BANNER-ALTO2
A+ A A-

Comunicato di Lazzaroli sulla morte nell’ospedale di Cetraro

Vota questo articolo
(3 Voti)

Riceviamo e pubblichiamo:

“Nei giorni scorsi, la vicenda della povera signora Santina Adamo di Rota Greca, spirata all'alba del 17 luglio scorso presso l‘ospedale civile di Cetraro poche ore dopo aver partorito il figlio, ha riportato tragicamente alla ribalta il “caso” sanità in Calabria.

 

Lo ricordiamo, la povera donna andò in ospedale a Cetraro perché villeggiava a Fuscaldo con la famiglia. All’inizio tutto era andato bene, ma a un certo punto, la donna avrebbe avuto una forte emorragia che le ha causato la morte.

Uno shock emorragico post parto; un’emorragia massiva sopraggiunta alcune ore dopo il parto ne ha causato la morte di Santina.

Santina aveva disperato bisogno di sangue per tamponare la gravissima emorragia in atto, ma l’ospedale di Cetraro non ha sacche di sangue.

A quel punto è stato allertato il centro trasfusionale di Paola, distante 25 Km da Cetraro.

Il centro trasfusionale disponeva di poche sacche, mi è stato riferito che a regime hanno una scorta di due sacche per tutto il territorio che ricade nella competenza del distretto sanitario.

Data la disponibilità all’ospedale di Cetraro, dallo stesso ospedale parte una vettura con destinazione Paola, per prelevare la sacca di sangue.

In tutto ciò, troppo si è impiegato per far arrivare in tempo il sangue per salvare la vita alla povera Santina.

Da questa triste vicenda emergono nuovamente fortissime carenze organizzative nella sanità Calabrese.

È inconcepibile che un ospedale civile non disponga di una sacca di sangue; è inammissibile che per l’intera fascia costiera ci sia un unico centro trasfusionale di riferimento che per l’intero territorio, disponga di quantità limitatissime di sangue, si parla all’incirca due sacche.

Ma la cosa che fa più rabbia è la scarsissima prontezza nella gestione delle emergenze e nei tempi d’intervento; per prelevare una sacca di sangue a Paola è stata inviata una macchina da Cetraro, che ha certamente speso più tempo di quanto ne avrebbe impiegato se la sacca fosse stata portata direttamente da Paola a Cetraro, senza fare questo andirivieni, che poi è rilevato fatale.

In questa terribile storia, quanto si è verificato ha certificato nuovamente il cronico fallimento del modo in cui la politica regionale ha gestito e amministrato la sanità calabrese.

Realtà come Cetraro, così concepite non hanno più motivo di esistere, non è accettabile che nel 2019 si possa morire in un ospedale civile per la mancanza di una sacca di sangue.

Con tali carenze organizzative e con una popolazione sulla costa così vasta, soprattutto d'estate, non è più garantito un servizio sanitario efficiente.

Perché manteniamo ancora in vita questa sanità zeppa di illegalità??

Perché non si pensa ad un unico centro ospedaliero serio e attrezzato sulla costa tirrenica cosentina, perché si deve continuare a morire nella sanità calabrese??

Vincenzo Lazzaroli

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy