BANNER-ALTO2
A+ A A-

Lettera aperta al Prefetto di Cosenza, e/o a chi ha il potere di cambiare le cose

Vota questo articolo
(2 Voti)

letteraLa storia si ripete

“..prese dell'acqua e si lavò le mani in presenza della folla, dicendo: «Io sono innocente del sangue di questo giusto…”

Egregio Sig Prefetto, (o chi ha il potere di cambiare le cose…)

Rivolgo a Lei questa lettera aperta, sperando che la storia non voglia ripetersi ancora una volta, perchè in questa storia c’è il sangue e la carne dei disgraziati. E quella che si sta vivendo ad Amantea in questi giorni è la solita storia giocata sulla carne viva dei disgraziati.

Disgraziati che vengono da lontano portando con loro un carico di speranze disattese, disgraziati che vivono questa terra bella e difficile, e che stentano a vivere dignitosamente, specialmente in questo tempo di pandemia, nel quale ogni certezza diventa incertezza e ogni speranza anche economica sembra preludere alla disperazione.

Ho scelto di aprire questa lettera con l’immagine di Pilato, perchè gli eventi che si stanno susseguendo ad Amantea da alcuni giorni, presentano chiaramente sulla scena tanti disgraziati e tantissimi Pilato.

Nei disgraziati al primo posto figurano I migranti; non so di che nazionalità sono e poco importa; certamente per essere qui in questa situazione sono dei disgraziati che in cerca di speranze non solo hanno trovato chi li sfrutta, ma si sono anche presi il Covid 19.

Seguono nella scena I cittadini di Amantea che loro malgrado, rischiano non solo di apparire razzisti, ma chiaramente vengono sottoposti ad un rischio di infezione.

Tra I disgraziati vanno inclusi quelli che a causa di questa scelta, vedranno le loro aziende danneggiate dalla fuga dei turisti e non sanno se e come faranno a continuare a fare il loro lavoro.

Tra I disgraziati vanno inclusi I dipendenti delle aziende che perderanno il loro lavoro, o I dipendenti stagionali che speravano in questa stagione, per poter mettere sul tavolo un piatto di minestra.

Alla fine tra I disgraziati vanno inclusi gli agenti delle forze dell’ordine, che si trovano e purtroppo si troveranno, a dover garantire la sicurezza dei disgraziati migranti e dei disgraziati cittadini, difendendo una scelta che definire miope è fin troppo gentile.

Tutti questi disgraziati (mi scuso se ne ho dimenticato qualcuno), sono la carne umana macellata da questa decisione.

Ma tra I disgraziati, egregio Signor Prefetto, vanno inclusi la Logica, la Democrazia, la Legalità e la Decenza; mi scuserà per la lungaggine, ma ogni disgraziato va spiegato nella sua disgrazia:

  1. La Logica. Chi ha pensato di risolvere questo problema, depositando la carne umana disgraziata al centro di una cittadina balneare in piena estate?

Chi ha pensato di destinarli ad una struttura che può avere tutti I permessi dell’universo, ma che chiaramente non presenta nessuna delle caratteristiche di sicurezza sanitaria per gli ospiti e per I residenti della Città?

Parliamo di un palazzo nel centro della Città, che non ha le distanze necessarie per impedire il propagarsi del contagio nè all’interno e tanto meno all’esterno della struttura; e questo è evidente anche ad un cieco.

Chi tutela I non contagiati? Come viene fatta l’assistenza sanitaria all’interno della struttura? Come si fa ad essere certi che in una situazione di così facile promiscuità ambientale con I residenti il virus non si propaghi?

  1. La Democrazia.

     la Democrazia si realizza nella partecipazione attiva dei cittadini alla scelte democratiche.

       Oggi la democrazia ad Amantea è sospesa; ma proprio il fatto che ci si trova in questa

       situazione avrebbe dovuto portare a scelte diverse, per non pregiudicare la rinascita  

       democratica della Città. Chi ha preso questa scelta, non ha fatto altro che mostrare la

       forza di uno Stato Padrone, e come si sa I Padroni se ne fregano dei servi, pensandoli

       solo come carne da lavoro. E allora caro Sig Prefetto, ha ragione chi dice che sempre di

       padroni si parla e che quindi non vale la pena impegnarsi per la Democrazia? Non le

       pare che questo sia un favore al Contro-Stato.

  1. La Legalità:

La legalità si difende dissipando ogni dubbio sul fatto che eventuali interessi economici abbiano potuto spingere in una direzione piuttosto che in altre.

I cittadini disgraziati hanno espresso tantissimi dubbi sul fatto che questa struttura presenti le caratteristiche minime per accogliere questi migranti e che invece non abbiano deciso anche questa volta, come accade spesso in Calabria,… gli amici degli amici…

Da cittadino mi iscrivo tra quelli che conservano tanti dubbi, non dissipati dagli organi Istituzionali che gestiscono oggi il Municipio di Amantea. Conservo la speranza che la Magistratura voglia aprire un fascicolo di indagine sull’intera vicenda.

  1. La Decenza:

Viene definita nel Vocabolario Treccani, come l’atto che offende il comune sentimento... Aver preso questa decisone offende chi segue la logica, chi rispetta la Democrazia e chi difende la legalità.

Forse le sembrerà strano, ma anche ad Amantea esistono persone che ogni giorno silenziosamente rispettano la Democrazia, difendono la Legalità, seguono la Logica.

Per tutto questo e anche per il non detto, Chiedo a Lei o a chi ha il potere e la responsabilità di farlo, di voler ritornare sulla decisione presa ridando dignità al lungo elenco dei disgraziati che sono stati offesi, traditi e messi a rischio da questa scelta.

Non mi dilungo ulteriormente, nella certezza che la Magistratura valuterà ogni aspetto di questa vicenda, ma sperando che nel frattempo (purtroppo I tempi dell giustizia non sono brevi), la lunga lista dei Ponzio Pilato che nel lavacro delle mani se ne sono assolutamente fregati della carne dei disgraziati, non si arricchisca di nuovi figuranti.

Saluti

Nicola Gaudio  

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy