BANNER-ALTO2
A+ A A-

Le criptovalute: una nuova forma di investimento

Vota questo articolo
(0 Voti)

broker-criptovaluteChi ha sentito parlare di criptovalute conoscerà senz'altro il fenomeno del Bitcoin. Questa moneta elettronica, creata nel 2009 da Satoshi Nakamoto, sta infatti avendo grande risalto mediatico negli ultimi tempi per via dello sviluppo che ha avuto su alcuni mercati per mezzo di Internet. Non c'è solo il Bitcoin tra questo tipo di monete. Anzi, è stato proprio il Bitcoin a dare il là all'ascesa di tante altre criptovalute che ora gravitano sul mercato. Le criptovalute sono monete digitali crittografate che transitano da un utente all'altro ed hanno la peculiarità di essere perlopiù decentralizzate, prive cioè di un controllo da parte di alcuna autorità centrale (che siano banche o altri istituiti governativi).

E' questa la grande novità introdotta dall'avvento di queste monete, che quindi possono avviare transazioni tra utenti salvate in archivi denominati “blockchain”. Si tratta di database che sono registrano anche tutte le operazioni di scambio e di acquisto. Questo è a grandi linee il funzionamento delle criptovalute, che in questo articolo proveremo ad approfondire meglio. Per analizzare più nello specifico la materia, consigliamo invece di affidarvi alle indicazioni del sito di InvestinGoal.

Come investire correttamente in criptovalute

Per investire in criptovalute, ad ogni utente viene assegnato un “portafoglio” (detto anche wallet) oltre che un database personale in cui inserire i propri dati. Tali dati, così come anche le transazioni, possono essere protette ulteriormente utilizzando delle password. Trattandosi di una materia non ancora ben regolamentata, le aziende sono ancora diffidenti nei confronti di questo tipo di transazioni. Inoltre, essendo per loro stessa natura molto volatili, le criptovalute possono portare a compiere investimenti molto produttivi ma allo stesso tempo comportano anche il rischio di perdere grosse somme di denaro. Per questo ad avvicinarsi alla materia sono stati principalmente coloro che avevano a che fare con il trading online: proprio per la grande incertezza racchiusa nelle criptovalute, allo stato attuale viene considerato più vantaggioso fare trading con esse piuttosto che acquistarle.

Ecco le migliori criptovalute sulle quali investire

Abbiamo detto che il Bitcoin è stata la prima moneta elettronica ad essere stata lanciata sul mercato, e al giorno d'oggi sta facendo registrare numeri molto importanti. Il prezzo raggiunto da questa moneta è dunque attualmente molto alto, e c'è da dire che è stato stabilito per essa un tetto massimo di 21 milioni di Bitcoin presenti sul mercato, oltre i quali non sarà possibile andare. Ciò però con ogni probabilità non impedirà al Bitcoin di espandersi ulteriormente, almeno a giudicare dal trend attuale.

Oltre al Bitcoin ci sono da menzionare altre criptovalute che stanno avendo un buon riscontro sul mercato.

Parliamo ad esempio del Ripple, che è stata ideato in una sorta di contrapposizione con il Bitcoin poiché è stata pensata come moneta centralizzata, e quindi in grado di lavorare a stretto contatto con le banche. Ripple ha dunque caratteristiche differenti rispetto al Bitcoin ed è attualmente considerata la terza moneta elettronica come flusso di mercato.

La seconda invece è Etherum, valuta decentralizzata come i Bitcoin e che si basa sul sistema degli smart contacts. Si tratta in sostanza di protocolli prestabiliti che facilitano le negoziazioni senza il bisogno di veri e propri contratti.

Meritevoli di menzione dono infine Monero, che ha come caratteristica principale una maggiore tracciabilità delle transazioni ed è considerata perciò una criptovaluta in grande ascesa, e il Litecoin, simile per struttura al Bitcoin ma che si avvale di un sistema di crittografia più composito e complesso.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy