari. La morte in guerra dava diritto alla pensione e perciò l’atto, al suo interno, doveva contenere la dicitura «per fatto di guerra».

Complessivamente, nel comune di Amantea, dal 1915 al 1932, giunsero 49 certificati di morte tra cui tre giunsero una seconda volta e furono ritrascritti (Mannarino Giacomo, Policicchio Domenico e Caruso Angelo).

L’anno in cui giunsero più attifu il 1917 (venti).Nessuno nel 1915 anche se in quell’anno si ebbero caduti. Sette giunsero nel 1916, nove nel 1918, sette nel 1919, due nel 1920, uno nel 1924.

Le morti dei caduti che vengono di seguito propostesono indicateper ordine dell’anno in cui avvenneroinvece che per ordine d’arrivo o alfabetico. Le date di nascita sono state rilevate dall’Albo d’oro, opera pubblicata durante il Ventennio fascista.Dell’attoè stato estratto il cuore, ossia la parte centrale,credendo di aver reso onore a quei caduti in occasione della ricorrenza del centenario della traslazione del Milite Ignoto a Roma.

Nella foto Tommaso Osso, primo dei caduti.

Nominativo Come caduto    

Osso

Tommaso

* 19.5.1891

† 19.7.1915

[…] L’anno millenovecento quindici ed alli diciannove del mese di luglio nell’ospedale da campo n. 072 mancava ai vivi alle ore tredici e minuti quindici in età di anni ventiquattro il soldato Osso Tommaso del 18° Fanteria 5ª Compagnia al n. 7078 di matricola, nativo di Amantea, figlio di Salvatore e di fu Anna Furgiuele, ammogliato con Porco Vincenza, morto in seguito a peritonite settica da perforazione consecutiva a ferita da proiettile di fucile all’addome, sepolto nel cimitero di Visco. […]

Atto n. 8/1917 del 10.4.1917 (P. 2ª S.C.)

Guido

Salvatore

* 22.7.1897

† 22.7.1915

[…] L’anno millenovecento quindici ed alli ventidue del mese di luglio nel comune di Sdraussina mancava ai vivi alle ore cinque, in età di anni ventidue il Zappatore Guido Salvatore, della 4ª Compagnia del 19° Reggimento Fanteria, figlio di Michele e di Viola Angela, morto in seguito a ferita d’arma da fuoco riportata in combattimento, sepolto in Sdraussina nel Vallone del Monte Cappuccio. […]

Atto n. 5/1917 del 10.4.1917 (P. 2ª S.C.)

Furgiuele

Enrico

* 28.4.1895

† 26.7.1915

[…] L’anno millenovecento quindici ed alli ventisei del mese di luglio, nell’ospedaletto da campo n. 118, mancava ai vivi alle ore sei, in età di anni venti, il Sottotenente Furgiuele sig. Enrico del 133° Reggimento Fanteria, 2ª Compagnia, nativo di Amantea, figlio di Pasquale e di fu Francesca Collice, morto in seguito ad anemia acuta da ferita d’arma da fuoco penetrante nell’addome, sepolto nel cimitero di Fiumicello. […]

Atto n. 9/1916 del 30.10.1916 (P. 2ª S.C.)

Miraglia

Giuseppe

* 20.7.1882

† 24.10.1915

[…] L’anno millenovecento quindici ed alli ventiquattro del mese di ottobre nel Monte S. Martino mancava ai vivi alle ore nove, in età di anni ventitre il soldato Miraglia Giuseppe del 147 Reggimento Fanteria 2ª Compagnia al n. 14620 di matricola, nativo di Amantea, figlio di Gennaro e Politano Teresa, morto in seguito a ucciso, sepolto sul Monte S. Martino. […]

Atto n. 4/1917 del 10.4.1917 (P. 2ª S.C.)

Caruso

Vincenzo

* 28.1.1883

† 1.11.1915

[…] L’anno millenovecento quindici ed alli uno del mese di novembre nelle alture del Podgora mancava ai vivi alle ore nove all’età di anni ventidue il soldato Caruso Vincenzo del 35° Fanteria 10ª Compagnia, matricola 15164 nato il 28.1 classe 1883, nativo di Amantea, figlio di Giovanni e di Arlia Caterina, ammogliato con Pati Gloria, morto in seguito a ferite da arma da fuoco, sepolto alle falde del Podgora. […]

Atto n. 11/1917 del 9.7.1917 (P. 2ª S.C.)

 

Mannarino Giacomo

* 19.1.1892

† 8.11.1915

[…] L’anno millenovecento quindici ed alli otto del mese di novembre, nell’ospedaletto da campo n. 77 mancava ai vivi alle ore quindici, in età di anni ventinove il soldato Mannarino Giacomo del 138° reggimento, matricola 3590, figlio di Gabriele e di Maria Ritrovato morto in seguito a ferita penetrata al torace, sepolto a Versa nel cimitero comunale. […]

Atto n. 2/1916 del 23.1.1916 (P. 2ª S.C.)

(Ferruccio Policicchio)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy