BANNER-ALTO2
A+ A A-

Bene o male sembra che finora abbiamo scherzato.

Se pensate che il Ministero ha “giocato” per mesi con il comune di Amantea, rinviando, da una data all’altra, la risposta definitiva sul bilancio del 2017, potrete cominciare a capire.

Quando poi potrete leggere la nota finale sullo stesso bilancio 2017, “approvato il 3 luglio” ed inviata soltanto il 25 settembre scorso e conoscerne il “triste” contenuto avrete un quadro più preciso.

Una cosa è certa ed è quella che gli Amantea “dovranno pagare”.

Ed è per questo che gli amministratori più responsabili hanno grande timore.

A cominciare dal sindaco e dall’assessore al bilancio che si aspettavano un risposta meno gravosa e che a giorni-si dice- andranno a Roma, al Ministero, per tentare di capire meglio che cosa dispone il decreto ministeriale.

Ma c’è di peggio.

Una delle ultime preoccupazioni esternata occasionalmente dal sindaco nell’incontro sul turismo è quella relativa alla piazzetta degli emigranti.

Queste le sue parole: “Si è presentato un avvocato che ci ha chiesto 130 mila euro per il terreno della Piazzetta degli emigranti”

Il sindaco non ha avuto tempo e modo di spiegare come sia possibile che si debba pagare al legittimo proprietario una somma ben maggiore dell’intero costo di realizzazione dell’opera.

Forse al legittimo proprietario non è stata pagata la indennità di esproprio e quindi si è determinata una occupazione illegittima del suolo.

Da qui il debito da parte del comune non solo del pagamento dell’esproprio ma anche una somma a titolo di risarcimento.

Ed allora le domande.

Perché non è stato pagato l’esproprio?

Chi ne ha omesso il pagamento?

Che cosa ne ha fatto dei soldi?

Ora sarà chiamato a pagare il suo errore per evitare che il comune, cioè i cittadini incolpevoli, debbano pagare queste omissioni e ritardi?

Non è tanto e solo importante il giudizio della magistratura ma sicuramente è almeno giusto che chi ha sbagliato paghi e non siano chiamati a farlo i cittadini amanteani!

Una delle notizie più belle venute fuori durante l’ incontro sul turismo tra l’amministrazione comunale ( presenti il sindaco Mario Pizzino, l’assessore al turismo Concetta Veltri e l’assessore al bilancio Rocco Giusta) e le organizzazioni socio-culturali ed economiche locali è stata quella del “recupero” agli amanteani del regio castello.

Ci aveva provato il sindaco La Rupa ma la vicenda è finita in tribunale.

 

E così il castello, o meglio i suoi ruderi, sono sempre là, sempre più cadenti.

Ed il regio castello lentamente, ma irreversibilmente muore.

Probabilmente cadrà sul centro storico sottostante danneggiando case, forse uccidendo persone.

Certamente morirà la sua storia.

Una cosa è certa ed è quella che si tratta di un bene che appartiene alla storia di Amantea e degli amanteani e che proprio per questo non è giusto che muoia

Un’altra cosa certa è che se questa struttura non apparterrà al Comune non sarà possibile chiedere ed ottenere finanziamenti pubblici per il suo ripristino e per la sua messa in sicurezza.

Una cosa, poi, non abbiamo capito ed accettato e cioè che si intendesse approfittare dell’esproprio dei ruderi del castello per acquisire anche la piana del castello medesimo.

Una scelta che è stata alla base della causa, poi persa dal comune.

Speriamo che il sindaco Pizzino si limiti ad acquisire la torre ed il castello e non anche la piana, lasciando. questa, eventualmente, ad altra occasione.

Voci attendibili ci parlano di altre possibili azioni giudiziarie,

Una cosa inaccettabile è che il castello di Amantea è ascritto tra i 20 più bei castelli della Calabria ma è l’unico in queste vergognose condizioni di abbandono

Provate a leggere:

Regio Castello di Amantea

Il castello di Amantea (già Regio castello di Amantea) è situato nell’omonima città, in provincia di Cosenza, nel basso Tirreno cosentino.

A dominio della strada costiera e della via per Cosenza che corre lungo la valle del fiume Catocastro, fu in passato un’importante piazzaforte sotto i bizantini, gli arabi, i normanni, gli svevi, gli angioini e gli aragonesi.

Fu risistemato nel periodo viceregnale e sotto i Borbone, ma subì gravi danni durante i terremoti del 1638 e del 1783; fu lasciato in stato abbandono dopo il disastroso assedio del 1806-1807 subito da parte delle truppe napoleoniche.

Attualmente il castello è in rovina, e l’accesso ai resti sul colle che domina la città risulta piuttosto faticoso.

Nel 2008, la proprietà dell’area è stata acquistata dal Comune di Amantea. (NON E’ VERO)

La città vecchia di Lampeteia o Clampetia fu spazzata via da un maremoto del 365 e venne poi ricostruita sotto il nome di Nepetia (“nuova città” o “nuovo accampamento” in greco).  Nepetia fu occupata dai bizantini e dopo il 553 fu sede di un governatorato militare e di una piazzaforte sui confini settentrionali del thema di Calabria.

Furono dunque i bizantini i primi a fortificare il sito dell’attuale Amantea: tuttavia, il nome attuale venne alla città dalla dominazione araba. Nell’846 infatti Nepetia venne conquistata dagli arabi di Sicilia e ribattezzata “Al-Mantiah”, “la rocca”. I Normanni conquistarono Amantea nel 1060-1061, scacciandone una volta per tutte i bizantini. Nel 1094 la diocesi di Amantea venne aggregata a quella di Tropea, nel quadro della latinizzazione dei culti nell’Italia meridionale voluta dal papato e dai sovrani normanni. Durante la dominazione normanna Amantea decadde, rimpiazzata come importante centro di controllo del territorio dalla vicina Aiello Calabro. Sotto la dominazione sveva il castello venne rafforzato, nell’ambito del piano del ripopolamento delle zone costiere voluto da Federico II. In virtù del buon governo svevo, Amantea ed altri castelli della zona resistettero tenacemente al nuovo sovrano di origine francese Carlo I d’Angiò: questi inviò il conte di Catanzaro Pietro Ruffo a riconquistare la città, che resistette alle preponderanti forze angioine per tutto il mese di maggio del 1269, prima di capitolare alla metà di giugno di quello stesso anno. I ribelli furono quasi tutti puniti atrocemente. Amantea fu al centro delle vicende della cosiddetta “guerra dei novant’anni” tra Angiò ed Aragona per il possesso del Regno di Napoli e Sicilia, seguita al casus belli dei Vespri siciliani. La popolazione amanteota era di tendenza aragonese; il castello, difeso da duecento uomini e ben provvisto di viveri dai castellani di fede angioina, fu assediato dalla flotta e dall’esercito aragonese nel 1288, e capitolò a patti onorevoli. Il castello tornò agli Angiò in forza della pace di Caltabellotta del 1302: dopo un periodo di ritorsioni contro gli amanteoti per la loro fede aragonese, la città ottenne dagli ultimi sovrani angioini-durazzeschi importanti esenzioni e privilegi che portarono un aumento di popolazione. Sotto gli aragonesi, la castellania venne affidata alla famiglia Carafa, duchi di Maddaloni. Nel 1600 e 1700 fu colpito da vari terremoti ma fu sempre ricostruito. Durante i fatti della Repubblica Napoletana (1799), Amantea si consegnò spontaneamente ai giacobini: la popolazione di fatto disarmò la guarnigione del castello, e piantò l’albero della libertà, guidata da Ridolfo Mirabelli, capo della piazza nel breve periodo rivoluzionario. Infatti dopo neppure un mese sopraggiunsero i sanfedisti guidati dal cardinale Fabrizio Ruffo, che vennero rapidamente a capo del tentativo di resistenza giacobino. Fu invece con l’invasione napoleonica che il castello di Amantea ebbe il suo ultimo momento di gloria. All’interno delle mura cittadine i “capimassa” borbonici iniziarono ad organizzare la resistenza all’imminente contrattacco in forze dei francesi, analogamente a quanto si stava facendo nei paesi vicini. In quelle settimane all’interno dei paesi calabresi furono perpetuati delitti e violenze contro giacobini o presunti tali, spesso solo nemici personali dei borbonici al comando in quel momento. Ad ogni modo, l’attacco francese principale iniziò il 5 dicembre 1806: le forze assedianti ammontavano a 5000 uomini con un reparto d’artiglieria comandati dai generali Guillaume Philibert DuhesmeJean ReynierJean-Antoine Verdier e dal tenente colonnello di origine amanteota Luigi Amato. I borbonici assediati ammontavano a qualche centinaio, dotati di 12 bocche da fuoco in tutto, e capitanati da Ridolfo Mirabelli, che alla fine dell’assedio sarà decorato con il grado di tenente colonnello dal re Ferdinando IV di Borbone. La piazza di Amantea resistette strenuamente fino al 7 febbraio 1807, quando Mirabelli e Reynier firmarono una capitolazione onorevole. Dopo l’Unità d’Italia (1861), l’area del castello venne assegnata dal demanio militare al 5º Corpo d’Armata, ed in seguito ad un ente assistenziale napoletano. Negli anni settanta, con il progressivo ridimensionamento di questi enti in vista del loro scioglimento, l’area fu messa in vendita. Così il castello nel 1974 fu acquistato dalla famiglia Folino. Il Comune di Amantea lo ha rilevato nel 2008. Il castello occupa un plateaux con bella visuale sia sul piccolo golfo del fiume Oliva sul mar Tirreno (e nei giorni di tramontana è possibile vedere addirittura l’isola di Stromboli e Pizzo), sia sulla valle del fiume Catocastro, inoltrandosi attraverso la quale si arriva a Cosenza lungo l’antico tracciato della via Popilia. Probabilmente fu in età normanna e sveva che venne fortificata pesantemente la parte meridionale del colle, decentrata rispetto all’abitato ma rivolta verso gli obiettivi che interessava tenere sotto controllo in quell’epoca, ossia le vie di comunicazione tra la costa e l’interno. La torre mastia ovoidale rivolta a nord-ovest, detta di San Nicola, fu realizzata in età angioina, a giudicare dallo stemma recante i gigli di Francia che vi rimane sopra; e pure in età angioina, pare sotto il regno di Giovanna I d’Angiò, fu costruita la torre circolare con vista mare, isolata dal complesso propriamente fortificato. In età aragonese le mura furono abbassate ma rinforzate in spessore, fu costruito un rivellino d’accesso sul lato orientale (oggi completamente crollato) e realizzato uno spalto che precedeva il fossato in tutta la sua lunghezza. Oggi è quasi interamente conservato il grande bastione rivolto a sud, a scarpa con rodendone, poggiante sulla viva roccia della rupe, già di per sé formidabile difesa. Oggi restano davvero pochi avanzi degli ambienti interni del castello, perciò è possibile saperne qualcosa di più solo scorrendo le planimetrie e le vedute settecentesche. Questo grande quadrilatero era tutto circondato da un fossato, già invaso da erbacce nel Settecento, ed ancora oggi esistente: in particolare, rimane la parte in muratura dell’accesso secondario al castello, sul lato settentrionale. Il ponte levatoio è andato distrutto. Oltre il fossato, il resto dell’altopiano era circondato da un muretto diroccato già nel Settecento, che formava una sorta di “cittadella” o “avanzata” concepita per intrappolare il nemico che fosse riuscito a penetrarvi. Al castello è possibile salire da almeno quattro sentieri, piuttosto difficoltosi: uno parte dalla Strada Tirrena poco prima della confluenza con corso Umberto I, un altro incomincia a destra della chiesa del Carmine in corso Umberto I, un terzo (Salita San Francesco) si sviluppa dall’antica porta urbica fino a toccare anche le rovine del complesso francescano sottostanti la torre angioina, un quarto infine parte dalla chiesa del Collegio (a cui sono annesse le imponenti rovine dell’ex-collegio gesuitico).

Da I 20 Castelli Più Belli Della Calabria Di alfymiticus83

 

Pubblicato in Politica

Dispone l’art 4 della legge 23 aprile 1981, n. 154 le cariche di sindaco e di assessore dei comuni compresi nel territorio della regione, sono incompatibili con quella di consigliere regionale.

Ora un assessore è sostituibile , un sindaco no.

Ed allora se il sindaco di un comune intendesse presentarsi alla regione cosa succederebbe?

Dovrebbe dimettersi prima di candidarsi per evitare di essere incompatibile ove fosse eletto ?

 

 

La mancanza di dimissioni infatti sarebbe intesa nel senso che nemmeno lui ha speranza di essere eletto.

Figurarsi, allora!

Allora la domanda.

Ma il sindaco Pizzino ( chi altri se no) ha davvero velleità , come si sente dire ,di candidarsi alle regionali?

Magari spinto anche dal fatto che Amantea non ha più voce nella regione Calabria, e che la politica amanteana è letteralmente sparota?

E se così fosse dovrebbe dimettersi prima di candidarsi?

E questo significherebbe lo scioglimento del consiglio comunale e nuove elezioni.

Ma allora tutto questo silenzioso agitarsi della politica amanteana , fatto come u tempo di salotti e tavoli di bar, ed al contrario tutto questo palese conflitto tra teorici nuovi amministratori comunali ha questa natura e questi fini?

Forse si, forse no!

Per ora ci fermiamo qui, ma a breve riprenderemo a trattare l’argomento.

Pubblicato in Politica

Mario-Pizzino-sindacoAMANTEA Anche quest’anno, malgrado le troppe rassicurazioni del sindaco Mario Pizzino e di Concetta Veltri, assessora al turismo, l’associazione “Notte Bianca Amantea” non organizzerà l’evento Notte Bianca (in programma domenica prossima, 18 agosto) né vi collaborerà. In continuità con gli ultimi tre anni la Notte bianca Amantea, quella autentica, non andrà in scena. Infatti, anche l’amministrazione guidata da Pizzino – ci duole dirlo – ha deciso di perpetrare l’esproprio dell’evento a danno dei legittimi ideatori e curatori (nati nel 2007 sotto forma di comitato e nel 2008 costituitisi in associazione). La Notte Bianca, e lo ribadiremo finchè avremo fiato, non è una festa del Comune. L’abbiamo creata noi dal nulla e organizzata per sette anni; ora, tutti si riempiono la bocca di “Notte Bianca” dimenticando volutamente che sono state le nostre idee, i nostri progetti ed il nostro lavoro a dare dignità ad un evento ormai snaturato e non più degno del nome che porta. Si fa presto a pronunciare le due parole magiche, ma sono state le edizioni da noi curate – in particolare quella del 2014 – che hanno portato in città migliaia di persone che hanno letteralmente invaso le strade, svuotato bar, pizzerie e ristoranti riempendone le casse. Sono state le nostre notti bianche a portare valanghe di soldi nelle casse dei commercianti. Siamo noi ad aver generato un indotto economico ed una ricaduta positiva, in termini di immagine, mai più eguagliata. La notte bianca del 2014, e lo affermiamo senza paura di smentita, fu un evento secondo solo alla Fiera di ottobre (ma giusto perché la fiera dura più giorni!). Le fissi bene in mente queste cose l’assessore Veltri e provi a rispondere a queste domande: Chi altro è riuscito a fare come noi o meglio di noi? Chi può vantare i nostri numeri? Per quali ragioni si è voluto ignorare tutto questo? Dal sindaco Pizzino, dall’assessora preposta e dall’amministrazione comunale nella sua interezza abbiamo ricevuto solo irriconoscenza, indifferenza e mortificazioni continue. Il Comune invece di ascoltarci e supportarci, come sarebbe stato logico, ci ha allontanati e si è indebitamente appropriato dell’ evento utilizzando il proprio ruolo con protervia. Nessuna riconoscenza e giustizia per la nostra associazione, come se fossimo figli di una “Amantea minore”, garantendo ad altri appoggi immeritati e trattamenti privilegiati. Vorremmo che si spiegasse ai cittadini le ragioni che hanno spinto l’amministrazione comunale a sostituire nell’organizzazione l’associazione “Notte Bianca Amantea”, gruppo di collaudata esperienza sul campo, con persone che nulla capiscono di organizzazione di grandi eventi. Come può il sindaco Pizzino avallare questo modo di operare così approssimativo, privo di una idea portante, di un progetto di largo respiro? Trincerati dietro al concertone e a quattro saltimbanchi non siete riusciti a riproporre neppure un quinto di quello che noi abbiamo pianificato e realizzato negli anni passati, nemmeno con i progetti in mano siete stati buoni a copiare! La gestione dell’assessora Concetta Veltri ha registrato finora solo regresso e un declino inevitabile dell’evento, distruggendo in appena due anni quello che eravamo riusciti a capitalizzare. Se ci fosse stata un’idea migliore della nostra, se ci fossero state competenze e professionalità nell’ organizzazione ci saremmo messi l’animo in pace e avremmo tifato per voi. Ma non è assolutamente così, e proviamo enorme sofferenza nell’assistere alla distruzione di ciò che con amore e dedizione avevamo costruito. Noi le chiavi per un autentico rilancio dell’evento ce le abbiamo tutte, e tante idee aspettano solo di prendere forma. Restituiteci la direzione artistica della “Notte Bianca” nell’interesse dei cittadini, degli ospiti e dei turisti! A quel punto ci metteremo tutti intorno ad un tavolo e insieme, con lo spirito collaborativo che da sempre ci contraddistingue, daremo vita al più grande spettacolo che questa città possa ricordare!

Associazione “Notte Bianca Amantea”.

Pubblicato in Primo Piano

rubinetti-a-seccoLa questione della carenza idrica in estate ad Amantea è oramai una storia troppo vecchia che da anni pesa sulle famiglie, e sui tanti turisti che popolano in agosto il nostro meraviglioso paese.

È da decenni che nessuna amministrazione si è mai preoccupata di investire le giuste risorse/attenzione allo svecchiamento della rete di distribuzione.

Puntualmente, ogni estate, si vive con l’incubo di tornare a casa e non trovare l’acqua per i normali bisogni familiari.

In tutti questi anni, piuttosto che attivarsi per efficientare la rete idrica comunale, ci si affanna a proporre “sagre di paese”, sperando di ottenere consenso sull’effimero.

Vanno dicendo che la carenza d’acqua è dovuta alla troppa richiesta, difficilmente gestibile!!

Ci credo, vi invito a fare un sopralluogo nei vari serbatoi comunali, resterete sorpresi dalla quantità d’acqua che va persa.

Una rete idrica “colabrodo” che lungo la distribuzione va perdendo acqua in ogni dove, risultando di fatti inadeguata a soddisfare il fabbisogno della popolazione.

Sono questi i veri mali del nostro paese, l’incuria verso le grandi questioni irrisolte, perché evidentemente poco percettibili a fini elettoralistici.

Certamente fa più consenso un concerto per la notte bianca che ammodernare la rete idrica.

Amantea e’ ricca di sorgenti d’acqua, si inzii a lavorare da subito ad un progetto serio di efficientamento idrico; questo dovrebbe essere il programma estivo da offrire ai turisti il prossimo anno!!

Per carità, ci vogliono anche i concerti, ma nella gestione del benessere dei cittadini che pagano le tasse ci sono certamente delle priorità a cui non ci si può sottrarre.

In queste condizioni il nostro non è un turismo competitivo, puntualmente ogni estate, chi vive Amantea, deve avere l’incubo di non potersi lavare dopo una giornata di caldo come oggi.

Continuo a non capire il silenzio degli operatori turistici che sono quelli maggiormente esposti, probabilmente non hanno ancora ben chiaro che questa “indifferenza” di fronte ai problemi del nostro paese, sta uccidendo tutti!!

Vincenzo Lazzaroli

Pubblicato in Politica

Il sindaco ha emanato la ordinanza n 82 del 27 luglio 2019 diretta alla Omnia Baby di Massali Giovanni & c , proprietaria al 50% dell’edificio pericolante sito in Via Margherita denominato Palazzo Florio, ed alla Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati, proprietaria del restante 50%, oltre che alla G.E.F.A di Abbate & c sas( proprietario del solo sub 10).

La ragione della ordinanza poggia sulla relazione della squadra dei VV.FF del 18 luglio scorso, dalla quale emerge la necessità di:

-Mettere in sicurezza;

-Ripristinare la agibilità dei luoghi;

-Compiere idoneo transenna mento fisso;

-Fare eseguire le opere d’assicurazione alle fabbriche pericolanti;

-Realizzare tettoie di protezione.

Il sindaco ricorda che il fabbricato è stato già interessato da transennamento fisso lungo via Margherita atteso(??) la pericolosità per la pubblica e privata incolumità derivante dal cattivo stato di deterioramento(????????) di detto immobile, oltre che (per) dare decoro alla via principale della città.

Proprio per dare decoro il transennamento è stato inutilmente pitturato( una vera e propria pinacoteca), ma anche con tale accortezza l’ immobile è rimasto egualmente pericoloso.

Ma pur tuttavia il sindaco ha ordinato ai suddetti di eseguire le opere definitive ,da farsi entro 10 giorni dalla data di notifica della ordinanza ,alfine di evitare crolli e distacco di materiale vario e, nelle more, la presentazione di un progetto per il risanamento conservativo dell’edificio di che trattasi.

Il sindaco inoltre ha disposto che la mancata esecuzione della ordinanza comporterà oltre che la applicazione dell’art 650 del codice penale anche la esecuzione d’ufficio a spese dei proprietari intimati.

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota del giornalista Ernesto Pastore

“Gentilissimi colleghi giornalisti,

in forma del tutto amichevole e per spirito di servizio nei confronti della città, mi pregio di inviare alla vostra attenzione una nota stampa

a firma del sindaco di Amantea Mario Pizzino e dell'assessore al turismo Concetta Veltri relativa alla presenza delle telecamere di LINEA BLU in città per la realizzazione di alcuni servizi che andranno in onda nelle prossime puntate.

Si tratta di un momento di promozione turistica rilevante per tutto il Basso Tirreno cosentino, ecco perché vi chiedo di accogliere la nota per come merita. Resto a vostra disposizione per ogni eventuale esigenza.

Questa la nota:

“Positività e dinamismo nel segno della tradizione, ma con il giusto sguardo al futuro.

In sintesi: identità del territorio, opportunità e turismo.

La comunità di Amantea si appresta ad accogliere le telecamere di Linea blu, condotto dalla giornalista di origine calabrese Donatella Bianchi, con il desiderio di mostrare le potenzialità del proprio mare, della propria storia e, soprattutto, della sua gente.

Il programma, che nel suo orario estivo va in onda di sabato alle ore 14, dedicherà una puntata alla zona compresa tra Paola e Amantea.

I servizi saranno girati tra l’11 ed il 13 luglio.

«Sono stati giorni frenetici – spiega l’assessore al turismo Concetta Veltri – in cui abbiamo incontrato i referenti del programma, fornendo loro indirizzi, contatti e suggerimenti.

Un lavoro di squadra che ha consentito di determinare una serie di attività che hanno come ideale punto di incontro il mare. Linea blù mostrerà una città e un comprensorio denso di attrattive, alcune delle quali, forse per abitudine, sono sconosciute agli stessi residenti.

La natura sarà la protagonista assoluta di queste registrazioni e l’occhio delle telecamere viaggerà non solo sulla cresta dell’onda, ma anche sott’acqua, per emozionare ancora di più.

Ringrazio sin d’ora chi si è prodigato per raggiungere questo obiettivo, l’auspicio è che l’intera collettività possa essere di supporto e sostegno per la perfetta riuscita delle riprese».

«La presenza di Linea blu – spiega il sindaco Mario Pizzino – è una opportunità che la città nella sua interezza è pronta a cogliere. Metteremo in evidenza la risorsa più importante che abbiamo, il Tirreno, ponendolo come collante ideale della nostra memoria, tra passato e futuro.

Abbiamo proposto alla redazione alcune idee che sono state accolte con gioia. Siamo sicuri che qualunque siano le scelte che saranno effettuate ci mostreremo all’altezza della situazione.

Le telecamere della Rai devono essere intese come una festa, da vivere senza divisioni, con la gioia nel cuore, nel segno dell’accoglienza e della condivisione più autentica».

Per approfondimenti:

Mario Pizzino - sindaco: 3248112966

Concetta Veltri - assessore al turismo: 3486960180”.

Un caro saluto                                    Ernesto Pastore

Pubblicato in Campora San Giovanni

Concetta VeltriL’assessore al turismo Concetta Veltri comunica il varo del programma delle attività estive. 

«Abbiamo unito – spiega la Veltri - una città poliedrica e caleidoscopica, capace di miscelare memoria e futuro, innovazione e tradizione, mare e cultura. Per rendersene conto è sufficiente attraversarla in lungo e largo, fermandosi a parlare con la gente, sorseggiando un caffè o facendosi rapire dai profumi che si trasformano in esperienze. Per comprenderla al meglio i mercati dedicati alla vendita diretta di frutta ed ortaggi sono meglio di qualunque libro: colori e sapori che trasmettono identità e natura. Da amministratori siamo amanti della nostra terra, del capoluogo come delle frazioni, del centro come le periferie, per non parlare del centro storico che si affaccia sul Tirreno come Giulietta in attesa del suo Romeo. Ma amiamo la nostra città soprattutto perché ci viviamo, perché ci confrontiamo con essa giorno dopo giorno, perché cerchiamo di risolvere i problemi che ci prospetta, perché in fondo è doveroso restituire lo stesso amore che ci ha concessi nella nostra crescita. Il programma estivo, che segna lo scandire dei mesi più caldi, vuole essere un inno all’accoglienza. Vorremmo fare di più, ma non sarebbe giusto cercare alibi ed è per questo motivo che abbiamo scelto di seguire una via precisa: premiare il lavoro delle associazioni, dei commercianti e di quelle organizzazioni che si adoperano e prodigano per rendere la città migliore. Lo facciamo per come possiamo, senza la concessione di fondi pubblici, imbrigliati in un bilancio che tornerà presto a sorridere, ma con la disponibilità a rendere le procedure più semplici, nella consapevolezza che l’obiettivo è remare tutti insieme nella stessa direzione. Abbiamo scelto di restituire al territorio un senso di appartenenza chiaro e distinto: da qui il sostegno alle feste patronali che diventano così fattore di aggregazione e di condivisione. Le cose da fare sono tante e ne siamo consapevoli. Il coinvolgimento delle forze sane di Amantea e Campora San Giovanni è il primo passo per costruire qualcosa di importante e rilevante. Cominciamo questo cammino tutti insieme con un sorriso».

 

 

 

  Calendario Manifestazioni Estate 2019    
data promotore evento luogo
01.06.19
15,30-21,00
A.S.D. C.T. Bonavita Tennis in piazza Piazza San Francesco
08.06.19 Associazione Amanteani nel Mondo V Ed. giochi popolari in onore di Sant'Antonio C.so Umberto I°
09.06.19 Pro Loco Campora Pompieropoli Campora
11.06.19
21,30
Parrocchia S. Biagio Festa Patronale S. Antonio
serata musicale
Piazza Unità d’Italia
12.06.19
22,00
Parrocchia S. Biagio Festa Patronale S. Antonio
Spettacolo Musicale
Piazza Municipio
13.06.19
22,00
Amministrazione Comunale Festa S. Antonio
Fabio Concato in concerto
Piazza Municipio
21.06.19
19,00
Promo Riviera Oleandri
Pro Loco Campora
Benvenuta estate Piazzetta Coreca
21.06.19
21,00
Guarimba Cinemambulante 2019 Piazza Calavecchia
22.06.19 Parrocchia San Francesco di Campora Infiorata Piazza San Francesco
23.06.19 Parrocchia San Francesco di Campora Infiorata Piazza San Francesco
29.06.19
15,30-21,00
A.S.D. C.T. Bonavita Tennis in piazza Piazza San Francesco
Fino al 15.09.19 “ASD Beach & VolleyAmantea” Centro Federale Fipav “Sport Village Amantea” Arenile pubblico lungomare Amantea
e località Tonnara
04.07.19
18,30
GDD Fashion week Conferenza di presentazioneGDD Fashion Week Piazza Commercio
07.07.19 A.I.C.S. No Limits La Festa Dei Balocchi Piazza San Francesco e Corso Italia
13.07.19
18,00
Promo Riviera Oleandri/Pro Loco Campora Sagra delle alici 6^ edizione Piazzetta Coreca
14.07.19 Vivi Amantea
Centro commerciale all'aperto
“L'Odissea ad Amantea, il festival dei miti greci” 1°Edizione Via Cavour e Largo Chianura
Centro Storico
16.07.19
21,30
A.I.C.S. No Limits Mimmo Palermo e Giancarlo Pagano Piazza San Francesco
19.07.19
22,00
Pro Loco Campora Serata cinema in piazza – serata film P.zza San Francesco
20.07.19
22,00
TOUR Promo Parchi Acquafan Web radio – gonfiabili - DJ Set Lungomare Amantea
21.07.19
21,30
Comitato Turu Turu Festa 21 luglio- edizione 2019 Via Margherita/Via Noto – Piazza Commercio - Piazza Unità d'Italia
21.07.19
22,00
Pro Loco Campora Serata cinema in piazza – serata film Piazza San Francesco
23.07.19
22,00
Pro Loco Campora Serata cinema in piazza – serata film P.zza San Francesco
25.07.19
9,00 - 24,00
Associazione lungomare Amantea Festa dello sport Lungomare Amantea
26.07.19
21,30
Associazione Musica senza fine Chi fermerà la musica Lungomare Amantea
26.07.19
22,00
Pro Loco Campora Serata cinema in piazza – serata film P.zza San Francesco
27.07.19 La Guarimba Serata di musica e cibo venezuelano Parco la Grotta
27.07.19
18,00
Promo Riviera Oleandri/Pro Loco Campora Sagra della Porchetta 5^ edizione Piazzetta Coreca
27.07.19
15,00-21,00
A.S.D. C.T. Bonavita Tennis in piazza Piazza San Francesco
27.07.19
21,30
A.I.C.S. No Limits Gruppo etnico”Jamuninda” Piazza mercato - Campora
28.07.19
17,00-22,00
Fisiomedik e Farmacia De Grazia “Restate in salute” Piazza San Francesco
29.07.19 Associazione lungomare Festa dello sport Lungomare Amantea
30.07.19
18,30
Amministrazione Comunale Premio riconoscimento a Leonardo Maradei Sala Consiliare
30.07.19
22,00
Pro Loco Campora Serata cinema in piazza – serata film Piazza San Francesco
02.08.19
21,30
Amministrazione Comunale Premio Poesia dialettale “Core ca vatte” Chiosco San Bernardino
02.08.19
21,30
GDD Fashion Week Serata di gala Parco la Grotta
03.08.19 AICS no Limits Serata musicale Piazza San Francesco
04.08.19 Marano Alberto Serata Liscio Piazza Unità d’Italia
04.08.19 Gianni Briglio Memorial Franco Chilelli Parco la Grotta
05.08.19
21,30
AICS no Limits Serata di cabaret da Made in Sud "Maria Bolignano" Piazza San Francesco
05.08.19
21,30
ASV New Armony Dance di Antonietta
e Olindo Munno
Spettacolo Danza Lungomare Amantea
06.08.19
21,30
Associazione Amanteani nel Mondo Quindicesima giornata degli Amanteani nel Mondo Parco la Grotta
07.08.19
21,30
Banda Mario Aloe Sfilata della Banda con intrattenimento musicale Via Margherita e Piazza Commercio
07.08.19
21,30
AICS no Limits Musical a cura della scuola dance “Nova Koreos” di Simona Vespasiano Piazza San Francesco
dal 07.08.19 al 11.08.19 Guarimba 7^ Edizione Guarimba International Film Festival Parco la Grotta
08.08.19
18,00
Promo Riviera Oleandri/Pro Loco Campora Sagra della melenzana 2^ edizione Piazzetta Coreca
09,08,19
21,30
Martina Ciardullo, Antonietta Munno, Maria Emanuela Sicoli Miss &Mister Baby Amantea2019 Lungomare Amantea
09.08.19
21,30
Dott.Antonio Lenti “Archeologia in Piazza: alla scoperta dell'antica Temesa” Piazza San Francesco
10.08.19
21,30
AICS no Limits Sfilata abiti da sposa d’epoca Piazza San Francesco
11.08.19
19,30
Pro Loco Campora Convegno Cipolla Rossa – degustazione intrattenimento musicale Piazza San Francesco
12.08.19
20,30
Pro Loco Campora Aspettando il Festival
Degustazione intrattenimento e spettacolo
Piazza San Francesco
13.08.19
19,30
Pro Loco Campora Festival Cipolla Rossa 8^
Degustazione intrattenimento musicale
Piazza San Francesco
14.08.19
19,30
AICS no Limits Spettacolo musicale “Ninfe della Tamorra” Piazza San Francesco
14.08.19
21,30
Associazione Fiorenza Miss Amantea Lungomare Amantea
16.08.19 Amministrazione Comunale Notte Bianca Campora Campora San Giovanni
17.08.19
21,30
AICS no Limits Spettacolo teatrale Piazza San Francesco
18.08.19
15,30
Associazione Auto Epoca Campora XIII edizione raduno Auto d’Epoca Campora San Giovanni
18.08.2019 Amministrazione Comunale Notte Bianca Amantea
19.08.19
19,30
Pro Loco Campora Cucina contadina 7^ edizione con intrattenimento musicale Piazza San Francesco
20.08.19
20,00
Auser Amantea Presentazione libro di Luigi Garlando "Mosche, cavallette, scarafaggi e premio Nobel" Chiosco San Bernardino
20.08.19
21,30
AICS no Limits Gruppo cabaret di Zelig “Pino Campagna” Piazza San Francesco
dal 21.08.19 al 22.08.19 Gruppo Lavoro Madonna degli Angeli Festa Madonna degli Angeli C.da Coreca
23.08.19
21,30
AICS no Limits Serata musicale con il gruppo “Taranta Nova Sound” Piazza San Francesco
24.08.19
22,00
Pro Loco Campora Night Music e Schiuma Party Piazza San Francesco
dal 24.08.19 al 25.08.19 dalle 11,00 alle 23,00 Amantea Comics Seconda Edizione “Amantea Comics in Memoria di Stefania Mari” Parco la Grotta
25.08.19
20,00
AICS no Limits Sagra del Pollo con musica del maestro Michele Mazzotta Via Mercato Campora
28.08.19
21,30
AICS no Limits Serata Musicale con il gruppo "Italian Bee Gees" Piazza San Francesco
30.08.19
21,30
Dance Project Cosenza Dance Festival Mare Parco la Grotta
30.08.19 Pro Loco Campora Arrivederci Estate
Degustazione con intrattenimento
Piazza San Francesco
dal 01.09.19 al 03.09.19 Amministrazione Comunale Festa di San Francesco
Fiera e spettacolo musicale
Piazza San Francesco
07.09.19
dalle 15,30 alle 21,00
A.S.D. C.T. Bonavita Tennis in piazza Piazza San Francesco

 

Pubblicato in Politica

siringaUna ragazza che girava un corto ad Amantea per Kino Guarimba si è ferita con una siringa a mare. Ma io dico: in un periodo senza turismo vi porto ottanta persone con voglia di vivere il nostro paesino e i nostri amministratori non solo ignorano completamente il progetto (ho invitato al sindaco a salutare i partecipanti e manco mi ha risposto), non solo non hanno pubblicato un programma estivo (ho chiesto all’assessore di darmi delle copie per portarlo in giro per la Calabria visto che sto girando tutte le province), non solo sono riusciti a chiudere l’ufficio del Turismo ma non riescono a mantenere pulito il nostro mare, le nostre strade, e pure si permettono di insultarmi se denuncio queste cose. Io dimostro con i fatti che il mio lavoro lo so fare. Voi, sempre con i fatti, dimostrate un livello di incompetenza mai visto negli ultimi dieci anni.
Vergognatevi. E pensate a quella ragazza.

NB foto presa dal web

vairo

“Non volevo neanche rispondere perché Aloisio non merita neppure una risposta. Poi ho cambiato idea per dirgli che sono stato eletto dal popolo, forse lui non conosce bene la materia, ma sono subentrato ad un consigliere dimissionario. Dov’è il problema??? Parla della lista pizzino come se lui non fosse stato eletto in quella lista. Addirittura assume una superiorità morale che non ha. Con questo chiudo, anche perché non ho tempo da perdere con una persona come lui. “

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 12
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Catanzaro

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy