BANNER-ALTO2
A+ A A-

Ecco la forte nota stampa dell’ex consigliere ed assessore del comune di Amantea Gianfranco Suriano.

 

Scrive Suriano : “L’arte dell’inganno e della menzogna sembra essere oramai il tratto caratterizzante di quest’Amministrazione comunale. Con spudoratezza, l’attuale maggioranza, attraverso le continue uscite stampa, pensa di distogliere l’attenzione della cittadinanza dalle decisioni incomprensibili prese in questi mesi di governo e che nulla hanno a che fare con l’interesse generale della nostra Città”.

Poi continua evidenziando che “ L’ultima comunicazione inviata ai cittadini a mezzo stampa è addirittura finalizzata a chiarire che il ritardo nell’iniziare il servizio mensa nelle scuole non è dipeso dall’incapacità di questi amministratori ma è da imputare ad altri”.

E di seguito la affermazione che “ Il maldestro comunicato, oltre a rendere evidente la palese difficoltà degli amministratori ad affrontare con competenza e buon senso le varie problematiche, ha il fine di giustificare alla Città il ritardo con cui è iniziata l’erogazione del servizio di refezione scolastica, facendo alludere al fatto che gli uffici comunali hanno perso del tempo nell’espletare il bando di gara e nel formalizzare l’aggiudicazione dello stesso servizio alla ditta appaltatrice”.

“ Tutto falso!” sembra gridare l’ex assessore , continuando a dichiarae che “ Invece di arrampicarsi sugli specchi, perpetrando la pratica dell’ingannevole e falsa comunicazione, gli attuali amministratori dovrebbero comunicare alle famiglie, interessate dal fondamentale servizio, la somma messa a bilancio per l’effettuazione della mensa per la seconda parte dell’anno 2014. Dovrebbero spiegare perché il Sindaco, gli Assessori e il Presidente del Consiglio comunale hanno deciso, ad esempio, di aumentare la propria indennità a discapito anche della possibilità di allungare il periodo di erogazione del servizio mensa ai nostri scolari”.

Infine la fortissima affermazione che “Lo so bene che con il recupero dei soldi che saranno impiegati per l’aumento dell’indennità degli amministratori non si risolve il problema finanziario del nostro Comune ma una gestione oculata e nell’interesse della collettività, passa anche da queste decisioni che rappresentano peraltro esempi edificanti ed etici, soprattutto in un periodo dove lo stato di assoluto bisogno di moltissimi concittadini aumenta drammaticamente. Quindi, nel mentre continua la lunga propaganda elettorale dell’attuale esecutivo, la Città, al fine di risollevarsi, aspetta interventi e piani di sviluppo in tutti i principali settori di cui al momento non si vede neanche l’ombra”

Poi la amara chiosa finale “ Si dice che la speranza è l’ultima a morire ma la speranza ad Amantea, dopo quasi sei mesi dalle ultime elezioni, già non gode di buona salute, tutt’altro”.       

Amantea 19 novembre 2014              Gianfranco Suriano

 

VOTA - ELEZIONI CALABRIA

Calabria Maran 5 Years ago
Elezione Calabria 2014: Andrai a votare? Se SI per chi?

Nella nostra regione si va al voto per le Elezioni Regionali.
Una buona occasione per fare una riflessione e votare per la tua terra.
Tra i politici, partiti e movimenti chi ti rappresenta di più in questo momento.
(Risultati OnLine solo a sfoglio aperto)

6
2

Voti

Voto
Nico D'Ascola - Alternativa Popolari per la Calabria (UDC-NCD)

5 Years ago

1 Voti rimanenti

jVoteSystem developed and designed by www.joomess.de.

Continuano le presenze ad Amantea dei candidati alle elezioni regionali .

Oggi è la volta di Mimmo Bevacqua.

Mimmo Bevacqua è stato il vicepresidente della provincia di Cosenza sotto la presidenza di Mario Oliverio

Sarà ad Amantea oggi 15 novembre alle ore 1730

L'incontro si svolgerà presso il mediterraneo Hotel sulla SS18

Insieme a Bevacqua sarà presente Ettore Rosato coordinatore nazionale di Areadem

Mimmo Bevacqua è candidato nella lista di Oliverio Presidente

Ad invitare i cittadini di Amantea e del Basso tirreno cosentino i rappresentanti locali del politico cosentino.

Tra questi Gianfranco Suriano e Biagio Miraglia 

Pubblicato in Politica

E lo fa con un comunicato stampa di oggi 3 novembre 2014 nel quale si legge:

“A nome di tutti i candidati della Lista La Nuova Primavera, esprimo profondo sdegno e vicinanza agli Amministratori del nostro Comune per le gravi intimidazioni subite nei giorni scorsi.

Siamo sicuri che la preziosa attività investigativa delle Forze dell’Ordine consentirà di assicurare alla giustizia i responsabili di tali inquietanti e vili atti che offendono la dignità non solo di chi li ha subiti ma di un’intera Città.

Riteniamo fondamentale per la nostra Comunità che a questi episodi inqualificabili siano contrapposte, da parte di tutti i settori sani della Città di Amantea, azioni utili al rafforzamento sempre maggiore della convivenza civile tra le persone.

Tale risultato potrà essere perseguito solo attraverso l’applicazione e la diffusione di modelli e comportamenti quotidiani improntati, in modo inequivocabile, ai principi di legalità.”

Gianfranco Suriano Portavoce - La Nuova Primavera “

Un comunicato, come si nota con una semplice lettura non approssimativa, come purtroppo è comune di questi tempi, che segnala la strada per giungere ad una città serena, civile e vivibile.

Bastano modelli e comportamenti improntati ai principi di legalità.

In modo inequivocabile.

Riceviamo la nota stampa del 3 ottobre di Gianfranco Suriano e ne diamo doverosa pubblicazione stante le verità in esso esposte (non tutte, per carità, non basterebbero pagine e pagine- Sic!-, e potrebbero essere terribili ed ancora più vergognose).

 

“Assisto allibito alla sfilza di comunicati emessi dall’attuale Amministrazione comunale con cui si tenta affannosamente di giustificare la rinuncia ai lavori di ristrutturazione e riqualificazione del lungomare di Amantea che invece necessita d’interventi strutturali.

Addirittura un Assessore si pregia del fatto che l’Amministrazione abbia sottratto il finanziamento giacente presso la Cassa Depositi e Prestiti e destinato al rifacimento del lungomare di Amantea per destinarlo ad altre opere, di cui non esiste ancora neanche l’idea di massima, sulla frazione di Campora San Giovanni. Uno spettacolo indecente che ci fa ritornare alle contese tra contrade di stampo medievale.

Altri Amministratori, per giustificare l’insensata e incomprensibile decisione, parlano di riqualificazione urbana come se il lungomare, la prima attrazione turistica della città, non rientrasse nell’area urbana.

Altri parlano di decoro urbano e attenzione a tutti i quartieri, anche di quelli periferici. Dimenticano, però, che ci sono interi quartieri che appena sale l’intensità delle piogge subiscono gravi allagamenti, con l’acqua piovana che mischiandosi ai liquami fognari entra nelle abitazioni dei cittadini, con gravi ripercussioni di carattere igienico e sanitario.

Quando si prendono decisioni così importanti, tra l’altro in piena solitudine e senza un preventivo confronto con i settori della nostra città interessati, il buon senso vorrebbe che alla base di tali decisioni ci fossero almeno programmazione e obiettivi concreti e ben definiti da perseguire nell’interesse della collettività. E invece niente di tutto ciò.

Nella fattispecie non mi sembra che tale chiarezza amministrativa sia venuta fuori. Anzi, le dichiarazioni dell’Amministrazione comunale del tutto generiche e fumose non aiutano i cittadini a comprendere bene le ragioni per cui è gettata al vento la possibilità d’intervenire sul lungomare di Amantea, oramai divenuto obsoleto e fatiscente.

Così non solo si perde un’occasione per ammodernare la prima infrastruttura al servizio di cittadini e turisti, ma si rende vano anche il piano spiaggia, tra l’altro alle prese ancora con la questione delle concessioni stagionali, che doveva servire da ulteriore volano turistico. Siamo di fronte al paradosso costituito dal fatto che gli Amministratori chiedono agli operatori titolari dei lidi balneari d’investire sul lungomare e nel frattempo decidono di sottrarre le risorse economiche pubbliche già destinate alla stessa area. Un esempio “originale” di sinergia tra pubblico e privato.

Ciò dovrebbe bastare a rendere l’idea, al di là degli spot e degli slogan pubblicitari lanciati a turno da questi Amministratori, dell’assoluta incapacità di chi ci governa a programmare e attuare piani di sviluppo per la crescita turistica, attraverso, ad esempio, la promozione delle nostre bellezze naturali.

Credo che quest’Amministrazione non abbia iniziato nel migliore dei modi il suo mandato, caratterizzato finora solo da vicende che non qualificano la nostra città, anzi la espongono a danni d’immagine come i litigi con alcuni membri della minoranza nelle stanze del Municipio, la questione dell’ineleggibilità del Sindaco, le vicende giudiziarie in corso che interessano componenti di giunta, le deleghe consiliari attribuite part-time.

                                                                             

Pubblicato in Primo Piano

Perviene e pubblichiamo la seguente nota stampa di Gianfranco Suriano

“In data 24 luglio 2014, l’Amministrazione comunale ha fornito al Comandante del Corpo di Polizia Municipale gli indirizzi concernenti l’espletamento del servizio di competenza al fine di riorganizzare e ottimizzare lo stesso.

L’atto d’indirizzo in questione, evidentemente per ragioni di trasparenza, è stato reso pubblico, tant’è che ne è stata data notizia anche sugli organi di stampa e sui siti web.

Nell’apprendere l’iniziativa non si può che condividere l’azione dell’amministrazione quando va nella direzione di migliorare l’efficacia e l’efficienza dei servizi offerti ai cittadini contribuenti. Ma alcune riflessioni vanno fatte.

Lo specifico atto d’indirizzo, a differenza di altri servizi, è stato emesso solo nei confronti del Corpo di Polizia Municipale, che peraltro è costretto a lavorare in uffici del tutto inadeguati e sotto organico anche a causa dell’ingiustificata e mancata stabilizzazione dei vigili precari. A tal proposito, ricordo che per un paese di oltre 14.000 abitanti sono previsti per legge almeno 20 agenti full time e attualmente ad Amantea ne risultano in servizio solo 10.

Inoltre, l’atto d’indirizzo, non si limita a fornire le direttive ma impartisce anche vere e proprie modalità operative mentre la legge regionale in materia prevede che spetta al Comandante della Polizia Municipale determinare le modalità operative.

L’iniziativa dell’Amministrazione comunale, tra l’altro resa pubblica e intrapresa solo nei confronti del Corpo di Polizia Municipale, genera quantomeno qualche dubbio sulla capacità, da parte del Comandante, a gestire il servizio.

Invito l’Amministrazione comunale a comunicare alla città, come fatto con l’atto d’indirizzo in questione, i dati storici, ad esempio, degli ultimi 20 anni relativi agli introiti da sanzioni emesse anno per anno. Invito anche a comunicare la parte delle risorse finanziarie, incassate per sanzioni emesse, utilizzate dal Corpo di Polizia Municipale.

Quando si danno gli indirizzi e gli obiettivi da raggiungere ad un servizio, questi devono essere commisurati alla dotazione organica, ai mezzi e alle risorse finanziarie a disposizione dello stesso servizio. Credo che questa sia un’elementare regola per chi vuol sovrintendere a un determinato servizio pubblico al fine di raggiungere migliori risultati.

Allora sorgono spontanee alcune domande da porre all’Amministrazione in carica. Se si vuole migliorare il servizio di Polizia Municipale perché non si aumentano le risorse umane con la stabilizzazione dei precari? Perché non si trasferiscono gli uffici del Comando presso la “mega” struttura del Campus, costata ai contribuenti milioni di euro e non utilizzata a dovere? Perché non si assegna al Comando del Corpo un adeguato budget finanziario, mediante l’attuazione dei piani economici di gestione, in modo da evitare che gli agenti, ad esempio, debbano prestare servizio estivo con abbigliamento invernale come spesso finora accaduto?    

Certamente si può e si deve sempre migliorare ma questo principio non vale solo per i dipendenti pubblici ma vale anche e soprattutto per gli amministratori comunali.

Infine, da ex Amministratore del Comune di Amantea, colgo l’occasione per ringraziare il Comandante Emilio Caruso e tutti gli agenti del Corpo di Polizia Municipale di Amantea per il sereno, costruttivo e collaborativo rapporto tenuto con il sottoscritto, che ha consentito di gestire e risolvere, seppur tra mille difficoltà, diverse problematiche nell’interesse della comunità di Amantea e della frazione di Campora San Giovanni”.      

Nota stampa del 7 settembre di Gianfranco Suriano

Pubblicato in Politica

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa di Gianfranco Suriano

“Molti cittadini e soprattutto commercianti mi chiedono chi sia il delegato, dell’Amministrazione comunale in carica, in materia di commercio.

Poiché il settore del commercio è uno degli elementi centrali del tessuto economico cittadino, la domanda è pertinente e credo che la chiarezza nei confronti di tutta la cittadinanza dovrebbe essere un punto cardine dell’azione amministrativa.

Ebbene, dopo che nel mese di giugno scorso sono state comunicate le deleghe assessorili e consiliari ai componenti dell’attuale maggioranza di governo, quelle al commercio, alle fiere, al Campus e ai rapporti con le Associazioni assegnate alla Consigliere Caterina Ciccia sembrano sparite.

Non vi è più traccia sul sito del Comune di Amantea, sono uscite sulla stampa notizie di una probabile rinuncia della stessa Consigliera, altre voci parlano di possibile revoca delle deleghe da parte del Sindaco.

Insomma, su tale vicenda regna la confusione e il buio più totale!

Il buon senso vorrebbe che sulla vicenda parlassero i diretti interessati.

E’ un fatto di correttezza e trasparenza istituzionale!

Invece, tutto tace e così la categoria dei commercianti sembra non avere precisi e ben individuati interlocutori istituzionali.

Si parla di politiche per la crescita economica e, quindi, occupazionale di Amantea e Campora e poi non si chiarisce chi, al Comune, ha la responsabilità politica di uno dei più importanti settori economici della città!

Non voglio pensare che tale confusione sia il frutto di un voluto disinteresse da parte dell’Amministrazione nei confronti dei commercianti già pesantemente colpiti dalla drastica riduzione della presenza di turisti estivi.

Altrettanto grave sarebbe il fatto che tale situazione sia frutto di scarsa cultura istituzionale da parte degli amministratori interessati dalla vicenda. In ogni caso, credo che sia un sacrosanto diritto per i commercianti, sapere chi è loro il diretto interlocutore istituzionale, in quanto la vicenda non può essere ridotta ad una questione personale tra il Sindaco e la Consigliera Ciccia.

Come da più parti dicono, questa Amministrazione ha vinto le elezioni e deve governare, ma governare vuol dire assumere responsabilità piene, chiare e dirette e non giocare come i ragazzini a nascondino!

Gianfranco Suriano Ex Consigliere Comunale al Comune di Amantea

Pubblicato in Politica

Le parole di Gianfranco Suriano a pochi giorni dal primo anniverrio della scomparsa Sindaco Franco Tonnara

 

Tra pochi giorni ricorrerà il primo anniversario della scomparsa di Francesco Tonnara, amatissimo Sindaco della nostra Città.

Ho meditato molto prima di prendere l’iniziativa di rendere pubblico questo mio breve ricordo dell’uomo, dell’amico e dell’amministratore Francesco Tonnara.

Ciò per la semplicissima ragione che non è, almeno per me, facile ricordare una persona della statura del nostro ex Sindaco.

Francesco (o Franco per gli amici), prima di essere stato un equilibrato, competente e onesto amministratore è stata una persona dalle grandi doti morali. La fede cristiana, l’attaccamento alla propria famiglia, l’onestà come stella polare, il rispetto del pensiero altrui e del prossimo, ha fatto sì che l’uomo prevalesse sulla figura pubblica. Solo pochissimi suoi avversari politici di Amantea, infatti, non hanno voluto riconoscere le sue doti.

Da qui il grande carisma dell’uomo politico, riconosciuto in tutta la Regione, per la sua onestà intellettuale e la sua pacatezza nel trattare ogni cosa.

Da guida politica, rassicurava tutti con un sorriso.

Il suo equilibrio era tale da sdrammatizzare ogni situazione, il suo senso istituzionale prevaleva su ogni interesse particolare.

Ripeteva sovente: noi amministratori dobbiamo essere da buon esempio per la nostra collettività! Dobbiamo prestare molta attenzione alla nostra azione politica che non deve mai danneggiare l’immagine e l’onorabilità di Amantea.

Già Amantea, la sua Città che ha sempre amato e difeso fino alla fine.

E’ passato quasi un anno dalla sua scomparsa, ma nella stragrande maggioranza dei cittadini di Amantea e non solo il suo ricordo è ancora lì: lucido, intatto, ancora freschissimo.

E’ la conseguenza naturale della sua grandezza!

Le persone che lasciano segni positivi, tangibili, non scompaiono veramente ma possono guidarti per sempre: basta fermarsi un attimo e ricordare i loro insegnamenti.

Molti avranno l’ambizione di imitarlo, di raccogliere i suoi stessi successi politici e amministrativi, molti si dovranno, purtroppo, scontrare con la realtà dei fatti.

Io, da persona impegnata in politica (non so ancora per quanto tempo) mi limiterò a beneficiare di qualche suo insegnamento solo per non incorrere in qualche magra figuraccia.

Ciao e grazie Franco!    

Amantea, 30 Luglio 2014                                              Gianfranco Suriano        

Pubblicato in Primo Piano

Poche ore prima dell’importantissimo incontro di stasera( ORE 19.00 Sala Consiliare) tra l’AC Amantea e l’Amministrazione comunale, riceviamo e pubblichiamo la seguente nota di Gianfranco Suriano :

“Amantea Calcio, bene sociale da preservare senza se e senza ma”

“Con grande amarezza, leggo su alcuni organi di comunicazione che l’Amantea Calcio potrebbe estinguersi per mancanza di tifosi e sportivi disponibili a sostenere la squadra della nostra Città.

Leggo, inoltre, che in una recente riunione si è preso atto che ad Amantea c’è una netta indifferenza verso il settore calcistico.

Non so fino a che punto tale presa d’atto corrisponda effettivamente alla realtà dei fatti. Una cosa è certa: la quasi centenaria storia blucerchiata testimonia inconfutabilmente che Amantea ha scritto, nel corso dei decenni, pagine sportive indelebili, momenti d’immensa gioia ma anche di delusione per i risultati raggiunti.

La storia scritta dall’Amantea Calcio ha accompagnato migliaia e migliaia di giovani calciatori, tifosi e sportivi che così hanno trovato un momento di sana socializzazione. In tutto il mondo, il calcio ma lo sport in generale costituisce un bene preziosissimo da preservare, proprio per la grandissima funzione che esercita a favore soprattutto dei giovani e dei giovanissimi.

Da ex Commissario Straordinario della mia, nostra squadra di calcio ma anche da ex amministratore comunale assisto a prese di posizioni superficiali che denotano tutta l’insensibilità di chi le esterna.

Chi conosce il calcio sa benissimo che nel corso delle stagioni sportive, a seconda dei risultati che si ottengono e in base alla categoria che si disputa, ci può essere un seguito maggiore o minore di tifosi. Ma, questo non è il punto!

La cosa che rende preziosissima la partecipazione della squadra di calcio a un campionato, comunque dignitoso, è l’indotto sociale che si porta dietro. Mi spiego meglio.

Una squadra che partecipa al campionato di promozione, disputa anche i tornei giovanili: under 18, allievi regionali e provinciali, giovanissimi regionali e provinciali. Insomma, mediamente vengono ad essere coinvolti almeno settanta o ottanta giovani del nostro comprensorio che altrimenti potrebbero essere attratti da altre attività, non sempre sana ed educative!

Allora penso che non possa essere ridotto tutto a tam-tam da social network (ai quali riconosco una funzione ma che spesso sono veicoli, a dir poco, d’inadeguata informazione), bisogna invece rimboccarsi le maniche, in silenzio possibilmente, come ha fatto il sottoscritto anni addietro, come hanno fatto, in questi giorni, alcuni imprenditori, alcuni dirigenti dimissionari dell’ACD Città Amantea 1927 e Mister Miceli e come hanno fatto tante persone che volontariamente e gratuitamente hanno lavorato negli anni al fianco delle diverse dirigenze. A tutti le persone appena menzionate va il mio più sincero ringraziamento.

Spero, infine, che l’attuale Amministrazione comunale capisca fino in fondo la necessità di mantenere questo patrimonio sociale e metta in campo ogni azione di sostegno affinché l’Amantea Calcio possa continuare a svolgere il suo importantissimo ruolo nella nostra comunità.”

Amantea, 17 luglio 2014 Gianfranco Suriano Ex Commissario Straordinario “ACD Città Amantea 1927”

Pubblicato in Politica

Ovviamente ci riferiamo alla minoranza che parla, cioè alla lista Nuova Primavera-Spirito Libero Amantea e peraltro con un comunicato a firma triplice .Vi presentiamo il comunicato:

Nella serata di ieri si è tenuta una riunione urgente tra alcuni membri della lista Nuova Primavera-Spirito Libero Amantea, rappresentati dal Portavoce Gianfranco Suriano, dall’ex candidato Sindaco Sergio Ruggiero (ora Consigliere di minoranza) e dal Presidente dello Spirito Libero Amantea Robert Aloisio, al fine di fare il punto sulla situazione riguardante il sequestro del porto turistico di Campora san Giovanni, posto in essere nella stessa giornata dalla Capitaneria di Porto di Vibo Valentia, in esecuzione di una Ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Paola su richiesta del Procuratore Dott. Bruno Giordano.

All’esito della riunione, i componenti del sodalizio Nuova Primavera - Spirito Libero ritengono urgente richiedere al Presidente del Consiglio Ermelinda Morelli la convocazione di un Consiglio comunale straordinario per conoscere quali iniziative intenda adottare l’Amministrazione cittadina al fine di tutelare gli interessi della comunità e dei diportisti che, secondo il dispositivo di sequestro, devono sgomberare i propri natanti, e dunque trasferirli in altre strutture, entro 15 giorni dalla data del sequestro. In particolare si richiede di sapere:

1) Se e come l’Amministrazione intenda interloquire con la Procura di Paola al fine di gestire la questione dello sgombero delle barche ormeggiate, considerati gli enormi disagi che questo comporta a carico dei diportisti, in particolare per i titolari di attività pescherecce, atteso peraltro che tutti abbiano già corrisposto al Comune i dovuti diritti. Si aggiunge che, tale determinazione, comporta anche problemi di carattere occupazionale, atteso che la gestione della struttura è affidata ad alcuni operatori che basano sui servizi portuali il proprio reddito. Peraltro, si segnala che alcuni operatori economici, hanno operato significativi investimenti finalizzati ad attività di appoggio e di servizio al porto.

2) Se e come l’Amministrazione intenda affrontare la gravosa situazione debitoria nei confronti del Demanio;

3) Se e come l’Amministrazione intenda affrontare l’annosa questione della titolarità del porto;

4) Se e come l’Amministrazione intenda affrontare la questione dell’agibilità della struttura, e quindi della sicurezza dell’imboccatura sia rispetto all’accessibilità che al frequente insabbiamento della stessa.

Si ricorda, inoltre, che nel programma elettorale relativo alla scorsa competizione per il rinnovo del Consiglio comunale, la questione del porto di Campora è stata al centro dell’attenzione della lista Nuova Primavera-Spirito Libero e che all’indomani dell’incontro con l’Associazione della Lega Navale, tenutasi presso la stessa struttura portuale, si era dichiarata, attraverso appositi comunicati poi confluiti appunto nel programma elettorale, l’intenzione di realizzare un progetto organico che affrontasse velocemente i seguenti punti:

- definizione della titolarità della struttura portuale;

- protezione dell’imboccatura dall’insabbiamento e creazione di un bacino di calma per l’accesso sicuro dei natanti;

- realizzazione di strutture a terra per il rimessaggio, per il carburante e per i servizi agli utenti.

Nel sottolineare la gravità dell’attuale situazione del porto, che peraltro configura un grave ed ulteriore danno d’immagine a carico del nostro territorio, oltre che economico ed occupazionale, soprattutto in considerazione della sopragiunta stagione estiva, gli scriventi ritengono di dover vigilare sull’evoluzione della problematica di che trattasi e di porre all’attenzione dell’Amministrazione l’intera materia dei beni demaniali in possesso del Comune di Amantea.

Il Consigliere comunale Sergio Ruggiero

Il Presidente di Spirito Libero Amantea Robert Aloisio

Il Portavoce della Lista Nuova Primavera Gianfranco Suriano

Pubblicato in Politica

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa inviataci dal Portavoce della Nuova Primavera Gianfranco Suriano

“Da diversi giorni alcuni albergatori stanno attendendo l’autorizzazione provvisoria per procedere all’allestimento dei lidi da asservire alle proprie strutture turistiche.

Dopo una lunga riunione tenutasi alcuni giorni addietro, tra amministratori e operatori turistici, tutto tace!

Per carità, capisco perfettamente che la giunta si è insediata solo tre giorni fa e che quindi il neo Sindaco e gli Assessori appena nominati, ai quali va il mio augurio di buon lavoro, sono ancora alle prese con la fase di organizzazione e di messa a punto della macchina comunale, ma alcuni amministratori navigati e con una buona esperienza alle spalle dovrebbero ben comprendere che ci sono atti ampiamente prevedibili e necessari come quelli di cui stiamo parlando.

Pertanto, invito calorosamente l’assessore competente al ramo a dare immediata risposta agli albergatori che già vivono un delicatissimo periodo dovuto al protrarsi della crisi economica e che non possono più attendere oltre per offrire ai propri pochi clienti-turisti un lido adeguatamente attrezzato, considerato che siamo nel mese di giugno inoltrato.

Sono convito che l’Amministrazione comunale risolverà la vicenda in pochissimo tempo in quanto consapevole del fatto che tali inconvenienti non contribuiscono certamente a rendere più appetibile ai turisti il nostro territorio. Il Portavoce della Nuova Primavera Gianfranco Suriano

Pagina 4 di 7
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy