BANNER-ALTO2
A+ A A-

Amantea:svolto il 2° Memorial dedicato a Francesco Pagliaro.

Vota questo articolo
(0 Voti)

pagliaro2Martedì scorso si è svolto presso il Campo di Calcetto Andrea Guido ad Amantea il secondo “Memorial Francesco Pagliaro”, un torneo di calcetto a quattro squadre, voluto dagli amici per commemorare il ragazzo di Amantea venuto a mancare nella notte del 21 aprile 2018.

Lo scopo degli amici è di rilevare e diffondere la bellezza del pensiero di Francesco attraverso lo sport che tanto amava. Numeroso è stato il pubblico sugli spalti a ricordare l’amico di sempre e vivere una serata di sport, amore, amicizia e solidarietà in un connubio di valori espressione delle idee del ragazzo.

Si legge in una nota diffusa dal padre, dalla sorella e dagli amici:

“Un pensiero, quello di Francesco, che ha preso vita e, come un’essenza vitale, si espande autonomamente.

La sua autentica libertà da qualsiasi suggestione opportunistica, il rifiuto dalla dipendenza dei beni materiali che lui riconosceva come superflui, non a parole ma con lo stile di vita che amava condurre, privo di effimeri piaceri, sono sintomi di un’umanità spiazzante, che suona poco in voga. Ma è illuminante, come lo è il suo senso di rispetto della persona e della natura.

La sua visione che tutto è collegato, che l’uomo è un’entità connessa agli altri uomini, alla natura, all’universo, ci insegna che ogni cosa genera qualcos’altro.

Era solito ripetere che siamo una costellazione di pensieri messi in relazione a formare l’umanità. Se riusciamo a migliorare la nostra morale, se siamo capaci di mantenere una coerenza nell’agire con altruismo, se eleviamo lo spirito etico in ciò che sappiamo fare col nostro lavoro, senza nessun clamore né gesti eclatanti, ma con semplici e piccole azioni quotidiane, allora possiamo contrastare il morbo della competizione. Possiamo, con l’esempio, contraddire quell’affermarsi ad ogni costo che inasprisce la mente e saremo in grado di costruire una speranza di solidarietà e amicizia.

Sono riflessioni che presuppongono un certo coraggio e una buona vitalità. E soprattutto sono pensieri che esulano dall’ego, da quell’egocentrismo che Francesco replicava continuamente come generatore di ostacoli sociali.

Francesco rifiutava il principio che una condizione sociale, un tipo di lavoro o professione potesse renderci più importante degli altri. Per lui non esistono scale sociali, non c’è un lavoro più elevato di un altro, non ha senso il concetto di competizione. Ogni mestiere dà dignità all’uomo e solo un sano confronto fra le persone, soprattutto di diverse provenienze, può creare un’armonia condivisa.

Diceva spesso: l’amicizia è una cosa bella.

Se siamo capaci di avere quell’umiltà giusta per connetterci agli altri e scambiarci attenzioni e rispetto, se sappiamo leggere e apprezzare il dolore degli altri, soprattutto di quelli più in difficoltà, allora saremo in grado d’imparare e crescere.

La sua propensione al sociale lo rendeva ansioso di partecipare in qualche modo, anche con piccoli gesti ordinari, a dare una forma più solidale del futuro.

Tutto ciò che è istituzione, lo infastidiva. Non si lasciava coinvolgere dall’enfasi comune, dai dettami che la contemporaneità impone o dalle false illusioni che una posizione sociale garantisce. Rifiutava in pieno una formazione istituzionalizzata per essere esploratore e fautore del proprio destino. Solo in mezzo alla gente pensava che si potesse apprendere ed essere precursore d’ispirazioni importanti che una formazione convenzionale non può darti.  

Il suo coraggio infinito consisteva nella capacità di mantenere un grande entusiasmo e un assoluto rispetto verso l’uomo e la splendida natura che ci circonda.  

La sua meraviglia nei confronti della natura era tale che in essa ritrovava quell’alito creativo capace di dare valore all’esistenza. Uno stupore che ci riconnette all’universo e ci rende coscienti che nell’interagire con essa noi troviamo la bellezza e la serenità.

Tutto questo è in parte la forma di pensiero che Francesco ci suggerisce giorno per giorno. Un’espressione potente che influenza il nostro percorso. Non è una lezione morta, conclusa, ma la percepiamo viva e aperta all’espansione. La sua giovane vita non si è conclusa in una notte di primavera ma, ogni momento, è un’opportunità di sviluppo delle sue idee.

La sua presenza costante ci indica che non esistono limiti, che ogni circostanza, condizione o stato di cose rappresentano grandi possibilità. C’insegna che impegnare le proprie energie nell’ampliare empatie, nel realizzare nuovi comportamenti che comprendono gli altri, ravviva la propria umanità anche nella realizzazione del proprio lavoro.”

Un messaggio positivo che insieme i ragazzi vogliono condividere, per il sorriso e l’amore che Francesco sapeva protendere in modo assolutamente disinteressato.

Durante la serata è stata fatta una raccolta fondi che sarà devoluta in beneficenza.

pagliaro1

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove è consentito

BANNER-ALTO2

Follow us on Facebook!

Evidenzia HTML

I Racconti

Meteo - Amantea

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy