BANNER-ALTO2
A+ A A-

Una truffa incredibile e un po'’ particolare

Vota questo articolo
(0 Voti)

penzioneAmici, oggi vi voglio parlare di una truffa incredibile, davvero eclatante ed un po’ particolare ai danni dello Stato. La protagonista è una anziana signora di 70 anni di un piccolo paese in provincia di Varese la quale, per lunghi 23 anni, ha incassato la pensione mensile di un suo vicino di casa morto nel lontano 1994. L’uomo viveva da solo, in gravi difficoltà per le condizioni di salute, legato alla signora da un rapporto di fiducia e di amicizia. Non potendo recarsi all’ufficio postale a riscuotere la pensione aveva delegato l’amica e la vicina di casa al ritiro della sua pensione. Nel lontano 1994 purtroppo l’uomo muore, ma la donna non ha voluto rinunciare alla sua pensione. E così non ha denunciato al Comune di residenza del pensionato l’avvenuto decesso. E l’Inail non avendo ricevuto dal Comune nessuna comunicazione ha continuato ad erogare la pensione e la furba signora a percepire indebitamente ed in modo truffaldino la pensione del defunto amico. Nel gennaio dello scorso anno, però, la signora avendo timore di essere scoperta, ha presentato una dichiarazione dichiarando falsamente che l’uomo era morto all’età di 103 anni. Non è stata creduta. La Guardia di Finanza ha fatto delle indagini ed ha scoperto che l’uomo non era morto nell’anno 2018 ma nell’anno 1994. Ora la donna truffaldina è stata denunciata a piede libero per truffa aggravata ai danni dello Stato. Ma alcune domande sorgono spontanee. Come è stato possibile che una persona anziana abbia potuto percepire per 23 anni una pensione di un uomo morto? Nei piccoli paesi tutti conoscono tutti e pure la vita e i miracoli di ognuno. E allora come mai all’impiegato dell’Ufficio Postale o della Banca non sia venuto il sospetto che quella donna barava? Possibile che tutti in quel piccolo paese del Varesotto fossero all’oscuro dell’avvenuto decesso del beneficiario della pensione? E come mai l’Inail non abbia mai chiesto alla signora un certificato di esistenza in vita del beneficiario della pensione? La signora ha agito tutto da sola o ha avuto qualche complice..? La signora per 23 anni ha fatto la furba e siamo d’accordo, e i dipendenti dell’Inail per 23 anni cosa hanno fatto? Dove erano? Hanno fatto dei controlli? Sembra proprio di no. E il Comune di residenza dell’anziano come mai non ha comunicato immediatamente l’avvenuto decesso all’Inps o all’Inail? In un paese normale di regola si fa così. Ed ora il denaro incamerato dalla vicina furbetta e truffaldina come verrà recuperato? Dalla sua pensione mensile. Campa cavallo. La signora ha 70 anni. E meno male che questa truffa un po’ particolare si è verificata nell’opulento Nord Italia. Se si fosse verificata in un paesino calabrese chissà cosa avrebbero scritto i sapientoni giornalisti nordisti. La Calabria è una Regione arretrata, i suoi abitanti sono dei ladri e dei malfattori, gli impiegati postali e comunali invece di lavorare timbrano il cartellino e vanno a giocare a carte, i treni non funzionano, la sanità fa schifo. Mi fermo qui.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy