BANNER-ALTO2
A+ A A-

Ciccio e Giovanni camminano per raggiungere la solita panchina del lungomare.

Cicciu:” Giuva’ , t’arricuordi quann’erimu guagliuni, ca ijumu alla scola a pedi, e certi voti l’acqua cià jettavi culli cati ed arrivavumu alla scola tutti ‘nfusi da capa alli piedi?”.

Giuvanni : “Uhm, …..”

Silenzio.

Giuvanni: “ Ci’, chi vo diri ?”

Cicciu “ e t’arricurdi ca alla scola ni davunu na tazza i lattu e nu piezzu i pani?”

Giuvanni “ Uhm,……”

Silenzio

Giuvanni: “ se, compa’, ma chi vo significari? “

Cicciu: “ vuogliu diri ca mo i niputi mia mangiunu i merendini e vanu alla scola cullu purminu”

“Vuogliu diri ca i tiempi su cangiati”

Giuvanni: “Compa’, tieni arraggiunu, alli tiempi nuostri ere n’ atra cosa. Tu parri i quannu a bonanimi i papa’ jive a zappari da matina alla sira, e quannu turnave ere stancu muortu ca un sa fidave mancu a parrari: dave chillu ca s’ere abbuschjatu alla mamma e si jive a curcari”

Cicciu: “ se, ere lu tiempu ca papa’ un truvave lavuru e la mamma, penni fari mangiari ancuna cosa jive a lavari i panni allu jumu”

“ Pero’ alla scola un faciunu tri pisi e tri misuri”

“ M’arricuordu ca u maestro miu minave chiu’ palati allu figlio ca a nua”

” E m’arricuordu ca iu e li frati mia jivumu alla scola, e grazie alli borsi i studiu nun sulu ni vestjiumu , ma ci mangiave tutta a famiglia “

“ E pe’ nnua a scola ere nu lavuru, ca i borsi i studio un si vinciunu sunn’avij daveru studiatu”

Silenzio

Cicciu: “E mo ?”

“ Mo adduvu su li sacrifici ? “

“ Pari ca tutti tenunu tutto “

“ Machini, motorini, telefonini”

“T’annu m’arricuordu ca papa’ ha pigliatu i piezzi i tri biciclette pe’ nni fari una, ca avije di jiri a lavurari a Falerna e ncapa a canna si purtave puru u compariellu sua, ca unn’avie mancu na bicicletta e senza lavoru i quattru figli morjiunu i fame”

Giuvanni :” Compa’ ta puozzu diri na cosa ?. Un t’incazzi ,eh ?”

“Ma pecchi’, oji fa si discursi ?

E’ bontiempu, ce’e lu sulu, stamu buonu, unne’ successu nente ….

O e’ successu ancuna cosa ed iu unnu sacciu ?”

Cicciu: “No cumpa’, c’e’ lu sulu, stamu buonu e unne’ successu nente, “

Giuvannu “ Eja’, ca ti canusciu !. Quannu fa accussi’ ti si ncazzatu “

Cicciu: “ No Giuvà, un signu ncazzatu, signu preoccupatu !”

Io ormai l’anni mia mi le fatti , u Signuru quannu vo, mi po’ chiamari e nun tiegnu mancu voglia i scappari.

Ma ancora un signu ne’ cecatu, ne’ rimbambitu, e li cosi i vidu , e cumu si i vidu, e purtroppo ancora i capisciu!.

Ma tu un vidi nenti ntuornu ?

Na vota a genti avie fame ma ere bona. S’aiutave una cu l’atra, ca nu mazzu i scarola e quattru patati passati alla tiella d’inchjiunu a panza e nun divacavunu a sacchetta.

Ni chiamavumu tutti compari e ni rispettavumu.

Tantu, u quazunu culli pezzi allu culu aviumu tutti e lu cappottu nessunu.

E mancu i ricchi stavunu buonu e pe campari si vinniunu i terri.

Pu e’ venutu u benessere, su venuti i pensioni, pensioni a tutti, puri a chilli ca unn’aviunu lavuratu, pensioni i fami, se, ma sempri pensioni.

E’ venuto u statu, ca aiutave a tutti, stampave sordi ed aiutave.

E tutti ni simu illusi.

E siccome erimu ‘illusi du benessere, pecchi avijmu fari patiri alli figli nuostri a fame ?

Nua erimu jiuti culli quazuni chjin’ i pezze allu culu, ma alli figli nuostri ciavijumu i dari i meglj vestiti !

I nuostri quannu si spusavumu faciunu a festa.

Nu piattu i maccarruni i ziti, fatti alla casa, na carrocchia i vinu, nu piattu i lupini, quattro alivi ammaccati e nu piezzu i panu.

E si facie festa. E chi allegria!

Pua, amu fattu a gara a china avjie chiu machini allu matrimoniu e chiu’ mmitati allu ristoranti.

E mo’ ?, mo a gente si spagne.

Lavuru, cumu na vota, un sinni trove.

Eppuru i terri su sievudi e lu mari e’ sempre chijnu i pisci.

Ma l’ industrie chiudunu.

Ormai u frigoriferu avimu tutti, a televisione puru, u motorinu puru e la machina puru, ma un’navimu mancu i sordi pè pagari l’assicurazioni.

Na vota a luce a sparagnavumu, mo campanìe.

I panni i lavavumu allu jumu, mo avimu a lavatrice, ma un pagamu mancu a bulletta i l’acqua.

“Giuva’ ,unne’ c’ amu fattu u passu chiu’ luongu da gamma e stamu pe’nni truvari cullu culu ‘nterra ?”

“Na vota i giuvini jivunu a fari i camerieri in Svizzera, i zappaturi in Francia, l’operai in Germania e li minaturi in Belgio, mo puru i cipulli i facimu coglieri alli marocchini”

Giuvanni: “ Compa’ mi sta mintiennu n’angoscia!.

Un ti disperari , vo ddiri ca quannu va mali tornamu a fari l’emigranti, e cuminciamu dape’ “

Cicciu : Forsi tieni arraggiunu .

Ma tu ci vidi i niputi nostri ca vanu a lavorare in Germania ?

Niputta Giuva’ tene lu diploma du liceu,   mi sbagliu ?

Culla filosofia ca studiatu pò jiri a fari …… u muraturu?, no, ca unnu sa fari, u contadino?, no, ca un sa chi de’ na zappa, ………bu?

Inveci niputima culla ragioneria pò jiri a fari ………..u stessu i niputta.

Giuvanni: Compa’ ta puozzu diri na cosa, ma me jurari c’un t’incazzi.

Tieni arraggiunu tu, avimu sbagliati tuttu, avimu datu puru u culu pè tirare avanti onestamente a vita nostra e di figli nuostri, erimu abituati sulu alli doveri e nunn’ avimu mancu avutu a possibilità di sapiri, i diritti .

Ni simu illusi ca pe li figli nuostri era tuttu facile, ca u malutiempu ere passatu e ca venie lu sulu, pe tutti, senza ‘mmidia.

Mo ca mi ci fa pensari senza a pensiona mia un sacciu cumu potisse fari figlijma .

Quannu jamu alla posta alla piglijari avidu sempri pensusa.

Certi voti ci le chiestu, ma un ma mai rispostu.

Unne’ ca mi fa mancari ancuna cosa, o ca un mi dune cunfuortu, almeno illa.

Ma sulu quannu vene Natali e piglie la tredicesima ci vene lu sorrisu, na vota almeno.

Mi fa veniri certi dubbi!

Unne’ ca ma fattu a capa acqua pe smettiri i fumari sulu pe risparmiari cientumilaliri u misu?

Silenzio………………….

Poi come uscendo dal trance

Giuvanni : E chi potimu fari, compa Ci’ ?

Cicciu: Nenti Giuva’, propriu nente, ca cumu facimu, facimu sbagliamu; almeno chissa e’ la storia nostra.

Potimu sulu campari, u chiu’ possibile, sperannu ca i tiempi cangiunu, sperannu ca i figli e li niputi nuostri mintunu i sienzi.

Giuva’ godimuni u sulu, ca e’ lu stessu di tiempi nuostri

Forse.

Leggi tutto... 0

La disperata ed impossibile voglia di mare.

 

“Ragazzi io e mamma abbiamo deciso di farVI e di farCI un regalo.”

“Avete intenzione di comprare una nuova piscina visto che quella che abbiamo è ormai inutilizzabile?”, chiesero i figli.

“ No! Vogliamo dirvi che sabato e domenica andremo tutti al mare! Ho visto le previsioni del tempo e sono ottime! Il mare sarà calmo! Ho anche telefonato per informarmi e fare un giro sulla barca. Dormiremo da zia Maria con la scusa che lei in quei giorni sarà assente. Tutta una casa per noi. Una casa a pochi metri dal mare. C’è perfino il posto auto e sotto la veranda la zia ha il biliardino ed il ping pong. Ho fatto fare apposta il tagliando all’auto, cambiato l’olio, i filtri, controllato le gomme, fatto il pieno. Insomma è tutto pronto. E chi se ne frega se la nostra piscina si è rotta e non è più riparabile. Contenti?.”

Eh, si che erano contenti! Anzi, erano rimasti senza parole. Si udirono soltanto gli schiocchi di due baci che si stampavano sulle guance, uno del padre ed uno della madre.

Il venerdì sera tutti a letto presto, e presto l’intera famiglia si alzò il sabato mattina. Il padre si fece la barba, la mamma si mise un trucco leggero. I ragazzi per loro fortuna, ancora, non avevano bisogno di questi mezzucci da dozzina per apparire, anzi per essere, belli!

Le singole valige erano già pronte da venerdì e fu un gioco da ragazzi caricarle.

Vrooom, vrooom. La macchina si mise facilmente in moto. Tutti salirono a bordo e allacciarono le cinture. Il cancello si aprì e si richiuse lievemente dietro il cofano posteriore dell’auto .

La freccia anteriore sinistra era accesa come quella di chi dovesse uscire da uno spazio privato per entrare nella pubblica via.

Il traffico era intenso, molto intenso. Le auto scorrevano veloci, una dietro l’altra, perfettamente intervallate come se si trovassero su una catena di montaggio sulla quale erano state poste da un sistema elettromeccanico. E dentro si vedevano famiglie e gruppi di persone, per lo più giovani.

 

 

Lo sguardo dell’autista passò dallo specchietto retrovisore che non sempre ti dà perfettamente l’idea delle distanze a quello diretto di chi sporge la testa fuori dal finestrino ed allunga e torce il collo come quello di una giraffa.

Aspettava il cessare, o quantomeno il rallentare, dell’intenso, quasi incredibile, flusso di autoveicoli, come quando avviene perché a monte c’è un semaforo che con il suo rosso crea proprio una sia pur piccola interruzione che ti permette di entrare.

Ma non sembrava che fosse così.

Il traffico era continuo, intenso, inarrestabile.

Tentò allora di entrare con il muso dell’auto sulla carreggiata della strada pubblica ma non aveva fatto nemmeno pochi centimetri che arrivò una strombazzata fortissima, seguita subito da un’altra ancora più intensa e fu costretto a fare immediatamente marcia indietro, sorprendendo per la rapidità pure i suoi passeggeri che restarono perplessi!

“ Caro che succede?” Fu la voce della moglie.

“Non riesco ad entrare nel flusso. Ed allora ho tentato di far rallentare chi arriva dalla mia sinistra cercando di entrare un poco sulla carreggiata. Ma hai visto che reazione incredibile?”

“Caro, scendo e ci penso io a fermarli ! Davanti ad una donna si fermeranno certamente!”

E così scese e si mise davanti al muso dell’auto con la mano sinistra a palmo aperta a tentare di fermare quel fottutissimo traffico. Ma non aveva messo nemmeno un ginocchio sulla carreggiata che arrivò anche a lei una strombazzata fortissima, seguita subito da un’altra ancora più intensa e da un’altra ancora e fu costretta a fare immediatamente un salto indietro, addirittura impaurita.

I minuti passarono lenti ed ancora più lente le mezz’ore e le ore.

Ad un certo punto, disperati, scesero tutti dall’auto e si piazzarono ai lati della macchina.

I due ragazzi giunsero le mani, come in preghiera e le indirizzarono verso gli automobilisti. Ma nessuno si fermò, né il traffico rallentò.

Erano davvero disperati.

Ad un certo punto squillò il telefonino. Drin, drin.

“Pronto? Sei tu Giorgio?”

“Si! Sono io!”

“Sono Marcello. Non mi hai visto? Sono appena passato davanti a casa tua ed ho visto l’auto ferma e voi tutti fuori. Poi ho visto i ragazzi che sembrava pregassero. Che cosa è successo?”

“Marcello, Marcello! Ma perché non ti sei fermato? Non riesco ad entrare nel traffico, come ci provo le auto strombazzano e mi costringono a rientrare per evitare un incidente. Almeno tu potevi fermarti! Maledetto traffico”.

“ Ma tu, scusami, dove dovevi andare?” chiese Marcello a Giorgio

“A mare a passare due giorni con i miei figli”

“Scusami, Giorgio. Non so come dirtelo, ma forse è bene che tu rinunci a questo proposito. Non credo sia realizzabile!”

“ Ma che dici, Marcello?”

“ Eh, che dico? Dico che sono partito ieri sera per tornare a casa dove avevo un appuntamento e sono costantemente in giro senza potermi fermare. Né io, né gli altri. Giorgio se uno di noi si ferma, succede uno scatafascio! Le auto dietro ognuno di noi vanno così veloci che se uno solo è sia pure leggermente distratto e non rallenta immediatamente possono avvenire collisioni a catena, tamponamenti a catena. E non c’è un primo che non abbia davanti un altro automobilista, né un ultimo che non abbia dietro di sè un’altra auto! Per questo non mi sono fermato! Non mi sono potuto fermare! E’ impossibile fermarsi!

Giorgio stacca il telefonino dall’orecchio e racconta tutto alla famiglia che incredula lo ascolta.

Si guardano l’uno con l’altro interrogandosi senza proferire parola.

Poi uno dei ragazzi chiede: “Ma allora…….?. Allora non resta che aspettare che ……” E si fermò.

“Non resta che aspettare che …… Che cosa?” chiese il padre che non aveva intuito granchè di quanto aveva pensato il giovane figlio, al pari, in verità, sia della moglie che della figlia!

“Papà! È come andare sulle montagne russe; un percorso ciclico che si ferma solo quando togli la corrente.”

Giorgio continuò a non capire. Capirono subito, invece, la sorella e la madre che si battè la mano sulla fronte e dopo aver esclamato “ Oh, mio Dio!” disse al marito. “Giorgio, piano, piano metti la marcia indietro, riapri il cancello e ritorna indietro. E fallo subito, prima che succeda quello che ipotizza nostro figlio! Subito! Noi intanto rientriamo. Subito, Giorgio!” e nel dire queste cose guardò il figliolo che aveva formulato una ipotesi talmente reale da doversi verificare per forza determinando un cataclisma nel quale non voleva si restasse in alcun modo coinvolti!!!

Giorgiò non capì, ma eseguì subito quanto chiesto, chiuse il cancello, parcheggiò l’auto e rientrò in casa.

La televisione era stata subito accesa e sintonizzata sul telegiornale. La Polizia stradale dava notizia di un inspiegabile traffico intenso e veloce come non si era mai visto. Non solo ma invitava tutti gli automobilisti che avessero intenzione di iniziare un viaggio a non farlo.

Praticamente quasi tutti i 35 milioni circa di autoveicoli circolanti in Italia erano in movimento ciclico, incapaci di fermarsi. E la Polizia invitava gli automobilisti a non fermarsi ed a non entrare nelle autostazioni di rifornimento che erano stracolme di auto che non riuscivano e rientrare nel traffico auto veicolare.

Solo allora Giorgio sembrò aver capito. Guardò il figliolo e chiese: “Ma se non possono entrare nelle autostazioni non potranno fare rifornimento e prima o dopo la benzina finirà! Ma noi sapremo quando si fermeranno?”.

“Certo, papà”. Fu la risposta

“Ah! Ti riferisci alla televisione?”

“No, papà. Mi riferisco ad altro. Mi riferisco al fatto che la benzina finirà in momenti diversi e che quindi…”

Non ebbe nemmeno il tempo di finire la frase che l’aria fu piena di clacson, di violenti frenate e successivamente di fortissimi rumori di ferraglie come quelle di auto che si scontrano una contro l’altra!

Era finita la benzina in alcune di loro. La sarabanda era finita drammaticamente come era stata vissuta.

I feriti vennero soccorsi con gli elicotteri: solo loro potevano circolare.

Lo stesso per quelli che non ce l’avevano fatto!

Ci vollero due anni per sgomberare le strade. Non sapevano dove mettere le auto ormai distrutte.

Giorgio ormai era uno dei pochi che aveva l’auto ma non poteva nemmeno servirsene. Anche loro andavano a piedi od al massimo in bicicletta!

La famiglia disse addio al mare e comprò una nuova piscina di plastica.

La portarono con un elicottero.

Da “Gli ultimi racconti” di Giuseppe Marchese

Leggi tutto... 0

L’ultimo Ettorre della patria bella,

di quella bella patria ch’era il mondo,

estremo difensor del socialismo,

 

orfani ci lascia dell’autore

del gran disegno che un mondo vuole

d’uomini fatto liberi ed uguali.

 

Il nome mantenéa di Comandante,

ma della causa umil combattente

era e servitore della gente,

 

cui tutto avéa donato, vita e scienza.

Donato avéa la patria socialista

ad umili operai e contadini,

 

a medici, studiosi e dirigenti,

cacciando via superbi sfruttatori

d’ogni risorsa e delle braccia umane.

 

Qual Davide novél con picciol fionda

si oppose e resistette al soffocante

abbraccio di Golia terrificante,

 

che nelle forme nuove dell’embargo,

con armi in pugno, a passo guerreggiante,

con la brutale forza del denaro

 

che gli animi corrompe e i corpi compra,

invaderne volea le idee e i campi,

del socialismo cancellar le tracce.

 

Raúl, un fiore metti sulla tomba

e di’ ch’è il fior dei popoli del mondo

che di lottare mai non sono stanchi

 

per l’uguaglianza, libertà e la pace,

onde Fidel simbolo era al mondo

che ha sete di giustizia e fratellanza!

 

Cleto, 26 novembre 2016     Franco Pedatella

Blog: francopedatella.com

Leggi tutto... 0
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy