BANNER-ALTO2
A+ A A-

La scelta degli scrutatori da parte dei politici è la chiave di volta per capire la serietà della politica cittadina.

Appare difficile ipotizzare il voto di scambio tra lo scrutatore nominato ed il politico che lo nomina.

Ma è sempre possibile.

Tutti i politici della commissione, infatti, fanno campagna elettorale per il partito od il politico nazionale di riferimento.

O la nomina con scelta potrebbe essere anche una compensazione per il voto già avuto.

E’un discorso teorico, evidentemente.

Nessun riferimento, ovviamente, alla commissione di Amantea.

E’ vero , poi, che ognuno dei politici che compongono la commissione conosce persone in stato di bisogno che lo sensibilizzeranno per essere indicati quali scrutatori.

145 euro esentasse, infatti, non sono poche, in particolare di questi tempi.

E proprio per questo le pressioni potrebbero essere tante e non rifiutabili.

Ed è per questo che forse il sorteggio potrebbe essere la soluzione

Quella più facile.

Quella più corretta.

Basterebbe escludere agli elenchi le persone che hanno già un lavoro

Basterebbe al momento della notifica far firmare una dichiarazione di responsabilità, facendo subentrare il supplente.

Vedete voi!

Pubblicato in Cronaca

Alle ore 10.00 si riunirà la commissione elettorale per la nomina degli scrutatori per le elezioni politiche del 4 marzo.

In tutte le altre regioni d'Italia (tranne Lazio e Lombardia)il compenso degli scrutatori sarà di 145 euro, in quanto sono previste due schede: Camera e Senato.

Le persone nominate come scrutatori saranno convocate alle ore 16 di sabato 3 marzo per il tempo necessario ad allestire il seggio (generalmente un paio di ore) e per l'intera giornata di domenica, fino al termine dello scrutinio per le schede della Camera dei deputati e del Senato.

I seggi resteranno aperti dalle ore 7 fino alle 23 e le operazioni di scrutinio avverranno alla chiusura dei seggi.

La commissione sarà presieduta dal sindaco

Componenti per la maggioranza saranno

-Mastroianni Monica

-Aloisio Robert

Componente per la minoranza sarà

-Alessandro Salvatore .

Per ogni sezione sono previsti 4 scrutatori che affiancheranno il presidente e il segretario.

In via preliminare è da ritenere che si deciderà come procedere per la nomina degli scrutatori.

Per molti, ricoprire il ruolo dello scrutatore - al di là dell'impegno civico, politico e sociale - rappresenta una buona occasione per incassare un'entrata extra, soprattutto se al momento non si ha un lavoro.

Negli ultimi anni, infatti, con l'aumento dei disoccupati, la corsa all'iscrizione nell'albo degli scrutatori è diventata molto affollata.

Non si tratta più di un ruolo, come in passato, che ambiscono a ricoprire soprattutto gli studenti, per mettere da parte un gruzzoletto per le spese nel tempo libero.

Negli ultimi tempi, proprio a causa della presenza di una consistente quota di disoccupati, sempre più Comuni, anziché sorteggiare gli scrutatori, li scelgono in modo soggettivo, dando la preferenza a persone disoccupate, iscritte ai centri per l'impiego e anche ai disabili.

Lo stato di grave difficoltà economica nel quale versano famiglie e giovani, da tempo, ormai, ma soprattutto nei giorni scorsi, ha portato diverse persone ad essere presenti giorno 17 maggio nella stanza dell’ufficio elettorale per assistere alla nomina degli scrutatori per le prossime consultazioni amministrative

 

Si tratta di selezionare o nominare 56 persone per i 14 seggi elettorali.

 

56 persone su una platea di centinaia, se non migliaia, di aventi bisogno.

Percepiranno 120 euro per un defatigante impegno di oltre 25 ore di lavoro; meno di 5 euro ad ora.

Nella occasione molti avrebbero voluto che la selezione o nomina venisse fatta tra i disoccupati, almeno, se non in stretto ordine di bisogno da certificare con l’ISEE.

Una selezione o nomina certamente difficile .

 

Se infatti normalmente i candidati vengono selezionati tra i circa 1700 iscritti nell’apposito albo degli scrutatori di seggio elettorale (può essere fatta domanda entro il mese di novembre di ciascun anno e si resterà nell’elenco a vita fintanto che residenti nel comune) una scelta per bisogno avrebbe comportato ben altra platea.

 

Ed infatti durante la lettura dei nomi molti sono stati i mugugni e riflessioni amare emerse( le altre considerazioni sulla libertà di voto degli “Eletti”le omettiamo).

In questa “lettura delle cose” una candidata ha inteso immediatamente rinunciare a tale incarico a favore di persona più bisognosa

Lo ha fatto con una nota scritta e protocollata

Si tratta di Veltri Angelina del 1974 estratta a sorte al seggio n 8

Questa la lettera di rinuncia notificata prima ancora della notifica della nomina.

Ecco l'elenco degli scrutatori per le elezioni dell'11 giugno 2017.

Metà sono stati sorteggiati (sono i primi due di ogni seggio)

Metà sono stato indicati (sono i seciondi due per ogni seggio)

 

 

 

Seggio n 1

De Grazia Massimo

Meraglia Teresa

Scudiero Marianna

Veltri Michela

 

Seggio n 2

Campaiola Gaetano

Giovanazzo Elda

Marinaro Maria Francesca

Bonanno Iolanda

 

Seggio n 3

Rubino Giuseppina

Pati Maria Palma

Caruso Anna

Bossio Teresa

 

Seggio n 4

La Rupa Vincenzo

Osso Anna

Federico Cristina

Africano Ornella

 

Seggio n 5

Guido Francesco

De Rose renato

Francescano Giuseppina

Bossio Anna

 

Seggio n 6

Pulice Anna Lucia

Mendicino geraldina

Pellegrino Teresa

Abbate Alfredo

 

Seggio n 7

Naccarato Rosetta in Veltri

Cicero Andrea

Guido Francesca

Cima Stefano

 

Seggio n 8

Veltri Angelina in Basso

Vadacchino Luigi Salvatore

Lepore Emiliano

Bruni Alessia

 

Seggio n 9

Pizzino Domenica

Ombres Antonio

De Vita Elena

Tallarico Stefano

 

Seggio n 10

Viola David

Scalo Alessandra

Paradiso Liliana

Furgione Luca

 

Seggio n 11

Rizzo Silvia

Conte Stefano

Carini Agostino

Filice Marcello

 

Seggio n 12

Guido Giuseppe

Osso Felicia in Aprilino

Paladino Salvatore

Ianni Patrizia

 

Seggio n 13

Grisommola Antonella

Aloe Anna in Furgiuele

Veltri Veronica

Calvano Vittorio

 

Seggio n 14

Feraco Vanessa

Restuccia Alessandro

Lepore Gina

Damiano Giuseppe

 

Segue.....

Oggi 9 novembre 2016 la Segreteria del Circolo PD Amantea ha protocollato la richiesta – indirizzata alla Commissione elettorale comunale – di optare per un sorteggio pubblico ai fini dell’ individuazione degli scrutatori per il Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016.

Ecco il testo del documento:

«Gentile Commissione elettorale, le modificazioni successive alla legge 95/1989 hanno previsto – ai fini dell’individuazione degli scrutatori – la nomina individuale, da parte della Commissione elettorale comunale, tra i cittadini che hanno espresso la loro disponibilità ad entrare in un apposito albo.

Una logica arbitraria che non mette sullo stesso piano tutti i cittadini.

Per tale ragione, in un’ottica di maggiore trasparenza e giustizia, chiediamo che le diverse sensibilità presenti nella Commissione convergano sulla proposta di individuare gli scrutatori – per il prossimo referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 – sulla base di un apposito sorteggio pubblico tra gli iscritti al già citato albo.

Nel caso solo una parte dei membri della Commissione elettorale non dovesse condividere tale modalità, chiediamo comunque ai restanti componenti di effettuare un sorteggio per l’individuazione degli scrutatori di loro competenza».

Amantea, 9 novembre 2016               La Segreteria del Circolo PD Amantea

Pubblicato in Cronaca

MoVimento 5 StelleDopo la dichiarazione della segretaria comunale ecco quella della consigliera del M5S Francesca Menichino:

Non ho firmato e non firmerò il verbale di nomina degli scrutatori e ritengo necessario spiegare con precisione tutto quello che è accaduto nella commissione elettorale del 31 ottobre. Il verbale che vorrebbero che io condividessi non solo non risponde alla realtà ma descrive una procedura che comunque è illegittima come ho ampiamente motivato nell’esposto al Prefetto.

Nella precisazione dei fatti che fa la dott.ssa Mercuri emerge ancora una volta che la gestione di questo importante ruolo di garanzia della legalità e di prevenzione della corruzione che la segretaria comunale dovrebbe svolgere ad Amantea deve necessariamente passare al vaglio degli organi preposti.

La verità, l’unica verità, è che la maggioranza si è riunita preventivamente nella stanza del sindaco a porte chiuse per circa un’ora per concordare le solite spartizioni clientelari: fogli volanti già preparati con gli elenchi dei nomi degli scrutatori, tutti i consiglieri di maggioranza e non solo i commissari (Salvatore e Chilelli) avevano indicato i loro “nomi” in una logica clientelare che a dire dell’assessore Cannata doveva tenere conto anche della proporzione tra la città e la frazione, a dimostrazione che quello che guida questa maggioranza è un modo di fare politica ben lontano dal valore e dall’obbligo dell’imparzialità. Io propongo un altro metodo che definisco misto ed allego un’apposita mozione: estrapolare dall’albo un elenco di cittadini disoccupati e tra questi e solo questi effettuare un sorteggio che ci liberasse dalla responsabilità della scelta che nessun amministratore dovrebbe accettare di compiere, perché non ci sono cittadini di serie a e cittadini di serie b.

A dire il vero anche il sindaco propone il diverso metodo del sorteggio integrale, la proposta però non viene approvata e si procede per nomina: purtroppo la legge lo consente, la nuova norma del 2005 anzi impone la nomina a meno che tutti scelgano all’unanimità il sorteggio.

A questo punto comincia una discussione estenuante: cerco di orientare la scelta verso criteri oggettivi, come una lista dei disoccupati presso il centro per l’impiego, oppure l’elenco dei cittadini che ricevono assistenza dal comune, ma l’elenco in Comune non si trova (?) e il centro per l’impiego ha bisogno di maggior tempo; chiedo l’aggiornamento della seduta ma la segretaria lo ritiene impossibile.

Cosa doveva farsi a questo punto? Solo una cosa: constatare che non c’era e non poteva esserci unanimità di vedute e procedere con l’altro metodo indicato dalla circolare prefettizia di una nomina disgiunta in cui io sarei stata libera di indicare i miei nominativi con il metodo del sorteggio. Ed invece mi si fa comprendere che si doveva procedere congiuntamente e sulla base di questo equivoco indotto firmo i fogli dei nomi, tranne uno che non è sottoposto nemmeno alla lettura; ma quando leggo il verbale comprendo però che l’equivoco aveva finalità precise ed utilitaristiche e la realtà descritta è molto diversa. Non firmo e mando tutto al Prefetto, nella convinzione che le operazioni di nomina siano da rifare. Ovviamente la segretaria che ci ha ampiamente abituati alle soluzioni garantiste (per la maggioranza) tenta di giustificarsi.

Lo faccia col prefetto e lo faccia con la propria coscienza, lei che allo stato attuale dovrebbe spiegare come sia possibile che il dott. Sabatino, collocato a riposo dal 31 ottobre, ogni giorno continui a recarsi sul posto di lavoro come se fosse regolarmente in servizio.

Ma c’è molto altro. Continua……

 

Intanto ecco come la legge dispone che si nominino per la legittimità nominare della commissione.

La circolare n 81/2014 a pagina 2 lettera a) dispone che:

“alla nomina, per ogni sezione elettorale del comune , di un numero di scrutatori compresi nell’albo degli scrutatori pari a quello occorrente ( quattro per ogni sezione, ai sensi dell’art 20,primo comma, del TU 16 maggio 1960 n 570)”

Continua poi la circolare statuendo che :

“ A tale nomina la Commissione procede all’unanimità”

A tal punto occorre ricordare che la commissione è presieduta dal sindaco ed è composta anche dai consiglieri nominati con delibera consiliare n 15 del 10 giugno 2014 signori Franco Chilelli e Salvatore Alessandro, per la maggioranza, e Francesca Menichino, per la minoranza.

I supplenti sono Arone Elena, Giusi Osso e Sergio Ruggiero.

Una unanimità difficile se, come ci è stato detto, non si è scelto il solito e classico sorteggio tra gli iscritti nell’albo degli scrutatori.

Ma sovviene la circolare che :

“nel caso non si raggiunga la unanimità si procederà alla votazione secondo la procedura descritta nell’art 6 della legge 8 marzo 1989 n 95, e successive modificazioni, 4 che sinteticamente si illustra di seguito”.

Cioè :

“…ciascun membro della commissione elettorale vota per un nome”.

Di conseguenza :

“Risultano eletti coloro che hanno ottenuto il maggior numero di voti ed a parità di voti è proclamato eletto il più anziano d’età”

Chiariamo che in sostanza nel caso i quattro componenti votino quattro nomi distinti vengono eletti tutti e quattro.

Invece ove un componente , per esempio quello della minoranza, si astenga dal voto, vengono nominati i tre componenti votati dalla maggioranza

Gli stessi 3 della maggioranza effettuano di seguito, sezione per sezione, un’altra votazione per il solo posto di scrutatore vacante.

Con le stesse modalità vengono eletti i componenti supplenti

Ora in particolare i tanti giovani disoccupati aspettano di sapere se sono stati votati da quale “santo in paradiso” per fare il confronto tra i votati ed i dimenticati

Ma, come detto ci sono forti dubbi che siano state pedissequamente effettuate le procedure richiamate dalla legge.

Stamattina i chiarimenti richiesti dalla consigliera di minoranza Francesca Menichino sui lavori della commissione del 31 ottobre e sul relativo verbale

Pubblicato in Cronaca

Non sono stati pubblicati nemmeno stamattina gli elenchi dei 56 scrutatori che andranno a costituire i 14 seggi elettorali di Amantea.

Sembra che la consigliera di minoranza Francesca Menichino abbia formulato osservazioni al verbale della commissione che sarebbe stato steso in orario non contestuale alla riunione della commissione elettorale riunitasi il 31 ottobre scorso.

Per questa ragione si impone per domani martedì 4 novembre 2014 la presenza della segretaria comunale Maria Luisa Mercuri.

Resta, comunque, fermo che, per la prima volta in Amantea, gli scrutatori non siano stati sorteggiati dall’elenco generale degli iscritti

I 56 scrutatori, infatti, sono stati scelti dalla maggioranza e proposti in sede di commissione.

Solo dal verbale si comprenderà come siano stati scelti.

E soprattutto dal verbale si chiarirà la estraneità della minoranza (M5S)

Una cosa però la possiamo dire e cioè che la scelta è avvenuta tra gli iscritti nell’elenco generale.

Appena noti ufficialmente vi faremo sapere i nomi.

Non ha, infatti, senso alcuno anticiparli prima della loro ufficializzazione.

Pubblicato in Primo Piano

100 euro è l’importo che il comune eroga alle persone in difficoltà

Una somma che per taluni è quasi vitale

Proprio per queste gravissime difficoltà un posto di scrutatore nelle prossime elezioni può essere importante per i molti in stato di bisogno.

La indennità è pari a 145 euro cioè di un SETTANTACINQUESIMO di quanto percepisce ogni mese un consigliere regionale calabrese: una somma ,quindi, IMPORTANTE.

Ma un incarico significa per molti essere vivo, non essere dimenticato

Per questo ne discutiamo e facciamo chiarezza

In un precedente passato erano i componenti delle commissione elettorale ad indicare i componenti dei seggi sulla base delle indicazioni dei partiti( fino a quando c’erano) o dei consiglieri del partito o personali. Se ne lamentavano tutti perché occorreva ………..rsi ai politici

Poi gli scrutatori vennero semplicemente sorteggiati tagliando la longa manus della politica

Ora la commissione elettorale può scegliere il metodo da usare . Può effettuare un sorteggio che non privilegi nessuno, ma può anche indicare i nomi

Non sappiamo cosa farà.

Sappiamo che qualche partito o movimento suggerisce di scegliere gli scrutatori tra i disoccupati scartando i pensionati, gli impiegati, i possessori di reddito.

Ma come si fa a sapere se gli iscritti sono o meno disoccupati?

E come considerare le partite IVA?

E comunque sia è probabile che i disoccupati siamo moltissimi e ben più di quanti sono i posti disponibili per cui si tratterebbe alla fine di fare una scelta su chi far salire sulla zattera di salvataggio e di chi lasciare sulla nave che affonda.

La legge, infatti, dispone che la Commissione elettorale comunale provvede “a) alla nomina degli scrutatori, per ogni sezione elettorale del comune, scegliendoli tra i nominativi compresi nell'albo degli scrutatori in numero pari a quello occorrente;”

Suggeriamo allora alla commissione elettorale( Michele Vadacchino, sindaco, Giuseppe Nesi, Mario Pizzino e Gianfranco Suriano, componenti) di procedere con modalità che non offendano la giustizia e la dignità dei giovani iscritti nell’albo degli scrutatori

Grazie

Da ns collaboratore

Pubblicato in Primo Piano

Se qualcuno avesse pensato di tornare al vecchio metodo della scelta degli scrutatori sarà rimasto deluso. Se qualcuno aveva creduto alle promesse del solito politico di turno sarà rimasto altrettanto deluso. Né poteva essere accolta la logica popolare di scegliere le persone in stato di maggiore bisogno; purtroppo oggi tantissimi sono quelli in condizioni di bisogno.

E così alla fine la commissione elettorale presente in tutti i suoi ranghi ed espressioni partitiche, non solo ha accolto la più o meno espressa richiesta di correttezza amministrativa ma la anche integrata con la eliminazione di coloro che erano stati già nominati alle ultime consultazioni.

E così si è diviso il numero complessivo degli scrutatori iscritti negli elenchi comunali per i 56 posti disponibili, e dopo aver sommato al quoziente un numero estratto a caso si è proceduto alla estrazione e formato il relativo elenco che è già apposto all’Albo Pretorio comunale.

 

Clicca qui - Apri il verbale

Pubblicato in Primo Piano
Pagina 1 di 2
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy