BANNER-ALTO2
A+ A A-

logo m5sSu impulso del Meet Up di Amantea, la deputata M5S Dalila Nesci ha scritto e presentato un’interrogazione rivolta al ministro dell’Interno, riguardo all’ineleggibilità del nuovo sindaco, Monica Sabatino.

Nell’atto, la parlamentare ha chiesto al ministro Angelino Alfano «se non ritenga di provvedere con urgenza affinché sia riconosciuta l’ineleggibilità di Monica Sabatino alla carica di sindaco di Amantea, per manifesta violazione di legge».

Per legge non può essere eletto sindaco chi sia parente o affine, sino al secondo grado, del segretario generale dello stesso Comune.

Dal 1992, il padre di Monica Sabatino, Giuseppe, è vicesegretario generale del Comune di Amantea, in cui ha svolto in concreto le funzioni di segretario: per contratti e per deliberazioni di giunta e consiglio, come figura nelle carte del municipio.

In particolare, ha rilevato la deputata M5S al ministro dell’Interno, la delibera di giunta dello scorso 14 maggio, in piena campagna elettorale, «porta espressamente la firma di Giuseppe Sabatino quale segretario generale del Comune».

Nesci, certa che Monica Sabatino sia ineleggibile e che ad Amantea si torni al voto, dichiara: «Il Meet Up locale e il consigliere comunale M5S Francesca Menichino stanno facendo un ottimo lavoro, portando le regole al centro della democrazia.

Questa è la strada della Calabria».

Pubblicato in Politica

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota del M5S sul porto di Amantea, al centro di gravi questioni e di inchieste da parte della Procura di Paola

«Il sindaco di Amantea (Cosenza), Monica Sabatino, deve entrare nel merito delle gravi questioni che riguardano il porto della città, piuttosto che attaccare con pretesti la libertà di cronaca del servizio pubblico calabrese».

Lo dice la deputata M5S Dalila Nesci, della commissione parlamentare di Vigilanza Rai, a proposito delle reazioni del primo cittadino a un servizio giornalistico sul porto di Amantea, trasmesso di recente dalla Rai regionale.

Insieme a Francesca Menichino, consigliere comunale M5S di Amantea, la parlamentare aggiunge: «Il nuovo sindaco ha iniziato il mandato con vecchi modi, mostrando scarso senso istituzionale e un’ostilità politica insensata.

I fatti esposti oggettivamente nel servizio di Rai Calabria non sono di poco conto.

Riguardo alla struttura emersero interessi criminali.

Le pesanti irregolarità amministrative rilevate dai magistrati suggeriscono al sindaco, finora sordo e immobile, la revoca di pubblici incarichi a chi è sotto accusa».

Concludono Nesci e Menichino: «Prendiamo atto del comportamento nervoso del sindaco Sabatino, che sul porto deve risposte concrete ai cittadini di Amantea. Intanto dica a chiare lettere se intende mantenere l’attuale responsabile del servizio manutentivo, coinvolto nell’inchiesta della Procura di Paola»

Pubblicato in Cronaca

Siamo sempre punto ed a capo.

Impossibile far morire l’AC Amantea 1927 ed il calcio , difficile farla sopravvivere.

La questione assume una notevole importanza sociale visto il ruolo che il calcio svolge per i giovani che sono, insieme i vecchi, “gli ultimi” nella società amanteana .

Non solo ma la questione assume anche una importanza politica visto che l’AC Campora che sembrava essere destinata a cessare la sua attività pare sia invece in campo nella prossima stagione calcistica.

Come la prenderebbe la città se chiudesse l’AC Amantea 1927 e sopravvivesse l’AC Campora?

La situazione è seria e da “qualcuno” è stata finora sottovalutata al punto da aver prodotto reazioni non da poco

La lettera da noi pubblicata ed inviata al sindaco con la quale la precedente direzione poneva la società nelle mani del comune venne sicuramente sottovalutata.

A tal punto i “magnifici 5” Gianfranco Nesi, Rocco Alfano, Antonio Besaldo, Demetrio Metallo e Sconza Valter nel silenzio dell’amministrazione comunale hanno provveduto ad iscrivere la società al campionato 2014-2015, quale atto di buona volontà e di amore verso il calcio e verso la città di cui porta il nome

Ma ora c’è stato un ulteriore momento di chiarezza e l’incontro scorso è stata l’occasione per chiarire definitivamente al sindaco Monica Sabatino e GB Morelli la difficoltà del gruppo di finanziatori di farsi carico di tutti i costi gestionale della società

Siamo, in sostanza, nella stessa situazione di qualche anno addietro quando la AC Amantea 1927 finì nelle mani del sindaco Franco Tonnara che la affidò a Gianfranco Suriano.

Saprà il sindaco Monica Sabatino trarsi dall’attuale impaccio con la stessa abilità di Tonnara?

Troverà il sindaco Sabatino un altro “Suriano” pronto ad assumere la responsabilità che oggi si impone sia assunta per salvare la nostra squadra di calcio?

Sembra di sì.

Sembra che siano stati già presi contatti al momento riservati con un nuovo allenatore e con nuovi giocatori.

L’unica cosa che non è certa è se il sindaco Sabatino terrà a se stessa le dirette responsabilità della gestione della storica società calcistica amanteana, se la affiderà nelle mani dell’attuale assessore allo Sport, o se stia pensando a qualche altro consigliere comunale.

Un’altra cosa certa, infine, è l’estremo bisogno di interventi sul prato del campo sportivo sul cui stato abbiamo già riferito e riferiremo ancora .

Pubblicato in Politica

Sono le 14.00, l’orario di chiusura del Municipio, ma il comune è in fibrillazione stante la notizia giunta in anteprima rispetto ai tempi che erano stati preannunciati!

Il TdL ha annullato il provvedimento di sequestro del porto!.

Non sono note le ragioni che hanno portato il Tribunale della Libertà a questa decisione, ma questo non è il momento di approfondire.

L’importante è che a giorni il porto sarà riaperto, che a giorni i diportisti potranno usare le loro imbarcazioni, che i pescatori potranno svolgere il loro lavoro e dare da mangiare alle loro famiglie, che il personale che lavora nel porto non perderà il lavoro ed il reddito che ne consegue, che non saranno iniziate cause per danni contro il comune.

E’ il sindaco Monica Sabatino che telefona felice dando la notizia ai suoi collaboratori ed a chiunque si sia interessato a favore del porto.

Anche l’assessore Cannata è soddisfatto e sparge la notizia nella comunità.

E non solo la notizia segue anche altri canali .

Anche la minoranza è informata e telefona per spargere la bella notizia.

Insomma sembra più un “successo” della società che dell’amministrazione e dei legali visto che tutti ne sono felici.

E non poteva essere diversamente

Pochi giorni fa è stato sequestrato l’ impianto di depurazione di Nocera Terinese ( di cui si serve anche Amantea) ma è stato affidato al Sindaco perché provveda entro un mese a trovare soluzione alle cose che non vanno. Impossibile sequestrarlo ed inibirlo come successo per il porto di Amantea.

Forse il porto poteva essere affidato ad un commissario che lo tenesse comunque aperto ed attendesse a quanto il comune non ha fatto al punto che sono scattati gli avvisi di garanzia per l’art 328 del cp per “Omissione di atti d’ufficio” per non aver proceduto al collaudo del porto

Il porto, infatti, pur in assenza del collaudo viene usato pienamente ormai da anni salvo quando si insabbia.

E forse sarà questa la ragione presa in considerazione dal TdL: quale, infatti, la ragione ex novo per sequestrare il porto? E mancando tale ragione il sequestro potrebbe essere stato ritenuto improprio .

Comunque a giorni sapremo.

Ovviamente il procedimento penale andrà avanti.

Ora aspettiamo eventuali reazioni del GIP Carmine De Rose che potrebbe opporsi al pronunciamento del TdL.

Erano in tanti stamattina ad esprimere il proprio dissenso contro la chiusura del porto.

C’era persino il TG3 che non si vede da tanto tempo nella cittadina tirrenica amanteana

C’era tutta la minoranza consiliare a cominciare da Bruno Miriam, Sante Mazzei, Francesca Menichino, Sergio Ruggiero , Concetta Veltri ( in ordine alfabetico).

Ma c’era anche parte della maggioranza a cominciare dal sindaco Monica Sabatino, ed a seguire l’assessore al porto Gianluca Cannata, gli assessori Emma Pati ed Antonio Rubino, i consiglieri Ciccia Caterina e Giusi Osso.

Tante le Forze dell’ordine. Erano presenti i Carabinieri con a capo il maresciallo Marco Tommasi e la Guardia costiera con a capo il C° 1^ Cl. Np/Ms DE CARIA Fausto. Assenti, invece, i Vigili Urbani.

Folta la rappresentanza dei diportisti.

“Ho comprato la barca e adesso non la posso usare. E non so nemmeno dove metterla” dice uno di loro. Ed un altro fa seguito “ Ho finito le ferie senza poter andare a mare. Chiederò i danni”. Insomma ognuno si pone dalla parte della propria ragione

Presenti tutti i lavoratori della cooperativa che operano nel porto. “Noi non c’entriamo in questa vicenda, ma ne pagheremo le conseguenze. Vi sembra giusto?”

Presenti anche i marinai che senza il porto sarebbero anche loro senza lavoro” I porti vicini non possono ospitarci. Non hanno certo lasciato posti vuoti in attesa che chiudessero il porto di Amantea! Se non possiamo pescare ora come camperanno le nostre famiglie?” .

Insomma anche loro, come i lavoratori nel porto, pagheranno i costi di errori che a loro ed alle loro famiglie non appartengono.

Vorrebbero poter continuare a lavorare anche con un permesso speciale. Diversamente chiedono un aiuto di Stato che li aiuti a sopravvivere .

Due le cose che saltano agli occhi .

La prima è il manifesto mortuario che annuncia la morte per eutanasia del porto. Manca soltanto la frase tipica “ Nel fiore della sua giovinezza….è morto ,,,il porto di Amantea”.

La seconda è la drammaticità dello striscione esposto dai marinai. Uno striscione che espone il loro dramma nella frase : “ Il porto. Il nostro lavoro, la nostra dignità”

Dignitosa anche il commento del sindaco di Amantea Monica Sabatino quando intervistata dal TG3 evidenzia che il problema del pagamento della concessione demaniale può facilmente trovare una soluzione, ma nel mentre segnala il vero ed antico problema del collaudo del porto stesso.

Insomma il mancato collaudo del porto è un problema datato e che risale( almeno) alla sua riapertura da parte della Commissione straordinaria successivamente alla chiusura intervenuta con la operazione Nepetia.

Insomma una sottovalutazione dopo l’altra.

Ora si attende il miracolo quale sarebbe quello di un Tribunale della Libertà che sospendesse gli effetti del sequestro.

Un vero e proprio miracolo visto che nel poto mancano perfino le minime condizioni di sicurezza.

Ora non resta che attendere che domani si pronunci il TdL…

Pubblicato in Primo Piano

sindaco sabatino miniLa Nota del Movimento 5 Stelle Amantea: 50 giorni di Amministrazione Sabatino visti da vicino

 

INELEGGIBILITA' DEL SINDACO

Il sindaco si trova in un enorme conflitto di interessi data la presenza del padre nel ruolo centrale di responsabile del settore finanziario e di vicesegretario generale dell'ente.

E' intuitivo ma è anche stabilito dalla legge (art.61 T.U.E.L.).

L'abbiamo rilevato e il sindaco in sede di consiglio ha ironizzato dicendo "le elezioni si vincono con i voti e non con i cavilli giuridici".

 

Il prefetto, però, non li ritiene esattamente cavilli... e ha chiesto ufficialmente al sindaco spiegazioni. Staremo a vedere.

 

TRASPARENZA

La città di Amantea è governata da un' amministrazione che fa della trasparenza un problema, continuando a rifiutare le dirette streaming . Perché? Cosa si vuole nascondere ?

Forse per evitare di palesare all'esterno l'ignoranza delle più basilari regole di svolgimento ed amministrazione della cosa pubblica? 

E si usa così la burocrazia a proprio comodo, anche ostacolando e ritardando la presa visione di documenti del comune.

O dobbiamo pensare che il dott. Sabatino chieda anche a tutti i consiglieri di maggioranza o al sindaco di protocollare la domandina per avere gli atti e glieli consegna(completi?) tre giorni dopo ?

 

DELEGHE E ASSESSORATI

Creare una lista per accontentare candidati e sostenitori non significa esattamente fare il bene di Amantea che ha bisogno di capacità, competenze, impegno disinteressato, lungimiranza e legalità.

E invece nel conferimento degli assessorati si sono scelte le logiche spartitorie e i contentini delle deleghe speciali che hanno mortificato tutti, gli stessi consiglieri, i cittadini di Campora che evidentemente non si sentono rappresentati dall'assessore Cannata e soprattutto le sorti della nostra città ancora una volta mortificata dalla politica del potere e non del servizio.

Abbiamo chiesto poi le immediate dimissioni dell'assessore Tempo fino a quando non si definiscano i suoi problemi giudiziari.

 

SEQUESTRO DEL PORTO

Il porto di Amantea inaugurato nel 2002 e costato 10 miliardi di lire non ha il collaudo, non ha la concessione demaniale marittima e sono dovuti al demanio 3.063.395,86 euro di cui, a dire il vero, sono stati versati circa 40.000 (bontà loro!).

Una situazione raccapricciante che ereditiamo dal passato amministrativo, in cui il sindaco era presidente del consiglio comunale , e gli assessori (tutti tranne uno) erano a vario titolo presenti in ruoli istituzionali , sedendo tra i banchi della maggioranza o dell'opposizione.

Ma il sindaco definisce la vicenda come "una mannaia piovuta dal cielo...senza alcun preavviso", e quando il M5S chiede di individuare precise responsabilità politico-amministrative anche per eventuali azioni risarcitorie lei replica "io non sono un organo inquirente". Chiediamo ancora ( ma nessuno risponde) la revoca dell'incarico appena rinnovato all'ing. Pileggi, coinvolto nelle indagini.

Il MoVimento 5 Stelle, nella persona del suo consigliere Francesca Menichino voterà sempre a favore di atti e provvedimenti che possano portare qualsiasi miglioramento a questa città ma, purtroppo, il bene di Amantea non è questa amministrazione che si presentava come una manna ma per ora c'è solo la mannaia....

 

Pubblicato in Politica

E’ in estrema sintesi la rassicurazione del sindaco Sabatino come contenuta nella seguente nota stampa in ordine all’incontro tenutosi a Catanzaro tra l’Assessore regionale all’Ambiente Francesco Pugliano ed il Sindaco di Amantea Monica Sabatino

Nella mattinata di venerdì 13 giugno scorso presso gli Uffici dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Calabria si è tenuto un proficuo incontro tra l’Assessore regionale all’Ambiente Francesco Pugliano ed il Sindaco di Amantea Monica Sabatino.

L’incontro richiesto dal Sindaco Sabatino – che nell’occasione era accompagnato dall’assessore comunale Antonio Rubino – ha avuto ad oggetto le tematiche concernenti le politiche ambientali ed in particolar modo quelle afferenti la raccolta dei rifiuti e la necessità di renderne sempre più efficiente le modalità di raccolta e smaltimento.

L’Assessore regionale Pugliano ha manifestato massima disponibilità a supportare le iniziative che sulla materia il Comune di Amantea intende intraprendere. Pur nel quadro della oggettiva e sistemica difficoltà del settore in tutta la Calabria, Pugliano ha assicurato sostegno fattivo sul percorso progettuale illustrato dal Sindaco Sabatino, che mira nel più breve tempo possibile a superare alcune contingenti difficoltà nella gestione del servizio.

Sono molto soddisfatta – dichiara Monica Sabatino – dell’incontro tenutosi con l’Assessore Regionale Pugliano il quale, con raro garbo e senso di responsabilità, di fronte alla illustrazione delle nostre iniziative, ha manifestato adesione e sostegno.

Anche se l’eredità è pesante, sono molto fiduciosa sul prosieguo e sulla nostra capacità di invertire la rotta ed assicurare maggiore efficienza al servizio.

I cittadini stiano tranquilli.

Ce la stiamo mettendo tutta per ovviare la verificarsi di situazioni che, sia pur emergenziali e non dipendenti direttamente dalla competenza del Comune, possono creare nocumento alla salute pubblica nonché alla immagine della città.

Sul tema della raccolta dei rifiuti, è fondamentale innalzare i parametri della raccolta differenziata. È quello che sta avvenendo a Campora San Giovanni con risultati positivi, è quello che dovrà avvenire nell’immediato anche ad Amantea.

Insieme all’Assessore Rubino ed ai tecnici comunali abbiamo già programmato nei prossimi giorni alcune riunioni operative che consentiranno l’avvio della raccolta differenziata anche ad Amantea.

Ndr Siamo certi di questa dichiarata volontà e ricordiamo quanto già detto nella conferenza stampa svoltasi in Piazza degli emigranti sulla necessità della propedeutica apertura almeno di una confacente isola ecologica di supporto al nuovo servizio.

intervista-candidati-amanteaI voti di tutte le liste e di tutti i candidati nelle 14 sezioni elettorali di Amantea e Campora San Giovanni

Dopo la vittoria di Monica Sabatino e la sua "Rosa Arcobaleno" che si aggiudica la vittoria con uno scarto di 546 voti sul rivale Sante Mazzei, "Insieme per la Città", eccovi tutti i dati dei candidati in tutte le 14 sezioni presenti nel territorio tra Amantea e Campora San Giovanni.
Tutti i dati delle liste partecipanti alla competizioni elettorale:

 

"Rosa Arcobaleno" candidata a Sindaco Monica Sabatino (4871 voti);

"Movimento 5 Stelle Amantea" candidata a Sindaco Francesca Menichino (1685 voti);

"La Nuova Primavera - Spirito Libero" candidato Sergio Ruggiero (1339 voti);

"Insieme per la città" candidato a Sindaco Sante Mazzei (4325 voti).

 

 

 

1° - "ROSA ARCOBALENO" - CLICCA PER INGRANDIRE E VEDERE NEL DETTAGLIO

Rosa Arcobaleno

 

 

"INSIEME PER LA CITTA'" - CLICCA PER INGRANDIRE E VEDERE NEL DETTAGLIO

Insieme per la Città

 

 

"MOVIMENTO 5 STELLE - BEPPEGRILLO.IT" - CLICCA PER INGRANDIRE E VEDERE NEL DETTAGLIO

Movimento 5 Stelle Amantea

 

 

 

"LA NUOVA PRIMAVERA - SPIRITO LIBERO" - CLICCA PER INGRANDIRE E VEDERE NEL DETTAGLIO

La Nuova Primavera Amantea

Pubblicato in Primo Piano

listarosaarcobalenoAlla fine Amantea ha decretato per la prima volta nella storia una donna alla carica di Sindaco della città, è infatti, Monica Sabatino che si aggiudica la vittoria con uno scarto di 526 voti sul rivale Sante Mazzei.
Ricordiamo che le liste partecipanti alla competizioni elettorale di quest'anno erano 4.
"Rosa Arcobaleno" candidata a Sindaco Monica Sabatino.
"La Nuova Primavera - Spirito Libero" candidato Sergio Ruggiero
"Insieme per la città" candidato a Sindaco Sante Mazzei
"Movimento 5 Stelle Amantea" candidata a Sindaco Francesca Menichino
E' stata comunque una battaglia come non si vedeva da anni, una sfida tra Mazzei e Sabatino, entrambi uscenti dalla maggioranza di governo, anche se alla lunga lo stacco di voti si fa sentire, e non poco.
Riportiamo i dati parziali, riportando che alcuni seggi sono ancora aperti ed i dati non disponibili.
Al momento la situazione tra voti di lista e preferenze è la seguente:

AGGIORNAMENTO ORE 23.35

(Sezioni scrutinate 14 di 14) * dati DEFINITIVI 

 

Lista civica 'Rosa Arcobaleno' di Monica Sabatino:

1.       Elena Arone - 313

2.       Gianluca Cannata – 251

3.       Francesco Chilelli – 314

4.       Caterina Ciccia in Trotta – 362

5.       Ottaviano di Puglia – 201

6.       Luca Ferraro – 224

7.       Adelmo Mannarino – 235

8.       Ermelinda Morelli (Detta Linda) in Gagliardi – 461

9.       Giovanni Battista Morelli – 434

10.   Giusi Osso – 304

11.   Emma Pati – 499

12.   Antonio Rubino – 330

13.   Giovambattista Ruperto – 66

14.   Alessandro Salvatore – 305

15.   Sergio Tempo – 368

16.   David Viola – 204

TOTALE VOTI: 4871 (38,65%)

 

Lista civica 'La nuova Primavera' candidato a Sindaco Sergio Ruggiero:

1.       Gianfranco Suriano – 134

2.       Giovanni Aloe – 89

3.       Pasquale Bonavita – 98

4.       Antonio Aloisio – 175

5.       Elpidio Caruso - 19

6.       Stefania Caruso – 82

7.       Roberto Fruscio  - 122

8.       Adriano Massali – 88

9.       Biagio Miraglia - 148

10.   Aida Pati – 95

11.   Rosaria Perri (detta Rosy) – 229

12.   Karim Strano – 60

TOTALE VOTI: 1339 (11,81%)

 

Lista civica 'Insieme per la Città' candidato a Sindaco Sante Mazzei:

1.       Miriam Bruno – 407

2.       Eleonora Gagliardi – 405

3.       Fabio Garritano – 164

4.       Andrea Ianni Palarchio – 393

5.       Giuseppe Marchese – 185

6.       Pasquale Mazzuca – 209

7.       Antonio Morelli – 195

8.       Martina Motolese – 249

9.       Antonietta Munno – 185

10.   Giuseppe Nesi – 221

11.   Mario Pizzino – 251

12.   Vincenzo Pugliano – 313

13.   Raffaele Romano – 128

14.   Marcello Socievole – 369

15.   Concetta Veltri  - 528

16.   Giuseppe Veltri  - 143

TOTALE VOTI: 4345 (33,55%)

 

Lista 'Movimento 5 Stelle' candidata a Sindaco Francesca Menichino:

1.       Francesco Mazzotta – 138

2.       Paola Sicoli (detta Francesca) – 305

3.       Giuseppe Miceli – 68

4.       Franca Montuoro – 77

5.       Nicola Defina – 112

6.       Andrew Mannarino – 69

7.       Olga Maria Pucci – 111

8.       Piero Maione – 125

9.       Rosa Cappelli – 237

10.   Marcello Sorrentino – 61

11.   Antonio Bossio – 70

12.   Antonio Frangione – 220

13.   Gaetano Diana – 92 

TOTALE VOTI: 1685 (15,99%)

 

* I dati di riferimento sono DEFINITIVI.

Pubblicato in Politica

Riceviamo e pubblichiamo:

“Questa mattina, come candidata a sindaco per la lista Rosa Arcobaleno, mi sono recata presso la Caserma dei Carabinieri di Amantea per presentare querela contro ignoti che nella tarda serata di ieri 17 maggio hanno apposto, sui manifesti elettorali della Lista Arcobaleno e sui manifesti miei personali, scritte infamanti e lesive della mia onorabilità e del mio nome.

La campagna elettorale che mi sta vedendo protagonista è stata improntata, per quanto mi riguarda, sul rispetto e sulla correttezza.

Scendere a determinati livelli disonora non solo le persone coinvolte, ma soprattutto i cittadini.

Chi agisce diffamando pubblicamente l’avversario esprime la mancanza di argomentazioni e di idee, chi fa campagna elettorale denigrando l’avversario senza proporre niente di concreto da realizzare non è degno di essere preferito dagli elettori.

Mi auguro che le Forze dell’Ordine, che ringrazio, possano presto fare chiarezza sull’accaduto.”

Pubblicato in Politica
Pagina 12 di 13
BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy