BANNER-ALTO2
A+ A A-

Venezuela, un Paese dilaniato da violenza e criminalità e sull’orlo della rivoluzione

Vota questo articolo
(3 Voti)

“La storia del passato, ormai ce l’ha insegnato, che un popolo affamato, fa la rivoluzion”. Così cantava Rita Pavone inconsapevole, forse, della verità del messaggio contenuto nella canzone “Viva la pappa col pomodoro” che pochi sanno essere di Nino Rota e di Lina Wertmüller. Mai verità è sembrata così vera , per esempio in Venezuela l’inflazione del bolivar è irrefrenabile come irrefrenabile è la crisi valutaria del paese. Quel Venezuela dove il Bolivar è passato dal cambio fisso di 4,3 bolivar contro 11,36 di fine gennaio mentre sul mercato nero si scambiano oltre 110 bolivar contro un dollaro. Quel Venezuela dove la criminalità è dilagante se è vero che ci sono decine e decine di migliaia di delitti all’anno. Il tasso di omicidi è di 55,2 ogni 100mila abitanti, vale a dire uno dei più alti al mondo e secondo le Nazioni Unite il Venezuela si posizionerebbe al quinto posto in questo triste primato. La situazione è talmente critica che molti venezuelani si barricano in casa dopo il tramonto e benché il Paese sia afflitto da numerosi problemi, tra cui la povertà, per loro la preoccupazione più grande consiste proprio nel dilagare della violenza. Secondo un'associazione no profit, InSight Crime, il tasso di criminalità del Venezuela è addirittura più alto di quello della Colombia, un Paese dove si sta combattendo oltretutto una guerra civile. Secondo l'associazione, le cause di una tale violenza dipendono dall'elevata corruzione, dalla mancanza di investimenti sulle forze dell'ordine, da un debole controllo delle armi e da una politica di sicurezza poco coerente. Infine, benché Caracas non produca consistenti quantità di cocaina, è comunque diventato un luogo di transito per la droga che giunge dalla Bolivia, dal Perù e dalla Colombia ed è diretta verso gli Stati Uniti Questa situazione ha indotto il nuovo presidente, Nicolas Maduro, eletto nemmeno un anno fa, a lanciare un piano sicurezza intitolato "Patria Segura" che prevede di mobilitare l'esercito e di porlo a fianco delle forze di polizia, un piano destinato al fallimento se si considera che in precedenza ci sono stati almeno una ventina di simili tentativi. Intanto Caracas è sull’orlo della guerra civile con le due fazioni pronte a scontrarsi Non solo ma sono scesi in strada gli studenti che protestano il governo di fallimenti nella gestione dell’economia, nonché dell’aumento della criminalità e mancato rispetto dei diritti umani. Decine e decine gli arresti. Numerosi i morti( ieri 3) quando un piccolo gruppo di studenti ha dato fuoco a cassonetti della spazzatura e strappato frammenti di marciapiedi e ringhiere per lanciarli contro la polizia e gli agenti hanno risposto sparando in aria. La tv locale non ha trasmesso le scene di violenze, mentre giornalisti di media stranieri, tra cui Associated Press, sono stati fermati da poliziotti, che hanno distrutto e sequestrato le loro macchine fotografiche. Una situazione in forte evoluzione fino ad una possibile guerra civile da cui può uscire un colpo di Stato da molti invocato

Ultima modifica il Venerdì, 14 Febbraio 2014 16:21
Redazione TirrenoNews

Dal 2005 la Redazione di TirrenoNews.Info cerca di informare in modo indipendente e veloce.

 

LogoTirrenoNews

Sito web: www.trn-news.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy