BANNER-ALTO2
A+ A A-

Suona il violino: Bambina multata

Vota questo articolo
(0 Voti)

violinoUna bambina di 5 anni, facente parte di una famiglia con la passione della musica, si stava esibendo col suo violino a Nonantola, cittadina del modenese di circa 16 mila abitanti, durante il mercato. Era insieme al suo papà. Sono arrivati due Vigili Urbani e hanno multato il papà della bambina di 100 euro perché aveva infranto il regolamento comunale in vigore che vieta l’accattonaggio. Sul verbale rilasciato dai Vigili c’era scritto:-Raccoglieva questua nella pubblica via recando disturbo ai passanti-. Ma una bambina che suona il violino reca davvero disturbo ai passanti? Esagerato. Ma veniamo ai fatti. La bambina e il suo papà, che fra l’altro è un professore di lingua straniera, si erano messi a suonare il violino come sempre hanno fatto e avevano messo per terra una custodia di un violino aperta in modo che i passanti, se volevano buttare qualche monetina, lo potevano fare comodamente. La bambina e il suo papà non sono dei mendicanti, non sono degli accattoni, non chiedono l’elemosina per mestiere Non recavano danno e fastidio a nessuno. Sono degli artisti di strada che mettono a disposizione per i passanti il loro talento, offrono qualcosa a qualcuno gratuitamente, senza nulla chiedere. Se poi qualcuno vuole lasciare una offerta perché gradisce la loro musica non c’è nulla di male, è un gesto gratuito. Non fanno accattonaggio. Suonano il violino, e suonare, non è un fatto socialmente dannoso e fastidioso. Tutt’altro. Portano un po’ di gioia ed allegria, e noi, oggi, ne abbiamo davvero bisogno, visto le cose come stanno andando in Italia e nel mondo. E quando si trovano per le vie, nelle piazze, al mercato, si trovano in questi posti non per chiedere l’elemosina, ma per suonare Non sono dei mendicanti o camuffati come tali,che vanno in giro per delinquere. Non l’hanno pensato così i due zelanti Vigili che hanno applicato alla lettera il vecchio regolamento comunale. Anche a me capita quasi ogni giorno camminando lungo Corso Mazzini a Cosenza, la via principale della città, incontrare tantissimi artisti di strada. C’è una ragazza davanti la Prefettura che suona magistralmente il suo violino, un ragazzo che suona la chitarra e canta in lingua inglese le più belle canzoni che hanno allietato diverse generazioni e c’è finanche un prestigiatore che con le sue prestidigitazioni allieta grandi e piccini. Non fanno accattonaggio. Nessun Vigile è mai intervenuto, perché non danno fastidio a nessuno, non chiedono l’elemosina. Mettono per terra un cappello, la custodia della chitarra, un cestino, e i passanti se gradiscono la loro musica e le loro perfomance lasciano qualche monetina. Il fatto della multa alla bambina ha suscitato non pochi malumori sul Web. Non prendiamocela con gli artisti di strada, prendiamocela con gli accattoni veri, con quelli che sfruttano i bambini, con quelli che, fingendosi storpi, insistentemente e fastidiosamente chiedono l’elemosina, sfruttando la credibilità e la bontà altrui. La bambina, di un talento formidabile, e il suo papà stavano regalando della buona musica ai passanti senza chiedere nulla in cambio. Ma c’è il regolamento. Ma cambiamolo. Voi, amici miei, cosa ne pensate?

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy