BANNER-ALTO2
A+ A A-

Cristina Guido Rizzo

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’era digitale ha fatto sì che l’uso delle proiezioni delle immagini su schermo potessero essere effettuati non solo esclusivamente sulle sale cinematografiche o in riunioni aziendali ma anche diffuse per la proiezioni in locali notturni, mostre ed eventi particolari.

proiettore-telo

Gli amanti del cinema possono ricreare gli stessi effetti all’interno del proprio salotto, numerosi sono gli appassionati che cercano di “costruire” delle vere e proprie sale cinematografiche fai da te nel proprio ambiente domestico. Il videoproiettore riesce a proiettare le immagini su qualsiasi tipologia di superficie con le dimensioni adatte, per usufruire di tutte le potenzialità però è necessario acquistare anche uno schermo per proiettore, che dovrà essere necessariamente adeguato al videoproiettore acquistato.

 

Ogni schermo per videoproiettore deve essere in grado di riflettere la luce che emette il proiettore e il suo formato dovrà essere adeguato alla grandezza dell’immagine proiettata dal dispositivo utilizzato ma soprattutto in base alla distanza scelta per visionare le immagini. Il telo utilizzato per la proiezione delle immagini altro non è che un pannello avvolgibile sottile, realizzato in PVC plastificato o con ulteriori materiali decisamente di alta qualità come il tessuto in fibra di vetro che viene riavvolto subito dopo l’utilizzo in modo meccanico o automatizzato. In tal modo è possibile per chi utilizza tale tipologia di schermo da proiezione di installare tale dispositivo a scomparsa su qualsiasi ambiente, addirittura sopra ad una televisione a parete. Per gli appassionati di videoproiezione è possibile ricreare l’ambiente ideale costruendo uno schermo per videoproiettore, ma sarà necessario considerare il corretto dimensionamento dell’area sulla quale si vogliono proiettare delle immagini, soprattutto in base alla tipologia di uso che se ne vuole fare, ovvero se ludico o professionale.

 

Ma come creare uno schermo per videoproiettore?

Una delle prime considerazioni che posso guidarci nella scelta della tipologia di schermo da proiezione è la distanza che si dovrà tenere tra lo spettatore e le immagini proiettate, oltre che la tipologia di applicazione da utilizzare, se presentazioni da computer o proiezioni grafiche, nonché il formato.

Dopo aver scelto il formato si dovrà effettuare il calcolo dell’altezza dello schermo, dato che potrà essere ottenuto dividendo la distanza tra lo schermo e lo spettatore per 6 per le presentazioni da pc, e 4 per le proiezioni grafiche. Mentre la larghezza si ottiene moltiplicando il valore ottenuto per il rapporto/formato. Seguendo tali accorgimenti sarà possibile creare il proprio telo per proiettore ideale per visionare tutte le immagini proiettate sia dal computer che dalle presentazioni grafiche. 

 

visoI trattamenti all’acido glicolico sono diventati estremamente popolari negli ultimi anni, non solo perché efficaci, ma anche perché facili da utilizzare e perché adatti ad ogni tipo di pelle e a risolvere tantissimi problemi anche spesso non correlati tra loro.

 

Data la popolarità e l’ubiquità del ritrovato, è più che lecito chiedersi come funzioni in realtà l’acido glicolico, se ci siano dei motivi di preoccupazione nel suo uso continuo e se i risultati che si possono ottenere sono davvero di lungo corso.

 

Come funziona l’acido glicolico? Perché si usa?

L’acido glicolico è un ritrovato che viene utilizzato per moltissimi problemi cutanei, sfruttando quella che è la sua capacità di penetrare in profondità senza però danneggiare la pelle e attaccando soltanto il suo strato più superficiale.

 

Per questo motivo l’acido glicolico, il beta-idrossiacido per eccellenza, viene utilizzato per le procedure esfolianti: viene applicato per il suo effetto peeling in quanto è capace di rimuovere le cellule epiteliali morte e garantire quello che è un rinnovamento della pelle assolutamente naturale.

 

Per cosa si usa?

Si usa per combattere diversi problemi della pelle, su tutti:

  • l’acne, in quanto è in grado di rimuovere i tappi cheratinici che sono in genere la causa principale della comparsa dei brufoli
  • le rughe: perché stimolando la rigenerazione naturale della pelle riescono nei fatti a ridurre le rughe di espressione e di vecchiaia
  • le macchie cutanee: lavorando in fondo, riesce ad eliminare gli accumuli di melanina.

 

Ci sono controindicazioni?

Sì, qualche controindicazione c’è, anche se è molto facile da evitare. La più importante è sicuramente quella che riguarda l’aumento di fotosensibilità: la pelle che è stata trattata di recente con l’acido glicolico infatti è più sensibile ai raggi solari, motivo per il quale in genere i trattamenti a base di questo acido vengono riservati all’inverno.

 

Fatta salva l’aumentata fotosensibilità, non sembra ci siano controindicazioni di sorta per questo prodotto, che è nel momento in cui vi scriviamo un dei più apprezzati dalla cosmetica proprio in quanto efficace, sicuro e anallergico.

 

L’acido glicolico è un prodotto straordinario: non sorprendetevi di trovarlo in ogni prodotto esfoliante di qualità. 

Addio Fortunato: Il volto Pasoliniano di Amantea

Sabato, 30 Gennaio 2016 15:17 Pubblicato in Primo Piano

Questo il ricordo che Fortunato Pagliaro ha lasciato in Salvatore De Siena, cantante dell’impegnato gruppo calabrese “Il Parto delle Nuvole Pesanti”.

Fortunato1


“Fortunato ci apparve come un fulmine a ciel sereno, in quella calda estate del 2012 quando ci recammo per la prima volta ad Amantea in provincia di Cosenza per fare un concerto voluto fortemente da Arturo Suriano e dagli altri amici dell’associazione Amici di Ste’.

Fotunato Crotone-IlPdNPFu una folgorazione. Pescatore ormai senza barca, con un fisico da atleta anche senza gioventù, Fortunato era un uomo che, malgrado i suoi anni, emanava una luce capace di dare energia all’intera Calabria più di tutte le pale eoliche installate nel territorio dei Bruzi. Il suo viso allegro era sempre alla ricerca di occhi da guardare, di vita da vivere.

Il volto pasoliniano parlava della gente semplice ed umile, ma anche intelligente e vispa, più di mille volumi di antropologia. S’innamorò di noi e noi di lui. Ad Amantea tutti lo amavano.

Era l’eroe forte e fragile, l’uomo della gioia contagiosa e dei tormenti interiori, dove alligna il virus della solitudine vissuta sempre in un dignitoso silenzio, a dispetto dell’euforica gazzarra che riusciva a creare quando stava in compagnia. Ricordo il momento che apparve sul palco vestito con la divisa borbonica. Cantammo una sua canzone, perché a modo suo era anche poeta e cantore popolare. Fu la sua calamita che qualche settimana dopo ci riportò ad Amantea per girare il videoclip del brano “Crotone”. Fu lui che trasformò quella giornata in una festa infinita. Con lui bevemmo davanti ad una croce come in un film di Pasolini, insieme, tutti figli dello stesso umanesimo, che cerca e scruta la fratellanza in ogni essere umano, nessuno escluso. Cantammo e suonammo, mangiammo e bevemmo, fino a quando la stanchezza non ci piegò. Riposa in pace fratello e amico di tutti. Quando tornerai faremo ancora festa”.

 

Pubblichiamo di seguito due video.

Il Video Clip della canzone “Crotone” de "Il Parto delle Nuvoel Pesanti" in cui compare in diverse scene Fortunato Pagliaro.

 

 

E il video intervista di Giulia Vita nell’ambito del progetto “La mia amantea”

 

 

“Un segno indelebile, quello di un’anima semplice e antica, presa dall’ardore della vita e per la vita in un modo talmente intenso che oggi abbiamo dimenticato. La sua passione per il mare era quella che si ha per le cose più grandi di noi stessi, per le cose che amiamo ma che non possiamo contenere. E lui era così, incontenibile nell’espressione di sé: un’energia così piena che trasmetteva a chiunque incontrava, che esprimeva con le mani di un’artista naif e un cuore da bambino gioioso nella scultura, nella pittura e nella musica. Amantea ti porterà nella sua storia.
Ciao Fortunato,
Lo Staff di TirrenoNews.it”

BANNER-ALTO2
Evidenzia HTML

I Racconti

© 2010 - 2021 TirrenoNews.Info | Liberatoria: Questo sito è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni di carattere generale. Conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L'Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione. Gli articoli sono pubblicati sotto “Licenza Creative Commons”: dunque, è possibile riprodurli, distribuirli, rappresentarli o recitarli in pubblico ma a condizione che non venga alterato in alcun modo il loro contenuto, che venga sempre citata la fonte (ossia l’Autore). Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del sito che provvederà prontamente alla loro pronta. Qualunque elemento testuale, video, immagini ed altro ritenuto offensivo o coperto da diritti d'autore e copyright possono essere sollecitati inviando una e-mail all'indirizzo staff@trn-news.it. Entro 48 ore dalla ricezione della notifica, come prescritto dalla legge, lo staff di questo Blog provvederà a rimuovere il materiale in questione o rettificarne i contenuti ove esplicitamente espresso, il tutto in maniera assolutamente gratuita.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Informazioni sulla Privacy