BANNER-ALTO2
A+ A A-

Tutto quello che si impara in un corso di massaggio ayurvedico

Vota questo articolo
(1 Vota)

benessereSecondo la tradizione indiana, per realizzare un massaggio ayurvedico è necessario utilizzare delle sostanze oleose: il ricorso ad esse non solo apporta dei benefici concreti ma ha anche un profondo significato rituale, nella scia di una tradizione che nei templi sacri dura già da secoli. Chi ha la possibilità di frequentare un corso di massaggio ayurvedico non può lasciarsi scappare l'occasione di conoscere la storia e le caratteristiche di questo rito, che si basa su una pratica di cura del corpo millenaria in cui l'uomo entra in armonia con la natura. Proprio per questo motivo, la preparazione degli oli si caratterizza per una notevole enfasi, sia nei cerimoniali che nei trattamenti privati.

Gli oli e le polveri

In un corso di massaggio ayurvedico si imparano tutti i segreti relativi agli oli e alle polveri su cui si fa affidamento per consuetudine: si tratta di preparati che hanno anche effetti curativi e che permettono di trattare alcuni disturbi del metabolismo, delle articolazioni e delle ossa, ma anche patologie di natura psicologica o del sistema circolatorio. Il massaggio Abyangam è la tecnica che viene usata nei massaggi, ma cambia in base alle indicazioni di terapia che devono essere seguite; per fare sì che il soggetto che si sottopone al massaggio possa ritrovare il suo equilibrio fisico e psicologico, è fondamentale fare riferimento alle proprietà delle polveri e degli oli che sono utilizzati.

Gli oli Tailam

Basti pensare, per esempio, agli oli Tailam, che si basano su erbe specifiche e che in genere hanno come base l'olio di sesamo. Una volta spalmato, l'unguento può essere assorbito dai tessuti cutanei e dai tessuti sottocutanei, andando a stabilizzare l'equilibrio di tali tessuti e correggendo gli eventuali squilibri presenti. Il massaggio prevede un frizionare continuo che può favorire un miglioramento della circolazione: ogni parte del corpo ne trae beneficio, proprio perché i tessuti risultano tonificati.

Dalle mani di chi esegue il massaggio al corpo di chi lo riceve si trasmette un'energia vitale; è importante, però, rispettare alcuni accorgimenti, come quello che prevede di usare gli oli solo quando sono caldi o - al massimo - tiepidi. Un'altra prescrizione da rispettare è quella che impone di mantenere gli oli sulla pelle per almeno una trentina di minuti, in maniera tale da favorire il loro totale assorbimento. Gli oli Tailam si distinguono in base agli usi a cui sono destinati: ci sono, per esempio, quelli per i trattamenti di massaggio Shirodara e quelli per i massaggi infantili. 

Il Pinda Tailam, invece, è un olio specifico che viene usato per i dolori alle articolazioni e per le contrazioni muscolari; il Sandana Tailam e il Narayana Tailam, infine, hanno effetti rilassanti e apprezzabili dal punto di vista psicologico. Nulla vieta, comunque, di abbinare l'utilizzo degli oli con quello di impacchi di erbe con i quali eseguire le manipolazioni; in alternativa si può fare ricorso anche a differenti preparati ayurvedici e a creme naturali arricchite con polveri ad hoc, con le quali frizionare la pelle dei soggetti che si sottopongono ai massaggi. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy