BANNER-ALTO2
A+ A A-

vi2020Relativamente all’intervento del Comitato di CIVITAS pubblicato sulle pagine del Quotidiano del Sud che mi cita per alcune mie dichiarazioni, ritengo opportuno fare alcune precisazioni per dovere di verità alla mia Città.

-Bisogna ammettere che qui ad Amantea sappiamo bene come rimescolare le carte a livello di responsabilità politiche e di bagarre amministrativa.

Non si spiegherebbe altrimenti il significato del comunicato del Comitato di CIVITAS della scorsa settimana, indirizzato ai Ministeri degli Interni e della Salute.

Un comunicato che, in un certo senso, ricalca il solco di una vecchia filosofia che tanto ha fatto male a questa città; la filosofia dello scaricare sempre su qualcun altro le colpe manifestamente attribuibili a chi, da parte sua, pratica lo sport dello “scarica barile” a livello professionistico. Persone che a livello politico e amministrativo hanno ricoperto anche ruoli importanti e per periodi lunghissimi in città, non possono, però, allegramente inveire contro le Istituzioni dello stato, additandole di inefficacia ed inefficienza nell’azione amministrativa.

In questo momento difficile, piuttosto che rimboccarsi le maniche per dare un contributo fattivo alla nostra città, il “mutilato” gruppo degli accoliti di Civitas preferisce la critica feroce, comportandosi da “Filosofi” da tastiera, comodamente da casa, a mero scopo propagandistico.

Sarebbe stato molto meglio, per onestà intellettuale e rispetto della cittadinanza, mantenere un livello di interlocuzione e collaborazione, cosa che faccio da tempo, con le stesse Istituzioni per provare a trovare soluzioni, dare suggerimenti e condividere le strategie, sostenendone l’attività per il bene della mia città!!

È questo il modo corretto di porsi verso la nostra comminuta, alle chiacchiere vanno anteposti atti concreti se ne siamo capaci!!

Se Amantea, per la seconda volta nella sua storia, ha subito l’onta dello scioglimento del Consiglio Comunale per problemi di infiltrazioni mafiose, dobbiamo prendere atto che la soluzione ai nostri problemi deve venire da un moto per certi versi “rivoluzionario”. Diciamo la verità, chi oggi raccoglie firme e si “sbatte” per sminuire e attaccare l’azione dei Commissari, ha forse nel suo animo “antico” la voglia di rimettersi a governare la città, senza colpo ferire, e riportare in auge le tradizioni becere e arriviste di un modo di rapportarsi alla cosa pubblica assolutamente inaccettabile. Ed è questo pericolo che i cittadini devono sventare, una volta per tutte, l’arroganza e la smania di potere a tutti i costi!!

Non è certo urlando e starnazzando in Piazza contro i Commissari che la credibilità di un ceto politico lacero e bislacco può riguadagnare terreno, mentre la giustizia continua a guardare con occhi attenti al nostro divenire come città e come comunità. Né un Ministero e né magistratura inquirente, con occhi di oggettività, potrebbero comprendere positivamente un segnale come quello che si è voluto dare con l’inammissibile petizione.

E non è un problema di giudizio sull’operato dei Commissari, che pure va criticato costruttivamente laddove necessario, ma è, semmai, un problema di coerenza e di approccio alla questione politica generale che riguarda la città.

La politica deve necessariamente ritornare protagonista ad Amantea e tutti dobbiamo augurarci di poter decidere fattivamente il nostro futuro, ma, lasciatemelo dire, è arrivato il momento storico di selezionare una classe politica adeguata, che si lasci alle spalle anche lo sport dello scarica barile, odiosissima attitudine di chi non sa fare altro che gestire a proprio vantaggio poteri e posizioni.

Ci sono problemi ad Amantea, tipo quello idrico, quello dei rendiconti non approvati relativi agli anni 2016-2017 e 2018, delle aree degradate, il dissesto finanziario etc. che si trascinano da oltre trent’anni e che non sono mai stati realmente affrontati dalle amministrazioni che si sono succedute in questi anni. Questa è una verità incontrovertibile che sarebbe bene porre alla base dei propri pensieri e dei propri comportamenti. Ma, evidentemente, questo atto di coscienza è alieno ad alcuni personaggi.

Ma non è alieno a noi, che sappiamo e possiamo scegliere la via maestra per la rinascita della nostra città. Non possiamo permettere, una volta finita l’esperienza commissariale, che qualcuno metta in piedi l’ennesimo Cavallo di Troia elettorale, capace di portare all’interno dei nostri ordinamenti i soliti “Achei” faccendieri, pronti a farci trascorrere un altro trentennio di declino sociale ed economico.

Pronti all’ennesimo tradimento del mandato popolare.

Comprendo il nervosismo per il “mega” flop della petizione popolare, rimproverandomi finezze linguiste, il cui invito al sottoscritto è di studiare; dall’altronde se è vero che nella vita non si finisce mai di imparare, certamente non placherò mai la mia voglia di “arricchirmi” culturalmente.

Adesso Amantea deve provare a sorridere, cominciando a farlo anche da subito, commentando quanto scritto sulla stampa dal fatidico Comitato delle “meraviglie” e degli “incubi” di cui sopra.

Se vogliamo davvero cambiare, possiamo farcela insieme, chiudendo le porte in faccia a chi cerca di zittirci solo perché diciamo la verità; non arretriamo di un passo, andiamo avanti per la nostra strada e la sciamo le polemiche sterili agli altri!! -

                                                                                                                   Vincenzo Lazzaroli

 

Pubblicato in Politica

lazzaroli nov.20
Riceviamo e pubblichiamo

A scrivere è Vincenzo Lazzaroli, il suo post è stato reso pubblico anche sulla sua pagina social Facebook.

 

“Ho appena incontrato la commissione straordinaria del comune di Amantea a cui ho manifestato la totale disapprovazione, rispetto a “fumose” petizioni popolari e a tutti i trasversalismi, costruiti ad arte solo fomentare inutili malumori nella nostra cittadina.

Ho confermato che in questo momento difficile, la città ha bisogno di essere coesa e non può perdersi dietro a personalismi che nulla di buono portano al nostro territorio, già provata da troppe vicende che hanno condotto il nostro comune al disastro.

La parte buona del paese sa che i problemi al comune di Amantea non li ha certamente creati la commissione straordinaria, e di questo la stessa commissione ne è consapevole.

Ho ribadito la piena disponibilità per continuare ancora sulla strada del dialogo e della collaborazione, con l’unico scopo di creare una prospettiva differente alla nostra città.

Amantea ha bisogno di nuove facce e non di pseudo riciclati della politica del passato, che con la loro incompetenza hanno distrutto il nostro comune.

Smettiamola di prendere in giro i cittadini di Amantea, mica siamo uomini che portiamo ancora l'anello al naso!!

Ad ogni modo, a breve Vi darò conto, di quanto ci siamo detti e di tutti gli impegni e la disponibilità che la commissione ha assunto verso la città”.

Pubblicato in Politica

lazzaroli
Vincenzo Lazzaroli ci invia una nota che prontamente pubblichiamo:

 

Procediamo per ordine.

  1. Dopo aver indetto gara a procedura aperta, in data 21/09/2020 con determina N. 597 si è provveduto ad affidare il servizio di refezione scolastica per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado del comune di Amantea, per gli anni scolastici 2020/2021, 2021/2022, 2022/2023 a favore della ditta “CSF Costruzioni e Servizi SRL di Milano, la quale ha ottenuto il miglior punteggio, determinando un singolo pasto al costo complessivo di 3,18 Euro.
  2. Dopo aver indetto gara a procedura aperta, sempre in data 21/09/2020 con determina N. 590 si è provveduto ad affidare il servizio di trasporto scolastico per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado del comune di Amantea, per gli anni scolastici 2020/2021, 2021/2022, 2022/2023 a favore della ditta F.lli Domanico SNC di Santo Stefano di Rogliano.
  3. Essendo completate tutte le fasi progettuali, in data 21/09/2020 è stata indetta la gara d’appalto per l’affidamento dei lavori di adeguamento sismico e funzionale della scuola media  “ G. Mameli”. Il progetto è già risultato beneficiario dei finanziamenti assegnai con DM (MIUR) 1007/2017 per un contributo complessivo di Euro 5.914.731, 57.

I lavori consisteranno nella demolizione e successiva ricostruzione dell’edificio scolastico, con la realizzazione dei relativi impianti e la sistemazione degli spazi esterni. Per la palestra e l’auditorium, non è prevista demolizione e la successiva ricostruzione, tali corpi saranno oggetto solo ad adeguamento simico.

La gara scadrà lunedì 12/10/2020 e verosimilmente l’affidamento all’aggiudicatario verrà ratificato entro la fine di ottobre 2020.

In questi mesi, in tutti i miei incontri con i tecnici comunali e con la commissione, ho sempre fatto presente che la questione della scuola Mameli andava trattata con la massima priorità, per questo motivo, nonostante qualche scettico, sono stato sempre fiducioso dell’operato delle istituzioni preposte.

La ricostruzione della scuola Mameli è oramai cosa di pochi mesi; mi auguro vivamente che Amantea avrà prima possibile, una nuova scuola più sicura e all’avanguardia per il bene dei nostri figli.

Per il regolare funzionamento dell’anno scolastico, per la prima volta nella storia di Amantea, quest’anno i servizi di mensa e di trasporto scolastico potranno partire senza ritardi, non solo per l’anno in corso, ma per i prossimi tre anni, davvero un grande risultato!!

Questa è certamente la risposta più appropriata a chi, negli ultimi mesi, non ha fatto altro che mettere in dubbio l’operato della commissione e del responsabile del procedimento. Si è volutamente creata tanta confusine, dando in pasto ai social informazioni distorte, con l’unico scopo di fomentare nella nostra comunità inutili allarmismi!!

Ritengo questo primo passo di fondamentale importanza per la nostra città, e di questo bisogna darne atto al responsabile del procedimento Ing. Stellato, e al supporto al RUP, per quanto fatto in tutti questi mesi.

Abbiamo ancora tanto lavoro da portare avanti, a piccoli passi si stanno realizzando grandi cose, ora attendiamo per le prossime settimane il bando per la gara d’appalto per i lavori al porto di AMANTEA e lo sblocco con la provincia del palazzetto dello sport.

I cittadini di Amantea possono stare tranquilli, personalmente continuerò a seguire con la determinazione di sempre, tutto ciò che bisogna concretizzare per il futuro del nostro paese, andiamo avanti così!!

    Vincenzo Lazzaroli

Pubblicato in Politica

FOTO 7 PIAZZA FALCONE DOPOPer come preannunciato, le attività di manutenzione che ho avanzato nei giorni scorsi, stanno andando avanti.

Visto lo stato di precarietà dei luoghi, stamani i lavoratori in mobilità, hanno ripulito buona parte di via Macello in zona centro storico, su cui andava eseguito con urgenza il taglio erba.

Inoltre, sempre stamattina è stata fatta una prima attività di manutenzione, che terminerà ad inizio settimana prossima, nella piazza Falcone e Borsellino, di via Dogana.

A piazza Falcone e Borsellino, siamo tutti particolarmente legati proprio perché rappresenta simbolicamente il luogo della lotta alla mafia, e per tale ragione abbiamo l’obbligo morale di preservare la memoria per non dimenticare e per sensibilizzare i giovani a capire che i nostri modelli vanno scelti tra coloro che si sono battuti per preservare con impegno il bene comune, sostenendo i valori dello Stato a costo della propria vita.

A seguire verranno effettuati, per come concordato, i seguenti interventi di interesse generale:

Pulizia e taglio erba su Via Nazionale, fino all’inizio del centro storico.

Pulizia nella Piazza Unità d’Italia (ex piazza mercato vecchio).

Attività di manutenzione su Via Achille Mazza (in prossimità’ delle scuole Elementari)

Andiamo avanti con la determinazione e la consapevolezza che con la concretezza si può fare tanto, partendo anche dalle piccole cose.

La città non vuole più sentire parlare del passato, i cittadini la storia la conoscono già, piuttosto vogliono sapere e vedere cosa bisogna fare in concreto, e nei minimi dettagli, per ricostruire Amantea.

Non un elenco di tante banalità, tipo «miglioreremo il servizio idrico, gli uffici comunali funzioneranno meglio, faremo la casa della salute, miglioreremo la raccolta dei rifiuti ecc», i cittadini vogliono sapere, in concreto, come fare per risolvere tutte queste problematiche!!

Sono sempre più convinto che il futuro di Amantea può solo passare dalla concretezza delle azioni; diffidate da chi oggi sui Social fa solo filosofia propagandistica, spacciandosi per salvatore della patria!!

Nei prossimi giorni, come mia abitudine, renderò evidenza degli altri interventi che ho posto all'attenzione, per tutto il territorio comunale.

Ringrazio nuovamente i lavoratori in mobilità e il coordinatore Aurelio Staccuneddu per ciò che si sta facendo per il territorio comunale.

Abbiamo ancora tanto da lavorare, certo non ci fermiamo, andiamo avanti così!!

NOI per AMANTEA.

                                                                                                                         Vincenzo Lazzaroli

Pubblicato in Politica

monumento lungomareIn questi giorni, dopo una serie di interlocuzioni con la commissione straordinaria e con il responsabile dell’ufficio tecnico, siamo riusciti a risolvere alcune pendenze, che gravavano sulla nostra Città; ecco le buone notizie.

1-     Ripristino dei semafori di via Garibaldi e di Campora San Giovanni; nei giorni scorsi, con il responsabile tecnico del comune di Amantea, Ing Stellato, siamo riusciti a programmare un intervento con la ditta incaricata, per rimettere tutto in funzione. Oggi ho seguito interamente le fasi del rispristino, fino a quando tutto è stato riportato alla normalità.

Finalmente dalle 15, i due semafori rimasti inattivi per tanto tempo, hanno ripreso a funzionare, e con la riattivazione degli impianti semaforici, la SS 18 sarà certamente più sicura per chi quotidianamente l’attraversa.

2-     Strada alternativa di collegamento per località Camoli; come anticipato nei giorni scorsi, mi sono interessato per sollecitare un intervento di pulizia e di rimozione del terreno di riporto. In questi giorni, i lavoratoti in mobilità, che ringraziamo per quanto in questi giorni stanno facendo sul territorio comunale, hanno ripulito le cunette e rimoso ciò che impediva il regolare passaggio sulla carreggiata.

Ora gli abitanti di Camoli potranno percorrere la strada alternativa con più serenità, rimane solo da attendere l’approvazione del bilancio per effettuare i lavori di messa in sicurezza della strada di collegamento principale.

3-     Lungomare; ho nuovamente ribadito la necessità di mantenete pulito e ordinato il lungomare.

I lavoratori in mobilità quotidianamente stanno operando in tal senso, bisogna solo prestare più attenzione ai dettagli. A tale scopo, ho fatto presente che le lampade dei proiettori che illuminano il monumento ai caduti del mare, non funzionano da molti giorni. Mi è stato assicurato che i ragazzi delle cooperative, provvederanno a stretto giro a sostituire tutte le lampade non funzionati. La riaccensione delle lampade, darà onore e giusta rilevanza ad un angolo del nostro lungomare, che porta con sé un significato importantissimo per la nostra comunità.

È davvero gratificante contribuire con spirito di servizio, alla concretizzazione di quelle piccole cose, che indubbiamente aiutano a migliorare il nostro paese; sono sempre più convinto che se lavorando insieme, Amantea rinascerà.

“NOI PER AMANTEA”

Vincenzo Lazzaroli

Pubblicato in Politica

 vin2424Ho da poco terminato un incontro con il responsabile dell’ufficio Tecnico del comune di Amantea, nella sede provvisoria del Campus Temesa, che ospiterà gli uffici comunali sin quando non verranno completati i lavori di ristrutturazione della sede storica del municipio cittadino.
L’incontro è stato proficuo e certamente molto utile per documentarmi su una serie di questioni che preoccupano in questo periodo i cittadini di Amantea.
Sul blocco del conferimento dei rifiuti presso Calabra Maceri, mi è stato confermato che oggi i cancelli dell’impianto di Stoccaggio di Rende, a seguito del mancato rinnovo del contratto con ATO Cosenza, sono chiusi. Questo significa che se i cancelli dell’impianto di trattamento di Rende resteranno ancora chiusi, avremo dei disaggi nel conferimento della frazione organica e di quella indifferenziata già da questo venerdì.
Ho chiesto al responsabile dell’ufficio competente, di ufficializzare alla cittadinanza in tempi brevissimi con apposita ordinanza sul sito istituzionale del comune, il blocco della raccolta sul territorio di Amantea fino a nuova comunicazione.
Altro tema caldo su cui mi sono soffermato è sull’utilizzo del personale impegnato per la manutenzione nel territorio comunale. A breve dovrebbero essere impegnate nuove forze lavoro attraverso l’ausilio dei lavoratori socialmente utili, che verranno affiancati alle cooperative già in forte affanno in questo periodo, per una serie di rotture continue sulla rete idrica, oramai obsoleta e inadeguata alle esigenze del territorio.
Sulla rete idrica e su quella fognaria, si è convenuto che dovrà essere una delle priorità su cui bisognerà investire tempo e risorse, per svecchiare e rendere moderno e funzionale il nostro sistema di distribuzione e di smaltimento delle acque.
Ad ogni modo, ho ribadito la necessità applicare una più attenta visione del territorio e di gestire con la massima rapida la presa in carico degli interventi; e su questo sono stato rassicurato.
Sullo spostamento della scuola Elementare di Via Baldacchini, è confermato che stanno partendo i lavori di completamento presso il Campus, per la costruzione delle aule che ospiteranno gli alunni, con tutti gli adeguamenti necessari per rendere la sede scolastica sicura e funzionale.
Per avere consapevolezza di quanto mi è stato anticipato, insieme ai tecnici, mi è stata data la possibilità di vedere come avverrà la dislocazione delle aule presso la struttura polifunzionale.
A fine incontro, ho annunciato che ci aggiorneremo nella prossima settimana per avanzare altre istanze dal territorio.
Amantea ha bisogno di una svolta radicale e NON di un finto cambiamento riproposto in salsa moderna; meditiamo e lavoriamo per una vera nuova stagione politica amministrativa per Amantea.

Pubblicato in Politica

foto comune Lo dicevo già nel 2018, senza esagerazioni e senza voler dare lezioni a nessuno, che l’istituzione dell’imposta di soggiorno era stata erroneamente identificata, come in un libro dei sogni, quale panacea di tutti i mali del turismo ad Amantea.

Il nostro ex Sindaco Pizzino, visionario come pochi, aveva visto nascere, con la suddetta tassa, una speranza di sviluppo e di crescita per la città….

Si, una speranza, cari concittadini di Amantea, che è rimasta tale, così come avevamo, ahinoi, ampiamente previsto!!

Anzi, visti i risultati di cui a breve darò i dettagli, si potrebbe anche affermare che la tassa ha creato più problemi che vantaggi alla nostra economia.

Nessuno, infatti, sa esattamente di che somme l’Amministrazione Comunale ha potuto usufruire da quel lontano 9 agosto di due anni fa.

Per questo motivo, sarebbe opportuno quantificare i veri ricavati da tale imposta!!

E, correggetemi se sbaglio, non c’è nessuno in grado di verificare e di comunicare pubblicamente come sono stati spesi questi soldi!!

L’unica cosa che sembrerebbe essere stata fatta con una parte di quei soldi, finanziare lo scorso anno qualche manifestazione di piazza.

Certamente poca cosa rispetto alle immaginate iniziative di rilancio del nostro turismo.

A questo punto, come già richiesto dagli albergatori di Amantea, mi rivolgo ai nostri Commissari e mi associo all’idea di una richiesta di sospensione di questa tassa per l’anno in corso, come “incentivo” per attrarre ulteriori turisti dopo l’emergenza legata alla pandemia.

Lo stato attuale in cui versa Amantea, in tutta onestà, non sarebbe compatibile con l’esazione di questa imposta nei confronti dei nostri turisti. Nessuno di quelli che è stato già ad Amantea nelle due estati passate, in effetti, riuscirebbe ad identificare dei reali miglioramenti dell’offerta turistica e dei servizi rispetto al 2018.  Non ci sono nuovi e più adeguati spazi verdi ed attrezzati, non ci sono e non si vedono arrivare iniziative per la promozione e la fruizione dei nostri ambienti storici, delle nostre strade, delle nostre piazze del centro. Nessuno ha visto investimenti sulle nuove tecnologia per creare delle esperienze di visita e di viaggio di natura moderna ed empatica, rivolte a tutti e soprattutto ai giovani. Non c’è stato un miglioramento della situazione per quanto attiene all’accoglienza di turisti con difficoltà motorie o, in generale, diversamente abili.

I soldi della tassa che, ribadisco, non sappiamo nemmeno quanti sono, dovevano essere usati per migliorare ed integrare l’offerta turistica di Amantea. Non si sono visti, non si è visto nulla. Si è solo sognato e si è stati, tra le altre cose, poco trasparenti nei confronti della cittadinanza e dei nostri amati turisti, che avevano in qualche modo partecipato con il loro contributo a questo sogno collettivo.

Ecco perché necessità un’operazione di “trasparenza” e soprattutto di “correttezza”.

Intanto la tassa va sospesa per l’anno 2020, per dare un segnale ai nostri operatoti ed ai nostri turisti; vanno verificati gli incassi degli anni precedenti e le spese sostenute.

La commissione straordinaria ha sempre dimostrato grande sensibilità, per questo suggerisco di utilizzare al più presto le risorse rimanenti, per mettere a punto delle azioni mirate e di settore, necessarie per il nostro territorio.

Amantea sa e deve rispettare la sua vocazione turistica e non può lasciarsi scappare l’occasione di prepararsi ad accogliere al meglio i viaggiatori ed i turisti in genere, che avranno voglia di trascorrere le loro vacanze nella nostra città!!

Vincenzo Lazzaroli

Pubblicato in Politica

Piazza FalconeIn tempo di Coronavirus non si può fermare la forza della memoria; ricorre oggi il 28° anniversario della Strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta uccisi appunto nell'attentato mafioso di quel 23 maggio 1992, una terribile pagina della nostra storia recente e a cui seguì il successivo 19 luglio quella di Via d’Amelio, in cui perse la vita il giudice Paolo Borsellino, una sequenza terribile che ha avvolto la parte bella, perché onesta, dell’Italia in una nube di sconforto, due date che il popolo italiano non deve dimenticare.

Oggi alle 17.58, ora della strage di Capaci, la delegazione di Centro Destra di Amantea composta da Vincenzo Lazzaroli, Fabio Garritano, Pino Veltri e Giuseppe Curcio, si è recata nella piazza Falcone-Borsellino, per osservare un minuto di silenzio e per deporre un fascio di fiori in memoria di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani.

Insieme poi, abbiamo steso un lenzuolo bianco sulla lapide per onorare il loro ricordo ed il loro impegno. Un lenzuolo bianco a rappresentare una nuova pagina, da scrivere insieme ai nostri ragazzi per educarli alla bellezza della libertà da tutte le mafie.

Solo pochi giorni fa, grazie alla tenacia di Vincenzo Lazzaroli che si è interessato per far ripulire la piazza infestata dall’erbacce, siamo riusciti a ridare giusta rilevanza ad un luogo simbolo della Città, per troppo tempo, purtroppo dimenticato.

Sulla lotta alla mafia, non bisogna abbassare la guardia perché rappresenta ancora una minaccia reale, e la memoria seve come valore per non dimenticare.

Il sacrificio di questi valorosi uomini dello Stato, non deve essere vano, è la legalità che deve regnare in uno Stato di diritto, e per l’affermazione della legalità siamo chiamati tutti ad un impegno corale poiché, riportando le parole del giudice Borsellino, “La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.”

Solo l’onestà fa sentire e godere del profumo della dignità e questa appartiene solo agli uomini liberi e lontani dalle aggregazioni criminali.

                                                                                                                                                     Vincenzo Lazzaroli

                                                                                                                                                           Fabio Garritano

                                                                                                                                                                Pino Veltri

                                                                                                                                                       Giuseppe Curcio.

Pubblicato in Politica

piazza falconeA seguito dell’incontro di ieri in comune, Vincenzo Lazzaroli esprime soddisfazione perché una prima richiesta è stata accolta.

 Lazzaroli scrive sul suo profilo Facebook: L’impegno è stato mantenuto, stamattina gli addetti alla manutenzione del comune di Amantea che ringrazio, hanno ridato dignità alla piccola piazza, dedicata agli eroi vittime di mafia, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Un gesto che rederà giusta memoria a Giovanni Falcone, per la ricorrenza del 23 maggio di 28 anni fa, giorno in cui, il magistrato siciliano, la moglie e gli agenti della scorta vennero uccisi dalla mafia a Capaci.

Sulla lotta alla mafia, non bisogna abbassare la guardia perché rappresenta ancora una minaccia reale, e la memoria seve come valore per non dimenticare e per sensibilizzare i giovani a capire che i nostri modelli vanno scelti tra coloro che si sono battuti per preservare con impegno il bene comune e hanno sostenuto i valori dello Stato a costo della propria vita.

Sabato 23 maggio per onorare il sacrificio del magistrato ucciso dalla mafia, porteremo un mazzo di fiori come segno di gratitudine.

Ringrazio ancora il responsabile della manutenzione del comune di Amantea Ing. Stellato per la sensibilità dimostrata per Piazza Falcone e Borsellino e per tutte le altre importanti istanze che gli ho sottoposto, il porto di Amantea, la scuola media Mameli, la pulizia delle strade e tante altre istanze che certamente verranno affrontate nei prossimi giorni, per il bene della nostra Amantea. piazza 2

Pubblicato in Politica

porticciolo camporaIl porto di Amantea rappresenta una struttura strategica per il mercato ittico e turistico, dell’intero comprensorio e di tutta la fascia tirrenica cosentina.

Purtroppo, l’annosa questione dell’insabbiamento che si ripresenta puntuale, ne limita le potenzialità e la fruizione a diportisti e pescatori.

Il problema nei giorni scorsi è stato affrontato con la necessaria tempestività dal responsabile del settore del comune di Amantea, che con la determina N. 259 del 24 Aprile 2020 ha provveduto ad affidare l’intervento per le operazioni di dragaggio per la pulizia del canale di accesso e dell’imboccatura del porto di Amantea, in favore dell’impresa Ne.Co che però ad oggi non ha ancora iniziato i lavori.

Le operazioni di dragaggio dei sedimenti e degli accumuli di sabbia, causati da carenza di corrente e/o da mancanza di accortezze progettuali o amministrative, non sono certamente facili.

Per tali ragioni non si possono ignorare i vincoli derivanti dalla tutela sia dell’ambiente marino.

L’iter burocratico trova, però, delle semplificazioni qualora i sedimenti siano omogenei e si possano temporaneamente depositare. Il D.lgs 152/06 (T.U. Ambiente) all’ art 184 lett. bb definisce, appunto, il deposito temporaneo dei sedimenti prelevati dall'imboccatura, nel luogo in cui gli stessi siano prodotti, in attesa della caratterizzazione.

Questa è la norma che indicammo come soluzione, poi attuata con successo dall’allora Commissione prefettizia insediata presso il Comune di Amantea nel 2017, per avviare le attività di disocclusione dell’ingresso del porto.

Per questa motivo, chiedo alla commissione straordinaria di rivolgere un’attenzione maggiore a questa problematica, che al momento non c’è!!

Il porto di Amantea in queste condizioni, rischia addirittura di non essere operativo per la prossima stagione estiva, se non verranno attuate le urgenti e necessarie azioni di manutenzione della darsena.

Ora più che mai è necessario, per contribuire a rilanciare le ambizioni di sviluppo del nostro comune, l’avvio immediato dei lavori per la pulizia del canale di accesso, e la riapertura a stretto giro dell’importante infrastruttura.

Pertanto non bisogna perdere più tempo, è necessario dare delle risposte ai diportisti e pescatori ormai al limite della sopportazione e dell’esasperazione

Anche sul finanziamento della Regione Calabria, per un investimento di 3,7 milioni di euro per la riqualificazione del Porto di Amantea, ci aspettiamo che, subito dopo la stagione estiva, venga cantierata l’opera così che gli amanteani e soprattutto i pescatori e quanti gravitano attorno alla struttura portuale, possano fruire di un’opera pubblica nata proprio per ridisegnare le prospettive di una terra che ha tante potenzialità ancora inespresse.

                                                                                                                                    Vincenzo Lazzaroli

Pubblicato in Campora San Giovanni
Pagina 1 di 6
BANNER-ALTO2
© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy