BANNER-ALTO2
A+ A A-

Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PALESTRA2

riceviamo e pubblichiamo, e naturalmente condividiamo:

 

Amantea ha una meravigliosa cattedrale dello sport, attesa da 30 anni dalla comunità, completata internamente (anche con le attrezzature sportive montate), dotata dell’agibilità, ma inutilizzata. Infatti, sono più di tre anni che l’utilizzo è inibito a causa della mancanza delle recinzioni divisorie esterne la cui realizzazione spettava al Comune di Amantea. Tuttavia l’entrata in dissesto del Comune a settembre 2017 ha impedito l’accensione di un mutuo per effettuare i lavori, così la Provincia ha deciso di provvedere con risorse proprie. I lavori per la realizzazione delle recinzioni sono stati appaltati dalla Provincia, ma al momento non sono stati completati.


Noi crediamo fortemente che Amantea, sia a livello sociale che per lo sviluppo e la promozione dello sport, abbia già sofferto abbastanza e auspichiamo che le istituzioni, nel pieno rispetto delle regole, comprendano la necessità di rendere fruibile la struttura anche per step, soprattutto in una città, sciolta per infiltrazioni mafiose, in cui è necessario tutelare i giovani e farli crescere in ambienti sani.


Per tali ragioni, visto che lo stabile possiede l’agibilità ed è pronto per ospitare le attività a cui è deputato, nelle more che vengano terminati alcuni lavori esterni e il Comune provveda ad individuare le modalità di gestione dello stesso nel rispetto delle norme vigenti, proponiamo di realizzare un passaggio sicuro e transennato dal perimetro esterno all’ingresso (vedi esempi allegati), che possa permettere l’accesso alla struttura in sicurezza agli utenti e ad eventuali mezzi di soccorso, permettendo l’utilizzo, senza pubblico e ad esclusione di attività agonistica quali partite ufficiali e manifestazioni pubbliche, per le sole attività di avviamento allo sport e per gli allenamenti. L’intento, quindi, è quello di iniziare a far svolgere nell’immediatezza le attività sociali in sicurezza ai tanti giovani ed appassionati che stanno aspettando da 30 anni l’apertura della struttura. 

 

Questa proposta, tecnicamente realizzabile e a bassissimo costo ed elevate ricadute sociali, è stata trasmessa alla Commissione Straordinaria e alla Provincia di Cosenza. La sua attuazione sarebbe un segnale di attenzione ad un mondo, quello sportivo, spesso trascurato. Ma non solo, l’apertura delle porte del palazzetto potrebbe permettere alle associazioni di educare, insegnare ed essere presidio di legalità, sicurezza e punto di riferimento per famiglie e ragazzi. 

 

Allo stesso tempo, abbiamo inteso rendere pubblica la proposta al fine di sollecitare tutti i rappresentanti istituzionali del territorio ad attivarsi per garantire il diritto di poter praticare sport ai giovani di Amantea, in quanto gli esigui spazi attualmente disponibili in cui praticare sport indoor stanno mettendo a rischio la sussistenza delle realtà associative. I ragazzi hanno bisogno di sapere che le istituzioni pensano anche alle loro esigenze e non solo ai problemi burocratici, dietro cui spesso si nasconde la mancanza di volontà politica di fornire risposte chiare e concrete in tempi celeri.

 

ASD BEACH&VOLLEY AMANTEA

ASD AMANTEA FUTSAL

Kevin Bruno Foto
A Campora si festeggia una bellissima notizia sportiva: il karateka Kevin Bruno è stato convocato al raduno della nazionale Juniores specialità Kumite (combattimento).

Il raduno si svolgerà giorno 3 e 4 ottobre in Campania presso il Palasport di Giuliano.


Kevin, che gareggia nella categoria -75kg, aveva già ottenuto ottimi piazzamenti nelle gare Open di Campania, Sicilia e Calabria, ma è stato il 3° posto conquistato agli Open di Toscana, dello scorso febbraio, che gli ha permesso di mettersi in luce agli occhi degli osservatori della nazionale e avere il punteggio sufficiente nel ranking per poter essere convocato.


“In questo momento così delicato causa pandemia- dice il prof. Veltri Francesco - mi sento di condividere questa soddisfazione con il presidente dell'AKL Antonio Notarianni, il presidente dell'Accademia Karate Campora Sabrina Caicco e tutti i ragazzi.

 

Allenarsi durante questo periodo non è stato semplice, ma non abbiamo mai mollato, ci siamo organizzati con allenamenti via web nella fase del lock-down e poi abbiamo proseguito con gli allenamenti all’aperto.


In passato abbiamo avuto altri convocati per i raduni nazionali (Antonella e Alessia Martino, Manuel Ombres) e siamo felice e orgogliosi che un altro nostro karateka abbia possibilità future di vestire l'azzurro."

Complimenti da parte della nostra redazione

 

amanteadinotte
È iniziato, già da ieri, il conto alla rovescia sulla possibilità che Amantea venga dichiarata “Zona Rossa”.

Entro le 12.00 di domenica, se non si troverà una soluzione definitiva al trasferimento dei migranti positivi al Sars-CoVid 2 da Amantea, la cittadina tirrenica verrà dichiarata dal Presidente della Regione Calabria On. Santelli “Zona Rossa”.

 

Se fossero confermate queste indiscrezioni autorevoli, a noi pervenute nella serata di ieri, la nostra cittadina avrebbe oltre che un danno anche una beffa.

L’unica colpa degli Amanteani è di essere persone pacifiche e non violente, il rovescio della medaglia è stato che chi di competenza ne ha abusato portando ai limiti la nostra pazienza.

 

Intanto oggi ad Amantea abbiamo assistito all’abile gioco delle tre carte, effettuato dalla Prefettura di Cosenza.

Nella mattinata di oggi una diecina di migranti del CAS “Ninfa Marina” di nazionalità Nigeriana, già ampiamente segnalati dalle forze dell’ordine per “turbolenza molesta all’interno della struttura”, sono stati traferiti a Palermo in una nave quarantena, cosi pare, dalla Croce Rossa Italiana scortata dai militari presenti in città.

 

Dei dieci solo alcuni erano positivi, gli altri, pare, siano negativi al Coronavirus, ma trasferiti sostanzialmente per ordine pubblico.

Intanto nel pomeriggio di oggi è stato chiuso il CAS “Attivamente” di via Po', nel quartiere Santa Maria, i dodici migranti presenti nella struttura sono stati distribuiti fra il CAS “Ninfa Marina” e gli alloggi sempre di proprietà della “Cooperativa Zingari 99” in via Lava Gaenza.

 

Un trasferimento a noi incomprensibile anche perché gli stessi erano isolati e tranquilli.

A che prò trasferirli nella “fort knox” di via Firenze?

Dove è risaputo che le condizioni complessive sono tutt’altro che tranquille?

Tutto ciò, ripetiamo, a noi è incomprensibile, forse qualcuno dovrebbe spiegarlo.

Perché non si sono trasferiti al CAS “Ninfa Marina” i migranti positivi negli appartamenti privati?

Che fra l’altro, pare, da voi insistenti, escano ed entrano dai loro appartamenti in quarantena?

 

Abbiamo saputo, inoltre, di un interessamento della Procura della Repubblica di Paola da parte del Procuratore Capo Dott. Pierpaolo Bruni, sulla situazione complessiva dei migranti ad Amantea.

Speriamo che almeno un uomo di stato integerrimo, come il Dottore Bruni, possa fare chiarezza su chi ha giocato sulla pelle di noi cittadini di Amantea.

 

Intanto, stasera, l’Associazione Commercianti di Amantea assieme ad altre associazioni, compresa quella degli albergatori, ha convocato, presso un noto albergo in città, le parti “attive” della città, assieme ai sindaci del comprensorio, per trovare, tutti assieme, una azione attiva e fattiva percorribile immediatamente dalla Città di Amantea sostituendosi, cosi di fatto, al Comune e quindi ai Commissari Straordinari.

Purtroppo, secondo noi, è troppo tardi per una reazione alla situazione, perché come si usava dire, una volta, in gergo campagnolo “la vacca è nelle fave”.

 

Speriamo bene.

 

 

BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy