BANNER-ALTO2
A+ A A-

arredamentoArredare casa è come proiettare il proprio essere è come quando un pittore si trova di fronte alla propria tela bianca e di quella tela ne fa una sua opera.

L’importanza di circondarsi di ciò che ci piace, che ci fa stare bene è fondamentale nella propria vita, in qualsiasi ambito del percorso che ci troviamo ad affrontare.

Per questo anche nel nostro habitat, nella nostra casa dove trascorriamo le ore più serene, più tranquille e festose l’arredamento è fondamentale per migliorare la nostra percezione di vita e di conseguenza la qualità.

E’ per questo che oggi vogliamo parlarvi di un sito e-commerce che rappresenta di sicuro uno dei fiori all’occhiello per quanto riguarda l’arredamento, ma può essere considerato anche un “buon amico” che ci consiglia e ci indica come rendere migliore il nostro ambiente.

L’Outlet del Mobile, infatti, è un’azienda specializzata nella vendita di arredamento sia esso per casa o per ufficio, con un occhio di riguardo come per qualità e convenienza.
L’azienda è presente anche sul territorio italiano con un punto vendita a Melendugno (Lecce) dove è possibile disporre anche di consigli pratici e consulenze nella scelta dell’arredamento nello sviluppo di soluzioni personalizzate e vantaggiose in termini di qualità/prezzo e un accurato servizio di post vendita.

L’Outlet del Mobile presenta inoltre una vasta gamma di brand in modo da soddisfare qualsivoglia esigenza e proporre ai clienti una vasta gamma di mobili italiani, ma anche complementi d’arredo sempre curati nei minimi dettagli, sfruttando l’esperienza e le infinite conoscenze nell’ambito l’azienda presenta numerosissime partnership con i più grandi produttori del settore quali: Lube, Stosa, Le Fablier, Stilema, Colombini, Febal, SMA, Cosatto, Gieesegi, Tomasella, Arrex e tanti altri marchi Italiani.

Sul sito e-commerce dell’Outlet del Mobile potrete quindi disporre di tutte le informazioni che cercate, inoltre potrete sfogliare i cataloghi degli arredi per la zona giorno, i divani in offerta, i tantissimi lampadari e tanto altro, conoscere i prodotti più acquistati, quelli più apprezzati, quelli consigliati dall’azienda ed inoltre potrete anche mettervi direttamente in contatto telefonico (tramite numero verde) con un team di specialisti in grado di aiutarvi, indirizzarvi e soddisfare le vostre richieste.
Per ultimo ma non di minore importanza vi segnaliamo la sezione “sottocosto”, nella quale troverete tantissime offerte di mobili, ma non solo che l’azienda è in grado di proporre a prezzi vantaggiosi, una sezione in continuo aggiornamento e che di sicuro vi darà la possibilità di acquistare ciò che da tempo state cercando al miglior prezzo sul mercato.

Adesso che vi abbiamo parlato dell’Outlet del Mobile, non vi resta che visitare lo shop online, trovare ed acquistare comodamente da casa e con pochi click l’arredamento dei tuoi sogni

Leggi tutto... 0

fioreUna delle piante da fiore più belle e generose è sicuramente la dalia (Dahlia), appartenente alla famiglia delle Asteraceae. Importante elemento ornamentale per bordure, siepi ed aiuole, con i suoi fiori mono o bicolori, dal bianco al giallo, dall’arancio al rosso, la dalia non prevede un compito particolarmente complicato per la sua cura, sempre che si seguano i giusti accorgimenti del caso, a cominciare dalla scelta della corretta esposizione che deve essere assolutamente soleggiata poiché, vuoi anche per le origini Messicane e quindi particolarmente “solari”, una dalia coltivata all’ombra potrebbe addirittura non fiorire affatto.

La palette di colori particolarmente larga, con fiori uniti o screziati, in pratica di tutti i colori tranne il blu, rende questa tuberosa particolarmente voluta nei nostri giardini e, a seconda delle varietà, ci regala siepi e cespugli colorati di varie altezze, da 30 cm fino a 1,50 cm, tutti fioriti da luglio fino alle gelate.

I bulbi di dalia si interrano da metà marzo a maggio, quando la stagione è ormai al riparo dal freddo e dal brutto tempo persistente, ricordando che queste piante amano i terreni ben dissodati in profondità, ricchi e freschi in estate e, come già detto, in piena luce.

C’è anche chi, anziché interrare il bulbo (anzi, il tubero), acquista una pianta già formata, ma modalità e tempi di coltivazione non differiscono, mantenendo le stesse caratteristiche di interramento, esposizione, e concimazione. Durante la vegetazione, infatti, è buona regola tenere il terreno leggermente umido, con annaffiature regolari e piuttosto abbondanti, aggiungendo un concime speciale per bulbi o, in alternativa, un fertilizzante per piante fiorite, almeno due /tre volte durante la stagione, per aiutare crescita e fioritura. Altro accorgimento importante è quello di eliminare con regolarità eventuali fiori appassiti, in modo che i bottoni florali sottostanti possano svilupparsi e sbocciare, mentre è consigliabile lasciare intatto il fogliame, per farlo seccare spontaneamente.

Seguendo questi semplici accorgimenti e buone condizioni di coltivazione, le dalie difficilmente verranno attaccate da malattie e parassiti ma, in caso, per esempio, di situazione troppo asciutta, i pidocchi possono attaccare steli e foglie, e l'oidio può formare un infeltrimento bianco sul fogliame stesso: in casi simili, sarà sufficiente applicare un trattamento insetticida e fungicida, come quello usato per i rosai.

Tra le cure specifiche, vi è la precauzione di rimuovere i tuberi dal terreno quando le piante devono affrontare il riposo vegetativo, vale a dire nella stagione fredda: per farlo, dovranno essere potati gli steli fino a 10 cm del suolo, sollevando delicatamente i bulbi per non ferire le radici, e lasciandoli seccare qualche giorno in un sito arieggiato. Dovrà poi essere tolta la terra in eccesso e, così asciutti e puliti, i bulbi saranno riposti sino alla piantagione della primavera successiva.

Un piccolo segreto per ottenere fiori di dalia dalle dimensioni più grandi e scenografici (anche se a discapito della quantità), consiste nell’effettuare la cosiddetta “sbocciatura”, vale a dire eliminando i boccioli laterali che si formano in basso, lasciando invece solo quelli apicali che, guadagnando maggior spazio, si infoltiscono, ingrandendosi in un colpo d’occhio davvero spettacolare. Ed infine, una curiosità: la dalia fu introdotta in Europa alla fine del XVIII secolo a scopi culinari (si pensava poter mangiare il bulbo come per le patate…), ma il gusto sgradevole e la bellezza della fioritura l'hanno destinata ad ornare i giardini. E meno male!

Leggi tutto... 0

buonsQuello dei furti nelle abitazioni è purtroppo un trend che ha fatto registrare una crescita notevole negli ultimi anni. E così anche la preoccupazione dei cittadini per la propria incolumità all'interno delle mure domestiche è vi via aumentata; anche per questo la politica è intervenuta a “gamba tesa” varando una legge che prevede delle agevolazioni fiscali in caso di lavori di messa in sicurezza delle abitazioni private. Ecco dunque il bonus sicurezza, istituito con legge 208 del 2015, che offre l'opportunità di risparmiare parecchio denaro per degli interventi che altrimenti sarebbero molto costosi. Si tratta di agevolazioni che riguardano le persone fisiche (IRPEF) e che comprendono l'installazione di impianti antifurto o di telecamere di videosorveglianza.

In questo articolo ci occuperemo proprio di delineare nello specifico i requisiti per accedere al bonus sicurezza e assicurarsi così un kit di videosorveglianza. D'altra parte proteggere sé stessi e la propria famiglia da una violazione di domicilio è una cosa che sta a cuore a una moltitudine di cittadini, per cui è necessario informarsi bene sulle modalità di accesso a questo bonus.

Che tipo di interventi si possono realizzare

Il bonus sicurezza permette di fare interventi strutturali di messa in sicurezza di un appartamento, prevedendo importanti detrazioni sull'IRPEF. Le agevolazioni riguardano dunque acquisti effettuati per la videosorveglianza di casa, come recita l'articolo 2 della legge (non valgono dunque per interventi su strutture adibite a locali di impresa). Inoltre anche i contratti eventualmente stipulati con gli istituti di vigilanza rientrano regolarmente nei parametri della detrazione. La tutela dunque riguarda il diritto del cittadino di proteggersi in toto da eventuali furti, e perciò comprende non solo i costi di acquisto ma anche quelli di installazione dell'impianto. Peraltro non sono previste limitazioni nemmeno sulla tipologia di impianto, quindi è indifferente che si opti per uno con i fili, per quello wireless o per altri di qualsiasi tipo.

Come effettuare la richiesta di detrazioni

Per ottenere questa importante agevolazione fiscale bisogna rispettare dei passaggi. Trattandosi di operazioni burocratiche, tutto passa per dei protocolli telematici  da rispettare. Nello specifico, bisogna presentare una richiesta via Internet fornendo il proprio codice fiscale oltre a quello di colui che erogherà il servizio per il quale è stato richiesto il bonus. Ma non è finita qui: l'Agenzia delle Entrate ha bisogno anche del numero di fatture, importo e data (comprensive di IVA) se la domanda riguarda un immobile che non fa capo direttamente a colui che ha compilato la richiesta. Tutti i dati in questione possono essere trasmessi solo ed esclusivamente in via telematica. Per ulteriori informazioni si può invece consultare il sito dell'Agenzia delle Entrate, che offre tutte le indicazioni utili per compilare correttamente la domanda grazie ad un apposito software chiamato Creditovideosorveglianza.

Il sistema rilascerà quindi una ricevuta per ogni domanda che viene recapitata. Può essere presentata anche più di una domanda da parte di un singolo cittadino, ma in questo caso farà fede l'ultima in senso cronologico, che automaticamente annullerà tutte le altre. C'è da dire infine che qualche anno fa, per il bonus sicurezza, il numero di istanze pervenute al Governo in forma telematica fu elevatissimo e provocò di fatto quasi un tilt del sistema. Molte di quelle domande non furono accolte proprio per questo problema, per cui c'è da augurarsi che tale circostanza non si ripeta nuovamente.

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy